Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

Dino Dall'Asta - Gallery

Soviet Torpedo Boat G-5

La G-5, il cui progetto fu sviluppato dal noto ingegnere aeronautico Andrei Tupolev, era una motosilurante costiera della Marina sovietica in servizio nel secondo conflitto mondiale, dall’aspetto così inconsueto da renderla più simile ad un piccolo sommergibile che a una unità veloce di superficie.

Torpedo Boat U.S.S. Spuyten Duyvil

L’USS Spuyten Duyvil era una torpediniera corazzata semisommergibile, appositamente progettata per avvicinare una nave nemica e rilasciare una carica esplosiva galleggiante direttamente sotto il suo scafo, per poi allontanarsi e farla esplodere a distanza di sicurezza.
A questo scopo, poteva immergersi parzialmente per presentare così un bersaglio minimo al fuoco nemico.

Sommergibile "Turtle"

Non potevo lasciarmi sfuggire questo originale e incredibile modellino, per cui non ho esitato ad acquistare il kit dalla statunitense Cottage Industry Models.
Lo scafo, in resina di color bianco, si presenta in due pezzi tagliati in asse orizzontalmente che si uniscono perfettamente a incastro, senza bisogno di aggiustamenti o stuccature varie.

Ironclad U.S.S. Monitor

Anche questo kit in scala 1:96 della statunitense Cottage Industry Models mi ha incuriosito per l’originalità della sua forma e appassionato per la sua storia: il Monitor divenne il capostipite innovativo delle navi corazzate, ne furono costruite altre della stessa classe anche con due o tre torrette e via via migliorate nella loro capacità di navigazione.

Ambulanza Land Rover 7

Il modello Tamiya è veramente un ottimo kit, certamente fuori produzione, dalle stampate ben dettagliate e precise che ho assemblato perfettamente senza aggiustamenti o stuccature varie.
Dopo una spruzzata di primer in bomboletta color grigio, ho eseguito la verniciatura a pennello con acrilici Tamiya, dando poi invecchiamento, lavaggio ed usura in forma leggera.

U.S. Picket Boat

Il kit, in scala 1:96, con parti in resina di color bianco e in metallo, della statunitense Cottage Industry Models, mi ha incuriosito sia per la singolarità di questa imbarcazione, progenitrice delle future torpediniere, che per il ruolo che ha ricoperto nella Civil War americana.

Sommergibile U.S.S. Alligator

All'inizio della guerra civile americana, le rispettive Marine militari volsero l’attenzione verso un singolare progetto che, grazie all’inventiva di pochi, iniziava a svilupparsi: la realizzazione, per giunta a basso costo di costruzione, di un battello che navigando sott’acqua costituisse una nuova formidabile arma offensiva.

Piaggio P.108A "Artigliere"

Il kit in plastica, con alcune parti in resina, è della ceca Special Hobby e da troppi anni giaceva nel mio archivio, anche se al tempo dell’acquisto mi aveva subito interessato per la sua singolarità, una variante poco conosciuta del più noto bombardiere pesante.

Catapulta Normanna

In uso nel secolo XI, la catapulta può essere considerata la progenitrice dei moderni mortai ed ebbe un largo impiego fino alla nascita dei primi cannoni ad avancarica.
Era una tipica macchina d’assedio ed il lancio dei proiettili avveniva mediante l’azione della forza di gravità di due grossi contrappesi.

Sous-marin Nautilus

Il Nautilus è stato il primo vero sommergibile funzionante della Storia: fu progettato verso la fine del ‘700 da Robert Fulton, ingegnere e inventore statunitense della Pennsylvania trasferitosi in quegli anni in Francia.
Non ho ho incontrato alcuna difficoltà a realizzarlo, vuoi per le dimensioni contenute che per la semplicità di montaggio dei vari componenti in resina di color bianco.

Torpedo boat C.S.S. David

Questo semi-sommergibile, in pratica un vero e proprio battello d’assalto, fu costruito a Charleston, nella Carolina del Sud, ad opera dei Confederati nel 1863 in piena Guerra Civile, con lo scopo soprattutto di sorprendere le navi unioniste con mezzi decisamente costruiti a basso costo, facili da realizzare ma non sempre perfettamente funzionanti.

Torpedine "Mignatta S.2"

È il mio primo diorama dedicato alla Grande Guerra; ho cercato di ricreare un’ambientazione storicamente verosimile, in mancanza al riguardo di idonea documentazione sia fotografica che descrittiva.
Anche in questo caso ho scelto un soggetto poco conosciuto ma che ha avuto sul finire del conflitto una enorme risonanza per via di un unica riuscita missione.

C.S.S. Tennessee

Il kit di questa nave: mi ha colpito per l’originalità della sua forma, ma soprattutto per la singolare disposizione a doghe verticali del rivestimento in legno sia della casamatta che dei bordi curvi dello scafo, un’opera di falegnameria notevole soprattutto eseguita in tempi di guerra.

Yacht d'Oro

Imbarcazione brandeburghese del secolo XVII, conosciuta anche come "Nuovo Yacht" o "Grande Yacht", fu costruita a Kolberg negli anni 1678-79, ad opera del maestro carpentiere Peckelherius.
Il veliero qui rappresentato, era l’evoluzione dei primi simili battelli, leggeri e veloci, destinati a compiti di commercio, di esplorazione e di avviso di mezzo rapido di comunicazione.

Land-Wasser-Schlepper e Neger

Come è mia consuetudine ricercare modellini di mezzi militari originali e poco conosciuti, ho individuato e acquistato l’anno scorso presso uno stand a Novegro il kit dell’LWS della Bronco, mettendolo provvisoriamente da parte... in attesa.

"D-Day 1944" - L.C.M. 3 e Sherman M4A1

Ho realizzato questo diorama in occasione del 60º anniversario di questo famoso evento bellico ed ora lo propongo a distanza di dieci anni proprio per questa nuova ricorrenza.
Su una base rettangolare di Airpop, ho appoggiato una lastra in misura di metacrilato effetto acqua della Essebiemme, preventivamente colorata dal di sotto con acrilici.

H.M.S. President

Era la tipica fregata leggera a tre alberi, lunga 31,20 m, veloce e maneggevole; costruita in Inghilterra in diversi esemplari tra il 1730 ed il 1760 poteva raggiungere la velocità di 12 nodi ed era armata con 6+6 corronate disposte ai lati sul ponte di coperta.

M.T.M. - S.L.C. - M.T.L.

Ho realizzato questi due diorami in scala 1:35 circa otto anni fa, con l’intento di evidenziare quei mezzi d’assalto navali della nostra Marina, originali e poco conosciuti, che, grazie all’ingegno di pochi e all’eroismo di molti, hanno compiuto imprese eccezionali durante l’ultimo conflitto mondiale.

Prima del fuoco

Ho realizzato questo diorama ambientandolo sul fronte orientale nell’inverno del ‘44: una postazione di lanciarazzi Nebelwerfer, immaginandola facente parte di una linea scaglionata di difesa per contrastare o quantomeno rallentare la progressiva avanzata dell’esercito russo.

Caesar - Bireme romana 30 a.C.

La bireme era la classica nave da battaglia che, unitamente alla trireme, rappresentava il fulcro della Marina di Roma.
Evoluzione della pari imbarcazione greca, era molto maneggevole in battaglia, veloce e rapida nelle manovre spinta dalla forza muscolare di due file di rematori posti sulla stessa panca.

Sturmtiger e Panzernest

Tutto è iniziato quando ho "scoperto" nel sito della Verlinden il kit di questo bunker (Panzernest) di cui non conoscevo l’esistenza.
Successivamente, dopo essermi documentato, ho ampliato il progetto originario includendo lo Sturmtiger.

Schnellboot tipo S-100

Il kit della Italeri è ben rifinito e stampato con materiale di ottima qualità, per cui non ho avuto difficoltà ad assemblarlo, se non a movimentarlo per via del suo metro di lunghezza.
Ho voluto espressamente dipingere questo modello "a nuovo", come se fosse appena uscito dal cantiere, senza segni di usura e di invecchiamento.

M.A.S. 563 classe "500"

Era una piccola e veloce imbarcazione usata come mezzo d’assalto dalla Regia Marina durante la 1ª e 2ª Guerra Mondiale, dal dislocamento di 20-30 t a seconda della classe, con una decina di uomini di equipaggio e con armamento costituito da due siluri e alcune bombe di profondità, oltre ad una mitragliatrice o ad un cannoncino su affusto a libero puntamento.

Sommergibile CSS H.L. Hunley

Il kit di montaggio della statunitense Cottage Industry Models, che produce e commercializza unicamente navi e battelli delle forze sudiste e nordiste, è la fedele ricostruzione del sommergibile in base ai ritrovamenti e agli studi eseguiti sul relitto, non esistendo disegni e progetto originali.

Nave Vichinga di Oseberg

Dall’800 al 1100 i Vichinghi furono in tutta Europa con la loro fama di feroci guerrieri e di saccheggiatori.
Le loro imprese furono rese possibili dalle tipiche imbarcazioni (drakkar), famose per la loro velocità in mare ma anche per la facilità di manovra nel risalire i fiumi per saccheggiare i villaggi e le fattorie all’interno del territorio.

Banchina Portuale 2ª G.M.

Il Motoscafo Turismo Silurante Modificato Allargato, dotato al suo interno di un siluro, più corto del normale, che al lancio veniva espulso all’indietro dallo sportello di poppa, cioè entrava in acqua prima con le eliche, già in moto, per poi avanzare velocemente sulla rotta del bersaglio mentre l’imbarcazione accostava.

U-Boot Seehund e Biber

Ho progettato di ambientare i due sottomarini tascabili tedeschi in una zona portuale facente parte della base olandese di Den Helder, da dove storicamente operavano nell’inverno 1944/45 e per cui la parte superiore degli scafi era dipinta in mimetismo a macchie bianche.

Bachem-Werke Ba 349 A "Natter"

Il Natter (Vipera) era un aereo razzo pilotato, progettato da Erich Bachem e realizzato verso la fine della 2ª G.M. per contrastare le pesanti incursioni dei bombardieri Alleati sul territorio tedesco.
Era un velivolo a basso costo, costruito in modo economico con struttura in legno e assemblabile in poco tempo direttamente da diversi laboratori di falegnameria.

Vs. Kfz. 617 Minenräumer

Questo originale carro armato, dalla forma degna di una macchina da fantascienza, fu progettato per far detonare le mine interrate, in modo da aprire dei passaggi in un campo minato.
A questo scopo veniva esercitata una pressione al suolo molto forte con le due enormi ruote munite di pesanti tacchi metallici mobili.


Abito a Legnano (MI), sono in pensione da qualche anno e ho ripreso alla grande la mia giovanile passione che avevo trascurato a lungo.
Costruisco da scatola modelli in legno, plastica/resina di navi e di mezzi militari soprattutto poco conosciuti; mi appassiona la ricerca storica che mi aiuta ad ambientare piccoli diorami.
Da un paio d'anni faccio parte dell'associazione modellistica A.N.V.O. (Associazione Navimodellisti Valle Olona).


Dino Dall'Asta
Associazione Navimodellisti Valle Olona