Editoriale

Perche' KitShow?

  Gli assi dell'aviazione

Aldo Buvoli
Aldo Buvoli
Pietro Ballarini


I precedenti...

Vittorio Minguzzi
Giulio Reiner
Mario Visintini
Lydia Litvyak

  Quick Articles...

Il bivio (Sd.Kfz. 222)
"Il bivio" (Sd.Kfz. 222)
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cameron Highlanders 79th Rgt
Cameron Highlanders 79th Rgt
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

Giuseppe Mazza - Gallery

Republic P47 "Dallas Blonde"

Ho realizzato il P47 dell’Hasegawa in 1/48 da scatola aggiungendo solo sedile e ruote della Ultracast.
La costruzione è andata via bene ed ho usato solo un po’ di stucco nel raccordo ali fusoliera.
Ho deciso di rappresentare l’aereo proposto dalla scatola: Dallas Blonde.

Grumman Hellcat F6F-3

L’Hellcat in scala 1/48 della Otaki è una scatola che avevo da molto tempo e volendo fare un progetto veloce, il kit, pur essendo datato, non è male; le uniche aggiunte che ho fatto sono il seggiolino della Ultracast e le ruote in resina True Details.
Il kit si monta senza particolari problemi ed il ricorso allo stucco è veramente minimo.


Ciao a tutti,
per vivere vendo barche ma la mia passione sin da bambino sono gli aerei.
Il primo modellino che ho costruito nel lontano 78 fu un F14 della Matchbox: attak, pennello, humbrol e via...
Dopo aver abbandonato il più bell’hobby del mondo per molti anni, nel 2000 ho ripreso a costruire aerei: mi sono adeguato ai tempi e quindi ho imparato ad usare l’aerografo.
La mia scala è l’1/48 e costruisco ogni tipo di aereo: non ho un’era o una forza aerea preferita.
Costruisco sempre da scatola anche se ammiro molto gli amanti del super dettaglio. Pur cercando di migliorare il risultato di volta in volta non mi ritengo all’altezza dei "frequentatori" di Kitshow che per me sono dei fuoriclasse, più artisti che modellisti.
Mi piacerebbe costruire di più, ma per motivi di lavoro e famiglia riesco a "sfornare" massimo 4 modellini all’anno.
Un saluto a tutti

Giuseppe Mazza