Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo New
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Austin Armoured Car
Austin Armoured Car
Michelangelo Galli

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Il carro armato T 34

STORIA MILITARE Briefing N. 25 2/2021

Daniele Guglielmi Mario Pieri Vincenzo Valentini


L'ormai sperimentata formula dei vari 'Briefing', con questa uscita riguardante il celeberrimo mezzo sovietico ed i suoi derivati, ha messo a segno un altro punto fermo.
Si tratta infatti della prima ed unica, al momento, opera organica in lingua italiana sull'argomento.
Era un vero peccato che per conoscere più a fondo un carro armato così importante, un simbolo tra i più pregnanti dello sforzo bellico sovietico, si potesse farlo solo su testi in lingua inglese (alcuni ormai quasi obsoleti) o su libri poco reperibili e comunque stampati in cirillico.


Il carro armato T 34

Quest'opera si segnala sia per la ben nota competenza degli Autori, sia per la perfetta distribuzione dei capitoli che esaminano ovviamente la nascita e lo sviluppo del mezzo, proseguendo con una descrizione approfondita delle varie versioni e terminando con le ultime e recenti fasi di una ben lunga vita operativa.
Tra i capitoli più interessanti, quelli sulle varie fabbriche coinvolte in una frenetica produzione, acune dopo essersi trasferite di migliaia di chilometri, l'uso nel dopoguerra in mezzo mondo e quello molto onesto intellettualmente, che sciorina in maniera obiettiva sia gli innumerevoli pregi in quanto a mobilità, protezione ed armamento che gli innegabili difetti, primi fra tutti lo scarso comfort dell'equipaggio e la mancanza di radio a bordo per un lungo periodo.
Tutto è più comprensibile anche grazie ad una decina di inserti o tabelle, compresa una molto utile sulle unità della Guardia, un retaggio zarista che fu pragmaticamente fatto rivivere ed aiutò molto il morale dei combattenti.
Apprezzabile anche la trattazione sui molti esemplari catturati da reparti tedeschi e sui ben pochi in carico ad equipaggi italiani.

Tra l'altro abbiamo notato il tempismo dell'uscita, ora che continuano ad uscire sul mercato kits del T 34 e derivati, tutti molto ben realizzati anche se in genere riguardanti la versione col cannone da 85 mm. Non ci sono più scuse per armarsi di una utilissima documentazione come questa e mettere in cantiere una serie di mezzi della famiglia T34.

Il tutto in quasi 100 pagine, che offrono poco più di 160 fotografie in bianco e nero, 35 a colori, 8 tra disegni spaccati, 20 estratti di manuali ed 8 tavole a colori.
La stampa è ottima ed il costo contenuto, tutto congiura insomma perchè quest'ottimo libro si aggiunga ad altri nei nostri scaffali.





Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No