Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini New
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

Torpedo Boat U.S.S. Spuyten Duyvil

Dino Dall'Asta



L’USS Spuyten Duyvil era una torpediniera corazzata semisommergibile, appositamente progettata per avvicinare una nave nemica e rilasciare una carica esplosiva galleggiante direttamente sotto il suo scafo, per poi allontanarsi e farla esplodere a distanza di sicurezza.
A questo scopo, tramite delle pompe a motore che aspiravano l’acqua come zavorra in appositi serbatoi, poteva immergersi parzialmente per presentare così un bersaglio minimo al fuoco nemico, aprire i due sportelli incernierati che chiusi formavano la parte inferiore sommersa della prua ed estendere mediante un apposito meccanismo un tubo metallico orientabile inclinato verso il basso, alla cui estremità era fissata una torpedine contenente 27 kg di esplosivo.




Il tubo stesso, della lunghezza di 8 m, poteva essere ritirato e riarmato all’interno dello scafo per altre sei volte, quante erano le torpedini in dotazione, per poter effettuare così un attacco multiplo.

Disegni progettuali pubblicati nella rivista Engineering del 1866:



Vista in sezione e in pianta della zona prodiera


Di maggior stazza e strutturalmente più complesso, era simile al più piccolo CSS David della Marina confederata, precedentemente illustrato in questo sito, e fu un vero e proprio battello a vapore innovativo, quasi una nave “stealth”, progettato e costruito in soli tre mesi nel 1864 dalla Marina dell’Unione, a seguito delle notevoli perdite subite dalle similari torpedini confederate.



Illustrazione d’epoca


Il suo nome è alquanto originale e tuttora poco chiaro: inizialmente il battello fu denominato USS Stromboli, dall’isola vulcano italiana, ma un mese più tardi, al suo arrivo all’Hampton Roads in Virginia a inizio Dicembre 1864, fu ribattezzato e non si sa per quale ragione USS Spuyten Duyvil, nome di origine olandese dalle diverse interpretazioni e significati storici e che identifica a tutt’oggi un quartiere sito nel Bronx di New York City.






Lo scafo era interamente in legno di quercia, mentre il ponte di coperta dalla forma arcuata e i lati fino alla linea di galleggiamento erano pesantemente protetti da lastre di ferro dello spessore di 25 mm.




Caratteristiche tecniche:

 dislocamento :
210 tonnellate
 dimensioni :
lunghezza 25 m - larghezza 6 m
 armamento :
6 torpedini
 velocità :
5-8 nodi
 equipaggio :
23 uomini tra ufficiali e marinai

Nel Gennaio del 1865 partecipò alla battaglia di Trent’s Reach e alla conclusione della guerra civile nell’Aprile dello stesso anno fu impiegato ad eliminare gli sbarramenti e le ostruzioni posati dai Confederati sul James River, per permettere così il passaggio della flotta unionista: sulla nave ammiraglia di quest’ultima vi era il Presidente Abramo Lincoln che andava a visitare la città di Richmond, l’ex Capitale confederata.




Lo Spuyten concluse la sua carriera nel cantiere di New York Navy Yard, dove nel 1866 fu dismesso e disarmato; utilizzato per esperimenti fu venduto nel 1880.

Litografie d’epoca che illustrano lo Spuyten mentre distrugge con le sue torpedini le ostruzioni e gli sbarramenti sul James River:




Il modello scala 1:96
Il kit è l’ultimo prodotto della statunitense Cottage Industry Models che, come al solito, mi ha incuriosito e appassionato per l’originalità di questo semisommergibile e del suo ingegnoso ma complesso armamento.
Più semplice e “alla mano” era la stessa tipologia d’attacco adottata dalla USS Picket Boat, anche questa illustrata precedentemente in questo sito: entrambi impiegavano la stessa torpedine galleggiante che veniva rilasciata sotto lo scafo nemico.






Il modello è interamente in resina di color bianco, lo scafo si presenta ottimamente dettagliato, compresi i vari componenti della soprastruttura, per cui non ho avuto particolari problemi nell’assemblare il tutto.
Ho sostituito i bozzelli in metallo relativi ai paranchi della lancia presenti nel kit con altrettanti in legno; quest’ultima poggia su due sostegni e l’ho fissata con una cima che termina arrotolata sul ponte .
Per maggiori realismo e finitura ho posizionato equamente distanziati sull’intero bordo perimetrale 16 candelieri che, legati ed uniti da una gomena, formano il parapetto di sicurezza.




Ho eseguito la verniciatura usando acrilici con il solo uso del pennello, dando “l’effetto legno” allo scafo e vetrando gli oblò inseriti nel ponte con il liquido Synthaglass della Toffano.
Il modello finito, dallo specchio di poppa all’estremità della torpedine, è lungo 32 cm, largo 6 cm, con altezza all’asta centrale del gagliardetto (Commissioning Pennant) di 14 cm e poggia su due colonnine in metacrilato inserite in una lastra effetto acqua con fondo bianco della Essebiemme.
L’ho completato inserendo alla base una lastrina in ottone da 11x2,5 cm con applicata l’immagine della bandiera della Marina unionista vigente in quell’anno e inciso il nome del battello.




Dino Dall'Asta

[Gallery]

22.11.2016

Bibliografia e immagini.




Commento di giampaolo bianchi [23/11/2016]:
caro Dino un' altro splendido lavoro ed un altro tassello di storia americana che ci regali.
Grazie
Giampaolo

Commento di ezio bottasini [24/11/2016]:
Ciao Grande Dino, un'altra rarità "semigalleggiante", ormai ci hai più che abituato a queste pagine di storia navale della guerra Civile americana, sempre interessanti ed istruttive, correlate da ottimi ed inusuali modelli.
Ciao alla prossima Ezio

Commento di giovenco giuseppe [24/11/2016]:
che carino!!! fa rima anche con Dino!!! ma non perdi il vizio, proprio ti sei incuneato nella marina degli States e non ne esci!!! .... ma Trunp lo sa che fai questi lavoretti? tienitelo buono perché se continui così presto sarai ospite alla Casa Bianca!!! t'è capì, caro al me Dino!!!

Commento di Lauro Bonfà [24/11/2016]:
Caro Dino, è sempre un Grande piacere ammirare i tuoi inconsueti e interessantissimi modelli annessi a report altrettanto piacevoli e istruttivi. Sei una fonte inesauribile di Sapere. Grazie e al prossimo, Lauro.

Commento di Valter vaudagna [24/11/2016]:
Bello e molto interessante il racconto storico, oltre che una bella realizzazione modellistica, bravissimo

Commento di Massimo Palandri [25/11/2016]:
Complimenti come sempre modello con tanto di ricerca, sempre professionale Dino bravo!!!!!!!

Commento di Francesco Sbarile [25/11/2016]:
Come sempre bellissimo lavoro e favolose note storiche

Commento di maurizio ugo [26/11/2016]:
....ciao Dino, altra bellissima chicca navale di un periodo interessante, come ci hai ampiamente mostrato con i tuoi lavori, che ha dato la luce a mezzi navali insoliti ma che in un modo o nell'altro hanno formato le basi di una moderna marineria militare, grazie per le delucidazioni tecniche / storiche che ci hanno riportato in quel periodo poco noto.
un salutone maurizio

Commento di Vito [26/11/2016]:
Ciao caro Dino
Come sempre rimango affascinatio dai tuoi lavori di altissima qualità.
A presto Vito

Commento di Luca Navoni [26/11/2016]:
Ciao Dino.....!!!!!!

.....ormai mi hai abituato alla storia navale americana.... ...è sempre un grande piacere ammirare i tuoi modelli realizzati con grande maestria e interessante e coinvolgente la ricerca storica....

un saluto e un grande abbraccio, Luca

Commento di Dino Dall'Asta [27/11/2016]:
Ringrazio tutti per i vostri commenti.
Dino



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No