Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Sous-marin Nautilus - Dino Dall'Asta




Il Nautilus è stato il primo vero sommergibile funzionante della Storia: fu progettato verso la fine del ‘700 da Robert Fulton, ingegnere e inventore statunitense della Pennsylvania trasferitosi in quegli anni in Francia.
Deve il suo nome a un genere di mollusco cefalopode, dal complesso e mirabile sistema di equilibrio idrostatico e che successivamente ispirò a Jules Verne il suo immaginario sottomarino comandato dal capitano Nemo nel libro "Ventimila leghe sotto i mari".
Nel 1800 propose di realizzare il suo progetto al Primo Console Napoleone Bonaparte, presentando l’idea di un sottomarino che avrebbe potuto attraversare la Manica e sott’acqua colpire nei loro porti le navi inglesi, allora in guerra con i francesi; ottenuto il finanziamento necessario, il Nautilus venne velocemente costruito presso il cantiere Perrier a Rouen e testato con successo nell’anno successivo nella località di Camaret-sur-Mer, all’ingresso della rada di Brest: lo stesso Fulton insieme a tre membri dell’equipaggio si immersero fino alla profondità di otto metri per un’ora, senza il minimo inconveniente.



Illustrazione d’epoca


Durante questo test riuscì anche ad affondare uno schooner, tipo di veliero a due o più alberi inclinati verso poppa, utilizzando una carica di polvere da sparo galleggiante trainata fin contro il bersaglio: una nuova arma che Fulton ribattezzò "torpedo" dal nome della manta, pesce dotato di organi capaci di emettere potenti scosse elettriche; negli anni a venire la torpedine divenne sinonimo di mina subacquea e siluro.
Nonostante il buon esito del collaudo i francesi non rimasero impressionati dalle sue prestazioni e ne bloccarono la produzione.
Decise allora di proporre la sua invenzione ai nemici di Napoleone, gli inglesi: nel 1805 in un altro test riuscì addirittura ad affondare un brigantino da 300 t ma, ancora una volta, non riuscì a convincere la Royal Navy, notoriamente conservatrice.
  Visse una esistenza amareggiata dall'incomprensione del governanti ai quali si era rivolto per far realizzare i suoi progetti: non fu capito da Napoleone, dagli ammiragli inglesi, dal Direttorio ai ministri e dagli scienziati del tempo.
Benché il battello funzionasse egregiamente dimostrando il suo valore, non fu mai preso in considerazione, probabilmente per le idee troppo avanzate del suo progettista e per i tempi non ancora maturi ad accogliere un simile avveniristico mezzo subacqueo.
Finita la sua esperienza europea, Fulton rientrò in patria dove riuscì a coronare con successo un altro suo progetto: infatti, nel 1807 inventò la nave a vapore, facendo installare l’apparato motore ideato da James Watt sul battello commerciale Clermont in navigazione sul fiume Hudson.
Si spense a New York nel 1815.



Il suo progetto


Il Nautilus, dalla caratteristica forma filante ellissoide, dovuta agli specifici studi e sperimenti in acqua eseguiti dallo stesso Fulton, era costituito da una struttura metallica rivestita esternamente da lamiere di rame; lungo 6,5 m con un diametro di 1,9 m era dotato verso prua di una torretta a cupola con tre piccoli oblò per l’osservazione e a poppa due timoni per il controllo del movimento orizzontale e verticale, antenati dei moderni timoni di profondità.
Inoltre era provvisto sia di serbatoi di galleggiamento sotto lo scafo comandati da pompe interne, sia di serbatoi di aria compressa per il rifornimento di ossigeno, con una autonomia di circa sei ore per le previste quattro persone d’equipaggio.
Sott’acqua era spinto da un’elica bipala azionata a mano con un meccanismo a volantino (velocità 1-2 nodi), mentre la propulsione in superficie era data da un sistema velico a forma di ali di pipistrello sostenuto da un albero incernierato e pieghevole verso poppa, che veniva alzato o abbassato secondo necessità mediante un verricello con fune comandato dall’interno (velocità 3-4 nodi, naturalmente a seconda della potenza del vento).
Sotto la prua, agganciata ad una cima fuoriuscente da un foro, sporgeva una piccola ancora metallica a quattro bracci con marre che veniva comandata anch’essa da un apposito volantino.






Come detto in precedenza, l’arma offensiva - la torpedo - era costituita da un contenitore ovoidale galleggiabile con una carica di circa 11 kg di polvere nera che, trainato sotto lo scafo in legno della nave nemica, veniva provvisoriamente posizionato tramite spuntoni appuntiti di ferro sporgenti a raggiera dall’involucro, per poi essere definitivamente fissato mediante un apposito puntale a trivella azionato dall’interno e sporgente verticalmente sulla sommità della cupola di osservazione: dopodiché il sottomarino si sfilava, spezzando il puntale alla base e raggiunta una distanza di sicurezza avveniva l’esplosione a strappo, mediante un meccanismo di scatto sul relativo detonatore.






Il modello scala 1:32
Anche questo è un modello che mi ha particolarmente incuriosito, sia per la sua originalità che per la sua storia e quindi non ho esitato a procurami il kit della statunitense Cottage Industry Models.
Contrariamente ai precedenti kits della stessa casa produttrice (Hunley, Tennessee e David già illustrati in questo sito), non ho incontrato alcuna difficoltà a realizzarlo, vuoi per le dimensioni contenute che per la semplicità di montaggio dei vari componenti in resina di color bianco.
Un po’ laboriosa invece è stata la realizzazione del sistema velico, composto da una struttura di sostegno formata da otto tondini di legno, tagliati a misura e opportunamente uniti tra di loro a ventaglio mediante funi e occhielli, mentre l’albero centrale a sua volta composto da due tondini è incernierato alla base, in modo da poter abbassare e adagiare il tutto sulla parte superiore dello scafo quando il sommergibile doveva operare sott’acqua.
Questa operazione veniva eseguita, tramite una manovella interna, da una bobina a due scanalature che agiva su un’unica fune; dalla scanalatura inferiore la fune partiva infilandosi in un tubo fissato orizzontalmente sulla sommità dello scafo, ne usciva da un foro praticato all’estremità per poi arrivare in diagonale ad un altro foro in cima all’albero centrale e discendere lungo lo stesso albero fino alla scanalatura superiore della bobina di partenza: un po’ complesso ma perfettamente funzionante!






La tela della vela l’ho ricavata da una pezza di cotone bianco, successivamente immersa in un vassoio in alluminio riempito con del the per dare un po’ di invecchiamento; l’ho tagliata sagomandola a forma di ali di pipistrello, l’ho bordata con un tratto di corda nascosta dalla piegatura interna dei lembi della tela stessa e l’ho fissata sulla corrispondente struttura di sostegno.
Per realizzare sia i vetri dei tre oblò che la lente del monocolo in mano al figurino ho usato il liquido Synthaglass della Toffano.
Alla torpedine ho aggiunto quattro spezzoni metallici appuntiti, non previsti nel kit, e un occhiello a cui ho fissato la fune di traino.






Ho eseguito la verniciatura con il solo uso del pennello con un mix di acrilici di colori e marche diverse, dando poi invecchiamento in forma leggera.
Per un maggior realismo, ho inserito il figurino "INCROYABLE" della francese Metal Modeles che ho scoperto dopo una ricerca nel Web e che è perfettamente adatto al contesto, sia come epoca che come postura nell’ammirare con incredulità il sommergibile.




Il modello, dalle dimensioni di 23x6xH.20 cm, e la torpedine poggiano su colonnine in metacrilato inserite in una lastra effetto acqua con fondo bianco della Essebiemme, sulla quale ho posizionato una lastrina in ottone con inciso il nome del battello e come parziale fondale una cartolina raffigurante la prova in acqua a Camaret-sur-mer in una illustrazione d’epoca.




Dino Dall'Asta

[Gallery]

26.09.2015

Bibliografia e immagini.




Commento di Mario Bentivoglio [30/09/2015]:
....mamma mia!!! Che bello!!!!!!! Soggetto originalissimo e realizzato superbamente!!!! Bravissimo Dino !!!!!
:-) un salutone ciaoo mario

Commento di ezio bottasini [01/10/2015]:
Ciao Dino, bellissimo, sei una fonte inesauribile di sorprese; mai vista una cosa simile.
Puro spettacolo.........
Ciao al prossimo Ezio
P.S.: ci vediamo a Varedo??

Commento di Lauro Bonfa' [01/10/2015]:
Complimenti Dino,sono rimasto piacevolmente ammutolito nell'ammirare questo splendido Lavoro.Sono sempre piu' convinto che il Modellismo sia frutto non solo di Cultura e di Manualita',ma anche di profonda Intelligenza, Passione e Ricerca Storica
Lauro

Commento di giuseppe giovenco [01/10/2015]:
questo vuol dire navigare sulle ali della fantasia - ottima realizzazione, inusuale, intrigante, illuminista, ma allo stesso tempo Leonardesca - grazie, Dino - giuseppe

Commento di maurizio ugo [01/10/2015]:
..ciao Dino, che bella questa realizzazione, il modello, la storia, la scenetta nel suo insieme, ma mi sembra logico, che possiamo aspettarci da te se non queste meraviglie??
.. chissà che ci proponi la prossima volta..... aspettiamo!!!!!
un salutone, maurizio

Commento di Vito [02/10/2015]:
Ciao Dino
Che dire , riesci sempre a sorprenderci !
Lavoro davvero interessante come sempre realizzato in maniera magistrale.
Ciao Vito

Commento di Enrico Calanchini [02/10/2015]:
Ciao Dino, di nuovo sbigottisco nell'ammirare la tua opera, impreziosita come sempre da note storiche interessanti e condivisione di tecniche per realizzare questi soggetti che non sono di certo per " cocchi di mamma " ma contribuiscono ad aumentare il bagaglio di conoscenze di ogni modellista. Bravissimo!

Enrico

Commento di Luca Navoni [03/10/2015]:
Ciao Dino,

come al solito ci stupisci sempre con modelli, almeno a mio parere, inediti o per lo più posti in una nicchia ricercata.... ...bella e realistica la realizzazione del modello e molto interessante la ricerca storica..... ....davvero complimenti.....

Continua a sorprenderci......!!!!

Un saluto, Luca

Commento di Roberto [03/10/2015]:
Ottima realizzazione di questo insolito mezzo. Molto interessanti, come al solito verrebbe da dire, le note storiche.

Ciao,

Roberto

Commento di Dino Dall'Asta [04/10/2015]:
Ringrazio tantissimo tutti voi per i positivi nonché generosi commenti.
Dino

Commento di Francesco Sasso [05/10/2015]:
Ciao Dino! Ammirevole ciò che hai realizzato..interessante il kit e dettagliata come sempre la ricerca storica che proponi per ogni tuo articolo..bravo!
Sinceri complimenti !
Francesco



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No