Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

Soviet Torpedo Boat G-5 - Dino Dall'Asta



La G-5, il cui progetto fu sviluppato dal noto ingegnere aeronautico Andrei Tupolev, era una motosilurante costiera della Marina sovietica in servizio nel secondo conflitto mondiale, dall’aspetto così inconsueto da renderla più simile ad un piccolo sommergibile che a una unità veloce di superficie.



Foto d’epoca


Lo scafo, lungo 18 m e largo 3,5 m, reso filante dai fianchi fortemente arrotondati e dalla carena planante (in russo glisserny da cui "G"), era costruito in duralluminio e poteva raggiungere la velocità di 45 nodi a pieno carico, circa 16 t nelle ultime serie prodotte, spinto da due motori a scoppio da 1000 cavalli ciascuno.
Tuttavia, questo rendimento propulsivo si sviluppava solo in acque calme e calava drasticamente in presenza di mare mosso, limitando così la sua operatività.



Foto d’epoca


L’equipaggio era composto da sei uomini, mentre l’armamento era costituito da due mitragliere pesanti antiaeree DShK 1938 da 12,7 mm e da due lanciasiluri per armi da 533 mm: questi ultimi, posizionati a poppa su appositi scivoli, venivano lanciati all’indietro e una volta in acqua invertivano il senso del moto delle eliche per poi avanzare velocemente sulla rotta del bersaglio, mentre l’imbarcazione stessa accostava.

Foto d’epoca


La modalità di attacco era simile a quella del nostro motoscafo veloce silurante M.T.S.M.A. (Motoscafo Turismo Silurante Modificato Allargato), precedentemente illustrato in questo sito; infatti il siluro in dotazione, più corto del normale e posto al suo interno, veniva espulso all’indietro dallo sportello di poppa, entrando in acqua prima con le eliche già in moto per poi dirigersi velocemente verso l’obiettivo.
La G-5 tra il 1934 e il 1945, in 11 successive serie, fu costruita in circa 300 esemplari che operarono in tutti gli scenari ove fu presente la Flotta Rossa.
Nel corso del conflitto subì alte perdite, con l’affondamento di 84 unità: 36 dalla flotta del Mar Baltico e 48 dalla flotta del Mar Nero.




Il modello scala 1:35
Anche questo è un modello che mi ha particolarmente incuriosito per la sua originalità e quindi non ho esitato a procurami il kit prodotto dalla cinese MERIT International.
Da circa un anno sul mercato italiano è un soggetto poco conosciuto rispetto ai più noti MAS, Vosper, PT-109, Elco e Schnellboot della Italeri, prodotti nella stessa scala.
E’ veramente un ottimo kit, relativamente semplice come concezione, composto da sei stampate più scafo, carena e plancia realizzati indipendentemente, il tutto in plastica grigio chiaro di buona qualità; inoltre, sono presenti una piccola stampata per le parti trasparenti, un foglietto di fotoincisioni, le relative decals e le istruzioni chiare, corredate da una tavola a colori per la colorazione del modello.
Una volta assemblato, ho aggiunto alcune migliorie, dedotte come mia consuetudine da alcune foto d’epoca ricercate nel web:

  • i due parabordi sporgenti sul lato di sinistra, prodotti dalla canadese Thachweave Products con fili di cotone intrecciati a mano e lavorati a uncinetto;
  • la gomena fissata sempre sullo stesso lato che termina sul ponte a prua, arrotolata intorno all’asta dell’antenna;
  • il salvagente a forma di ferro di cavallo posto sul fianco della plancia della francese U-Models;
  • i fili elastici della Essebiemme.

Ho eseguito la verniciatura con il solo utilizzo del pennello, usando acrilici Tamiya, dando poi lavaggio e usura: ho trattato il lungo tubo di scappamento dei gas di scarico lungo il ponte con le diverse tonalità della serie "SDW rust" e ho sporcato i due siluri con "unto & grasso", entrambi prodotti della True-Earth.
Infatti, nella realtà operativa di allora, era indispensabile spalmare con grasso il corpo dei siluri, per avere così maggiore scorrevolezza nella fase di lancio e anche per preservarli dalla corrosione.
Terminato il modello della motosilurante che misura 55 cm e non convinto di lasciarlo così a sé stante, ho sviluppato via via l’idea di realizzare un piccolo diorama e di ambientarlo nella stagione invernale in uno spaccato della base navale della flotta nel Mar Baltico, dove il battello è ormeggiato a una banchina in attesa di essere rifornito del combustibile da un’autocisterna, prima di prendere il mare.




Il diorama
Ho progettato la banchina a tutta altezza, cioè dal fondale marino alla parte emersa, e per non "appesantirla" visivamente, ho preferito realizzarla con due strutture affiancate di materiali diversi.
La prima più estesa è formata da lastre di polistirene estruso opportunamente sagomate e sovrapposte tra di loro, sulla sommità della quale ho pazientemente posato a correre la relativa pavimentazione formata da blocchetti rettangolari di color grigio prodotti dalla Plus Model, inserendo anche una caditoia e il cordolo perimetrale, tra l’altro sporgente con risvolto verticale, usando elementi di maggior dimensione reperiti in un colorificio.




Ho eseguito poi la verniciatura sempre con acrilici Tamiya, sperimentando anche il Pannel Line color black lungo le linee di fuga tra i blocchetti della pavimentazione, con ottimi risultati.
Ho steso quindi dello stucco bianco extrafine sui paramenti verticali del sottostante blocco di polistirene, aggiungendo in modo non omogeneo un po’ di polvere di intonachino e della sabbia marina mischiati a frammenti vegetali.
Successivamente ho testurizzato il tutto con un pennello dalle setole grezze, verniciando poi le pareti con un mix di colori dati con pennello tondo e con un piccolo tampone di spugna naturale.




La seconda struttura invece è formata da un tratto di pontile in legno che ho costruito con listelli piatti fissati su una intelaiatura di travi posta tra l’altro su due livelli, il tutto poi verniciato con impregnante all’acqua Syntilor.
Il pontile stesso si regge su cinque pali ricavati da spezzoni di rami secchi che, per l’aspetto della loro corteccia rugosa e invecchiata naturalmente, si inseriscono ottimamente in questo contesto portuale.
A lato ho fissato un palo ricavato da un tondino in legno, trattato anch’esso con l’impregnante e protetto alla sommità da una coppella metallica, che sostiene una lampada da ferromodellismo che ho modificato e adattato, un salvagente anulare della francese U-Models e un pneumatico quale parabordo.
Per realizzare il fondo marino ho steso sopra una lastra in metacrilato da 62x27 cm del DAS "Terracotta", modellandolo opportunamente, sul quale successivamente ho spalmato della pasta acrilica, mescolando e testurizzando i due prodotti "Terra Russia Scura" e "Terra Fango Chiaro" dell’Abbiati Wargames, per dare così un effetto fangoso/sabbioso.




Ho aggiunto anche un leggero mix naturale di provenienza marina, vari detriti/rottami/rocce e per dare l’effetto bagnato ho completato il tutto dando più mani di liquido Toffano, unitamente alle pareti e ai pali "immersi" della banchina.
Per realizzare la superficie del mare ho usato una lastra in metacrilato "effetto acqua" della Essebiemme, della stessa dimensione di quella del fondale e spessa 5 mm, così da poter evidenziare la linea di galleggiamento dello scafo e visionarne la parte sottostante con il gruppo eliche/timoni.
Ho forato in successione una parte centrale della lastra stessa per poter poi asportare il tassello riferito all’ingombro dello scafo, quindi ho eseguito la verniciatura dal di sotto per creare, con un mix di acrilici color verde e blu, le diverse tonalità del mare.




Per sostenerla, l’ho inserita dal lato più lungo tra la sommità del blocco di polistirene e il soprastante pannello rivestito dalla pavimentazione, mentre agli angoli del lato opposto ho posizionato due tondini in metacrilato del diametro di 10 mm.
Dopo aver adagiato la motosilurante nel suo vano, nel corretto galleggiamento, ho sigillato con del silicone trasparente l’intero perimetro dello scafo, per poi stendere a pennello sulla superficie della lastra:

  • più strati intervallati di liquido Toffano per l’effetto acqua,
  • del gel acrilico brillante della Vallejo per accentuare il lieve movimento ondoso, tra l’altro già evidenziato nella struttura stessa della lastra,
  • del gel acrilico opaco dell’Abbiati Wargames per l’effetto increspatura del movimento ondoso e per simulare piccole zone di neve ghiacciata,
  • della neve artificiale cosparsa a pioggia in modesta quantità, fissandola contemporaneamente con lacca spray per capelli.

Dopodiché mi sono dedicato ad arredare la banchina.
Prima di tutto ho ormeggiato la G-5 alle due bitte a terra usando quattro cime, due delle quali più grosse di spessore incrociandole in tensione alle gallocce poste sul fianco verso prua e verso poppa nel metodo cosiddetto all’inglese (springs), al fine di ammortizzare lo scafo spinto dal moto ondoso o dal vento contro i due pneumatici parabordi.
Quest’ultimi li ho tagliati nella misura dello spessore della lastra per simulare la loro parziale immersione e la porzione inferiore tagliata è stata poi incollata in corrispondenza sotto la lastra stessa.






Una passerella d’accesso, recuperata dal mio archivio, la collega alla banchina dove sotto la zona d’appoggio ho posizionato un pezzo di ruvida iuta che, come in generale si usava nella realtà, serviva a frenare l’eventuale scorrimento laterale dovuto all’incontrollato movimento dell’imbarcazione.
Sul pontile in legno ho posizionato un gruppo formato da bidoni e casse coperti da un telone (sul quale ho appoggiato un imbuto…) in resina bianca della francese MK35, alcuni parabordi in cotone a forma cilindrica lavorati sempre a uncinetto della canadese Thachweave Products, una piccola bitta con catena, un carrellino di trasporto con relativo bidone e alcune taniche/contenitori, il tutto provenienti dal mio archivio.






L’autocisterna
Il BZ-38 mod.1939 era l’autocisterna multiuso dell’Armata Rossa, nel senso che fu usata per rifornire di carburante tutti i mezzi militari terrestri ed aerei nonché piccoli battelli, operando a supporto su ogni fronte.




Il telaio era lo stesso del camion GAZ-AAA ( Gor'kovskij Avtomobil'nyj Zavod, in italiano Fabbrica Automobili di Gor'kij) ma al posto del cassone di carico era installato un serbatoio di 1350 litri di combustibile.



Foto d’epoca


Il kit è dell’ucraina MINIART che mi ha piacevolmente sorpreso sia per l’ottima qualità dello stampaggio in plastica grigia che per i numerosi componenti molto particolareggiati e precisi.
Il livello del dettaglio è decisamente elevato, basti pensare che ogni pneumatico è costituito da ben sette strati sottili a forma di corona circolare da incollare l’uno sull’altro...




La colorazione esterna, del tutto simile a quella originale dei mezzi militari, è in acrilico Russian Green della MIG, data a pennello così come il bianco soprastante che ho steso con il Washable White Camo sempre della MIG.
Una volta asciutto ho iniziato a rimuovere quest’ultimo con un pennello umido d’acqua, sfumandolo in modo da creare quel tipico mimetismo che, durante il conflitto in ambiente invernale, i sovietici erano soliti creare verniciando abbastanza sommariamente i loro mezzi militari.
Al riguardo, usavano un’apposita vernice bianca lavabile, di bassa densità e con poca aderenza, che al cambio della stagione veniva facilmente asportata.




Come un unico intervento extra kit, ho posizionato arrotolata sul parafango posteriore destro una rete per stivaggio, annodata a mano con filo di cotone della canadese Thachweave Products.




I figurini
Dopo una lunga ricerca nel web, sono riuscito a reperire nove figurini di marche diverse, adatti in questo contesto, che ho distribuito nel diorama secondo le loro pose e mansioni che avevo ipotizzato.




Le uniformi sia dell’equipaggio della motosilurante che del personale di servizio a terra erano alquanto variegate, soprattutto in questo ambiente invernale e le tipiche magliette bianche a righe orizzontali azzurre erano coperte generalmente da quel particolare giubbetto color kaki, più o meno chiaro, in uso nell’esercito dell’Armata Rossa.
Quest’ultimo, in russo telogreika (scalda corpo), era in tessuto imbottito con lana e ovatta cuciti a strisce dall’aspetto simile alla trapunta e anche i sottostanti pantaloni, come la tuta intera da fatica, erano ben foderati.
Il copricapo era il classico colbacco ushanka (cappello orecchio) diversamente foderato con pelle di pecora, di coniglio o di altra pelliccia più pregiata riservata agli ufficiali superiori.
A due figurini che ho installato a bordo della G-5, il comandante in plancia e il mitragliere nel suo pozzetto, ho applicato un allungo, formato da un tondino in metacrilato da 10 mm di diametro incollato a una rondella metallica, al fine di metterli nella "quota" corretta.








Infatti, l’interno della motosilurante è completamente vuoto e privo di dettagli in plancia; del resto occorre dire che non risultano esistenti foto o disegni costruttivi degli interni di queste unità e quindi appare comprensibile la difficoltà di ricrearli sia da parte del produttore che da un modellista in autocostruzione, come meriterebbe invece il modello in questa scala.






Infine, ho completato il diorama inserendo alla base una lastrina in ottone da cm 15x3,5 con inciso al centro il nominativo, a un lato ho applicato l’immagine dello stemma della Flotta del Baltico e all’altro il distintivo metallico originale riferito ad una specializzazione della Marina sovietica, rintracciato tra i miei reperti di raccoglitore seriale e che mi fu dato direttamente da un ufficiale appartenente alla Marina Rossa, tanto tempo fa...




La frase incisa in cirillico sopra la stella si può tradurre letteralmente così: "Allievo Eccellente Marina" Questa invece è l’immagine tratta dal web dello specifico distintivo portato dagli equipaggi delle motosiluranti G-5, che purtroppo non possiedo.


Soviet Torpedo Boat G-5

Dino Dall'Asta

[Gallery]

25.01.2017

Bibliografia e immagini.




Commento di giovenco giuseppe [01/02/2017]:
ma...... Dino!!! con il disgelo di Trump ti sei aperto alla Russia anche tu? ... sarebbe perfetto se ci fosse anche una pantegana; evidentemente ti è sfuggito il particolare ... stai invecchiando!!! a cosa dobbiamo questa epica svolta? simpaticissimo questo terminal portuale, come altrettanto pregevole la motosilurante - bravo Dino - sono fiero di te!! Giuseppe

Commento di Giampaolo Bianchi [01/02/2017]:
CARO DINO CHE MERAVIGLIA..TUTTO PERFETTO..E' SEMPLICEMENTE UNA FOTO TRIDIMENSIONALE.. GENIALE L'IDEA DI USARE IL METACRILATO!!
BRAVISSIMO.
UN ABBRACCIO
GIAMPAOLO

Commento di Valter vaudagna [01/02/2017]:
Molto interessante direi, anche la spiegazione storica, mancano solo i pesci,,,eh,,,eh,,,eh,,,ottimo

Commento di Luca Navoni [01/02/2017]:
Vai Dino......!!!! ....che dire bello, bello, bello..... ...davvero complimenti, bella l'idea della lastra in metacrilato per l'effetto acqua....

un saluto e un abbraccio, Luca

Commento di Enrico Calanchini [01/02/2017]:
Una realizzazione degna di essere esposta in un museo, per realismo, bellezza e originalità espositiva particolare. Ogni dettaglio è molto curato, e ben posizionato come fosse il fermo immagine di avvenimenti ormai lontani nel tempo.
La parte descrittiva ed esaustiva ne aumenta il pregio.
Complimenti vivissimi

Enrico

Commento di ezio bottasini [02/02/2017]:
Carissimo Grande Dino, mancavi da un po' all'appello ma l'attesa ne è valsa la pena, premesso che ad ora non ho letto tutto l'articolo ma mi prometto di farla a breve, comunque l'insieme è spettacolare, la solita dovizia di particolari e la solita maestria di esecuzione (sei anche un abile pavimentatore di strade, potresti fare un giro ad Arcore a sistemarne qualcuna...). BELLISSIMO, spero di vederlo a Giussano per apprezzarne appieno dal vero i particolari, Fossi in commissione darei il Best almeno di categoria.
Complimentoni Ezio

Commento di Lauro Bonfà [02/02/2017]:
Un lavoro Superlativo Caro Dino, non solo hai creato un diorama che racconta un momento di Storia ma lo hai fatto con eccelsa maestria. Belle le foto e completo e avvincente il tuo Report modellistico e storico. Spero prima o poi di ammirarlo da vicino a qualche evento.Grazie e Complimenti. Lauro.

Commento di Francesco Sasso [03/02/2017]:
Lavoro stupendo Dino, studiato ed elaborato nei minimi dettagli.. bellissima questa motosilurante e particolarmente interessante tutta la descrizione.. complimenti!!
Un salutone
Francesco

Commento di Vito [03/02/2017]:
Ciao caro Dino
Semplicemente stupendo....
Mi inchino alla tua bravura
Ciao Vito

Commento di Roberto [04/02/2017]:
Dino,

ottimo lavoro e interessanti note storiche, come sempre. Mi piace come hai impostato il diorama e la collocazione dei personaggi che lo rendono davvero vivo. Nei tuoi panni avrei evitato il doppio piano per farvedere il fondale, ma è mera questione di gusti. Complimenti vivissimi.
Roberto

Commento di maurizio ugo [04/02/2017]:
....ciao Dino, ci mancava solo un aereo.... autocarro, figurini, mezzo navale, e diorama.... belin...non ci hai fatto mancare quasi nulla... un bel MiG 3 semi affondato o la coda di un Ju 87-G1...scherzi a parte, gran bel lavoro e ottima descrizione, bravissimo... un salutone
maurizio

Commento di Dino Dall'Asta [04/02/2017]:
Un saluto a tutti e grazie per i vostri commenti...
Dino

Commento di Gianni [05/02/2017]:
un grandissimo lavoro Dino gia il soggetto e molto interessante e poi grande spiegazione tecnica e cura nel dettaglio, sei stato veramente bravo.
Gianni

Commento di Massimo [05/02/2017]:
Come al solito sorprendi tutti sia dalla ricerca storica che dall'esecuzione, sono sempre molto strabiliato dal modo in cui lavori e dalla ricerca di modelli esclusivi. Complimenti.

Commento di Gianni [06/02/2017]:
un grandissimo lavoro Dino gia il soggetto e molto interessante e poi grande spiegazione tecnica e cura nel dettaglio, sei stato veramente bravo.
Gianni

Commento di Renzo [17/02/2017]:
Non esiste un commento che possa esprimere la Tua eccelsa bravura. Bravo bravo bravo.
Renzo



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No