Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile New
Franco Corti
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Giuseppe Giovenco
Lorenzo Evangelista
Lauro Bonfà
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

Un figurino passo passo ...

Enrico V

Enrico V

Primi Passi ...

Sherman

Realizzare uno Sherman

Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy

I prossimi eventi


IX Mostra di Volvera New
19-25 settembre 2016

XXII Varedo Model Show New
22-23 ottobre 2016

Mostra Modellistica

Varedo Model Show


Varedo Model Show 2015

Editoriale

Perche' KitShow?

Siamo chiusi per ferie - Prossimi aggiornamenti a settembre...
Closed
Ultimi articoli pubblicati...

Anglo-sassone "Huscarle" - Cristiano Montagnani

Gli Huscarli erano la guardia del corpo dei re scandinavi e nei regni d'Inghilterra, entrarono stabilmente a far parte dell'esercito professionale Anglosassone.
Il loro tramonto, giunse con la battaglia di Hastings del 1066, nella quale la maggior parte degli huscarli trovò la morte.
Il kit utilizzato è un 54mm in metallo della Romeo Models dipinto completamente con acrilici.

Ro 37 bis 1ª Serie - Enrico Calanchini

La prima serie prodotta dalle O.F.M. (Officine Ferroviarie Meridionali) denominata Romeo (in seguito I.M.A.M. Romeo) adottava un’elica bipala in legno a passo fisso con ogiva, il generatore Marelli era posizionato al di sopra dell’ala superiore in posizione centrale, l’abitacolo differiva per la forma dello scasso in fusoliera ed era dotato di vetratura scorrevole e diverso frangivento.

D.U.K.W. con cannone anticarro - Lauro Bonfà

Tra tutti i mezzi militari da trasporto terrestri che gli Stati Uniti misero in campo durante la 2ª Guerra Mondiale, penso che il D.U.K.W. sia stato senza ombra di dubbio uno di quelli più interesssanti versatili ed eclettici mai costruiti.
Della sua validità ne è la riprova che ancora oggi ne troviamo in servizio sia civile che militare diversi esemplari in ogni parte del mondo.

F-16A-ADF - A.M.I. - Marco Vergani

Il kit Kinetic ha un dettaglio molto buono e si compone di diversi canali di colata grigio chiari più uno di trasparenti, per un totale di circa 450 pezzi, un foglio decal per un F-16A Block 20 MLU seriale numero FA-87, 31° Squadrone belga per il Tigermeet NATO del 2009-2010, oltre ad un opuscolo per istruzioni.
Tutte le parti sono finemente modellate, senza alcuna traccia di residui di stampo.

M-ATV MRAP - Francesco Sasso

Ultimamente mi sono avvicinato molto ai mezzi moderni, e in particolar modo sui mezzi americani impiegati nei conflitti odierni nel Medio Oriente, gli MRAP (Mine-Resistant Ambush Protected), catalogati dal Dipartimento della Difesa Americano come veicoli per il combattimento urbano, come supporto per i convogli, evacuazioni in sicurezza e per resistere agli ordigni esplosivi improvvisati.

Ironclad U.S.S. Monitor - Dino Dall'Asta

Anche questo kit in scala 1:96 della statunitense Cottage Industry Models mi ha incuriosito per l’originalità della sua forma e appassionato per la sua storia: il Monitor divenne il capostipite innovativo delle navi corazzate, ne furono costruite altre della stessa classe anche con due o tre torrette e via via migliorate nella loro capacità di navigazione.

Escavatore New Holland E215c - Luca Navoni

Questo svago modellistico vede, come soggetto, l'escavatore cingolato New Holland E215c che è un mezzo modernissimo, punto di riferimento per tecnologia e qualità. La grande potenza, distribuita in oltre 23 tonnellate di acciaio, la flessibilità in ogni condizione operativa, la sorprendente facilità di pilotaggio grazie a futuristici joystick e il triplo braccio, ne fanno una delle macchine movimento terra più tecnologiche di sempre.

Battlestar Galactica - Ezio Bottasini

La Base da battaglia stellare Galactica, fa parte di una delle dodici basi stellari costruite dalle Colonie di Kobol, ognuna in rappresentanza di uno dei dodici pianeti che costituiscono le colonie umane.
Il kit della Moebius Models è un imponente modello di 45 cm di lunghezza; il montaggio, abbastanza semplice e veloce, va comunque raccomandato a chi ha un minimo di esperienza.

Airco DH.2 - Maurizio Ugo

Ho voluto cimentarmi in un velivolo della prima guerra mondiale in scala 1/48 con un’architettura abbastanza complessa che prevede un intenso uso di tiranterie da far scappare la pazienza a un santo; per fortuna, grazie alle sue particolari forme, sono riuscito a trovare le giuse motivazioni per realizzarlo.

Gotich Line - Riccardo Casati

Il Diorama, in scala 1/35, è ambientato a metà novembre 1944 in quella parte D'Italia che, da Massa a Pesaro, era divisa dalla "Linea Gotica".
L'idea era quella di fare un diorama su due livelli, con un ponte in sezione che lasciasse intravedere sotto di esso uno scorcio di fiume.

Cyrenaica 1942 – Giuseppe Giovenco

Tutto è cominciato con l’acquisizione delle immagini, rintracciate sul web, relative al casco coloniale inglese del Welch Regiment, il cui contrassegno, inequivocabile, è dato dal distintivo in stoffa tricolore posizionato sul lato sinistro che la rappresenta la bandiera del Galles, formata da due bande orizzontali, con il dragone centrale.

Ezellino III da Romano - Francesco Sbarile

Il figurino utilizzato è un Pegaso in 54mm, la pittura totalmente ad acrilico.
L'araldica di Ezellino è dubbia in quanto dopo la morte dello stesso e del fratello Alberico tutto ciò che riguardava i "Da Romano" fu condannato alla "damnatio memoriae" e quindi effigi e riferimenti furono cancellati da palazzi e fortificazioni.

Barbanera - Cristiano Montagnani

Edward Teach, meglio noto come Barbanera è uno dei più celebri pirati che solcò il Mar dei Caraibi nella prima metà del 700.
Il suo soprannome è dovuto, ovviamente, alla sua lunga barba nera intrecciata che, insieme alle micce sotto il cappello, crearono una immagine inquietante che incuteva terrore ai suoi avversari.

Willys Jeep - Lauro Bonfà

Propongo un modello forse inflazionato, ma senz'altro molto affascinante in scala 1/24 della nostra cara e nostrana Italeri.
Si tratta di una Willys Jeep appartenuta al 351st Infantry Regiment dell'88th Infantry Division Americana che nell'Aprile del 1945 attraversò il Fiume Po a Brede di San Benedetto nel Mantovano.

Col. John Dutton Frost - Giampaolo Bianchi

Da tempo giacevano nei miei cassetti degli splendidi figurini della Mitchell Military Models, rappresentanti il colonnello Frost e tre Red Devils durante la battaglia di Arnhem del 1944.
Sono realizzati in resina scala 1:16 (120 mm), stupendamente dettagliati.

Ambrosio Aureliano - Stefano Deliperi

Siamo nell’anno del Signore 494 o poco dopo. Ambrosius Aurelianus scruta i boschi, le radure, le campagne verso l’orizzonte. Guida le residue forze dei britanni romanizzati, dei discendenti dei legionari romani che non abbandonarono l’isola nei primi anni del secolo, richiamati sul Reno per difendere l’Impero morente.

F-16D Block 40 "Brakeet" - Marco Vergani

Il modello è inscatolato Kinetic, datato 2010, si compone di diversi canali di colata grigio chiari più uno di trasparenti, per un totale di circa 450 pezzi, un foglio per marking e stencil, mentre gli atri due più piccoli sono per i carichi esterni e i serbatoi di carburante da 600 galloni, oltre ad un opuscolo per istruzioni.

Ambulanza Land Rover 7 - Dino Dall'Asta

Il modello Tamiya è veramente un ottimo kit, certamente fuori produzione, dalle stampate ben dettagliate e precise che ho assemblato perfettamente senza aggiustamenti o stuccature varie.
Dopo una spruzzata di primer in bomboletta color grigio, ho eseguito la verniciatura a pennello con acrilici Tamiya, dando poi invecchiamento, lavaggio ed usura in forma leggera.

D9R - Armored Bulldozer - Luca Navoni

Il D9R, l'ultima generazione di bulldozer Caterpillar D9 in servizio IDF soprannominato Doobi (orsacchiotto) è un bulldozer blindato che è stato modificato dalla Israel Defense Forces, industrie militari israeliane e dalla Israel Aerospace Industries per aumentare le possibilità di sopravvivenza del bulldozer in ambienti ostili.

Piccolo grande Re - Pietro Ballarini

Vittorio Emanuele III è il nostro ultimo re che regnò per 46 anni nel più turbolento periodo bellico del ‘900, dalle guerre coloniali al 2° conflitto mondiale.
Durante la Grande Guerra il re visse costantemente al fronte meritandosi l’appellativo di Re Soldato.

MDD F4D Phantom II - Massimo De Luca

Come per il velivolo che rappresentano anche i kit della "Hasegawa Phantom family 1/72" sono oramai leggendari per qualità.
L’unica critica che si potrebbe muovere è la spartanità del cockpit e di alcuni altri dettagli (ugelli di scarico in particolare).
Per il resto le incisioni sono stupende.

Lockheed-Martin F-35 - Ezio Bottasini

Vista la scala e prendendo spunto dall’articolo apparso su Sky Model, ho voluto aggiungere qualche cosa in più rispetto alla scatola.
Per prima cosa ho voluto aprire un paio di sportellini e ricostruito le pareti interne con il plasticard per poi dedicarmi all’abitacolo, usando le fotoincisioni di scatola e aggiungendo qualche cablaggio e tubo dell’Ossigeno.

StuG 40 Ausf. G - Maurizio Ugo

Il modello Revell in scala 1/72, si monta velocemente ed è molto preciso; i cingoli in plastica con numerosi pezzi piccoli e tronconi più grandi sono una novità per me in quanto, l’ultimo carro armato fatto più di trent’anni fa, era dotato di cingoli di vinile.

Sforzeschi - Francesco Sbarile

Nel XV secolo la famiglia Sforza succedette ai Visconti come duchi di Milano; Francesco Sforza era un condottiero che, dopo un lungo servizio sotto i Visconti, sposò la figlia di Filippo Maria, ultimo della dinastia.
Come duchi di Milano, gli Sforza mantennero l'araldica dal Visconti, la vipera che mangia un uomo, così come alcune imprese care ai Visconti.

Sd.Kfz. 251 zu Fuss - Giampaolo Bianchi

Girovagando sulla rete in cerca di foto reali da cui ispirarmi per ambientare il mio ultimo diorama, mi sono imbattuto nello Wurfrahmen, uno dei primi lanciarazzi tedeschi utilizzati durante la seconda guerra mondiale; esso era derivato dal semicingolato da trasporto truppe Sd.Kfz. 251/1 dove vennero montati tre comparti per ogni lato, contenenti ognuno un razzo armato.

Gundam RX-78 - Cristiano Montagnani

Il modellino è in scala 1:72 della Ban Dai, realizzato nel lontano 2007 realizzato a pennello con colori a smalto della Humbrol.
Per le superfici più ampie per simulare l'effetto aerografo ed evitare di vedere le spennellature, una volta data la prima mano di vernice ho picchiettato la superificie verniciata con un pennello punta piatta.

German Panzer VIII Maus - Lauro Bonfà

Con le sue 188 Tonnellate di peso in ordine di combattimento, questo Topolino superpesante fu il più grosso carroarmato tedesco costruito nella Seconda Guerra Mondiale.
Ne vennero assemblati solo un paio di esemplari oltre a diversi prototipi, e pare che abbiano preso parte agli ultimi combattimenti in Germania nel Maggio del 45.

U.S. Picket Boat - Dino Dall'Asta

Il kit, in scala 1:96, con parti in resina di color bianco e in metallo, della Cottage Industry Models, mi ha incuriosito sia per la singolarità di questa imbarcazione, progenitrice delle future torpediniere, che per il ruolo che ha ricoperto nella Civil War americana.

F-14A IRIAF - Vito De Palo

Il kit del vecchio gattone in 1/72 proposto dalla Hobby Boss si è rivelato davvero una bella sorpresa!
Linee del velivolo sostanzialmente corrette salvo qualche piccole imprecisioni ma trascurabili data la scala; pannellature finemente incise su di una plastica che ogni modellista vorrebbe trovare in ogni kit.

Little BOB - Pietro Ballarini

Bob è il nome del ragazzino che ‘gioca’ ad essere uno Spitfire nella sua piccola battaglia d’Inghilterra ed è anche l’acronimo di Battle Of Britain; il kit utilizzato è un pezzo della Doug’s Originals in resina, ad esso ho cambiato la posizione delle braccia, rifatto le mani, e modificato il ‘ciuffo’ in testa.

FIAT G.91/T-1 - Federico Toselli

Il modello presentato è il kit Cunarmodel in scala 1/72: 52 pezzi di classica resina color crema, una lastrina di fotoincisioni, due master in resina dei canopies uno del T1 ed uno del T3 con la gobba sulla parte del tettuccio dell'istruttore ed un minuscolo foglio decals.

Banchina di Dunkerque - Giuseppe Giovenco

Dunkerque, che ha segnato la ritirata del BEF (tradotto in italiano come Corpo di Spedizione Britannico), organizzata dagli stati maggiori di Sua Maestà, di concerto con altrettanti comandi alleati per recuperare le truppe francesi, del Regno Unito e belghe, fu riportata dai cronisti tedeschi, come una rovinosa impresa del Regno Unito ed un trionfo delle truppe del Reich.

F-14A Updated - Giovanni Olivero

Lo scorso anno, dopo aver terminato il lavoro sul F-14A, non contento del lavoro fatto, ho pensato di realizzare un deciso miglioramento di questo mio primo lavoro.
Impresa non facile in quanto ho verificato di persona quanto possa essere difficile reincidere un kit gia montato ma piano piano con gli strumenti giusti e tanta, tanta pazienza, ci sono riuscito.

Tribuno di marina - Cristiano Montagnani

Il figurino in 54 mm della Master Class, al primo colpo d'occhio si presenta ben fatto e ben rifinito, con qualche piccola sbavatura di stampo soprattutto sui gambali.
Il kit è stato colorato con colori acrilici Vallejo, la parte più difficile è stato il viso,

PT-109 - Maurizio Ugo

La PT-109 fu una motosilurante da pattugliamento comandata dal sottotenente di vascello John F. Kennedy durante la seconda guerra mondiale.
Il comportamento del giovane Kennedy, che portò al salvataggio dei sopravvissuti del suo equipaggio dopo l'affondamento per speronamento della sua motosilurante da parte di un cacciatorpediniere giapponese, ne fece un eroe di guerra.

Chevrolet Gun Tractor - Luca Navoni

La costruzione del kit Italeri, in scala 1/35, l'ho eseguita da scatola per quanto riguarda la parte anteriore del mezzo; la parte posteriore invece, è stata completamente auto-costruita: per il cassone, ho utilizzato del plasticard e listelli di legno mentre, il telaio, è stato riprodotto con tondini di metallo.

Gotenstellung - Lauro Bonfà

Questa linea fortificata e difensiva venne costruita dai tedeschi sul fronte Italiano centro settentrionale dall'Adriatico al Tirreno; divideva l'Italia in due e si estendeva dalla provincia di Apuania (attuale Massa Carrara) fino alla costa adriatica di Pesaro, per un fronte di oltre 300 chilometri disseminato da centinaia di bunker con torrette di carri armati danneggiati, obsoleti o costruite ad hoc.

MiG 21 MF - Ezio Bottasini

Il kit contenuto nel Profipack 8231 di Eduard, è un kit di buona qualità dove i vari pezzi e sottoinsiemi si assemblano senza particolare difficoltà e con ridotto uso di stucco a testimoniare la qualità dello stampo; la "difficoltà" maggiore è azzeccare la tonalità della mescola per i pannelli interni dell’abitacolo per risultare uguale al colore delle fotoincisioni.

Autoritratto in parete - P. Ballarini

Nel 2011 ho effettuato il percorso alpinistico Massimiliano Torti o ‘dei contrabbandieri’ nei pressi dell’Alto Garda, un bellissimo giro che sfrutta la traccia di prova effettuata per costruire una strada a mezza costa sul Lago, sponda bresciana; siccome il mio compagno di scalate mi ha fatto una bella foto in un passaggio difficile, ho deciso di provare a ‘riprodurmi’.

Fokker DVIII - Roberto Colaianni

Sul modello Roden, in scala 1/72, ho usato le tecniche già utilizzate sui Due Fokker DVII e sul Nieuport 11; la fusoliera è coperta da losnghe, realizzate con decal Techmod.
Interessante è stata la colorazione dell’ala, dipinta con mescole autarchiche di Tamiya e una specie di Dry Brush realizzato con la fanghiglia estratta dai barattolini Humbrol.

Libyan Desert Taxi Service - F. Sasso

Come avrete capito, le ambientazioni desertiche e soprattutto i reparti del Long Range Desert Group sono una costante fonte di ispirazione per le mie realizzazioni.
Il titolo del mio diorama, Libyan Desert Taxi Service, era appunto un soprannome attribuito alle unità di questo reparto speciale.

U.S.S. Alligator - Dino Dall'Asta

All'inizio della guerra civile americana, le rispettive Marine militari volsero l’attenzione verso un singolare progetto che, grazie all’inventiva di pochi, iniziava a svilupparsi: la realizzazione, per giunta a basso costo di costruzione, di un battello che navigando sott’acqua costituisse una nuova formidabile arma offensiva.

MiG-21 MF "Fishbed" - Marco Vergani

Il modello, inscatolato Eduard è dotato di una bella box art, composta da una coppia di MiG egiziani che sorvolano le grandi piramidi.
Si compone di otto canali di colata grigi scuri, uno di trasparenti, un foglio mask, due lastrine foto, di cui una colorata per l’abitacolo, decal per marking e stencil più un bonus di due razziere UB-16 in resina della Brassin.

Reggiane Re 2000 - Enrico Calanchini

Il Reggiane Re.2000, noto anche, non ufficialmente, come "Falco", era un aereo da caccia monomotore, monoplano e monoposto realizzato dall'italiana Officine Meccaniche Reggiane sul finire degli anni trenta.
Primo progetto realizzato in proprio dall'azienda emiliana, controllata dalla Caproni SpA, trovò impiego marginale nella Regia Aeronautica nella prima parte della seconda guerra mondiale.

Heyford Mk.III - Maurizio Ugo

Il kit Matchbox, si monta molto bene; preciso negli incastri ma povero di particolari specialmodo negli interni, che hanno subito una leggera miglioria, mentre particolareggiati, in maniera buona, sono la trama alare con le centine molto realistiche.
Le modifiche principali, sono avvenute nella sostituzione dei montanti a V ventrali con aghi di siringa tagliati di misura e la sostituzione del parabrezza

Hellenika - Cristiano Montagnani

Il kit in 54mm è della Kabuki Models in resina; non è molto ben definito e ci sono diverse sbavature da correggere prima della pittura; la cosa più difficile da realizzare nella modella, è ovviamente l'incarnato con tutte le sue sfumature.
Come prima fase della verniciatura, si parte da una base di primer bianco per mettere in evidenza le varie parti del corpo.

Queens’ Own Rifles - Giuseppe Giovenco

La particolarità delle unità del reggimento Queen’s Own Rilfles, sbarcata il 6 giugno ’44 sulla spiaggia di Juno, è quella di portare i distintivi di grado con colorazione diversa da quella degli altri corpi dell’esercito di Sua Maestà – in particolare il colore tipico delle unità Rifles è il verde scuro, sia per i gradi dei sottufficiali che per quelli degli ufficiali.

Red Oak Garage - Alessandro Tulli

La piccola scena è ambientata nel profondo sud americano; sono partito da un modello diecast in 1:32 della Lincoln convertible del 1939; non potendola smontare completamente e non potendo usare lo sverniciatore ho pensato di passare una leggera scartavetrata a tutto il modello per togliere quanta più vernice possibile.

Un Fishbed all’Avana - Alessandro Gennari

Da tempo covavo il desiderio di aggiungere alla mia collezione un Fishbed con i colori della Fuerza Aerea Revolucionaria di Cuba.
Pur essendo un fanatico del montaggio da scatola, la mestizia dell’abitacolo ha fatto sì che io prendessi le parti del kit Academy e le usassi come materiale per... migliorare le mie skills cestistiche, inteso come tiro nel cestino.

Russian Tank T35 - Lauro Bonfà

Costruito in Unione Sovietica in 61 esemplari dal 1933 al 1939, questo enorme mezzo corazzato pesante venne impiegato in combattimento per la prima volta con risultati deludenti durante la Guerra... d'Inverno sul fronte Finlandese e contro le fortificazioni della linea Mannerheim nell'inverno del 1940.

The Clone Wars III Parte - E. Bottasini

Questa parte è dedicata ai mezzi di terra e d’aria che i cloni hanno usato durate le cruente battaglie combattute contro i separatisti a partire dalla battaglia del Pianeta Geonosis in poi, fino ad arrivare al fatidico Ordine 66 che in pratica pose fine alla guerra con la distruzione dei Cavalieri Jedi e l’istaurazione del 1° Impero Galattico.

L’ultimo volo di Verner Voss - G. Bianchi

Recentemente mi è capitato di rivedere il mitico film di Roger Corman "Il Barone Rosso" del 1971 e immediatamente è scattata l’ispirazione per un diorama che rappresentasse l’ultimo combattimento di Verner Voss.
I kit in scala 1/48 utilizzati sono il Fokker DR I del Barone Rosso della Revell e il S.E. 5a della Roden.

Abissinia - Pietro Ballarini

Nel 1882 il giovane Regno d’Italia cominciò la sua sfortunata avventura coloniale in Africa.
La scena rappresenta due militari italiani in visita ad un accampamento degli Habab, pastori nomadi che stanziavano al confine settentrionale col Sudan allora dominato dai seguaci del Mahdi.

Tutorial: semplici basette - R. Colaianni

A tempo perso, ho voluto creare una piccola guida per tutti coloro si volessero cimentare nella realizzazione di piccole basette o diorami, per voler ambientare i propri modelli senza volersi impegnare in nulla di particolarmente complicato e impegnativo in termini di tempo e materiali utilizzati, ma senza per questo rinunciare ad un’ambientazione credibile.



< Inizio 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 ... Fine >