Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

F4F Wildcat
F4F Wildcat

Ironclad C.S.S. Tennessee - Dino Dall'Asta




Ariete corazzato confederato, fu costruito nel 1863 in un cantiere sul fiume Alabama, a breve distanza dalla città di Selma, con il legname tagliato nelle immediate vicinanze.
  Lo scafo era in legno massiccio con linea di galleggiamento che era poco sotto il ponte: ciò per offrire un basso profilo emerso al fuoco nemico.
La casamatta soprastante, a protezione della batteria, era progettata con le pareti inclinate verso l’interno con un angolo di 33 gradi, al fine di attutire e/o deviare l’impatto dei proiettili in arrivo.
Esternamente era formata con travi alternate di legno di pino e di quercia, da un notevole spessore, mentre internamente era rivestita con un triplo strato di ferro in piastre laminate spesse 5 cm ciascuna, imbullonate su un’apposita struttura metallica.
Sportelli mobili di ferro proteggevano le apertura ovoidali delle bocche da fuoco; solo i quattro centrali laterali erano a saliscendi, chiudendosi in modo automatico quando i cannoni rinculavano dopo aver sparato e aprendosi quando gli stessi venivano rimessi in posizione di sparo.




Dati tecnici:

  Dislocamento:
1273 tonnellate
  Lunghezza:
63,7 m
  Larghezza:
15,9 m
  Altezza:
4,3 m
  Motori:
due, alimentati da quattro caldaie, che agivano su unica elica quadripala
  Velocità:
6-9 nodi
  Equipaggio:
133 uomini tra ufficiali e marinai




L’armamento offensivo, oltre lo sperone di prua, era costituito da:
- 4 cannoni Brooke da 163 mm posizionati centralmente di bordata;
- 2 cannoni Brooke da 180 mm posizionati a prua e a poppa, con la possibilità ciascuno di sparare dalle tre postazioni contigue a seconda della necessità, grazie alla semplice rotazione dell’affusto poggiante su ruote orientate fisse e scorrevoli sulla guida circolare metallica a pavimento;


C.S.S. Tennessee

L'armamento difensivo, per respingere gli attaccanti in caso di abbordaggio, consisteva in potenti getti di acqua bollente delle caldaie indirizzati sui ponti di prua e di poppa.




La Tennessee era la più potente unità navale confederata a difesa dell’importante porto della città di Mobile, sita nell’omonima baia prospiciente il Golfo del Messico e che, portando le insegne dell’Ammiraglio Franklin Buchanan (bandiera blu sotto quella sudista sul modellino), il 5 Agosto 1864 unitamente a tre cannoniere corazzate, contrastò l’attacco di quattro monitori e quattordici navi da guerra in legno dell’Unione.


Immagine pittorica: l’inizio della battaglia


Immagine pittorica: una fase della battaglia


Lo scontro a fuoco si protrasse incessantemente e a distanza ravvicinata per 4 ore finché, incapace di manovrare per via del timone fuori uso, fu costretta ad arrendersi, senza subire per altro grossi danni e con la perdita di soli 2 uomini e di 20 feriti su un totale di 133.


Immagine pittorica: la resa


Dopo la cattura, fu rapidamente riparata e annessa alla flotta unionista sempre con il nome USS Tennessee; nel 1867 fu radiata e demolita.

Il modello scala 1:96
Dopo aver realizzato il sommergibile confederato CSS Hunley (già illustrato in questo link) ho acquistato un paio d’anni fa, sempre dalla statunitense Cottage Industry Models, il kit di questa nave: mi aveva colpito l’originalità della sua forma, ma soprattutto la singolare disposizione a doghe verticali del rivestimento in legno sia della casamatta che dei bordi curvi dello scafo, un’opera di falegnameria notevole soprattutto eseguita in tempi di guerra.




Come al solito, documentandomi, mi sono appassionato sulla breve storia di questa singolare corazzata, di cui esistono pochissime istantanee effettuate soprattutto nel 1865, quando era in forza all’Unione.




Dopo interventi preparatori molto diluiti nel tempo per via della scarsa volontà di affrontare le difficoltà di montaggio che via via intravedevo, solo in quest’ultimo periodo mi sono deciso ad assemblarla, completandola durante lo scorso periodo natalizio.
Il modello è in resina di color bianco, lo scafo è ben dettagliato ma aimè ho dovuto scartavetrare parecchio sia per liberare i singoli pezzi da stampate comuni dal notevole spessore, sia per eliminare imperfezioni quali soprattutto pareggiare l’allineamento di due lati della postazione del timoniere (elemento prismatico con feritoie da posizionare sulla sommità anteriore della casamatta): non avevano la stessa pendenza con quelli sottostanti e ho dovuto poi riprodurre i solchi del rivestimento con un utensile incisore.
Nessun problema invece nel realizzare le due scialuppe, i cannoni ed altri componenti, la maggior parte dei quali sono "nascosti" nella casamatta.






Inoltre, per maggiori realismo e finitura, ho sostituito i bozzelli in metallo, le due ancore e la ruota del timone presenti nel kit con altrettanti provenienti dalla mia banca dei pezzi (in legno i nuovi bozzelli e la ruota).






Per la colorazione esterna "effetto legno", ho fatto preventivamente alcune campionature sul fondo della chiglia, impiegando metodi e combinazioni diversi, suggeriti un po’ dall’esperienza ma soprattutto dal mio istinto.




Usando esclusivamente il pennello, ho proceduto in questo ordine:

  • primer rustbrown satinato a base d’acqua della True-Earth
  • wood brown dell’Hobby Color
  • buff della Tamiya
questi ultimi due con la tecnica del pennello "quasi" asciutto e con tanta pazienza
  • lieve lavaggio con wood ageing della MIG.




Devo confessare che inizialmente il risultato ottenuto non mi convinceva del tutto, ma col passare del tempo ed esponendo il modello soprattutto alla luce solare dove si possono cogliere meglio tutte le sfumature e gli effetti del vero legno, rimango pienamente e sempre più soddisfatto.
Il modello finito è lungo 66 cm, largo 15 cm, con altezza al fumaiolo di 16 cm e poggia su due colonnine in metacrilato inserite in una lastra effetto acqua con fondo bianco della Essebiemme.




L’ho completato inserendo alla base una lastrina in ottone da cm 12x3,5 con inciso da un lato il nominativo e dall’altro l’immagine tratta dal web della bandiera di combattimento originale, ora custodita in un’apposita teca al Port Columbus National Civil War Naval Museum - USA.




C.S.S. Tennessee

Dino Dall'Asta

[Gallery]

21.01.2015


Bibliografia e immagini.



Commento di Claudio Auditore [22/01/2015]:
Complimenti per la realizzazione del modello, la notevole conoscenza, e la ricerca su un argomento poco conosciuto in Italia. La Marina Confederata mi sta portando via quasi tutto il tempo libero degli ultimi anni.

Ciao

Commento di Massimo Palandri [23/01/2015]:
Vista da vivo rende di più,complimenti per la tua ricostruzione, ottima, come sempre,la ricerca storica, sei sempre molto attento alle tue realizzazioni, in questo caso ritengo che hai eseguito uno dei modelli meglio eseguiti, la colorazione dello scafo è stata fatta molto bene fin dal punto da non riconoscere la plastica dal legno, un'ultima cosa,forse la più importante,sei sempre alla ricerca di realizzazioni inedite,stanco probabilmente, dalle solite.
Complimenti ancora Dino.
Massimo Palandri

Commento di Massimo Palandri [23/01/2015]:
Mi correggo non è plastica ma è resina ancora più difficile nell'assemblarla.
Complimenti ancora.
Massimo Palandri

Commento di ezio bottasini [23/01/2015]:
Carissimo Dino, finalmente un'altra tua meravigliosa e precisissima Opera; tra l'altro pur non essendo un appassionato di navi, le Ironclad confederate mi hanno sempre affascinato ed interessato, forse per l'innovazione dell'epoca, forse perchè rappresentavano un piccolo vantaggio sull'Unione, comunque articolo interessante e modello inusuale come ci hai ormai abituati.
Complimenti, spero di vederlo dal vero a Giussano.
Ezio

Commento di marco vergani [23/01/2015]:
Bravo Dino,
i tuoi modelli sono sempre ben curati e soprattutto originali!!
Un caro saluto e auguri di Buon Anno!!
Marco

Commento di Mario Bentivoglio [23/01/2015]:
Dino..una sola parola.. FAVOLOSO !!!!!! Complimenti!!! :-)

Commento di maurizio ugo [24/01/2015]:
...ciao Dino, complimenti veramente, è bello vedere modelli di navi che hanno fatto storia, forse non tanto conosciuta dalle nostre parti, ma certamente interessanti, specie se accompagnati da una notevole presentazione molto dettagliata.
Notevole la rappresentazione del legname dell'opera morta....bravo!!!!!
...un salutone.... maurizio

Commento di Enrico Calanchini [24/01/2015]:
Un pezzo veramente notevole, sia per come è realizzato, sia per la rarità del soggetto.
La descrizione che lo accompagna, impreziosisce la presentazione che illumina su eventi spesso trascurati della guerra civile americana.
Complimenti vivissimi.

Enrico Calanchini

Commento di Luca Navoni [25/01/2015]:
Ciao Dino, bellissima la storia del modello ne avevo sentito parlare ma non avevo mai visto un modello che riguardasse questo soggetto; bellissima realizzazione, complimenti.....

Un saluto, Luca

Commento di Dino Dall'Asta [25/01/2015]:
Grazie a tutti per i vostri commenti, sono un ulteriore stimolo per continuare a "lavorare" su nuovi e originali progetti...
Dino

Commento di Francesco Sasso [28/01/2015]:
Ciao Dino, modello interessante, particolare e ben eseguito!!
Mi piace molto per la sua originalità e per la sua storia, davvero bravo!
Alla prossima un saluto.
Francesco



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No