Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola New
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Come Back
I’ll Come Back
Pietro Ballarini

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Piaggio P.108A "Artigliere" - Dino Dall'Asta




Nella primavera del 1942, emerse la necessità di disporre di un aereo che potesse colpire il naviglio nemico che transitava nel Mediterraneo, bacino che era sempre più percorso dalle navi alleate.
Fu preso in considerazione il quadrimotore Piaggio P.108B, già in linea come classico bombardiere strategico pesante, ipotizzando di farne un impiego prettamente antinave, similmente al quadrimotore tedesco Focke Wulf FW 200 Condor che già operava in questo ruolo in Oceano Atlantico in appoggio agli U-Boot.
Inizialmente fu valutato come aerosilurante, con armamento composto da tre siluri convenzionali da 450 mm o da due radiocomandati Crocchi A/170, poi, con il parere favorevole dell’Ing. Giovanni Casiraghi progettista del velivolo, fu presa la decisione finale di installare un cannone di grosso calibro in fusoliera.
Al riguardo vennero coinvolte la stessa Piaggio, l’Ansaldo per l’arma e la San Giorgio per realizzare il relativo sistema di puntamento.


Piaggio P.108A

Primo piano sulla volata del cannone sporgente dal muso


Il muso vetrato fu radicalmente modificato, divenendo corto e sfuggente per agevolare l’osservazione del bersaglio, il suo rivestimento fu rinforzato con lamiere di maggior spessore ed attorno alla bocca da fuoco furono applicati pannelli d’acciaio inossidabile al posto di quelli in dural (lega di alluminio, rame e magnesio) che non sopportavano il calore della vampa.
Il prototipo fu denominato P.108A (A per artigliere) e con matricola MM.24318 compì nel marzo 1943 il suo primo volo.
Per l’armamento fu scelto il cannone contraereo e controcarro Ansaldo mod.41C da 90/53 la cui canna venne però rialesata a 102 mm, in modo di ridurla a 40 calibri e accorciandola così di 69 cm. (dai miei ricordi del servizio militare svolto in Artiglieria la lunghezza della canna, dal vivo di volata al vivo di culatta, si ottiene moltiplicando il diametro interno per il numero dei calibri, quindi 102x40 = 4,08 m).



Installazione sperimentale del cannone presso l’Ansaldo


Piaggio P.108A

Schema posizionamento del cannone con un alzo negativo


Furono effettuati sul mare i primi tiri di prova e non ci furono particolari problemi nonostante il cannone pesasse oltre 1500 kg ed esercitasse un notevole rinculo, così come non ve ne furono per il trasporto dei 53 proiettili da 13,75 kg, di cui 47 in riservetta e 6 in un caricatore a tamburo comandato idraulicamente.
La celerità di tiro dipendeva dall’abilità del servente e in condizioni ottimali poteva raggiungere i 20 colpi al minuto, mentre la distanza di sparo era compresa tra i 4 e 10 km ad una quota non superiore ai 1700 m, oltre la quale la linea di mira veniva intercettata dal muso.
Le prove proseguirono per diversi mesi, spostandosi in altre località della Penisola, sempre con risultati positivi grazie anche allo speciale traguardo di puntamento che nel frattempo la San Giorgio era riuscita a realizzare.
Ma l’armistizio sopraggiunse prima della sua effettiva operatività.



Il P.108A presso il 2° Centro Sperimentale di Roma-Furbara nel marzo 1943


Fu requisito dai tedeschi sul campo di Villanova d’Albenga dov’era parcheggiato e con le nuove insegne fu trasferito il 7 aprile 1944 in Germania a Rechlin, dove successivamente fu distrutto da un bombardamento nemico.



Il P.108A presso il campo di Villanova d’Albenga


Il modello scala 1:72
Il kit in plastica, con alcune parti in resina, è della ceca Special Hobby e da troppi anni giaceva nel mio archivio, anche se al tempo dell’acquisto mi aveva subito interessato per la sua singolarità, una variante poco conosciuta del più noto bombardiere pesante.
Così, complice il clima natalizio e sebbene siano passati alcuni decenni dall’ultimo aereo realizzato mi sono deciso ad assemblarlo, previa naturalmente la consueta ricerca storica su questo velivolo.






Il modello purtroppo si è rivelato ostico e problematico fin dall’inizio, riscontrando anche delle inesattezze, approssimazioni e mancanze; le stampate poi non sono delle migliori, tant’è che ho perso più tempo del dovuto a stuccare, levigare, e soprattutto aggiustare…quasi uno short run duro e puro!
Abbastanza deluso e non esistendo aftermarket migliorativi ho tacitato la mia coscienza modellistica, scegliendo di assemblarlo semplicemente come da scatola e come extra limitandomi soltanto a:
- inserire le luci di posizione alle estremità delle ali
- ricavare sulla parte destra una botola d’accesso ventrale e appendere la scaletta retrattile che ho auto costruito
- sostituire il supporto in plastica dell’antenna radio con uno metallico, ciò per evitare l’eventuale suo piegamento nel tendere il relativo filo
- posizionare nei posti affiancati in carlinga i figurini dei due piloti e in fusoliera quello di un mitragliere la cui testa emerge in una delle cupolette dorsali, dove visivamente comandava a distanza la competente torretta disposta sul motore e armata con due mitragliatrici Breda SAFAT da 12,7 mm

Piaggio P.108A

Botola ventrale ingresso in fusoliera e scaletta retrattile



Schema comando torrette Breda tipo Z.2


La scatola offre un unico tipo di colorazione e due versioni: tedesca e italiana; scegliendo quest’ultima ho eseguito la verniciatura, previa stesura di primer metallico della Army Painter, con il solo uso del pennello e di acrilici della Life Color, tra cui il kit composto da sei colori espressamente dedicati alla Regia Aeronautica.






Mi sono servito del liquido Synthaglass della Toffano per "finestrare" le due persiane avvolgibili laterali, che nella realtà erano composte da liste di dural e plexiglass attraverso le quali il mitragliere poteva controllare quanto avveniva esternamente e quindi entrare in azione al momento opportuno, sporgendo in fuori la canna della mitragliatrice Breda SAFAT da 7,7 mm montata su apposita sospensione cardanica.
Problematica è stata anche la posa delle relative decals: purtroppo alcune si frantumavano e non sono riuscito a metterle, così pure per la croce sabauda sul timone che ho verniciato ex novo.
Col senno di poi avrei dovuto verificare la loro integrità e preventivamente usare il liquido Decal Film della Microscale, ma all’inizio si staccavano normalmente, contrariamente a quelle che poi avrei dovuto applicare alle singole pale delle eliche.
Insomma, giungere a completare il velivolo, che tra l’altro aveva rischiato più volte di decollare direttamente dalla finestra, è stata una vera odissea ma anche una sfida, che però preferirei non ripetere più in futuro.
Non so se sfortunatamente mi è capitata una scatola vintage o se i kits in questa scala della ditta produttrice sono già di per sé così problematici, visto che non ho esperienza al riguardo.






Dopo aver dato un lieve lavaggio e una leggera usura al prototipo, mi sono dedicato all’ambientazione, cercando di ricreare il terreno similmente a quello rappresentato nella soprastante fotografia a colori dell’aeroporto di Furbara.
Su una tavoletta in medium density da 40x40x2 cm, i cui bordi sono stati verniciati con colore noce medio satinato, ho spalmato uno strato di "Terra Grezza" in pasta della True Earth per simulare il tratto sterrato della pista e dopo aver testurizzato il tutto con un pennello grezzo ho aggiunto anche un po’ di polvere di intonachino e in modo non omogeneo della sabbia marina.
Nella porzione rimanente della base a prato, ho steso dapprima uno strato leggero di vinavil sul quale ho cosparso della sabbia, poi una volta asciutto un altro strato di vinavil sul quale ho fatto piovere dell’erba sintetica, unitamente a un mix di materiale naturale di varia estrazione sminuzzato finemente.




Per un maggior realismo e ipotizzando che il velivolo con il personale a bordo sia in fase di verifica/controllo degli strumenti e dell’armamento prima di avviare i motori e portarsi sulla pista per il decollo, ho posizionato come mezzi di servizio e assistenza i modellini di un’autopompa con serbatoio VVF mod. Fiat 1100 APS e di un’ambulanza CRI mod. Fiat 1100L carrozzeria Viberti.
Quest’ultimi sono prodotti dalla Italian Kits e nonostante le piccole dimensioni è stato piacevole e rilassante assemblarli, sia per l’ottima qualità della resina che per la precisione dei numerosi dettagli.




Come era in uso durante il periodo bellico entrambi presentano sui parafanghi ampie bande bianche per il riconoscimento notturno, mentre la colorazione variava dal verde mimetico al rosso per l’autopompa, mentre per l’ambulanza dal verde mimetico al grigio, raramente il bianco per la versione in uso alla CRI e il rosso per quella in uso ai VVF.




Ho poi aggiunto dei figurini in varie pose, compresi anche quelli a bordo, della Revell: avieri e personale di terra della Luftwaffe che però ho trasformato in italici applicando il colore delle relative divise e tute come da alcune foto dell’epoca che ho trovato nel web (una bella varietà di abbigliamento e di colori che vanno dal classico grigio azzurro, al beige ed al grigio entrambi in varie tonalità).
Una dozzina di fusti di carburante di produzione Italian Kits e alcuni accessori provenienti dalla mia scorta hanno completato il diorama.




Infine, ho applicato sul bordo frontale della base una lastrina in ottone da 13x2 cm con inciso il nome del quadrimotore affiancato dall’immagine dello stemma della Regia Aeronautica e ho posto il tutto al riparo di una teca in metacrilato della Essebiemme.




Tutto sommato, nel suo complesso, è stato soddisfacente realizzare questo lavoro, anche se non è stato semplice, se non con grande determinazione, il tentativo di migliorare e presentare degnamente il velivolo (chiedo venia ai puristi aeroplanari).
E dopo aver letto da qualche parte che un modellino si dice ben fatto quando "viene la voglia di salirci dentro", spero che, nonostante tutto, a qualcuno di voi sorga questo desiderio...


Dino Dall'Asta

[Gallery]

27.01.2016

Bibliografia e immagini.
  • Giancarlo Garello "Piaggio P.108" Ali d’Italia n° 15 ed. Giorgio Apostolo - 2000
  • Nico Sgarlato "Piaggio P.108 la fortezza della Regia" ed. Delta Editrice - 2007
  • Ferdinando Prediali "Il Piaggio P.108: un aereo allo sbaraglio" Storia Militare Aprile 2000




Commento di ezio bottasini [28/01/2016]:
Carissimo Dino ciao, imponente lavoro, peccato e, mi dispiace veramente dirlo, ad un amico e pregevole modellista come te, che se non avesse alcuni errori tipo un vistoso silvering delle coccarde alari ed una non proprio precisa verniciatura, sarebbe stato un temibile concorrente per Giussano; fortuna che Tu pricipalmente fai ottime navi. Non voglio fare il Roberto di turno; comunque l'ambientazione, i mezzi e i figurini sono ottimi, peccato per l'aereo......scusa se sono stato, contrariamente al mio solito un po' pesante nella critica, ma un tale soggeto meritava nelle finiture qualcosa di più, soprattutto, conoscendo il modello, fatto in versione bombardiere, anni fa, per l'imopegno che richiede la sua realizzazione.
Ciao a presto Ezio

Commento di Marco Vergani [28/01/2016]:
Bravo Dino ...... mi piace molto.
Anche se i modelli in 1/72 non sono il mio pane, troppo piccoli, questo kit è stato costruito a "regola d'arte". Spero di vederlo dal vivo a Giussano.
Buon anno, Marco

Commento di Enrico Calanchini [28/01/2016]:
Ciao Dino, come appassionato di Regia senza essere di parte,ti faccio i miei complimenti per questa tua esecuzione davvero bella e di ottimo effetto ambientale. Anche la descrizione storicotecnica e modellistica completa egregiamente quanto hai realizzato.L'esordio aeronautico dopo un lustro mi fa ben sperare che ci sia un seguito.
Saluti Enrico

Commento di PIETRO [28/01/2016]:
Ciao Dino,
Bel soggetto , ottima scenetta.
Per il 'silvering' sulle coccarde io opterei per un ritocco verde a pennello doppio 0 per coprirlo.
Pietro

Commento di Max "Pitchup" [28/01/2016]:
Posso assicurarti che se non mi è venuta voglia di salirci sopra è solo perchè ho una paura fottuta di volare (malgrado di aerei ne abbia presi molti per lavoro)!!!
Bellissimo lavoro!
Massimo "Pitchup"

Commento di Riccardo casati [28/01/2016]:
Bellissimo lavoro Dino e sempre grande ricerca storica e modelli inediti ...tutto veramente bello e curato come sempre ...si preannuncia un altra medaglia anche con questo bel lavoro ...sei veramente un grande modellista anche sotto il profilo della ricerca storica ...un abbraccio

Riccardo

Commento di Vito [28/01/2016]:
Ciao Dino
Una accattivante scenetta nel suo complesso.
Se teniamo presente che:
Il kit di partenza è uno di quelli da uomini veri !
Che le decal avranno più o meno la tua età :-)
Che è dipinto a pennello
E che non sei un aeroplanaro
Io dal mio modesto sapere modellistico lo promuovo a pieni voti !
A presto Vito

Commento di Lauro Bonfa' [28/01/2016]:
Complimenti Dino per questo diorama davvero ben riuscito. Accattivante l'aereo,come i mezzi e i figurini,e molto convincente il terreno. Mi ha molto interessato leggere il Report che accompagna il tuo non facile lavoro. Spero in futuro di vederlo in qualche Mostra esposto.
Lauro

Commento di Mario Bentivoglio [28/01/2016]:
SPLENDIDO lavoro Dino !!!!!!!!!!
complimenti!!!! un salutone
ciaoo

Commento di Dino Dall'Asta [28/01/2016]:
Grazie a tutti per i vostri commenti.
X Ezio grazie per la sincerità, ti aspettavo al varco: volutamente non ho ritoccato le decals alari, erano talmente fragili e io esasperato che non ho messo neanche l'opaco per smorzare un po' l'effetto silvering nel timore di peggiorare la situazione e avevo già cannibalizzato quelle poste sotto le ali.
Conscio di questo ed altri difetti non lo porterò a nessuna mostra e riposa ora su un piano di scaffalatura nel mio box auto... (fuori dalla vista)
Dino

Commento di Francesco Sasso [28/01/2016]:
Ciao Dino.. molto bello questo diorama, corredato da una ricerca storica e dei particolari davvero notevole... devi essere molto soddisfatto del risultato ottenuto a parer mio… la cosa più importante è il fatto che ti sia divertito nel realizzarlo, sei stato davvero bravo.
Aspetto di vedere presto altri capolavori sulla Guerra di Secessione Americana.
Con affetto, Francesco

Commento di Roberto [28/01/2016]:
Bravo Dino,
un soggetto non facile, ma alla fine sono proprio questi che danno le soddisfazioni più grandi.

Roberto

Commento di ezio bottasini [29/01/2016]:
Carissimo Dino, non volevo farti abbattere così brutalmente questo tuo grosso lavoro (grosso in tutti i sensi), vista l'ambientazione e la particolarità dell'aereo trovo sia giusto dargli una meritata collocazione insieme agli altri tuoi ottimi lavori.
A presto Ezio

Commento di Marco Vergani [29/01/2016]:
Sono d'accordissimo con Ezio nell'affermare che il modello non merita una così dura punizione ..... puoi, al limite, regalarlo ad Ezio ...... lui il posto sicuramente lo trova.... :-) :-) :-)
ciao, Marco

Commento di Dino Dall'Asta [29/01/2016]:
Grazie anche alle vostre parole mi sto riappacificando con il Piaggio, senz'altro lo riprenderò, seguendo il consiglio di Pietro e cercherò una più consona sistemazione.
Forse non sono riuscito a dare quel tocco in più che desideravo, comunque mi sono divertito nonostante tutto...
Dino

Commento di giuseppe giovenco [29/01/2016]:
Dino!! - ho capito perché hai inserito nel diorama l'ambulanza : è per il mal di testa che ti è venuto nel realizzare questo spaccato di quadrimotore della Regia!!! - eh, .....sì!!! dopo l'esperienza a mezz'aria del Nautilus, sei ritornato con le ruote a terra - mi fa piacere riscoprirti in questa versione da kit di montaggio - alla prossima con grande piacere - giuseppe

Commento di Luca Navoni [29/01/2016]:
Ciao Dino,

bhe tenendo presente che il kit come dici tu è stile vintage e che non sei un'aeroplanaro, direi che hai fatto un'ottimo lavoro e si parla poi di scala 72, quindi anche dimensioni ridotte di lavoro....

....complimenti, un saluto, Luca

Commento di giampaolo bianchi [29/01/2016]:
carissimo Dino per me che non sono ancora giunto a tali livelli (considerata la scala) mi appare come un capolavoro. ti ringrazio per l'eccellente ricostruzione storica.
Ciao
Giampaolo

Commento di maurizio ugo [29/01/2016]:
...ciao Dino, grazie per l'articolo del tuo modello, spero che mi servirà da stimolo a fare il mio che è pronto al 80%, comunque tornando al tuo modello, piacevolissimo, insieme al diorama che non offusca il principale protagonista, in nostro P 108A , ma che fa da contorno discretamente ma con una qualità notevole, mi piace veramente, complimenti!!!
un salutone maurizio

Commento di Gianni [30/01/2016]:
Complimenti, un lavoro decisamente impegnativo, ho sorriso quando dicevi che avrebbe preso il volo dalla finestra, mi è piaciuta molto la descrizione storica, ed una certa curiosità l'ho provata nell'immaginarlo in un'azione di guerra. Anche io noto una verniciatura non troppo bella, ma, mentre scrivo penso: "senti chi parla" .
Complimenti ancora
Gianni

Commento di Dino Dall'Asta [30/01/2016]:
Che dire...ringrazio ancora per questi ultimi commenti.
Dino

Commento di Renzo [01/02/2016]:
Il lavoro che hai fatto ha raggiunto ben 18 commenti favorevolissimi in 3 giorni comprendenti anche qualche consiglio utile. Vuol dire che il lavoro ha attratto una particolare attenzione di chi Ti segue nel meraviglioso Tuo Hobby. Imposta subito un altro diorama aeronautico e dimostra che non sei solo IL bravissimo nel navale.
Aggiungo anche i miei particolari complimenti.
Renzo.

Commento di cristiano Montagnani [01/04/2016]:
Ciao Dino
da "Piaggista" lavoro ormai alla Piaggio dal 1992 non posso che non farti i complimenti..
Ottimo lavoro curato nei minimi particolari.
Un saluto
Cristiano



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No