Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Roberto Colaianni - Gallery

82a Airborne Division

Questo progetto vuole riprodurre una scena del tutto ipotetica che avrebbe potuto verificarsi, durante la prima guerra del golfo, in una località prossima al confine Arabo-Irakeno-Kuwaitiano.
Il soggetto principale è un Black Hawk dell’82ª divisione aerotrasportata, che sorvola una squadra di paracadutisti schierati a protezione di un piccolo conglomerato di case.

F4U-1A Corsair

Il velivolo pilotato da Ira Kepford è un kit Tamiya in 1/72, relizzato su commissione per l’amico Pierluigi.
Rispetto ai miei due precedenti Corsari, questa volta sono andato pesante con gli aftermarket.

Fokker DVIII Jasta 6

Sul modello Roden, in scala 1/72, ho usato le tecniche già utilizzate sui Due Fokker DVII e sul Nieuport 11; la fusoliera è coperta da losnghe, realizzate con decal Techmod.
Interessante è stata la colorazione dell’ala, dipinta con mescole autarchiche di Tamiya e una specie di Dry Brush realizzato con la fanghiglia estratta dai barattolini Humbrol.

PzKpfw VI Tiger

Ho costruito velocemente, più o meno da scatola, quello che si suppone fosse stato il Tiger usato da Michel Wittmann, asso dei carristi Tedeschi, nella famosa Battaglia di Villers Bocage, il 13 Giugno 44, al comando della 2° compagnia del 101mo battaglione carri pesanti delle SS.

Tornado IDS 154° Gruppo

Il Modello è il nuovo Revell in scala 1/48. Un deciso passo avanti rispetto al recente Hobby Boss, già costruito qualche annetto fa.
Nonostante abbia una scomposizione un po’ anomala e contorta, si assembla bene a patto di aggiungere qualche battuta in plasticard nelle giunture dei pezzi che compongono la fusoliera.

Mosquito MK XVIII & MK VI

Come al solito ho cominciato dagli interni, migliorati grazie al set Eduard e a particolari autocostruiti in plasticard e filo di ottone, che integrano degnamente le parti fotoincise.
Per rendere meglio visibili gli strumenti, decisamente "discreti", in questa scala, ho provato una nuova, almeno per me, tecnica.

Nieuport Ni 11

Si comincia come al solito dall’abitacolo, dove tra autocostruzioni e fotoincisioni Part il da fare non manca, anche se, la pratica ormai acquisita con questo genere di soggetti, mi fa procedere abbastanza spedito.
Sorprendentemente le ali vanno immediatamente a posto, senza bisogno di modifiche ai montanti.

F-84E Thunderjet

A Ottobre, su uno dei vari forum che frequento, lanciano un Group Build, soggetto: modello da scatola. Perfetto, quello che ci voleva per fare una pausa!
Comincio i lavori distrattamente, sul divano, guardando la TV, in un’ora scarsa il grosso è fatto, nove pezzi in tutto e l’aereo ha preso forma.

Lost in Viet Nam

Secondo lavoro nato da una collaborazione con Italo Feregotto che ha dipinto i figurini e collaborato alla colorazione della vegetazione.
Ecco il mio ultimo diorama aero-terricolo-lacustre.
            [Prima parte]  -  [Seconda parte]

Fokker D VII O.A.V.

La struttura tubolare della fusoliera, riprodotta in rilievo sui fianchi interni, risultava decisamente piatta, per cui è stata spianata completamente, sono state applicate le decal a losanghe fornite da scatola, velate con un color crema acrilico per simulare il lato posteriore del tessuto stampato.

6.te Panzer Division

Il diorama è nato da un’idea di Italo, il quale mi ha proposto di creare una scenetta nella quale lui doveva occuparsi della colorazione dei figurini e io della realizzazione di un piccolo veicolo, con l'obbiettivo di partecipare al concorso di Ingolstadt (D) a Maggio 2011.     [Prima parte]  -  [Seconda parte]

Fokker D VII

Sono partito dal relativo kit Roden, secondo me di una qualità che si pone a metà strada tra i modelli di grande serie e gli short run: ha però il pregio di avere una certa quantità di parti opzionali per meglio riprodurre la configurazione richiesta e una discreta riproduzione del motore Mercedes.

Brindiamo all’affondamento!

Come sempre faccio, ho cominciato a costruire tutti i mezzi, i figurini ed il diorama più o meno contemporaneamente, questo mi da la possibilità di differenziare la tipologia dei lavori per non annoiarmi e mi permette di avere i mezzi in avanzato stato di preparazione per poter meglio dimensionare il diorama e posizionare gli stessi.

Sukhoi SU 22 M4

Ed eccomi a pubblicare finalmente quello che, almeno dal punto di vista affettivo (se si può parlare di affetto nei confronti di un pezzo di plastica), considero “il mio modello”.
Non è una realizzazione recente, l’ho costruito nel lontano 2007, quando ancora il mio unico contatto col resto del mondo modellistico era rappresentato da Model Time e qualche altra rivista.

Tornado 6-32, 6° Stormo (II)

Un discorso a parte merita la mappa gialla dell’Afghanistan.
Premettendo che ero alla mia prima esperienza di autocostruzione di decal.
Mi sono fato ripulire elettronicamente l’immagine dello stemma, per poi poterlo stampare su foglio trasparente Tauro, l’operazione sembrava avesse avuto successo,...

Tecniche modellistiche

Come rendere i modelli tridimensionali

Visto che diversi modellisti sono interessati a come riesco a rendere "tridimensionali" i miei modelli, ho scritto qualche nota che spero possa aiutare i meno esperti a migliorarsi, per quelli che hanno più esperienza di me, saltate pure a piè pari.

Tutorial: semplici basette

A tempo perso, ho voluto creare una piccola guida per tutti coloro si volessero cimentare nella realizzazione di piccole basette o diorami, per voler ambientare i propri modelli senza volersi impegnare in nulla di particolarmente complicato e impegnativo in termini di tempo e materiali utilizzati, ma senza per questo rinunciare ad un’ambientazione credibile.



Tornado 6-32, 6° Stormo (I)

Modello Hobby Boss, 1/48 - Prima Parte

FW 190 D9

Kit Revell, scala 1/32

F4U-1A Corsair, missione abortita!

Kit Tamiya in scala 1/48

FW 190 D-9

Kit Revell, scala 1/32

Curtiss P-40E

Il Kittyhawk II in un “vecchio” kit Revell

U-boot VII C

Kit Revell in scala 1/72

U-boot type XXIII

Modello MPM Special Navy, scala 1/72

Sono nato a Gorizia nel 1964, vivo da sempre a Udine. Nel 1983 mi sono diplomato come perito aeronautico all’ istituto tecnico A.Malignani sempre a Udine.
Dal 1984 ho servito per tre anni come ufficiale di complemento alla Scuola militare di paracadutismo di Pisa.
Dopo essermi congedato, nel 1988, ho trovato impiego in un’ azienda del gruppo finmeccanca che produce aerei teleguidati, diventando pilota di radibersagli, praticamente pilota di aerei senza pilota.
Ho praticato per diversi anni paracadutismo sportivo, palla a volo e pesca in apnea.
Attualmente sono sposato, ho una figlia di quasi 7 anni ed un figlio di 4 che ogni tanto mi emulano, costruendo qualche aeroplanino in 1/72 (solo i miei figli, non mia moglie, no so se l’ avete capito).
Dopo avervi anoiato con la mia storia veniamo all’ attività modellistica.
Ho cominciato da bambino, con i mitici blister dell’ Airfix, montati in un pomeriggio e colorati di sabbia, marrone, verde e azzurro, si costruiva proprio bene quando non si conosceva il Federal Standard!
Ho continuato con tutti i modelli allegati all’enciclopedia Storia dell’ aviazione, la navi in 1/600 dell’ Airfix che credo di aver fatto tutte, per poi passare ai caccia imbarcati della US Navy in 1/48. Tutti gli aerei da me costruiti, fino ad allora, sono ormai finiti vittima della più potente arma antiaerea al mondo: la mamma armata di panno per spolverare.
Verso i 19 anni, quando ho lasciato casa dei miei ho smesso di costruire.
Quando ho mollato la manualità non mi mancava, ma non avevo avuto quei contatti con il mondo modellistico che ti permettono ti imparare qualche cosa di nuovo.
Modelli costruiti rigorosamente da scatola, nessuna modifica o autocostruzione, pittura eseguita rigorosamente a pennello.
Dry brush, lavaggi a olio, gessetti da artista erano tutte tecniche a me totalmente ignote.
Se non ricordo male, nel 2003, dovevo subire una piccola operazione ad un ginocchio, mi aspettavano tre settimane di convalescenza, così, contagiato da alcuni colleghi di lavoro, modellisti piùo meno praticanti, mi sono comprato un modello che mi aveva affascinato: l’ U-boot VIIC Revell in 1/72, una decina di colorie 4 pennelli.
In tre settimane era finito, naturalmente, anche se costruito con le tecniche di 20 anni prima, mi sembrava un capolavoro, che però, dopo qualche annetto, ha perso parte del suo fascino ed ha subito un “restauro” descritto in un articolo già pubblicato su questo sito.
Poi ho scoperto Model time, Corazzati, i fascicoli della serie invecchiamento dei mezzi imilitari, i libri della Oprey.
A quel punto gli orizzonti del modellismo mi si sono aperti!
Due anni or sono i primi contatti con il GAMS di Udine e i primi concorsi, dove sono anche riuscito ad ottenere qualche riconoscimento.
Attualmente cerco di impormi di costruire una nave (preferisco sommergibili e motosiluranti, le scale grandi insomma), un aereo (principalmente caccia a pistoni in 1/32) ed un carro in 1/35 ( mezzi tedeschi della 2 GM), giusto per non annoiarmi.
Non sono un metodico, uso colori a smalto e acrilici, faccio le scrostature con la matita argento, a pennello o dando un fondo alluminio e scrostando la mimetica con uno stuzzicadenti, le colature le tiro a pennello con colori a olio o a spruzzo con lo Smoke Tamiya, insomma, non riesco a fare mai due modelli impiegando sempre le stesse tecniche e credo di essere anche fortunato, perché non sperimento mai su carcasse ma direttamente sui modelli buoni, e anche se ci sono andato vicino, non ho mai combinato nulla di irreparabile.
Non sono un fanatico di resine e foto incisioni, se non si vedono non le metto, questo mi permette di risparmiare tempo, un bene prezioso che, al pari di tanti colleghi modellisti, mi difetta.
Per contro la pittura e l’invecchiamento estremo mi affascinano, e non parlo solo di mezzi corazzati, quando partecipo ai concorsi mi rendo conto che i miei aerei e i miei mezzi navali sono i più sporchi, scrostati o arruginiti di qualunque altro. Non so se questo venga sempre apprezzato, ma a me piacciono terriblmente così, e, anche se ogni tanto ci provo, non riesco mai a smettere di invecchiare prima di aver raggiunto il limite del plausibile.
Ultimamente, poi, tendo ad autocotruirmi, almeno per gli aerei in scala maggiore, gli stencil per le insegne di nazionalità.
Comunque, piu di tante parole, contano le foto dei modelli che troverete pubblicate in questa galleria, spero vi possano interessare, buon modellismo a tutti.


Roberto “Target” Colaianni
e-mail roberto.colaianni@alice.it

Roberto Colaianni