Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

Maurizio Ugo - Gallery

Breda Ba 88 B

Il modello, un short run MPM, mi ha fatto sudare un pochetto, tipica condizione di queste tipologie di kit; nell’insieme però è risultato discreto una volta terminato.
Le incisioni sono ben realizzate e direi compatibili con la scala; la tecnica dello stampo, una volta tanto, ha agevolato il nostro risultato finale, dando una superficie superiore senza troppe giunzioni.

McDonnell Douglas F-4 J Phantom II

La qualità del kit Academy in scala 1/72 non si discosta molto dai più blasonati kit del Fantasma se non per due caratteristiche particolari: il prezzo, elevatissimo, senza sapere bene il perché al momento dell’acquisto e il fatto che si monta senza colla.

Macchi 200 Saetta

Il kit Italeri, in scala 1/48, è semplice e piacevole da assemblare; sono soddisfatto del risultato finale in quando le dimensioni permettono una visione migliore delle linee del velivolo.
Il montaggio, è stato integrato da una piccola lastrina in fotoincisione disponibile nel kit, utilizzata per gli interni dell’abitacolo e i carrelli principali.

Tecnica di riproduzione dello Zimmerit

Questo articolo è dedicato ai "carrarmatai”, che potranno valutare se questa tecnica, da me ideata, è utile per poter realizzare, in scala, questo particolare tipo di rivestimento amagnetico, usato dai carri tedeschi durante gran parte del secondo conflitto mondiale.
Il materiale principale per la riproduzione è il nastro adesivo Dexter, per superfici curve.

Airco DH.2

Ho voluto cimentarmi in un velivolo della prima guerra mondiale in scala 1/48 con un’architettura abbastanza complessa che prevede un intenso uso di tiranterie da far scappare la pazienza a un santo; per fortuna, grazie alle sue particolari forme, sono riuscito a trovare le giuse motivazioni per realizzarlo.

StuG 40 Ausf. G

Il modello Revell in scala 1/72, si monta velocemente ed è molto preciso; i cingoli in plastica con numerosi pezzi piccoli e tronconi più grandi sono una novità per me in quanto, l’ultimo carro armato fatto più di trent’anni fa, era dotato di cingoli di vinile.

PT-109

La PT-109 fu una motosilurante da pattugliamento comandata dal sottotenente di vascello John F. Kennedy durante la seconda guerra mondiale.
Il comportamento del giovane Kennedy, che portò al salvataggio dei sopravvissuti del suo equipaggio dopo l'affondamento per speronamento della sua motosilurante da parte di un cacciatorpediniere giapponese, ne fece un eroe di guerra.

Heyford Mk.III

Il kit Matchbox, si monta molto bene; preciso negli incastri ma povero di particolari specialmodo negli interni, che hanno subito una leggera miglioria.
Le modifiche principali, sono avvenute nella sostituzione dei montanti a V ventrali con aghi di siringa tagliati di misura e la sostituzione del parabrezza

Grumman F7F-3N Tigercat

Il kit Octopus (Pavla) in scala 1/72, un short run, nel vero senso della parola, mi ha fatto dannare in ogni sua parte; in ogni fase c’era una serie di problemi che dovevo affrontare e risolvere, anche in previsione alle fasi successive...

AgustaWestland AW101

Il kit Italeri in scala 1/72 è abbastanza preciso e dettagliato, una particolare attenzione va dedicata alle decal e alla scelta dei colori.
Non troppo chiare le istruzioni sulla colorazione in generale, ma nulla di impossibile, alla fine si ha una buona rappresentazione di un velivolo bello a vedersi.

Caproni Ca 310

Il Caproni Ca 310, è uno short run dal quale si ottiene un discreto risultato finale con un po’ di attenzione e l’indispensabile lavoro, obbligatorio per questo tipo di modelli.
Questa versione onora un caduto per cui mi sento di dedicare questo mi lavoro a tutti i caduti italiani e non che hanno scritto la storia nella guerra aerea.

Fiat CR 42 "Falco"

Ho realizzato questo kit qualche annetto fa immediatamente subito dopo l’acquisto!
Un onesto modello, decisamente migliore del Revell e del Misterkit, gli interni sono passabili, almeno per me, visto che faccio modelli quasi da scatola, decisamente bello il dettaglio generale, qualche difficoltà l’ho riscontrata con le ali e i montanti.

SM 82 Marsupiale

Dopo un montaggio veloce e senza troppi problemi, mi sono trovato al momento della scelta delle versioni: naturalmente ho scelto quella più difficile: due toni sul fondo giallo, la trovo molto bella rispetto alle altre.
La colorazione della mimetica mi ha impegnato per una lunga serata...

Dornier Do X

Ho realizzato questo modello per un amico che, nel progetto di una futura mostra, intendeva utilizzare il velivolo nella versione Regia dedicata a Umberto Maddalena (I-REDI), ancorato nei pressi di Genova negli anni venti/trenta.
Purtroppo gli esemplari italiani del Do X avevano motori e tralicci differenti da quelli proposti nella versione Revel.

P-51D Mustang e F-86 Sabre

Ecco due modelli molto rappresentativi e in simbiosi tra loro; possiamo infatti considerarli padre e figlio di due epoche storiche: quella dell’elica e quella dei jet, e di due conflitti che li ha visti impegnati, e protagonisti: la Seconda Guerra Mondiale e la Guerra di Corea.

Junkers Ju 87 D3

Ecco il primo modello del 2015: pensavo di fare un modello semplice, ma, a parte il fatto che è semimontato, mi ha fatto dannare.
Nella documentazione in mio possesso ho trovato le problematiche del modello che mi hanno costretto a fare quello che non sono molto bravo a fare ma soprattutto non voglio fare... autocostruire!!!

Hurricane IIc

La scatola Revell fornisce due versioni, ho fatto quella un po’ meno appariscente, di uno squadron impegnato in Oriente con mimetica verde e marrone tipica del periodo iniziale del conflitto, conflitto che ho avuto con la verniciatura inferiore, che secondo i canoni, doveva essere sky, ma le istruzioni davano in un grigio, che ho riprodotto fedelmente; dei dubbi rimangono, anche se ulteriori ricerche in rete non mi hanno aiutato.

Supermarine Stranraer

Il kit, scala 1/72 inscatolato dalla Revell, è uno stampo Matchbox; molto basilare l’interno, anche se poco visibile, sufficientemente dettagliato l’esterno, in special modo, le centine alari che sono molto ben realizzate: ne troppo ne poco evidenziate.
Il modello che ho deciso di rappresentare, è del N° 240 Squadron della RAF, basato in Scozia nel Gennaio del 1941.

Aermacchi MC 202

Il modello, Italeri, in scala 1/72, si presta bene al montaggio in quanto ben definito negli accoppiamenti, nelle incisioni e nelle linee generali ma è clamorosamente sottodimensionato nei portelli interni del vano carrelli (non i copriruota); non essendo possibile recuperare questa imperfezione, devono essere rifatti.

Mitsubishi Ki-51 "Sonia"

Il kit Hasegawa in scala 1/72, datato ma già in negativo, si presta bene al montaggio, un po’ meno alla colorazione e alle note, rigorosamente in giapponese.
Unico neo riscontrato è il perno che tiene l’elica: inserito dentro il motore tra le due serie di cilindri è corto e il montaggio dell’elica non è ottimale in quanto tocca nella nanca.

Albatros DV

Dopo l’avventura dello SPAD XIII, sempre della Eduard, ma inscatolato Revell in 1/48, sono ritornato sui kit della prima guerra con questo modello, molto ben fatto, anche se con alcune mancanze, molto strane, visto la qualità degli stampi.
Non sono infatti presenti i tubi di raffreddamento che dal motore vanno al radiatore alare e viceversa.

Ilyushin IL-2 Sturmovik

Il kit Academy, in scala 1/72, non presenta particolari problemi nel montaggio fatta eccezione della presa d’aria sul muso per la quale bisogna limare la struttura, bloccarla prima da un lato e fare alcune prove a secco per allinearla con l’altra fusoliera.
Un po’ di disagio l’ho avuto nell’interpretare le istruzioni delle colorazioni che sono definite per parecchie versioni.

Tecnica dissetante e ricostruttiva

Siamo in estate, fa caldo e bere una bella bibita fresca è un piacere che va in contrasto con il dispiacere di notare che che i modelli dei due velivoli da caccia italiani più importanti, efficienti e maggiormente prodotti dei primi anni di guerra... abbiano un difetto negli stampi! Ciò mi fa girare le scatole alla grande!

SPAD XIII

Il kit, di stampo Eduard ma inscatolato Revell è il primo da me costruito di questa marca.
Un buon modello, non particolarmente difficoltoso nel montaggio, preciso e relativamente veloce da fare, valido anche per modellisti alle prime armi e degno rappresentante di un periodo dove gli aerei erano veramente interessanti.

Mitsubishi A5M2 "Claude"

La Hobby Boss propone alcuni modelli che aiutano il principiante ad avvicinarsi al nostro hobby con dei risultati discreti fin dalle prime realizzazioni.
La serie "Easy", come dice il nome, rende più veloce e preciso il montaggio del kit portando il modellista, in poco tempo, alla verniciatura.

Reggiane Re 2002

Non avevo mai montato un modello della Sword, vedendo le stampate, pensavo di avere le solite difficoltà che con un short run si hanno, ma devo dire che il montaggio è filato abbastanza liscio.
Ho solamente aggiunto dei pezzi di plastica per creare dei battenti sulla fusoliera, in quanto sprovvista di perni e...

Fiat CR.32 "Chirri"

Grazioso biplano, il CR32, forse è stato il migliore velivolo italiano nel periodo ottimale per i biplani; maneggevole, pesantemente armato... ha saputo mettersi da parte per lasciare il posto... ad un altro biplano, il "Falco" CR 42, che ormai risultava essere di formula superata quando i monoplani facevano capolino nei vari teatri bellici.



Ciao a tutti voi, sono Maurizio Ugo, modellista da quando ero ragazzino, appassionato di aerei anche se ho fatto qualche carro e qualche nave; la mia scala preferita è 1/72, mi piacciono molto i velivoli della seconda guerra mondiale, con una prevalenza per quelli dell’asse, italiani soprattutto, senza tralasciare gli alleati e quelli di altri periodi.
Considero il modellismo un’arte, anche se purtroppo non sono un artista, ma l’ispirazione, come avviene agli "artisti", mi coglie a volte improvvisamente, portandomi a fare modelli che poco prima non avrei nemmeno pensato di fare.
Non sono mai stato iscritto a club, purtroppo, sono cresciuto da solo con qualche rivista e molta fantasia per risolvere i problemi che mi capitavano di volta in volta.
Non mi piacciono i modelli troppo elaborati, ma provo una "sana" invidia per il modellista che è riuscito nell’impresa; a mio parere, il modellista dovrebbe esaltare il modello, quando sono troppo elaborati, fermo restando che sono delle opere d’arte, è invece il modello che esalta la bravura del modellista.
Lavoro in un colorificio, e molti prodotti vernicianti che uso, smalti, trasparenti e altri prodotti, li ho modificati per renderli utilizzabili per i miei modelli.
Uso colori ad acqua, Gunze e Tamiya quando disponibili e, nelle colorazioni, se possibile, cerco di fare riferimento ai FS, che difficilmente corrispondo alla cartella FS; devo quindi portarli in tinta e poi seguire le varie tecniche di invecchiamento e sporca tura finale del modello.

Auguro a tutti buon modellismo !!!!