Editoriale

Perche' KitShow?

  Gli assi dell'aviazione

Aldo Buvoli
Aldo Buvoli
Pietro Ballarini


I precedenti...

Vittorio Minguzzi
Giulio Reiner
Mario Visintini
Lydia Litvyak

  Quick Articles...

Il bivio (Sd.Kfz. 222)
"Il bivio" (Sd.Kfz. 222)
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cameron Highlanders 79th Rgt
Cameron Highlanders 79th Rgt
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

Suchoj SU-7 BKL - Enrico Bianchi

kit Kopro, scala 1/48




Il modello
Un kit davvero basico che lascia infinite possibilità a chi vuole cimentarsi nel miglioramento del dettaglio. Sono ricorso a tutti gli aftermarket che sono riuscito a reperire: sedile fotoincisioni e bombe Eduard, pitot Master e motore AM quest’ultimo un pezzo davvero notevole... quasi un peccato sacrificarlo su un kit così mediocre.
Di seguito la sequenza del montaggio a commento delle foto.
Il sedile in resina è Eduard arricchito con le relative fotoincisioni precolorate:




Stesse fotoincisioni corredano la vasca:




La palpebra necessita di un dettaglio che mostri la strumentazione sotto il parabrezza coperta da un telo:




Il motore viene assemblato e colorato con un grigio scuro metal cote della Humbrol:








Sulle ali ho deciso di togliere le paratie antiscorrimento del kit e ricostruirle con plasticard di spessore adeguato:




Di un certo impegno è il dettaglio dei pozzetti dei carrelli ma non potevano davvero essere lasciati "al naturale":












Si prosegue il lavoro con la rivettatura completa del modello ed il rifacimento della sede del pitot:










La coda necessita di intervento per posizionare correttamente i piani orizzontali:








Si passa ora ai carrell; oltre ai cablaggi, in funzione delle modifiche fatte ai pozzetti, è stato necessario cambiare in parte le gambe principali:




Il dettaglio del canopy, per la delicatezza della zona, ha richiesto un’attenzione snervante:










Suchoj SU-7 BKL © Enrico Bianchi

La colorazione
Durante la ricerca di notizie sul Su7 mi sono imbattuto su un soggetto che racchiude tutto ciò che mi entusiasma in un aereo: contesto storico, mimetica interessante e i segni del tempo e dell’usura su di essa: ecco quindi il "black 6508" uno degli ultimi Su7 operativi dell’aviazione cekoslovacca.




Consegnato nel settembre del 1967 ed in servizio fino al dicembre del 1989 collezionò, in 22 anni di attività, 1498 ore di volo... un vero dinosauro!
Le foto di questo Fitter lo mostrano davvero provato dall'età, la camo rivela ritocchi fatti con toni di colore diversi mentre sui bordi di alcuni pannelli le scrostature sono profonde al punto da far intravedere il metallo vivo.










Sul modello ho riprodotto la mimetica usando questi toni:
  - VERDE: 7parti Gunze H303 + 3parti H6
  - MARRONE: 17parti H84 + 3parti Tamya X1
  - TAN: H27
  - Superficie inferiore: H41

Una volta stesi i colori base ho "infierito" invecchiandoli con pesanti lavaggi.




e trattando superfici mirate con colori ad olio puri stirati a pennello.






Le scrostature sono state ottenute con alluminio Humbrol.




Infine, l’ultima mano di semi matt alclad, ha chiuso il lavoro.






















Cari saluti a tutti!

Enrico Bianchi

[Gallery]

01.04.2020

Ultimi modelli pubblicati





Commento di Vito [02/04/2020]:

Complimenti davvero ottimo 👏👏


Commento di ezio bottasini [03/04/2020]:

Ciao Enrico, continuando la tua carrellata di aerei sovietici, hai fatto un ennesimo ottimo lavoro.
Molto bello.
Al prossimo
Ezio


Commento di Pietro [03/04/2020]:

Ciao Enrico.
Hai fatto veramente un bel lavoro!
Complimenti
Pietro


Commento di giampaolo bianchi [04/04/2020]:

BELLISSIMA REALIZZAZIONE E VERAMENTE UN PLAUSO PARTICOLARE PER LE AUTOCOSTRUZIONI E L'INVECCHIAMENTO.
GIAMPAOLO


Commento di Alby Starkiller [04/04/2020]:

... Mi accodo già ai sopra citati commenti... Rinnovando ankora una volta i miei migliori complimenti.
Una magistrale realizzazione!
Un salutone da Alby.


Commento di Gianni [05/04/2020]:

Tanto di cappello Enrico un lavoro molto impegnativo hai reso un kit come dici tu mediocre in un kit super dettagliato... molto bello il motore, complimenti per il grande lavoro di rivettatura e per la mimetica che mi paice moltissimo... una domanda stupida... nelle cablature dei cavi vedo dei piccoli elementi che tengono uniti i cavi come li hai realizzati? Piccolo listellino di plasticard oppure piccolissima striscia di nastro Tamiya?
Ciao
Gianni


Commento di Massimo M De Luca [06/04/2020]:

Ciao Enrico, come ti dico sempre su altri contesti, su questi soggetti tormentati dal punto di vista costruttivo sei una garanzia!
Riesci a tirare fuori il meglio da questi kit ruspanti! Ottimo e grande lavoro!
Massimo "Pitchup"


Commento di Enrico [06/04/2020]:

Grazie di cuore a tutti voi per gli apprezzamenti. A Gianni dico che i raccordi che simulano le giunzioni tra le tubazioni idrauliche li ottengo stirando a caldo un tubetto di pvc (quello che sta dentro gli spruzzatori dei prodotti lava vetri va benissimo). Il tubetto anche ridotto ad un capello rimane comunque cavo, a quel punto ne taglio con il bisturi dei microscopici anelli e li incollo sulle estremità delle "tubazioni".
Spero di essere stato chiaro.
Saluti cari.


Commento di Roberto Colaianni [08/04/2020]:

Ottimo lavoro Enrico. Belli gli interni e tutto il dettaglio che hai aggiunto. Notevole anche la colorazione, con un invecchiamento equilibrato. Modello che ha risvegliato in me molti ricordi, avendo fatto il suo cuginetto, il Su-22 sempre della Kopro.
Ciao Roberto.



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No