Amarcord...

Italian Knight c. 1450
Italian Knight c. 1450
Andrea Negri

  Quick Articles...

Johnnie Johnson
Johnnie Johnson
Pietro Ballarini

  Novità Modellistiche

FIAT 6605 Heavy Truck
FIAT 6605 Heavy Truck

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

Cerca nel sito...
Ultimi articoli pubblicati...

Spitfire Mk VB - Valter Vaudagna

Montato da scatola, l'unica aggiunta è stato il pezzo riproducente il filtro wokes, proveniente da un vecchio kit Airfix dello Spitfire Mk VB.

Il modello riproduce uno Spitfire Mk VB trop del 5th FS 52nd FG 12th AF USAAF di base in Corsica nel 1943.

MiG-29 Fulcrum C - Matteo Zarantonello

Nell’era dei Jet con toni a bassa visibilità, ho voluto rappresentare questo Mig del 115° Reggimento aereo da caccia tattico della Guardia con un’insolita mimetica a 4 toni.
Era di base in Uzbekistan durante il conflitto Russo-Afgano nel 1989.

“Una sigaretta prima di...” - G. Bianchi

Il modello Italeri in scala 1/9 della Triumph sinceramente non mi ha entusiasmato per la qualità delle stampate e per i difetti di allineamento, l'uso di stucco è necessario e abbondante.
In rete ho reperito su un sito di vendite online il figurino in resina.

F105 D "Thunderchief" - Enrico Bianchi

Protagonista  della guerra in Vietnam questo splendido aereo dalle linee filanti e dall’aspetto possente è, nella versione D monoposto, dignitosamente presentato dalla Hobby Boss.
Nel montaggio a secco il modello va su senza grossi problemi.

F-16A "Fighting Falcon" - Max De Luca

Il kit Revell non è proprio il massimo della finezza, presenta molte bave di stampaggio dovute all’età dello stampo e incastri non perfetti specie la zona dello scarico, per alcuni versi però (pozzetti, cockpit e dettagli superficiali) è superiore allo stampo 1/72 Hasegawa

Grumman F-14 Tomcat - Ezio Bottasini

Questo kit, nella migliore tradizione Tamiya, oltre che essere piuttosto costoso… è sicuramente di ottima fattura e dettaglio, si monta piuttosto “facilmente”, senza uso eccessivo di stucco; dei tre profili proposti dalla scatola, difficilmente la scelta non poteva che cadere sull’aereo del CAG del VF 84 “Jolly Roger”.

C.R.D.A. Cant Z 504 - Enrico Calanchini

Il kit posseduto ormai da tempo (2008) è quello della Choroszy Modelbud in scala 1/72, ditta polacca che si distingue per realizzare in resina modelli di aerei e non solo, poco conosciuti e trascurati dai produttori, tra i quali numerosi soggetti italiani degli anni '20 e '30 del '900.

Messerschmitt BF-110 - Valter Vaudagna

Per realizzare il modello sono partito dal vecchio kit Fujimi in scala 1/48, al quale ho modificato e corretto l'abitacolo, i vani del carrello, le gambe del carrello e alcune pannellature sulle ali.
È un modello che si monta bene e che praticamente non ha bisogno di stuccature importanti o grosse modifiche o correzioni.

F-16CJ Fighter Falcon - Marco Giuli

Questo F-16 è rappresentato in rullaggio, così come appariva il 18-7-2011 durante la manifestazione o parata aerea RIAT (Royal International Air Tattoo) a Fairford.
Il kit è della Tamiya in scala 1:72 ed è stato costruito da scatola.

BLACK LIVES MATTER - Pietro Ballarini

BLM è un movimento attivista internazionale, originato all'interno della comunità afroamericana, impegnato nella lotta contro il razzismo, per protestare contro la disuguaglianza razziale nel sistema giuridico degli Stati Uniti.

Me BF 109G-10 - Angelo Battistelli

Il Messerschmitt BF 109G-10/U4/R3 è stato realizzato dal Kit Hasegawa in scala 1/48.
Il modello è stato arricchito con fotoincisioni Eduard per le cinture di sicurezza e decals TauroModels, i numeri 1-12 provengono da varie decals, colorazione in RLM 82, 81 e 76 Gunze Sangyo Acrilic Colours e macchie a pennello sul timone direzionale.

SM 79 "Sparviero" - Massimo De Luca

Per tantissimo tempo l’unico kit esistente in 1/72 del Gobbo è stato il vecchio Airfix, kit con più di 50 anni sulle spalle, davvero basico come dettagli.
Le cose sono migliorate con l’uscita del kit Italeri, attesissimo all’epoca.

Reggiane Re 2005 - Ezio Bottasini

Il kit short run della Sword a mio parere è un  kit onesto per il suo genere discretamente dettagliato e con pannellature finemente incise in negativo.
Ho dettagliato gli interni con qualche cablaggio e con le cinture di sicurezza per aerei italiani della Eduard.

Harrier II - Emanuele Iemma

Per la realizzazione di questo modello la scelta è andata per il kit Hasegawa in scala 1/72, ritenendolo per scontato migliore rispetto ad altri kit, ho usato il condizionale in quanto giustamente non è possibile comprare tutti i kit per andare a verificare l’esattezza della decisione.

Pontone armato - Dino Dall'Asta

Il modellino è della modenese WIP3D, il cui kit interamente in resina è costituito da un cannone 76/30 antiaereo con relative munizioni, dalla base divisa in due parti uguali, una piattaforma centrale su cui va posizionato il cannone, i parapetti perimetrali con i relativi supporti, travi di rinforzo e bitte per l’ormeggio/traino.

Fattoria anni 40 - Sergio Colombo

E' una giornata in fattoria negli anni '40 con le famiglie contadine indaffarate nei lavori quotidiani che nella loro semplicità credo riportino ad un mondo dove le persone erano unite, la vita era più dura ma forse era più gratificante di oggi, peccato che ormai quel mondo sta sparendo.

Short Sunderland (II) - Valter Vaudagna

Tutto l'interno del modello ha ricevuto una base di interior grey green Humbrol 78 matt. Sulla base, dopo aver schiarito leggermente il colore, ho desaturato tutti gli spazi tra le centine dando un effetto di chiaroscuro che sostituisce il lavaggio ad olio o con altri prodotti di wathering.

A-10 Thunderboldt II - Ezio Bottasini

Il kit della Hobby Boss è in modello “onesto” con una discreta complessità di montaggio, dovuta sia alla presenza del cannone da alloggiare all’interno, sia al fatto dei vari sottoinsiemi da montare: fusoliera e ali, blocco motori e blocco derive.

Auto all'asta - Pietro Ballarini

Nel 2020 sono incappato nella notizia di una Lancia Stratos stradale del 1975, appena restaurata e messa all'asta dalla prestigiosa RM Sotheby's per una cifra di oltre mezzo milione di dollari.
Con tali premesse ho voluto dedicare un diorama all'evento.

F-16 - Emanuele Iemma

Come base di partenza ho scelto il kit Tamiya per la sua ricchezza e finezza di dettagli che mi hanno aiutato non poco alla realizzazione di questo progetto che è stato parecchio complicato ed impegnativo per via dei numerosissimi dettagli e particolari che ho dovuto realizzare

Fiat CR 42 Falco - Angelo Battistelli

Il kit di partenza è l'ormai noto A7E Hasegawa, la costruzione segue la prassi standard quindi ho completato tutti gli elementi necessari per poter chiudere la fusoliera in primis il cockpit.
L'ottima qualità del kit aiuta a giungere velocemente alle fasi cruciali della colorazione.

Harley Davidson - Roberto Colaianni

Questa volta ho dovuto costruire qualcosa di insolito per me: un vecchissimo snap kit Revell 1/8 di una Harley Davidson.
Il kit è molto semplice, pochi pezzi tenuti insieme da robusti perni, che non necessitano nemmeno di colla o stuccature, una vera goduria per un aeroplanaro incallito come me.

Corsair A7 HAF - Enrico Bianchi

Il kit di partenza è l'ormai noto A7E Hasegawa, la costruzione segue la prassi standard quindi ho completato tutti gli elementi necessari per poter chiudere la fusoliera in primis il cockpit.
L'ottima qualità del kit aiuta a giungere velocemente alle fasi cruciali della colorazione.

Yokosuka MXY-7 OHKA - Dino Dall'Asta

L'Ohka (Fiore di ciliegio) era un piccolo aereo monoposto, appositamente progettato come kamikaze (Vento Divino) e impiegato dal Giappone nelle ultime fasi della 2° GM.
I kits sono di due marche diverse: la giapponese Fine Models e la ceca Brengun.

IVECO LMV Lince - Ezio Bottasini

Il kit Italeri, è abbastanza dettagliato e di facile montaggio, l’abitacolo è piuttosto completo e non mi pare necessiti di aggiunte, anche perché viene fornito un set di cinture di sicurezza per tutti i cinque posti, nonché sufficienti dettagli interni compreso un piccolo estintore portatile, barre di rinforzo e rol-bar interni.

FW-190 A6 - Roberto Colaianni

Il kit Italeri, è abbastanza dettagliato e di facile montaggio, l’abitacolo è piuttosto completo e non mi pare necessiti di aggiunte, anche perché viene fornito un set di cinture di sicurezza per tutti i cinque posti, nonché sufficienti dettagli interni compreso un piccolo estintore portatile, barre di rinforzo e rol-bar interni.

Caproni Ca. 111 C - Enrico Calanchini

Il modello in scala 1/72 della polacca Broplan stampato in vacuform, ha richiesto oltre alle differenti modalità di assemblaggio, altri interventi aggiungendo vari dettagli come l'armamento di caduta, altri mancanti e corregendone altri dimensionali.

La casa degli avi - Pietro Ballarini

Già da tempo mio padre mi chiedeva di riprodurre la corte di famiglia dove ha trascorso la giovinezza negli anni ’50. All’epoca i miei avevano un negozio di alimentari e distribuzione gas in bombole. Sfruttando le foto d’epoca di famiglia e i suoi ricordi ho imbastito un disegno 3D.

Da qualche parte... - Giampaolo Bianchi

Ho immaginato il bombardamento di una colonna di carri tedeschi durante il periodo temporale del D-Day.

La mia idea è stata quella di rappresentare un Hawker Typhoon che in picchiata spara i suoi razzi sui tank tedeschi.

IAI Kfir C7 - Roberto "Target" Colaianni

Il kit è molto buono, forse le linee di pannello sono troppo marcate, ma una ripassata con incisore sottile MRP, e abbondante carteggiata, hanno migliorato le cose. Il modello è relativamente semplice, per cui l’assemblaggio fila via abbastanza liscio, con incastri buoni e uso limitatissimo di stucco.

Cannone Ansaldo 149G - Dino Dall'Asta

“Ippopotamo” è il soprannome che i nostri alpini hanno dato a questo cannone a canna corta, il cui numero 149 indica il calibro in mm, mentre la lettera G indica il materiale con cui era costruito, cioè la ghisa.
Il modellino è della modenese WIP3D, il cui kit è costituito da parti in resina già pronte per essere assemblate.

Bell AH-1W Super Cobra - Ezio Bottasini

Questa versione di AH-1 ha partecipato alle operazioni belliche durante la Guerra del Golfo del 1991 distinguendosi nelle avverse condizioni ambientali del deserto.

Il kit Italeri, risente un po’ della data di fabbricazione, in quanto le pannellature in positivo vanno reincise, lasciando però le rivettature in positivo.

La battaglia di Marchfeld - Johnny Gravina

Il 26 agosto 1278 venne combattuta la battaglia di Marchfeld tra l'imperatore del Sacro Romano Impero, Rodolfo d'Asburgo, alleato a Ladislao IV d'Ungheria, e il re di Boemia, Ottocaro II.
I figurini sono in scala 75 mm e rappresentano i contendenti delle due fazioni.

F-4 "Phantom" FG.1 - Massimo De Luca

Le difficoltà di questo kit a parer mio sono da ricercare nella scomposizione della fusoliera, nella forma dei piloni sub alari e nella qualità del foglio decal i primi due si possono ovviare con un po’ di lavoro ma per le decal consiglierei l’acquisto di un nuovo foglio.

Jaguar GR.1A - Enrico Bianchi

Le difficoltà di questo kit a parer mio sono da ricercare nella scomposizione della fusoliera, nella forma dei piloni sub alari e nella qualità del foglio decal i primi due si possono ovviare con un po’ di lavoro ma per le decal consiglierei l’acquisto di un nuovo foglio.

S.I.A. 7 B1 - Enrico Calanchini

Per ottenerne la riproduzione in scala 1/72 mi sono servito dell'unico kit reperibile della ditta polacca Ardpol, il quale ad un esame approfondito preliminare risulta carente principalmente nella sezione eccedente della fusoliera e della forma degli accessi agli abitacoli.

F-104 e TF-104 - Emanuele Iemma

Per la realizzazione di questi modelli, avvenuta più di trent’anni fa, ho utilizzato delle scatole di montaggio Hasegawa in scala 1/72, nel complesso di buona fattura; la costruzione è stata parecchio complessa in quanto ho dovuto realizzare la stragrande moltitudine di particolari.

N.A. F-86F Sabre - Massimo De Luca

Il kit di partenza è l’arcinoto Academy 1/72; si monta benissimo e solo con il parabrezza ho dovuto litigare perché fittava malissimo. Piccolo consiglio: attenzione anche alla gamba del carrello anteriore che è un po’ sovradimensionata.

Bombarda Maggiora - Dino Dall'Asta

La bombarda fu utilizzata per la prima volta nel 1915 durante la Seconda Battaglia dell'Isonzo e rimase in servizio solo per un breve periodo.
Il kit è della Milit Model, realizzato con parti ottimamente rifinite e precise: la camera sferica di combustione e la canna sono in resina, mentre tutto il resto in metallo.

P-47N Thunderbolt - Valter Vaudagna

Ultima versione della famiglia P47 con motore più potente e una nuova ala; era velocissimo e anche manovrabile. Fu troppo presto pensionato nel dopoguerra dopo aver prestato servizio brevemente con la Guardia Nazionale. Riprodotto in scala 1/48 partendo dalla scatola Pro Modeler

Mirage 2000-5F - Roberto Colaianni

Modelsvit stà facendo un ottimo lavoro con tutta la serie dei Mirage, producendo kit veramente bellini, fini incisioni in negativo, bel foglio decals, fotoincisioni, maschere per il canopy, vani carrelli, abitacolo, cono di scarico spettacolari. Scalandoli in 1/48 sarebbero ancora dei kit molto buoni.

Captured! - Pietro Ballarini

In Alsazia, durante la ritirata, alcuni membri delle SS non trascurano di farsi un bottino personale trafugando da un piccolo museo un quadro fiammingo di valore
Purtroppo per loro sulle tracce dell’opera ci sono anche i reparti dei Monument man alleati appoggiati dai paracadutisti...

M.C.202 Folgore - Angelo Battistelli

Hasegawa ha realizzato un modello accurato che conferisce soprattutto alla fusoliera, una linea snella ed elegante con pannellature e rivettature finemente incise.
Nel corso del lavoro di costruzione ho inserito nel vano carrelli le tubazioni colorate che avevano in tutti i Macchi diverse funzioni.

MDD RF-4 E - Massimo De Luca

Tra le versioni del Phantom ho sempre ritenuto quelle da ricognizione le più pure ed eleganti dal punto di vista aerodinamico.
Il kit che ho usato fa parte della arcistranotaeconosciuta serie "Phantom Family" di Hasegawa 1/72, i quali, continuano sempre a riservarmi tutt’altro che piacevoli sorprese.

Bristol Beaufort Mk.1 - Maurizio Ugo

Il Beaufort in scala 1/72 è un nuovo kit, migliorato un po’ nelle incisioni rispetto ai prodotti Airfix che da qualche anno a questa parte sono molto ben fatti ma con incisioni da fare paura; il modello è complesso ma preciso e ben dettagliato nella parte interna, vani carrelli e vano di carico del siluro.

The Old Gentleman - Dino Dall'Asta

È la più antica muta da sub conosciuta al mondo ed è custodita presso il museo della cittadina storica di Raahe in Finlandia, cittadina che all’epoca - XVIII secolo - era un vivace centro marittimo e di costruzioni navali, dove sicuramente sarebbero state necessarie operazioni in immersione.

Seafire Mk.Ib - Valter Vaudagna

Per realizzare il modello mi sono avvalso di un kit Hasegawa dello Spitfire Mk.Vb, facendo quindi in scala la stessa cosa che fece la Supermarine, cioé modificare un Vb in un Seafire, cosa tra l'altro nemmeno troppo complicata.

Tornado IDS - Ezio Bottasini

Il kit Revell è probabilmente il migliore kit di Tornado IDS in commercio, per quanto riguarda le proporzioni ed i dettagli di superficie ma sicuramente non per quanto riguarda la precisione di montaggio, comunque si monta piacevolmente con una certa dose di stucco ed aiuto dal cielo.



< Inizio 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 ... Fine >