Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo New
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Austin Armoured Car
Austin Armoured Car
Michelangelo Galli

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Battlestar Galactica (III) - Ezio Bottasini

Kit Moebius Models scala 1:4105




La Base da battaglia stellare Galactica, fa parte di una delle dodici basi stellari costruite dalle varie Colonie di Kobol, ognuna in rappresentanza di uno dei dodici pianeti che costituiscono le colonie umane; il Galactica rappresenta il pianeta Caprica.
Il Galactica ha circa 50 anni ed entrò in servizio durante i primi anni della guerra contro l’Impero Cylone, sotto il comando del Comandante Nash.
Durante la guerra questa enorme astronave di 1445 metri di lunghezza, faceva parte del Gruppo Stellare 75 (BSG-75), una forza coloniale mista di vascelli simile ad un gruppo da battaglia della Marina degli Stati Uniti. Ogni gruppo stellare poteva essere costituito da una o più basi stellari.
Le prime basi stellari vennero costruite senza una rete informatica interconnesa per evitare che i cyloni infiltrassero i sistemi della nave. Il punto di forza era basato più sulla grandezza e sulla potenza di fuoco che sui sistemi informatici.




Durante la pace con i cyloni il Galactica e le sue undici sorelle vennero impiegate dalle colonie in una vasta gamma di operazioni. Col passare degli anni le altre navi vennero aggiornate o messe in disarmo per far posto a navi più nuove e moderne come la Pegasus. Il Galactica rimase l’ultima nave senza sistemi informatici interconnessi, rendendola unica e questa fu la sua fortuna...
Il Galactica doveva essere messo in disarmo dopo il suo ritiro dalla Flotta Coloniale come vascello operativo. Era sul punto di diventare una nave museo; un museo in commemorazione della Guerra contro i cyloni, combinato con un centro educativo. Il ritiro doveva essere controllato dall’ultimo comandante della nave William Adama. Prima ancora della cerimonia di disarmo furono ritirati tutti i caccia spaziali da combattimento tranne una brigata di Viper Mk VII e 20 Viper Mk II che erano destinati al museo…quando i cyloni attaccarono nuovamente, bloccando tutte le comunicazioni ed i sistemi informatizzati.
Con la fine della pace tra umani e cyloni, il Galactica dimostrò ancora una volta la sua robustezza resistendo ad un missile nucleare ed attaccando due basi stellari nemiche. Ciò permise a molte navi civili di scappare dal campo di battaglia, che insieme al Galactica intrapresero la ricerca di un pianeta mitico e dimenticato chiamato... Terra.
Il Galactica essendo l’unica nave da battaglia rimasta diventa la protettrice della flotta costituita esclusivamente da navi civili, fino al ricongiungimento con la Pegasus avvenuto durante il lungo viaggio verso la Terra.




Il kit della Moebius Models è un imponente modello di 45 cm di lunghezza; il montaggio, peraltro abbastanza semplice e veloce, va comunque raccomandato a chi ha un minimo di esperienza, si sviluppa per sottoinsiemi:
  - zona frontale dove è alloggiato il ponte di comando e sistemi vitali,.
  - parte centrale che funge da collegamento alle baie di lancio dei Viper ed alla zona caudale,
  - zona caudale dove sono alloggiati gli enormi motori, sia quelli sub-luce che quelli che permettono il balzo nell’iperspazio,
  - ponte inferiore a cui sono collegate le baie di lancio, che fungono da hangar per la manutenzione dei Viper che da pista di decollo degli stessi, che avviene verso la coda.






Contrariamente a quanto consigliato nelle istruzioni, dopo aver assemblato i quattro sottoinsiemi, ho preferito montarli insieme prima della verniciatura, avendo modo così di poter effettuare le stuccature (teniamo presente che non è un Tamyia, ma uno stampo cinese), che ho effettuato, vista la movimentata architettura della nave con colla vinilica in più riprese, vista la peculiarità della colla vinilica di ritirarsi un po’ ad essiccazione avvenuta e stucco tradizionale in piccole zone più carteggiabili.
Quando ho avuta la mia bella astronave tutta montata e stuccata, ho applicato una bella mano di primer bianco fine Tamyia, su cui ho eseguito ad aerografo un preshading nero soprattutto in quelle zone incavate che sarebbero rimaste maggiormente in ombra in seguito.
Ad essiccazione del nero, con l’H147 light grey ad aerografo, ho “enfatizzato” tutta la superficie della nave, insistendo maggiormente nei punti più esposti alla luce; in alcune parti leggermente in ombra, ho passato con un pennello a setole piatte e un po’ consumate, della polvere di grafite, la seconda luce l’ho eseguita con tecnica drybrush con del bianco puro, dando luce ai vari spigoli vivi ed altre strutture in rilievo, anche le poche decal rosse che danno una nota di colore all’intera nave, sono state passate alla fine leggermente con del bianco.
Ancora contrariamente alle istruzioni, dopo un paio di mani di cera ho eseguito un bel lavaggio con nero diluito, per dare maggiormente risalto alla ragnatela di pannellature presenti sulla superficie, altra leggera passata con bianco drybrush e sigillata finale con trasparente opaco.
La zona posteriore dove sono presenti gli scarichi degli enormi motori l’ho realizzata con l’utilizzo dei soliti toni metallizzati che uso per gli scarichi dei reattori.








Ho sostituito il supporto metallico da scatola con un pezzo di tubo trasparente da 8mm (cosa che ha comportato l’allargamento degli alloggiamenti del supporto sulla basetta che sulla nave).
La realizzazione di questo modello, che non ha comportato, viste le dimensioni degli interni, la necessità di dettagli, è stata piuttosto rapida, due settimane con la solita media di circa 1,5 ore giorno ma soprattutto puro divertimento senza stress, a parte l’aver inizialmente montato le baie di lancio al contrario e, quindi, al momento della prova a secco per posizionarle, un attimo di “panico”, risolto con lo strappo e, fortunatamente la riposizionatura degli elementi in modo corretto.




Le notizie sul Galactica sono state tratte da Wikipedia, le foto sono come di consueto di mia figlia Sara, lo sfondo è un gentile omaggio dell’amico Marco.


Ezio Bottasini

[Gallery]

28.06.2016



Se ti è piaciuto questo articolo vedi anche:
Battlestar Galactica (I) - Colonial Viper
Battlestar Galactica (II) - Cylon Raider


Commento di giovenco giuseppe [28/06/2016]:
Che la forza sia con te!!!!!
affascinante la storia del GALACTICA!!! .... mi sembrava di essere seduto al cinema con lo spyker che man mano che scorrono le immagini le commenta.
Peccato non avere il sonoro intanto che si legge l'articolo - sei diventato poliedrico, dal passato al futuro - bravo Ezio!!!!!

Commento di giampaolo bianchi [28/06/2016]:
Caro Ezio complimentoni per il modello..non sono un appassionato dei modelli di guerre stellari..ma con il tuo capolavoro mi stai facendo venire voglia..la tua maestria e' tentatrice..
un caro saluto.
giampaolo

Commento di Massimo De Luca [28/06/2016]:
Ciao Ezio
Ma quant'è grande quell'affare?
Ottimo lavoro davvero e te lo dice uno che ha seguito sia la serie "hair cotonata" anni '80 che quella più cupa di alcuni anni fa.
Massimo "Pitchup"

Commento di Dino Dall'Asta [28/06/2016]:
Concordo pienamente con quanto scritto da Giuseppe...
Complimenti.
Dino

Commento di Lauro Bonfà [28/06/2016]:
Grande Ezio che hai compreso appieno il segreto del nostro splendido hobby, divertimento senza stress. Complimenti un ottimo lavoro io non saprei da che parte iniziare. Un galattico saluto,Lauro.

Commento di riccardo casati [28/06/2016]:
Grande Ezio una magnifica realizzazione ... dipinta molto bene ...spettacolare la vista nella foto dall'alto ... bravissimo un abbraccio Riccardo

Commento di ezio bottasini [29/06/2016]:
Cari Amici "vicini e lontani" sono contento che anche questo lavoro, abbastanza diverso dal solito vi piaccia, al caro Giampaolo, una piccola tiratina d'orecchie, il Galactica non fa parte dell'Universo Star Wars, ma di un'altra grande epopea SciFi, appunto intitolata "Galactica" dal nome di questa astronave...Caro Massimo, il modello è lungo 45 cmee largo poco meno di 20, di traverso ci sta al pelo in una vetrinetta IKEA /ormai come spazi sono alla frutta)....Ciao a tutti, il prossimo articolo, del dopo ferie, sarà un 104...Ezio

Commento di marco vergani [29/06/2016]:
bravo Ezio, anche se sai che non è il mio genere ....
Marco

Commento di Gianni [29/06/2016]:
Bellissimo lavoro, ricordo la serie televisiva quando ero ragazzo non mi ero preso una puntata con scorpion e Apollo.
Bravissimo Ezio
Gianni

Commento di Luca Navoni [29/06/2016]:
Ciao Ezio,

...complimenti per il modello... ...non sono un appassionato di guerre stellari, ma il tuo lavoro mi sembra molto realistico... ...con l'ultima foto sembra quasi in movimento.....

un saluto, Luca

Commento di giampaolo bianchi [29/06/2016]:
scusami Ezio..chiedo venia.. ma la fantascienza non e' mai stata il mio forte..ah ah ah
un abbraccio
giampaolo

Commento di Vito [30/06/2016]:
Grande Ezio
Davvero un bel pezzo!
Complimenti a presto Vito

Commento di Francesco Sbarile [30/06/2016]:
Non il mio genere (letterario, cinema, modelli ecc...) ma ti faccio i complimenti per il lavoro svolto ed i risultati ottenuti. Impressionante ...

Commento di Francesco Sasso [30/06/2016]:
Ciao Ezio.. mi associo ai complimenti degli altri amici! Davvero bravo!
Un saluto
Francesco

Commento di maurizio ugo [02/07/2016]:
....ciao Ezio, mi hai riportato indietro nel tempo, quando davano in tv i telefilm della serie, grazie per la visione e per la storia, che non ricordavo dalla serie televisiva, ma sopratutto........ grazie per la new riguardante il 104, anche se lo fai con le insegne del Vaticano o del principato di Seborga, va bene lo stesso, belin....dimenticavo... ottimo modello!!!
un salutone e a presto maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No