Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo New
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Austin Armoured Car
Austin Armoured Car
Michelangelo Galli

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

North American F-86 E Sabre - Ezio Bottasini

(Canadair CL-13 Mk 4 Sabre)

Nel 1954/55 ben 180 Canadair CL-13 (F-86 E), in parte dismessi dalla RAF furono consegnati all’A.M.I., che li mantenne in servizio fino al 1964.
Questi velivoli erano stati ricondizionati e immatricolati con codici canadesi e all’atto della consegna recavano le stelle americane sulla mimetica inglese e i serial number canadesi.




Il progetto dell’F-86 risale ai primi anni del secondo dopoguerra, il primo volo dell’XP-86 fu effettuato il 1° ottobre 1947 ai comandi del collaudatore George Welch.
I test misero in luce le grandi potenzialità della macchina e il 26 aprile 1948 il primo XP-86 (che inizialmente fu battezzato “Silver Charger”, destriero d’argento, poi “Sabre”, sciabola), riuscì a superare la velocità del suono, sia pure in picchiata.
L’USAF aveva già ordinato 221 esemplari della prima variante di produzione, denominata P-86 A (dal giugno 1948 il prefisso P fu cambiato in F).




L’F-86 fu il primo caccia a reazione con ali a freccia dell’USAF; ebbe il battesimo del fuoco nella guerra dio Corea dove si rivelò un avversario micidiale dei MiG 15 sovietici.
Costruito in grandi quantità (8670 unità nelle varie versioni), è stato adottato non solo dai paesi della NATO ma anche da altre aviazioni.
L’industria canadese fu la principale licenziataria del progetto e realizzò diverse versioni del caccia North American; dal 1949 al 1958 ne completò 1814 distribuiti tra: Canada (760), Gran Bretagna /430), Germania Federale (300), poi Sud Africa e Colombia.
Secondo costruttore su licenza fu la Mitsubishi giapponese con 300 esemplari e la Commonwalth Aircraft Corporation australiana ne produsse 112.




Il Sabre andò in servizio con le insegne di almeno 26 Paesi, alcuni dei quali lo hanno mantenuto in servizio attivo fino agli anni ’90.
In Italia, oltre ai 180 Canadair di cui abbiano fatto cenno all’inizio e che andarono ad equipaggiare la 2° e la 4° Aerobrigata, furono costruiti su licenza dalla FIAT Aviazione 221 F-86 K, versione migliorata per l’impiego ogni tempo grazie al radar alloggiato nel caratteristico “nasone” (da cui il soprannome Sabre Dog); di questi aerei, 63 andarono all’Aeronautica Militare Italiana equipaggiando nel 1953 la 1° Aerobrigata (6°, 17°, 23° Gruppo), quando nel 1959 divenne 1° Aerobrigata Intercettori Teleguidati con l’adozione degli MIM-3 A Nike-Ercules, tutti gli aerei andarono alla 51° Aerobrigata (21°, 22°, 23° Gruppo).
Nel 1964 l’F-86 K era in linea con il 22° e 23° gruppo della 51° Aerobrigata, inoltre equipaggiava il 12° Gruppo (già della 4°), che con il 156° del 6° Stormo, trasferiti a Gioia Del Colle andarono a formare il 36° Stormo.




Le foto del modello in questo articolo, sono del “vecchio” kit Monogram in scala 1/48 del 1979 che acquistai insieme all’F-16 (apparso su questo stesso sito), dall’amico Stefano Strata a cui faccio debito omaggio.
è la riproduzione del Canadair CL-13 Sabre, quindi la versione corretta per un soggetto italiano.
Il montaggio è stato eseguito da scatola senza modifiche né autocostruzioni se non per i travetti di controventatura dei serbatoi alari.
Gli aerofreni sono stati montati aperti per fedeltà, in quanto il Sabre era caratterizzato dal fatto che i circuiti idraulici perdevano pressione a turbina spenta, quindi determinavano l’apertura degli aerofreni quando l’aereo era parcheggiato.




La colorazione è stata eseguita con i miei soliti smalti Humbrol:

  • interni: dark grey 27 e black 33 invecchiati con silver 11 con tecnica dry brusch.
  • Pozzetti e vani carrelli: aircraft blue 65 schiarito e con una “punta" di dark green 30.
  • Superfici superiori: ocean grey 106 e US dark green 116.
  • Superfici inferiori: azure blue 157 leggermente schiarito per simulare il PRU blue.
  • Serbatoi supplementari: silver 11




Il tronco di coda, nella parte alloggiante il motore, è stato spruzzato, a modello terminato, con una leggerissima “passata” di bianco opaco 34, per simulare lo sbiadimento delle vernici, delle insegne e degli stencil dovuto a surriscaldamento delle superfici causato al motore.
Le decalcomanie derivano dai fogli Tauromodel dedicati al Sabre, mentre gli stencil sono quelli originali della scatola.




Ezio Bottasini

[Gallery]

12.09.2011


Commento di Carlo Zorzoli [14/08/2013]:
I piani di coda orizzontali, avendo un diedro positivo, erano considerati superficie laterale, quindi erano dello stesso colore del tratto di fusoliera: dark green il sinistro e ocean grey il destro.
Lo so per averci volato per più di 1.600 ore!

Per il resto, COMLIMENTI.
Carlo.

Commento di ezio bottasini [19/08/2013]:
Ciao Carlo, grazie del commento e soprattutto della precisazione, sugli schemi mimetici dei fogli di istruzione è un particolare che non è descritto, tant'è vero che il risultato, seguendo tali schemi, è lì da vedere.

Grazie un caro saluto Ezio


Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No