Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

Westernstar - Australian truck - Luca Navoni




Il modello che vi vado a presentare questa volta è un Australian truck, comunemente chiamato anche "Road Train".
...questo tipo di veicolo è diffuso soltanto in Australia, dove ormai sono diventati una caratteristica, per trasportare le merci dal nord al sud del paese, poiché le strade sono caratterizzate da lunghi rettilinei. Sulla Stuart Highway, direttrice nord-sud che attraversa il deserto australiano, non vi sono limiti nell'utilizzo dei road train, e quindi è frequente vederne l'utilizzo. Tuttavia, i road train rischiano di subire la concorrenza di una linea ferroviaria aperta nel 2004 tra Alice Springs e Darwin, che ha il vantaggio della riduzione dei costi.




La costruzione di questo kit risale a un bel po' di tempo fa, alle mie "prime armi" da modellista; giaceva in uno scatolone semicostruito con decals attaccate alla meglio-peggio e una scatolina con i pezzi più piccoli e i vari accessori.
Parlando con il mio socio Danilo e mostrandogli questo "reperto fossile" della mia storia di modellista, ho voluto riprenderlo in esame e dopo una bella pulita e recuperato quasi tutti i suoi pezzi, mi sono messo all'opera; nel frattempo il socio mi ha reperito questa interessante foto e mi ha dato così lo spunto.




Di seguito alcune foto della situazione iniziale del modello.






Per prima cosa ho riprodotto i cavi e i tiranti del gancio per i rimorchi.
Prima della modifica...




...dopo la modifica.




Successivamente mi sono dedicato a tutto il resto del modello, una bella mano di fondo grigio Tamiya, un bel nero opaco per tutto il telaio del camion, bianco per la cabina e magia magia sono riuscito a reperire il cromo per tutte le varie parti cromate, perché quando le avevo staccate dal loro stampo si erano danneggiate, per i serbatoi invece ho deciso per un nero lucido e cromo solo per le pedane e non per tutto l'intero serbatoio.
Non avendo più a disposizione i suoi adesivi e alcuni dei suoi pezzi, basandomi sulla foto reperita da internet, con del nastro adesivo Tamiya mi sono dedicato alle linee arancioni che ho deciso di creare sul camion, mentre mi sono autocostruito le protezioni per il vetro che si notano sul cofano e davanti al parabrezza con della cellulosa dei rullini per macchina fotografica e la griglia ho utilizzato del tondino di metallo formato con l'aiuto di pinze e tulle da bomboniere per la rete.
Quelle che seguono sono alcune foto di come procede l'opera.








Per quanto riguarda la sporcatura, ora mi darete del pazzo ma ho utilizzato uno spruzzino riempito con colori acrilici della Maimeri: terra di siena (n°278) del giallo arancio (n°72) e del pigmento AK Interactive (Vietnam earth n°141) il tutto diluito; poi ho adagiato il modello all'interno di una vaschetta di alluminio per raccogliere il prodotto che sarebbe colato e ho incominciato a spruzzare il composto da me preparato sull'intero modello partendo dalla parte frontale verso il fianco e insistendo sulla parte posteriore.
Perché tutto ciò...!!!??? Volevo cercare di ottenere una sporcatura il più reale possibile e in questo modo il colore sarebbe colato sulle superfici inserendosi in tutte le sue parti e creandomi così una vera e propria colatura, e posso garantirvi che questi bisonti della strada ne mangiano di terra e fango.














Passiamo ora al diorama composto da pochi elementi.




il capannone è quello che mi ha portato via più tempo, tutto autocostruito con listelli di legno e chiodini, i pezzi di lamiera che compongono il tetto li ottenuti schiacciando del lamierino in mezzo a due stampi in plastica che riproducono la lamiera ondulata; il tutto è stato colorato a pennello poi ho scrostato la vernice con della semplicissima carta abrasiva e sottoposto il tutto a qualche lavaggio.












All'interno del capannone ho inserito alcuni oggetti di contorno, come uno pneumatico, una pompa idraulica, una catena, ecc.










Il cartello è autocostruito utilizzando un listello a sezione quadrata per il palo di sostegno, due pezzetti di catena e due pezzetti ritagliati da balsa.




Per quanto riguarda il terreno è una mescola di acqua, colla vinilica e sabbia per canarini passata con un setaccio molto fine per eliminare tutte le impurità; una volta steso il composto e lasciato asciugare, ho passato una mano di vernice spray red-brown, poi sono passato ai colori acrilici a pennello e in fine una passata con un pennello asciutto e pigmenti AK Interactive.
Per concludere ecco alcune foto dell'intero diorama.
















Un saluto a tutti, Luca.


Luca Navoni

[Gallery]

Gruppo Modellisti Ravenna

13.09.2016




Commento di ezio bottasini [15/09/2016]:
Ciao Luca, con sullo sfondo l'Ayers Rock, non si sarebbe distinto dall'originale. Un realismo incredibile, veramente magistrale. Prova a trovare una foto con lo sfendo sopracitato e postala.....
Complimentoni alla prossima Ezio

Commento di giovenco giuseppe [15/09/2016]:
non mi dire che ti stai preparando per Varedo!!!!!
questo australian truck mi fa tanto pezzo in concorso - bello l'interno del capannone con i suoi particolari - ormai i deserti del mondo sono il tuo pane : dal Sahara libico a quello australiano non hai più confini - bravo Luca - il prossimo sarà nel deserto del Gobi? o torni in Africa, magari nella Namibia?

Commento di Riccardo casati [15/09/2016]:
Luca veramente un lavoro bellissimo ...molto curato mi piace tutto, il camion ben fatto , perfetto l'effetto polvere ..e che dire del capanno., sembra vero invecchiato benissimo ....tutto molto bello ....sei sempre bravissimo

Un salutone Riccardo

Commento di Giampaolo Bianchi [15/09/2016]:
Caro Luca un ennesimo capolavoro!!geniale ma da brivido L'idea di immergere il modello nella soluzione cromatica da te ideata..ma il risultato è meglio del reale. Un encomio solenne al capannone riprodotto magistralmente. .una sola domanda..che scala è il modello?
Un caro saluto.
Giampaolo.

Commento di Francesco Sasso [15/09/2016]:
Ciao Luca, grandissimo lavoro.. super dettagliato!
Mi piace molto l'effetto sporcatura che hai applicato.. è veramente realistico!
L'ambientazione non è da meno.. davvero un lavoro eccellente a parer mio!
Un abbraccio
Francesco

Commento di Lauro Bonfà [15/09/2016]:
E bravo Luca che hai saputo ridare vita a questo reperto modellistico, lo trovo molto realistico, sporcato e usurato in modo eccellente. Trovo nella sua semplicità anche tutto l'insieme del diorama molto interessante e piacevole. Complimentoni.
Lauro

Commento di Luca Navoni [16/09/2016]:
Ragazzi che dire mi lasciate senza parole.... ....un grazie a tutti per i vostri commenti e apprezzamenti.....!!!!

Caro Giuseppe è probabile che a Varedo ci vediamo, ma con un paio di pezzi che qui ancora non avete visto... ...o almeno per ora... ..e per quanto riguarda un deserto centrerà anche nel prossimo diorama ma torniamo in quello Afgano.... ;-)

Per Giampaolo, ma anche per tutti gli altri perché nell'articolo non l'ho citato, la scala è 1/24....
....immergere il modello nella soluzione cromatica pensata da me è stato un'azzardo ma direi che alla fine da il suo effetto.....

ancora un grazie e un salutone a tutti, Luca

Commento di Vito [16/09/2016]:
Ciao Luca
Spettacolare spettacolare e spettacolare !!!!
Grandissima realizzazione
Vito

Commento di Gianni [22/09/2016]:
Ciao Luca questo tuo lavoro è un capolavoro veramente molto bello e strarealistico? non me la conti giusta quando parli dello spruzzino perché se le sporcature vengono così accurate lo compro anche io; si vede che c'è un'attenzione ai particolari maniacale...e tutto perfetto.
bravissimo
Gianni

Commento di maurizio ugo [13/11/2016]:
....ciao Luca, vorrei vedere un tuo modello brutto e mal fatto per avere la certezza che sei bravo anche te a fare cose brutte e malfatte....scherzo lo sai.... COMPLIMENTONI... davvero...
un abbracio maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No