Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

Rheinmetall "Rheintochter" - Dino Dall'Asta




Verso la fine della 2ª G.M., dal centro di ricerca di Peenemünde uscirono armi nuove e micidiali che mostrarono l’alto grado di sviluppo scientifico e tecnologico raggiunto dai tedeschi; fortunatamente per gli Alleati, varie cause ne impedirono sia l’impiego su vasta scala che l’ulteriore sviluppo.
Fra quelle realizzazioni (alcune furono la premessa per i successi ottenuti dall’uomo in campo aeronautico e spaziale) ci fu il Rheintöchter, "Figlie del Reno" dal nome delle tre mitiche ninfe d’acqua che compaiono nel ciclo operistico dell’Anello dei Nibelunghi di Richard Wagner.




Era un missile antiaereo a due stadi, progettato nel novembre 1942 dalla Rheinmetall-Borsig e sviluppato via via in tre diverse configurazioni sia per l'esercito (Heer), che per l'aeronautica (Luftwaffe), responsabile quest’ultima della difesa anti-aerea soprattutto durante l'ultimo anno della guerra.




Immagine d’epoca


Lungo 6,25 m, con un diametro di 54 cm era armato con una testata di 150 kg di esplosivo, che veniva fatta esplodere in prossimità del bombardiere nemico tramite un sensore acustico che ne rilevava il rumore dei motori oppure direttamente da terra mediante un impulso radio codificato.
Il missile, una volta lanciato, veniva guidato a vista da terra mediante impulsi elettrici inviati a un ricevitore del sistema di guida che agiva sulle quattro pinne di legno poste a croce sul cono anteriore, orientandole opportunamente sia per la rotazione che per il cambio di direzione.
Il controllo visivo della traiettoria veniva facilitato dalla luce emessa da razzi traccianti montati all’estremità di due delle sei pinne di legno di maggiori dimensioni poste attorno alla base del secondo stadio.




Immagine d’epoca


Il suddetto dispositivo di guida venne eliminato e sostituito nell’ultima versione da un radar di rilevamento: una volta che il missile veniva diretto verso la formazione dei bombardieri nemici, automaticamente si indirizzava verso il bersaglio rilevato.
Il Rheintöchter era una realizzazione notevole per l'epoca: con un motore a combustibile solido di avvio che forniva una spinta iniziale di 45000 Kg/s e un motore di crociera, posto nel secondo stadio con i condotti di scarico posizionati tra ogni coppia di ali, che forniva una spinta di 4000 Kg/s poteva raggiungere i 6 Km di altitudine alla velocità di 250 m/s con la prima versione e 15 Km con l’ultima, con motori a combustibile liquido alla velocità di 200 m/s.




Progettato per garantire la difesa dei principali centri urbani e industriali aveva un raggio d’azione di 40 Km ed era stabilizzato in volo da quattro grandi pinne in legno alla base del primo stadio, unite a due a due da pannelli rettangolari di rinforzo, e da sei pinne di minor dimensione anch’esse in legno poste alla base del secondo stadio.
Fu studiata anche una versione con il pilota, che doveva guidare e dirigere il missile verso la formazione dei bombardieri nemici e una volta "bloccato" in quella direzione si lanciava con il paracadute, similmente alla gestione dell’aereo razzo Bachem-Werken Ba 349 A "Natter", già illustrato precedentemente in questo sito.




Immagine d’epoca: separazione dei due stadi


Come piattaforma, sia di trasporto che di lancio, fu usata la base del cannone antiaereo Flak 41 da 88 mm opportunamente modificata, sostituendo la canna con un corta rampa di lancio.
Fu anche previsto, ma non ulteriormente sviluppato, il progetto di inserire la suddetta base sullo scafo di un carro armato Panzer Sfl.IVc, già predisposto per accogliere il Flak 41 da 88 mm come da sottostante foto d’epoca; ciò per avere una maggior mobilità e permettere così un più rapido e un più agevole dispiegamento dell’arma.
Nonostante le prestazioni molto promettenti, il programma del Rheintöchter fu interrotto alla fine del 1944, dopo aver effettuato un totale di 82 lanci di prova sia dal centro di Peenemünde che dalla base di Libau, entrambe poste sulla costa del Mar Baltico, privando così un’arma letale contro i bombardamenti strategici degli Alleati.
Nel 1945 diversi esemplari furono catturati dall’Armata Rossa e inviati unitamente a un gran numero di tecnici nell’URSS, dove proseguì il programma di sviluppo presso l’Istituto di Ricerca Scientifica n°88 (NII-88 secondo l’acronimo in lingua russa) con il compito di studiare e produrre copia, diventando così il precursore del missile sovietico SAM (Surface Air Missile) e delle successive generazioni di missili.




Immagine d’epoca



Rheintochter

Base e centro di ricerca di Peenemünde


Esemplari conservati presso i Musei di

Deutches Museum, Munich


National Air and Space Museum, W.





Il Diorama scala 1:35
Come base di appoggio ho utilizzato un elmetto tedesco d’epoca, reperto che riposava in cantina da più di 60 anni, usurato ed "invecchiato" naturalmente e già mancante dell’imbottitura interna con il relativo soggolo in pelle.
Devo anche dire che questa soluzione non è proprio una mia idea, ma ho visto nel web simili ambientazioni con carri armati e figurini posizionati anche in elmetti degli Alleati, che mi hanno decisamente intrigato.
















Desidero anche precisare, per mera coerenza storica, che l’elmetto era sì in uso alla Wehrmacht durante la 2a Guerra Mondiale, ma che, in realtà , é il modello M.16 del 1° conflitto mondiale; infatti, già dubbioso per la sua forma, ho avuto la certezza soprattutto dalle sigle incise al suo interno






che mi hanno permesso anche di risalire al nome del suo fabbricante dell’allora Impero Austro-Ungarico: Carl August Sholtz, Mateocz Slovakia il 66 è il numero di taglia, mentre il 22 o 220 inciso sul fondo della calotta è il numero del lotto.
Nella mia ricerca, ho anche appreso che questi elmetti furono riutilizzati e/o ricondizionati in Austria dalla metà degli anni ‘30 dopo l’annessione alla Germania nazista (Anschluss) e destinati ai soldati impiegati nella Wehrmacht.
Venivano smontati completamente in fabbrica, ridipinti a pennello, quindi riassemblati con elementi di diversa provenienza e muniti ai lati di stemmi nazisti o fregi afferenti ai vari corpi/specialità di appartenenza.


Rheintochter

M.16 riconvertito nel 1935


Quindi la base della mia ambientazione - fine 1944 - non è incongruente, anche perché i tedeschi negli ultimi mesi di guerra "raschiavano il fondo del barile", impiegando armi e materiali risalenti alla WWI.
Detto questo, ho inserito all’interno dell’elmetto una lastra di materiale edile opportunamente sagomata sulla quale ho steso, testurizzandola con un pennello grezzo per simulare l’andamento del terreno, della pasta acrilica "Terra" dell’Abbiati Wargames e sul lato un rilievo che funge da base per l’albero.
Quest’ultimo, un abete, è un ottimo kit della francese MK35, costituito da una base in ceramica suddivisa in due parti, dal tronco in resina in due pezzi e da tre bustine contenenti dei rami secchi in resina, dei rami verdi coperti da muschio naturale, entrambi da inserire pazientemente nel tronco stesso e delle foglie morte miste a sottobosco vegetale da cospargere sul terreno intorno.
Successivamente ho parzialmente ricoperto il terreno e l’albero a parte con neve artificiale della Woodland Scenics, fissata con lacca di capelli (quest’ultima lascia inalterato nel tempo il colore bianco, a differenza della colla spray).
Piccole quantità di gel acrilico brillante della Vallejo, per simulare l’effetto di neve compressa e ghiaccio, e di sottobosco hanno completato lo scenario.






Come è mia consuetudine ricercare modellini di mezzi militari originali e poco conosciuti, ho individuato e acquistato questo kit della cinese Bronco Models, che ho ritenuto ideale per l’ambientazione che avevo già prefigurato.
Di ottima qualità e precisione sono le stampate in plastica con le relative fotoincisioni, per cui non ho avuto eccessive difficoltà a realizzarlo.
Ho eseguito la verniciatura con il solo utilizzo del pennello, spruzzando dapprima del primer metallico in bomboletta della Army Painter e in successive mani colori acrilici di marche diverse, dando anche l’effetto legno sulle pinne.




Ho notato nella foto d’epoca di inizio articolo, la presenza, appoggiata verticalmente all’arma, di una stadia (asta graduata suddivisa con segni di colore bianco/rosso che veniva impiegata nei rilievi topografici in unione con strumenti ottici) e che ho realizzato con del plasticard, posizionandola poi tra le mani di un figurino.




Dopo una ricerca nel web, sono riuscito a reperire sei figurini di marche diverse, adatti in questo contesto, che ho distribuito nel diorama secondo le loro pose e mansioni che avevo ipotizzato.








L’elmetto, opportunamente inclinato, poggia su un supporto circolare ricavato segando una porzione di un contenitore di plastica trasparente, a sua volta fissato su di una tavoletta in rovere naturale da 35x28x3 cm ricavata da un’anta di legno d’antan, preventivamente preparata e trattata con impregnante all’acqua Syntilor.
Infine, ho completato il diorama inserendo alla base centralmente una lastrina in ottone da 15x3 cm con inciso il nominativo e a un lato ho applicato il distintivo metallico di appartenenza alla Flak; purtroppo è una replica acquistata a Militalia, dove quello originale risultava piuttosto costoso.


Rheintochter

Questa invece è l’immagine tratta dal web dello specifico distintivo/badge portato dal personale per l’accesso alla base di Peenemünde.




Dino Dall'Asta

[Gallery]

25.09.2017

Bibliografia e immagini.




Commento di Luca Navoni [25/09/2017]:
Ciao Dino......!!!! ;-)

....davvero coinvolgente tutto l'insieme e originaria la scelta dell'elmetto come base del diorama....modello veramente fedele all'originale....e originaria l'idea.....!!!!

....un saluto e un abbraccio, Luca.

Commento di ezio bottasini [25/09/2017]:
Grande Dino, veramente BELLOOOOO......spettacolare, mi hai lasciato senza parole
Ci vediamo a Varedo.
Al prossimo Ezio

Commento di Roberto [25/09/2017]:
Complimenti Dino, bella realizzazione come al solito, e interessanti le note tecniche e storiche.
Confermo, elmetto modello 1916. Usato limitatamente fino all'inizio della seconda guerra mondiale, ma anche nella fase finale, quando non c'era altro.
Ciao Roberto.

Commento di Riccardo Casati [25/09/2017]:
Ciao Dino lavoro originale e veramente spettacolare già visto dal vivo è l'impatto è ottimo ...bellissimo l'elmetto e i figurini..
Grande Dino come sempre ...ciao
Riccardo

Commento di Lauro Bonfà [25/09/2017]:
Un lavoro di interesse storico e modellistico eccellente.Interessantissimo soprattutto perché poco conosciuto e raramente visto alle mostre. L'ambientazione è fantastica,ricca di spunti e creatività. Complimenti Caro Dino.

Commento di Enrico Calanchini [26/09/2017]:
Ci lasci sempre a bocca aperta nell'ammirare le tue realizzazioni, e anche stavolta mi ha colpito l'idea di rappresentare con tale bravura un pezzo di storia in modo così inusuale ed efficace nel contempo, e per me nuova. Degna di nota è l'esaustiva e ben descritta nota che accompagna il lavoro davvero originale e ben fatto.

Complimenti Ciao Enrico

Commento di marco vergani [26/09/2017]:
Ciao nonno Dino, bellissimo diorama tutto molto originale, soggetto compreso.
Onestamente non ne conoscevo l'esistenza, a parte le famose V1 e V2 ....
Ci vediamo a Varedo ( e anche al pranzo ).
Un caro saluto ..... Marco

Commento di giampaolo bianchi [26/09/2017]:
CARO DINO LAVORO MAGISTRALE..FANTASIOSO MA AL CONTEMPO ADERENTE ALLA REALTA'.UN PLAUSO A PARTE VA ALLA SPLENDIDA MONOGRAFIA STORICA.
GIAMPAOLO

Commento di PIETRO [26/09/2017]:
Ciao Dino,
TANTO DI CAPPELLO PER LA PRESENTAZIONE. :-)
PIETRO

Commento di michelangelo galli [26/09/2017]:
Dino con il tuo lavoro mi hai fatto conoscere un'arma che ignoravo esistesse... non hai ricreato solamente un pregevole Diorama tanto spettacolare quanto originale ma hai contribuito a far conoscere un pezzo di storia misconosciuto! Veramente Bravo!

Commento di giovenco giuseppe [27/09/2017]:
cioè, ... Ludwig rispetto a te era un elfo delle foreste Renane!!!! non conoscevo questo tuo risvolto epico!! .... minchia, .... Dino, sei veramente strong!!!!

questa miniatura lillipuziana è una divagazione originale al tuo tema confederato, ma dimostri, così, la tua versatilità nella materia modellistica - carino l'impiego dell'elmetto come basetta!!! - ciao, carissimo - Giuseppe

Commento di Gianni [27/09/2017]:
Ti faccio i miei complimenti che si aggiungono a quelli che gia hai avuto, piace anche a me l'idea molto originale dell'elmetto come supporto, tutto perfetto, e ancora una volta rimango stupito ed ammirato dalle capacità belliche tedesche.
Gianni

Commento di Dino Dall'Asta [27/09/2017]:
Ringrazio tutti per i commenti e se qualcuno di voi andrà a Novegro per questo fine settimana, mi troverà agli stand del Club Varedo e Navimodel con alcuni miei modelli.
Dino

Commento di Mario Bentivoglio [29/09/2017]:
Dino...lavoro splendido e articolo storico interessantissimo !!! Doppi complimenti!!!
Congratulazioni e a presto.
un caro saluto
ciao
mario
:-)

Commento di Vito [16/10/2017]:
Ciao Dino
perdona il ritardo ma come sai sono impegnato con la scala 1/1 la mia Nicole Un lavoro eccezionale in ogni dettaglio.
Come sempre complimenti per la tua maestria Vito

Commento di maurizio [16/11/2017]:
......ciao Dino.... non ho parole.... mi piace moltissimo l'idea del germanico elmetto... oltre al discorso tecnico modellistico sempre pieno di notizie interessanti...bravo... un salutone maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No