Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo New
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Austin Armoured Car
Austin Armoured Car
Michelangelo Galli

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Tanto tempo fa, in una galassia... II - E. Bottasini


Cari colleghi modellisti, nella prima parte di questo articolo, avevo affermato che la voglia di restaurare il mio vecchio T-65 della AMT-ERTL, era stata scartata.
Allora non mentivo, però questa voglia si è risvegliata, vedendo sulla rete alcune immagini di altri T-65 ed in particolare quelle del T-65 “mimetizzato” realizzato da “George Oh”; ho quindi ripreso in mano il modello in questione e grazie alla cristallizzazione della “vecchia” Polistirene Cement della Humbrol (vecchia ormai di trent’anni), sono praticamente riuscito a “smontare” quasi completamente l’X-Wing; dopo aver scatta la foto del “prima”, sono riuscito con pazienza ad aprire i due semigusci della fusoliera, a staccare l’abitacolo ed il cockpit.
L’unica cosa che ho lasciato stare sono le ali, in quanto lo snodo non ha ceduto.




Sono quindi passato a correggere gli errori commessi “...Some time ogo, in a galaxy far far away...”, dovuti, oltre che dall’inesperienza del tempo, anche al fatto di non aver avuto a disposizione il foglio di costruzioni all’interno della scatola di montaggio (non c’erano neanche le decal).




Ho rimontato i laser alari che avevo montato in modo errato, le ventole degli scarichi degli ipermotori, che 30 anni fa non avevo avuto ala fantasia sufficiente per inserirle all’interno degli scarichi stessi ma, avevo posizionato tra la parte alare e la parte libera dei motori (I was a beast). Dopo di ciò ho rimontato abitacolo e cockpit, rimesso insieme i gusci della fusoliera (naturalmente dopo aver risistemato le ali), dato le debite stuccature, rimontato motori e laser e verniciato il tutto (tranne i coni di scarico dei motori), con il nero opaco Humbrol (lo so farò sorridere molti, ma sono rimasto fedele ai vecchi smalti Humbrol, non ho mai imparato ad usare gli acrilici), ho fatto gli spot bianchi ad aeropenna e il giorno dopo a vernice asciutta le “stelle” con uno stuzzicadenti (i più attenti potranno individuare la costellazione di Orione sulla fusoliera a livello della carlinga).




Dopo qualche giorno, per lasciare stabilizzare il tutto, tramite tecnica dry-brush ho invecchiato il tutto con del grigio medio 126 Humbrol.
Ho inoltre modificato ed irrobustito il supporto che mi si è rotto durante le manipolazioni del restauro.
Ho dato una sistemata anche a R2-D2, purtroppo nelle mie pessime foto si vede poco.




Questo è il risultato, non mi sembra tutto sommato “malaccio”, a dimostrazione che vecchi modelli, non eseguiti particolarmente bene, possono avere una seconda vita, una seconda possibilità, ed elevarsi ad uno stato dignitoso di realizzazione modellistica.





“Che il modellismo sia con noi...”


Ezio Bottasini

[Gallery]

05.04.2011

Gli altri articoli della saga:

Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No