Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Alessandro Magno
Alessandro Magno

"Time for break" (Work in Progress - II)

Luca Navoni

Ecco la seconda parte di "Time for break" dove è possibile iniziare a farsi un'idea di come si svilupperà la scenetta; andrò ad illustrare e descrivere come ho realizzato la base del diorama, la torretta di avvistamento, le mura di cinta e alcuni accessori che faranno parte dell'insieme.
Questa, per ora, è una anteprima del diorama; nello spazio vuoto davanti al container, troverà spazio un mezzo antimine M-ATV usato dall'esercito statunitense.




Base del diorama
Per iniziare, ho posizionato su di una base di legno i lati di contenimento, sagomati in maniera tale da ottenere la parte dietro più alta rispetto quella davanti evitando (o almeno così spero con il proseguire del diorama) che il mezzo che andrò ad inserirvi mi vada a coprire il resto dei soggetti; Ho poi riempito tutto lo spazio vuoto con del polistirolo per composizioni floreali sagomandolo come i profili di legno.

Torretta di avvistamento
Per dare uno sviluppo in verticale al diorama, la torretta sarà posizionata in cima al container.
Con carta e penna, ho buttato giù un paio di bozze di come volevo realizzare la torretta, poi, recuperato tutto il materiale mi sono messo all'opera!
Armato di cutter, seghetto e trapano, ho iniziato a tagliare i vari listelli e ad assemblarli tra loro con la millechiodi, che per il legno è una bomba; successivamente con il trapano a batteria e una punta fine ho creato i fori per incastrarvi al loro interno dei perni che ho recuperato dal modellismo navale per simulare quelli veri.




Il tetto l'ho realizzato con del lamierino utilizzando la tecnica che ho impiegato per riprodurre le pareti del container (vedi la prima parte): in pratica: ho preso il lamierino, l'ho pressato tra due pezzi di plasticard che riproducono la lamiera ondulata, che tengo da parte come "dime", ottenendo così una copia identica dell'originale ma in metallo che può ricevere un trattamento diverso dalla plastica essendo più facile da lavorare.




La scaletta è stata realizzata con gli stessi metodi appena descritti.




Colorazione
Per la colorazione del tetto e delle lamiere, aggiunte ai lati della torretta come ulteriore protezione per i soldati, ho steso prima una mano di fondo grigio Tamiya, poi ho dato come colore di fondo un red brown mescolato con una punta di arancio e successivamente tra un tempo di asciugatura e l'altro sono intervenuto con lumeggiature e lavaggi di colore rosso, sabbia e marroni di tonalità chiare e scure; alla fine con un pennarello Tamiya di colore argento e un pennello vecchio sono intervenuto sui bordi e in qualche parte centrale delle lamiere per accentuare l'effetto metallo.
La bandiera americana riprodotta su di una delle lamiere è stata ricreata a mano prima di procedere con l'effetto usura delle stesse.






Per la colorazione di torretta e scala ho usato come colore base un flat brown molto diluito, sul quale sono intervenuto con altri filtri e lavaggi con colori di diverse tonalità di marrone, verde e del nero tutti della Tamiya e alcuni della Maimeri.








Mura di cinta
Sono partito da un asse di legno di 1m di lunghezza, dal quale ho tagliato quattro pezzi di una lunghezza di 11 cm circa, poi con della balsa ho cercato di realizzare lo scalino frontale ed infine con del tondino di ferro sottile e malleabile, ho riprodotto gli anelli per il sollevamento e posizionamento.
Per riprodurre i tondini di metallo che andranno a sorreggere il filo spinato (posizionato successivamente) ho utilizzato un pezzo di spago imbevuto nella loctite, perché una volta asciutta si irrigidisce diventando molto dura e ho ottenuto così un pezzo di "plastica" e corrugato proprio come i tondini di ferro che si usano in edilizia; successivamente ho inserito nella parte sotto due perni di legno che mi serviranno per il fissaggio finale.




I blocchi di cemento armato nella realtà vengono spostati e trasportati, sicuramente nel tempo è inevitabile che rimangano intatti; quindi con l'aiuto di un paio di tronchesine e attrezzi vari, ho danneggiato un po' i profili e creato qualche spaccatura dove, con del filo di ferro, ho cercato di riprodurre l'anima interna del cemento armato.
Compiute queste operazioni, ho passato una mano di gesso su ciascun blocco per cercare di riprodurre la granatura del cemento, poi dopo averli fatti asciugare, ho dato una leggera passata di carta abrasiva molto fine e sono passato alla colorazione;




Colorazione
Ho iniziato con una mano di primer grigio a bomboletta per poi passare una prima mano di vernice spray desert lasciando la parte centrale sfumata per dare un punto luce e successivamente sono intervenuto con colori acrilici e colori diluibili in acqua intercalando tonalità chiare e scure; alla fine con un pennello a secco ho dato una passatina di "buff" della Tamiya e pigmenti di terriccio per riprodurre un leggero strato di polvere.






Piccoli dettagli di contorno
Per arricchire la scena, ho riprodotto dei piccoli dettagli come:
- il bidone del "pattume", con tanto d'immondizia al suo interno; si nota in primo piano una bottiglia di plastica schiacciata; auto-costruita da un pezzetto di plastica fusa e schiacciata con un paio di pinzette, poi con una strisciolina di carta ho riprodotto l'etichetta di plastica.








- il frigo rigido per le bevande o cibi; il soggetto è di un kit della ditta Meng.




- il sacco di sabbia utilizzato come barriera o mura di contenimento tipico dell'interno delle basi militari è completamente auto-costruito basandomi su una foto e utilizzando un pezzo di rete di materiale plastico, impiegato nelle opere di muratura in cartongesso (se non erro) e un pezzetto di rame per riprodurre la parte alta.
Dopo la completa asciugatura l'ho riempito con sabbia e colla vinilica e colorato con desert e alcuni lavaggi per dare un po' di profondità.






Conclusioni
Ho usato materiali di facile utilizzo e reperibilità alla portata di tutti auto-costruendomi buona parte dei soggetti, le foto che seguono danno un idea del futuro diorama; per ora il posizionamento dei pezzi è provvisorio e molto grossolano.






Nel prossimo episodio ci concentreremo sulla costruzione del mezzo; riporto l’immagine della scatola di montaggio.


M-ATV MRAP

Come al solito, lascio a voi i commenti e consigli: la scena è ancora in fase di costruzione tutto può ancora cambiare.

Un saluto a tutti.


Luca Navoni

[Gallery]

Gruppo Modellisti Ravenna

09.01.2015

Segui il "work in progress"
- Parte I - Il Container
- Parte III - M-ATV MRAP (Mine Resistant Ambush Protected)




Commento di Dino Dall'Asta [11/01/2015]:
Bravo!!
Emerge in questo tuo lavoro la passione che anima il vero modellista: la fantasia, la ricerca dei diversi materiali, la precisa realizzazione di ogni componente...quasi un mini cantiere edile.
Sinceri complimenti.
Dino

Commento di ezio bottasini [12/01/2015]:
Ciao Luca, ottimo lavoro, personalmente non sarei in grado di fare tanto...le bottigliette...sembrano vere...BRAVISSIMO.
Mi associo a quanto detto dal caro Dino.
Complimentoni Ezio

Commento di riccardo casati [12/01/2015]:
spettacolare Luca veramente bello ...mi associo anch'io nel dire che si vede la mano del modellista che per passione cerca di fare il più possibile con le sue mani ...le bottiglie sono veramente spettacolari ...bravissimo

un abbraccio Riccardo

Commento di Luca Navoni [13/01/2015]:
Ciao ragazzi,

per me è una soddisfazione leggere e "vedere" che vi abbia colpito la creazione delle bottiglie perché è stata una sfida con me stesso e prima di raggiungere quel risultato ho dovuto fare diversi tentativi..... devo ammetterlo, in commercio si trova di tutto, però fin dove posso mi piace "entrare" nel diorama e cercare di creare con la mia fantasia proprio come scrivete voi...

Un grazie ancora per i vostri complimenti,
un saluto, Luca

Commento di Francesco Sasso [13/01/2015]:
Ciao Luca, i miei sinceri complimenti per il tuo ennesimo lavoro fatto con cura e tanta passione. Bello tutto, dalle bottigliette di plastica ai blocchi in cemento armato (molto realistici). Sono molto curioso di vedere il mezzo finito, anche a me piace molto il soggetto che hai scelto.
Un saluto, Francesco.

Commento di maurizio ugo [13/01/2015]:
....ciao Luca, tutto bello, ben fatto, e per me stimolante, per intraprendere la costruzione di diorami, che fai risultare semplice, anche se semplice non è...
Comunque devo fare un'appunto negativo.... il bidone del pattume..... bisogna fare la differenziata, dovevi fare altri contenitori colorati per differenziare!!!!
Scherzi a parte, non vedo l'ora di vedere il tutto assemblato e integrato nel diorama finale!!!! ciao ciao maurizio

Commento di giuseppe giovenco [14/01/2015]:
ci stai abituando troppo bene!!!!
ora non puoi fare marcia indietro, ma devi assolutamente proseguire fino al Nirvana - ah, a proposito, mi è venuta sete, mi basterebbe un goccio d'acqua, ce l'hai a porata di mano?

Commento di Luca Navoni [16/01/2015]:
Per il mezzo Francesco, dovrete attendere un pochetto perché purtroppo i pezzi non sono molto ben definiti e c'è un sacco di lavoro di "pulizia" da eseguire però cercherò di fare del mio meglio e poi come al solito ho voluto complicarmi le cose.....ma ve le svelerò nel prossimo articolo.....!!! ;)

Risposta per Maurizio: chiedo venia...!? nel prossimo diorama vedrò di fare la differenziata....!!! ;)

Risposta per Giuseppe: "....vedo se è rimasto qualcosa nel frigo portatile....!!!

A parte gli scherzi, grazie dei complimenti e delle battute che mi lasciate....!!! :)

un saluto, Luca



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No