Editoriale

Perche' KitShow?

  Gli assi dell'aviazione

Aldo Buvoli
Aldo Buvoli New
Pietro Ballarini


I precedenti...

Vittorio Minguzzi
Giulio Reiner
Mario Visintini
Lydia Litvyak

  Quick Articles...

Il bivio (Sd.Kfz. 222)
"Il bivio" (Sd.Kfz. 222)
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cameron Highlanders 79th Rgt
Cameron Highlanders 79th Rgt
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

82ª Airborne Division, Operation Desert Storm

Roberto "target" Colaianni




Questo progetto nasce su richiesta di un amico, che mi ha dato direttive abbastanza stringenti sulla composizione e di budget. Vuole riprodurre una scena del tutto ipotetica che avrebbe potuto verificarsi, durante la prima guerra del golfo, in una località imprecisata nella zona compresa in prossimità del confine Arabo-Irakeno-Kuwaitiano.
Il soggetto principale è un Black Hawk dell’82ª divisione aerotrasportata, che sorvola una squadra di paracadutisti schierati a protezione di un piccolo conglomerato di case.
Il Black Hawk è il vecchio, ma sempre valido Hasegawa, integrato da un kit Eduard di fotoincisioni, e un minimo di dettagli autocostruiti, quali il cielo e i supporti dei sedili del vano di carico, i predellini sulle gambe carrello, il tagliafili sul cielo dell’abitacolo, e poco altro.
I pilotini e il Parà seduto sul portellone provengono dal kit stesso. Gli interni cono stati dipinti a pennello su base grigia stesa ad aerografo.










Per gli esterni, dopo aver reinciso i pannelli, mi sono affidato all’US Helo Drab Model Master, con una leggera impolveratura creata con gessetti da artista grattati su carta abrasiva.
Per la casa, mi sono ispirato ad un set Italeri, gentilmente messomi a disposizione da un amico.
Ho prima realizzato le due pareti, creando delle casseforme con listelli di balsa e cubetti Lego per creare le finestre di forma allungata, nelle quali ho colato il gesso ceramico, testurizzandole superfici con un pennello duro e incidendo le pietre con un ago, quando ancora fresco.
Assemblate le due pareti sulla base, ho creato il tetto piatto con un pannello di plasticard, sul quale ho effettuato una "gettata" di gesso ceramico.
Il cupolone è stato realizzato a parte, colando il gesso dentro un qualche giocattolo di mio figlio, una mezza palla di plastica credo.




Il tutto è stato colorato ad aerografo, con leggeri dry brush di vari smalti Humbrol, e lavaggi con panel liner Tamiya marrone, diluito 50/50 in acquaragia.
Il camion bruciato proviene da un qualche kit Russo o Ucraino, migliorato rifacendo quasi interamente il cassone, il telone, e poco altro.
E’ scrostato con la tecnica della lacca, ovvero prima è stato colorato di un marrone rossastro Tamiya, protetto con del lucido della stessa casa, seguito da una mano abbondate di Lacca Per Capelli, data con l’aerografo, e immediatamente dopo con diversi toni di verde sempre piu’ chiari.
Senza aspettare troppo, con un pennello inumidito di acqua ben calda, ho cominciato a creare scrostature e abrasioni della vernice, strofinandolo e picchiettandolo sulla mimetica ancora fresca.
Le parti bruciate e quelle arruginite, sono state invece riprodotte con polvere ricavata da gessetti, nere e bianche per le bruciature, due tre toni di marroni per la ruggine.














Infine i figurini, che provengono da un set Zvezda per War Game, sono di ottima fattura, e sono stati interamene dipinti con colori Valleio a pennello.












La parte difficile è stata la progettazione e realizzazione dell’"annullatore gravitazionale", complesso apparato necessario a creare una "bolla" degravitazionata nella quale inglobare l’elicottero che rimane sospeso nel vuoto, appena sopra l’edificio.
Mica potevo ricorrere, come tutti i comuni mortali, al solito tondino di plexiglass trasparente, posizionato in maniera tale da risultare invisibile, nelle foto prese col giusto angolo!!!










Spero vi piaccia e buone ferie a tutti.


Roberto “Target” Colaianni
e-mail roberto.colaianni@alice.it
[Gallery]
25.07.2017


Commento di Valter vaudagna [27/07/2017]:
Annullatore gravitazionale, mi sembra di tornare alla serie SHADO UFO, ah...ah...ah..
Interessante per un aereo in decollo mentre ritrae il carrello, Ottimo lavoro come sempre, buone vacanze

Commento di ezio bottasini [28/07/2017]:
Ciao Roberto, è sempre un piacere vedere i tuoi lavori, c'è sempre da imparare, poi nella scala regina, riuscire a realizzare ciò che ci mostri....
Molto bello di un realismo impressionante.
Alla prossima e buone ferie a tutti.
Ezio

Commento di Enrico Calanchini [28/07/2017]:
Lavoro strordinario tutto l'insieme, l'elicottero se avesse l'elica in movimento era da pensare a un fotomontaggio con quello vero, ma anche l'autocarro bruciacchiato non scherza, i figurini contribuiscono a un fermo immagine eccellente su tutta la scena ben costruita, dall'edificio alla strada al cartello stradale. Insomma bravissimo e complimenti sinceri.

Ciao Enrico

Commento di giampaolo bianchi [24/07/2017]:
BELLA REALIZZAZIONE ROBERTO..ECCEZIONALE LA MIMETICA DEI PARA' CONSIDERATA LA SCALA.
BRAVISSIMO
GIAMPAOLO

Commento di Giovanni Olivero [28/07/2017]:
Bellissimo lavoro, ricco di dettagli, anche io mi associo ai complimenti per la mimetica del parà mi piace moltissimo l'elicottero che quasi per magia sta su.
Gianni

Commento di Roberto [29/07/2017]:
Grazie a tutti degli apprezzamenti, troppo gentili , come al solito. Le strade sono un po troppo vuote e pulite. A diorama ormai ultimato, ho proposto al mio amico se voleva un Abrams o un Bradley sulla strada, lato destro guardando. Lui ha optato per dei figurini di civili Arabi, per cui ho comprato un set di anziani arabi, con tanto di tunica, barba e turbante, più o meno intenti a commentare il volo del calabrone. Peccato che non ho preso le foto....

Commento di Maurizio Ugo [23/09/2017]:
....ciao Roby..... mi fa piacere sapere che è un modello a cui non hai potuto stargli dietro come avresti fatto su un tuo kit.... ma per è bellissimo così.... come sempre un piacevolissimo bel vedere...
un salutone maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No