Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  I prossimi eventi

AMP


Hobby & Model Show a Forlì
12-13 maggio 2018


Milano Scale Model 2018


Milano Scale Model
12-13 maggio 2018

Fiat G-55 Centauro - Angelo Battistelli

1^ Squadriglia 2 Secondo Gruppo Caccia "Gigi Tre Osei"




La Storia
Dopo il Macchi MC 205 Veltro e il Reggiane Re 2005, il Fiat G-55 fu un altro velivolo ad utilizzare l'impianto propulsivo a dodici cilindri Daimler Benz D.B. 605 costruito su licenza in Italia (Fiat R.A. 1050 Tifone).
La triade gli valse l'appellativo de"i Caccia della Serie Cinque".
Costruito in alluminio, possedeva un'estesa apertura alare e una elevata velocità che gli consentiva soprattutto ad alta quota ottime prestazioni.
I G-55 della Serie 0 erano dotati di due mitragliatrici Breda Safat 12,7 m.m. due superiori e due inferiori in fusoliera e da un cannoncino Mauser MG 151 da 20 m.m. sparante dal mozzo dell'elica.
Nei G-55 della Serie 1 le mitragliatrici inferiori furono sostituite da due cannoncini Mauser MG 151 sulle ali.
Velocità massima 630 km/h; quota di tangenza 12.700 m.; raggiungeva i 6.000 metri in 7 min.; l'autonomia era di 1630 km. Dimensioni lung. 9,37 m. apertura alare 11,85 m.; p.max al decollo 3720 kg.
L'intento del Comando Aeronautico italiano era quello di dotarsi di un velivolo in grado di fronteggiare i velivoli alleati ma il succedersi di avvenimenti e la discontinuità di produzione dovuta ai bombardamenti, sabotaggi e scioperi delle linee di montaggio fecero in modo che solo una limitata quantità fu in grado di entrare in combattimento, ormai la superiorità aerea era così schiacciante da non consentire il cambiamento delle fasi della guerra aerea in favore dell' Italia.




Questo aereo volò per la prima volta nell' Aprile del 1942 ai comandi del collaudatore Comte Valentino Cus.
Consegnato ai reparti della Regia Aeronautica nell' Agosto del 43 fu molto apprezzato dai piloti e invidiato dai tedeschi visto che si interessarono ad un futuro acquisto di una certa aliquota dell' elegante caccia.
Nel corso del suo breve servizio operativo svolto prevalentemente sotto le insegne dell' Aviazione della Repubblica Sociale Italiana si dimostrò un valido intercettore d'alta quota.
Nei combattimenti aerei nel nord Italia fu un avversario temibile in grado di fronteggiare velivoli di provenienza alleata come i P-38 Lightning, P-51 Mustang, P-47 Thunderbolt e gli stessi Spitfire.
Prima dell'Armistizio ebbe un ruolo assai limitato nella Regia Aeronautica (35 caccia nelle Squadriglie 351^, 352^, 353^, 51' Stormo e 372^ 153' Gruppo Caccia ) partecipando a numerose missioni di intercettazione di formazioni di aerei alleati che bombardavano le città italiane.
Con il precipitare degli eventi l'8 Settembre 1943 i tedeschi requisirono un numero imprecisato di velivoli italiani e molti furono i caccia Centauro ridipinti con le insegne della Luftwaffe.
Li riavranno i piloti dell'Aeronautica Nazionale Repubblicana con i quali una volta ridipinti con i contrassegni italiani lotteranno una breve e sanguinosa battaglia nei cieli della Pianura Padana prima di sostituirli con i Messerschmitt Bf 109.
Sarà allestita anche una versione aerosilurante denominata G-55 S e un prototipo denominato G-56.




Il modello
Il kit utilizzato è della Pacific Coast Models in scala 1/32.
Dopo aver completato il modello, il foglio di decals fornito dal kit offriva diversi spunti per "vestire" lo splendido caccia dalle linee armoniose con una livrea mimetica diversa dalsolito Verde Oliva Scuro 2 comune a questo velivolo e per questo ho scelto il Centauro appartenente alla 1^ Squadriglia, Secondo Gruppo Caccia "Gigi Tre Osei" con base a Cascina Vaga (Pavia) nel 1944 con schema del colorazione di tipo tedesco nei tre toni di grigio R.L.M.


















Per la verniciatura a spruzzo ho utilizzato i colori acrilici Gunze Sangyo molto diluiti e schiariti per riprodurre l'effetto di usura del caccia; dopo l'applicazione del trasparente lucido ho posizionato le decals con successiva mano di trasparente lucido, lavaggio ad olio nero-marrone su tutte le superfici conclusasi con due leggere mani di trasparente opaco. Cofanatura inferiore in giallo e fascia bianca in fusoliera.












Perché ilG-55 n. "6 Nero"
Il 25 Maggio del 1944 il Fiat G-55 n."6 Nero" partecipò insieme ad altri 16 caccia italiani (2' Gruppo Caccia) dello stesso tipo decollati dagli aeroporti Bresso e Cascina Vaga ad un combattimento aereo a 4.000 metri sopra il cielo di Piacenza contro una formazione di 100 Fortezze Volanti B-24 Liberator scortati da 40 caccia bimotore P-38 Lightning.
Un B-24 venne abbattuto insieme ad un P-38 Lightning ad opera di due aviatori italiani Mllo. Pil.Feliciani e Ten.Pil. Orsolan (quest'ultimo perderà la vita precipitando con il suo aereo a Pietra Perduca Travo , Piacenza) mentre il Centauro n.6 Nero rientrerà alla base di Cascina Vaga (Pavia) dopo 55 minuti di combattimento; ai comandi del caccia c'era il Sottotenente Pilota Amedeo Fagiano.






Commento di Enrico Calanchini [13/12/2017]:
Impeccabile come ogni tua realizzazione, concisa ma esauriente la presentazione e fotografato al meglio Complimenti strameritati molto bravo.
Ciao Enrico

Commento di ezio bottasini [14/12/2017]:
Ciao Angelo, splendido, quando vedo questo aereo mi viene in mente mio papà, di cui ho una foto del tempo di guerra che sta a cavalcioni della carlinga a Lonate Pozzolo dove era di base... ne ho fatto uno anch'io ad inizio anno in 48 con la mimetica sperimentale a tre toni con il 7 nero di Ugo Drago.
Ciao complimenti bellissimo.
Al prossimo Ezio

Commento di Valter vaudagna [14/12/2017]:
Bravo.. bel lavoro... il G 55 della pacific coast purtroppo mi manca.. Vabbe mi guardo il tuo.. mi avanzo un bel Po di lavoro.
Affascinante aereo sopratutto nelle colorazioni che ha avuto

Commento di Lauro Bonfà [14/12/2017]:
Aereo veramente molto bello di suo, che hai saputo magistralmente rendere eccellente dal punto di vista modellistico. Complimenti anche per il Report storico.

Commento di marco vergani [14/12/2017]:
BELLO ... MI PIACE!!
Avrei solo "arricchito" un pochino la basetta con ciuffi d'erba e una leggera "spolverata" di erba da fermodellismo .... magari anche qualche piccolo arbusto, tanto per dare un tocco di colore ....
Un'altra cosa che mi piace aggiungere in un diorama è una figura umana che da proporzione della grandezza del velivolo/modello, ma questo è una cosa del tutto personale.
Un caro saluto.
Marco

Commento di Gianni [14/12/2017]:
Sempre molto belli i tuoi lavori Angelo, come i precedenti anche questo laoro è pulito e preciso con le notizie storiche che ci portano indietro nel tempo.
Gianni

Commento di maurizio ugo [11/01/2018]:
...Ciao Angelo, questo lo considero il più tosto dei velivoli con motore in linea, dico tosto, perché il più bello è il 202 Folgore, almeno per me ...il modello, comunque è bellissimo, preciso e rappresentativo, mi piace, forse leggermente poco vissuto, ma in foto forse non rende, e poi non so effettivamente quanto poteva essere "usurato" l'originale... complimenti
un salutone
maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No