Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Tamburo Napoleonico
Tamburo Napoleonico New

  New entry...

Marco Fin Gallery
Marco Fin Gallery

Ironclad U.S.S. Monitor - Dino Dall'Asta



Progettato da John Ericsson, Ingegnere svedese emigrato in America, il Monitor era una nave corazzata davvero inusuale rispetto ai canoni costruttivi dell’epoca.
Di basso bordo libero per offrire un minimo bersaglio al fuoco nemico era sì inadatta per velocità e qualità nautiche a navigare in mare aperto, ma era micidiale per azioni sotto costa e nei fiumi, sia per bombardare i forti e le postazioni di batterie dei Confederati che per contrastare efficacemente le loro formidabili navi corazzate.
Lo scafo era completamente in ferro a forma rettangolare, rastremato all’estremità con poppa e prua uguali per semplicità di costruzione.
Il soprastante ponte era in legno di quercia dello spessore di 203 mm ricoperto interamente con piastre di ferro dolce dello spessore di 25 mm e lateralmente lungo i bordi, per un altezza di circa 1,50 m, con altrettante piastre dello spessore di 114 mm.






In sostanza era uno zatterone pesantemente corazzato che, a pieno carico, si innalzava al di sopra del pelo d’acqua di soli 36 cm, mentre la sovrastruttura era composta da:

  • una torre centrale a struttura circolare altrettanto corazzata e girevole a 360° dove erano alloggiati affiancati due cannoni Dalhgren ad anima liscia da 280 mm che, attraverso due aperture altresì protette da pesanti sportelli, potevano sparare palle sferiche piene o esplosive,
  • un fumaiolo telescopico e due condotti di ventilazione che venivano abbassati durante il combattimento per permettere il tiro dei cannoni in ogni direzione,
  • due lance appese ai loro sostegni e posizionate ai lati verso poppa che venivano rimosse e poste adagiate sul ponte in fase di scontro a fuoco,
  • il tambucio del timoniere o torretta di comando sporgente dal ponte verso prua con i lati corazzati inclinati e rivestiti con doghe in legno di quercia.



Incisione d’epoca


Dati tecnici:

 dislocamento :
987 tonnellate
 dimensioni :
lunghezza 52 m - larghezza 12,6 m - immersione 3,20 m
 propulsione :
2 caldaie alimentate a carbone
2 motrici a vapore dalla potenza di 320 hp che agivano su un’elica a 4 pale
 velocità :
6-8 nodi
 equipaggio :
59 uomini tra ufficiali e marinai



Divenne famoso per la sua risolutiva partecipazione alla prima battaglia tra navi corazzate svoltasi il 9 Marzo 1862 nei pressi di Hampton Roads, dove affrontò la corazzata confederata C.S.S. Virginia: lo scontro si concluse con un nulla di fatto nonostante si scambiassero per circa quattro ore, a distanza ravvicinata, colpi su colpi che non riuscirono a perforare la blindatura né danneggiare seriamente la struttura di entrambi.



Lo scontro in un dipinto d’epoca


Nonostante le perdite più pesanti, la battaglia si rivelò una vittoria strategica per l’Unione che riuscì a mantenere il blocco navale ai porti in mano ai Confederati e nel contempo determinò l’ascesa delle navi corazzate costruite in ferro rispetto a quelle in legno.
Il 31 Dicembre 1862 il Monitor, mentre era in navigazione trainato da un’altra nave, incorse in una violentissima tempesta che ne provocò l’affondamento presso Cape Hatteras con la perdita di quattro ufficiali e sedici marinai.








Istantanee d’epoca
154 anni fa questi uomini hanno servito a bordo della USS Monitor






Nel 1973 il relitto del Monitor venne localizzato sul fondo dell’oceano Atlantico a circa 26 miglia dalla costa e in fasi successive furono recuperati l’elica, l’ancora, reperti vari e nel 2002 l’intera torretta, al cui interno furono trovati i resti di due marinai dell’equipaggio: gli esperti, dopo aver ricostruito i loro volti, sono riusciti a indicarne anche i nomi.




Tutti i manufatti recuperati sono ora conservati presso il Mariners’ Museum di Newport News in Virginia, al cui esterno è stata posizionata la replica in scala reale della corazzata.


Ironclad U.S.S. Monitor

Il modello scala 1:96
Anche questo è un kit della statunitense Cottage Industry Models che mi ha incuriosito per l’originalità della sua forma e poi appassionato per la sua storia: il Monitor divenne il capostipite innovativo delle navi corazzate, ne furono costruite altre della stessa classe anche con due o tre torrette e via via migliorate nella loro capacità di navigazione.
Il modello è in resina di color bianco, lo scafo si presenta in due pezzi orizzontali sovrapponibili con il ponte ottimamente dettagliato, per cui non ho avuto particolari problemi nell’assemblare il tutto.
Anche la torre circolare con i suoi vari componenti è ben dettagliata: non l’ho fissata nel suo incavo sul ponte, per cui può ruotare completamente essendo solo imperniata centralmente al tondino metallico che a mo di albero spunta dalla sommità della torre stessa e che alla base l’ho inserito in un listello di legno incollato sul fondo dello scafo, ciò per una migliore tenuta.
Ho preferito tagliare una parte della parete per evidenziarne l’interno, dove sono posizionati i due cannoni e a correre su un’apposita guida, posta lungo la circonferenza interna, i relativi proiettili a sfera.












Per maggiori realismo e finitura, ho sostituito i bozzelli in metallo presenti nel kit con altrettanti in legno, a cui ho applicato i relativi ganci per attrezzare i quattro paranchi delle lance e posizionato due gomene arrotolate sul ponte a prua e a poppa.
Inoltre, ho realizzato con un pezzo di tela di cotone, preventivamente immerso in una soluzione di the e vinavil, anche il tendone bianco a forma conica che poggiava sulla sommità della torre, come da immagini storiche.
Ma ho preferito non posizionarlo per non nascondere sia la struttura di sostegno, composta da cordame steso sugli appositi candelieri metallici inseriti sul bordo, che il sottostante pavimento in doghe dipinto con “effetto legno”.
Come notizia storica, anche i candelieri, il telone e la scaletta d’accesso venivano rimossi prima del combattimento.
Ho eseguito la verniciatura con il solo uso del pennello, usando acrilici di colori e marche diverse, dando poi lavaggio ed usura in forma leggera e ho vetrato gli oblò inseriti nel ponte con il liquido Synthaglass della Toffano.
Il modello finito è lungo 55 cm, largo 18 cm, con altezza al fumaiolo di 15 cm e poggia su due colonnine in metacrilato inserite in una lastra effetto acqua con fondo bianco della Essebiemme.






A completamento, ho posizionato lateralmente a prua del Monitor in formazione di navigazione e sulla stessa linea di immersione, così da evidenziare il basso bordo libero della corazzata, il modellino della U.S.S. Picket Boat già illustrato precedentemente, racchiudendo il tutto in un’unica teca in metacrilato sempre della Essebiemme.




Dino Dall'Asta

[Gallery]

01.07.2016

Bibliografia e immagini.




Commento di giovenco giuseppe [04/07/2016]:
ma quante ne sai.... Dino!!!!
letteralmente una piattaforma galleggiante, prototipo delle future corazzate - praticamente la guerra civile americana è servita da trampolino di lancio per i sommergibili e le corazzate!!!!!
grazie per i tuoi confettini targati U.S.A. - sempre la nicchia della nicchia!!!
Bravo, sono fiero di te - Giuseppe

Commento di ezio bottasini [04/07/2016]:
Ciao Dino, un'altra chicca di storia navale di quell'epoca, corredata da uno splendido modello, degno di un Campione Italiano di categoria.

Ai prossimi, con sincera ammirazione Ezio

Commento di Luca Navoni [04/07/2016]:
.....bella tutta la ricerca storica e veramente molto interessanti questi pezzi ai quali ci stai o almeno mi stai facendo appassionare.... ....vere ricerche storiche con tanto di modello annesso e il tutto realizzato alla perfezione.... ...bella l'idea di sezionare la torretta per mostrare l'interno...
....davvero complimenti....

un saluto, Luca

Commento di rolando maeran [04/07/2016]:
Che bel lavoro! Mi piace particolarmente lo spaccato e la messa in formazione con l'altro modellino.Da notare come sempre la ricerca storica e le foto veramente belle e chiare. Complimenti d'altronde non poteva che essere cosi conoscendo i precedenti. Bravo Dino anzi bravissimo.Però mi sarebbe piaciuto vedere anche solo un pezzetto di copertura con il telone. Chissà se stuzzicare l'artista si ottiene qualche ripensamento.

Commento di giampaolo bianchi [04/07/2016]:
Caro Dino anche stavolta ci hai regalato sia un ottimo lavoro di ricerca storica sulla guerra civile americana, ma soprattutto un'incredibile realizzazione modellistica.
Grazie.
Un abbraccio
Giampaolo

Commento di Riccardo Casati [04/07/2016]:
Ciao Dino ...un lavoro stupendo come al solito ...sempre eseguito magistralmente e il bello dei tuoi lavori è che sono sempre pezzi inediti ...sempre molto interessante e particolareggiata la ricerca storica ...spero di vedere questo modello a Varedo ... Un saluto e un grande abbraccio Riccardo

Commento di Francesco Sbarile [05/07/2016]:
Gran bel lavoro, come i tuoi precedenti ricchi di ricerca storica e di attenzione modellistica. La storia del Monitor è particolarmente affascinante, mi ero interessato anni fa perchè mi era venuta la voglia di riprodurre la torretta in 1/35. Ti faccio veramente tanti complimenti...
Francesco

Commento di Lauro Bonfà [05/07/2016]:
Sempre molto interessanti e originali i Modelli che ci proponi Caro Dino, il report poi che accompagna questo ennesimo ed eccellente lavoro è veramente interessantissimo. Quante cose nuove scopro ogni giorno grazie anche a persone come te che del modellismo hanno fatto un arte e naturalmente al nostro Kitshow. Lauro

Commento di Francesco Sasso [05/07/2016]:
Ennesimo capolavoro caro Dino, tantissimi dettagli perfettamente realizzati.. grazie per gli articoli ricchi di storia che ci proponi.. li seguo sempre con grande piacere!
Un saluto e alla prossima, buon modellismo.
Francesco

Commento di Vito [05/07/2016]:
Caro Dino
Come sempre un lavoro ineccepibile e originale.
Complimenti Vito

Commento di Dino Dall'Asta [06/07/2016]:
Ringrazio per i vostri commenti ed apprezzamenti. Il mio cantiere navale sta chiudendo per le ferie e auguro a tutti buone vacanze...
Dino

Commento di Roberto [07/07/2016]:
Dino, molto interessanti, come sempre, le note storiche, ben fatto e originalissimo il modello.
Roberto.

Commento di ezio bottasini [08/07/2016]:
Ciao Dino, alla prima lettura non avevo evidenziato la scala, è nella stessa scala del mio Saturno V....li potremmo mettere in coppia...??? se solo riuscissi a muovere il Saturno.....
Buone vacanze Ezio

Commento di maurizio ugo [09/07/2016]:
....ciao Dino, come sempre ottimo modello accompagnato da una descrizione storica dettagliata, che ci fa conoscere periodi poco conosciuti di un conflitto interno, bello e imponente il modello con i suoi 50 e passa cm, un ottimo anche alla piccola lancia, che accompagna il Monitor...
un salutone maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No