Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

"Mein Gott!"
"Mein Gott!"

  New entry...

Marco Fin Gallery
Marco Fin Gallery

Savoia Marchetti SM 81 - Valter Vaudagna

Kit Italeri (Supermodel) scala 1/72




Primo modello della serie S (S81, Sunderland, Stirling, S79), finito di costruire nell'anno 2013 dopo 3 anni di gestazione alternata a periodi di stanca; è stato il primo modello in cui ho cominciato a rimuovere pannelli dopo che colleghi modellisti mi avevano fatto notare che... "si va beh... è dettagliato al suo interno ma quando lo chiuderai, non si vedrà più niente" vero! Certamente se uno ha l'accortezza di fotografare i vari "passi" quello che c'è all'interno si potrà sempre vedere, ma non non è che si fa un libro fotografico e se lo porta dietro...
Dall'altro lato si può contestare il fatto di una perdita di realismo, perche certi pannelli o rivestimenti sul campo non è possibile toglierli.
Tagliando corto, ad un certo punto bisogna agire con la propria testa e bisogna fare delle scelte (cioè se devo sbagliare sarà perche l'ho deciso io e non perche me lo hanno consigliato).








Kit di partenza, l'inossidabile ex Supermodel migliorato dopo rilavorazione degli stampi dall'Italeri.

Forme: nemmeno troppo errate rispetto al disegno di ALI D'ITALIA (Apostolo - Bancarella aeronautica) anche perche lo stesso disegno ha dei piccoli errori e sviste, perciò poca cosa da correggere (lunghezza di alettoni e flap, forma dei piani di coda e del raccordo fusoliera della deriva) tenendo sotto osservazione piani in scala e foto.

Documentazione: oltre al libro gia citato sopra, servono due numeri di Airkit News dove è pubblicato il catalogo dei pezzi (in alternativa sito CMPR di Bari alla voce Cataloghi e Nomenclatori: si possono usare le foto per uso personale) il libro edito da GAE nei cieli dell' Abissinia e il libro di Ferdinado Pedriali, l'aeronautica italiana nelle guerre coloniali - A.O.I 1936-40.

Problematiche modellistiche proprie del soggetto: pur notevolmente migliorato rispetto alla versione originale Supermodel, la maggior casa modellistica nazionale ha fatto il suo ennesimo pasticcetto all'italiana sulle superfici superiori partendo dal fatto che l'S 81 ha una costruzione mista, cioè ala trilongherone di legno rivestita in compensato telato e verniciato, fusoliera in traliccio in tubi di acciaio rivestito nella parte anteriore (cabina pilota e mitragliare superiore) in lamiera di alluminio, fiancate e parte inferiore, deriva e piani di coda rivestita in tela verniciata e cucita sulle relative centine e longheroni, parte superiore della fusoliera rivestita in pannelli di compensato telato e verniciato.






D'accordo che i modellisti moderni se non vedono pannelli in negativo oggi giorno gridano allo scandalo, però, perche fare pannelli su un ala che ne è priva? Perché fare in negativo i rinforzi sui correntini in fusoliera dove veniva cucita la tela?




Altro punto dolente, i motori, che sono rimasti invariati rispetto al kit Supermodel.
Mi porgo una domanda: come mai Italeri, che ha dimostrato sull'S 79 di saper fare bene dei motori corretti, almeno per poter essere messi dentro alle capottature motore, sull'S 81 non ci ha nemmeno pensato ma ha fatto le capottature motore che sul kit Supermodel non erano presenti usate poi su non molti esemplari nella versione tropicale tarda omettendo però le capottature per i motori Piaggio che furono usati per la guerra coloniale del 36 in Abissinia (periodo di maggior splendore dell'S 81)?
Intendiamoci, parlo solo dell'aeromobile sicuramente non dei comportamenti riprovevoli del regime e di casa Savoia nei confronti del popolo Etiope.
Ciò sopra descritto, sono le correzioni che bisogna fare sul modello per avere una riproduzione fedele di quest'ultimo; tutto il resto partendo dalle basi che il modello dà e frutto di interminabili ore a tagliare rod evergreen e a incollare cercando il più possibile di mantenere una certa fedeltà con quello che propone la documentazione.
Ho scelto di fare uno dei modelli proposti del foglio Decals Italeri, sicuramente il più vistoso nella sua colorazione in preparazione alla campagna d'Africa.
Tutto il modello è basato su miglioramenti e autocostruzioni, gli unici aftermarket sono i due motori della Tauro Model Alfa Romeo 126, il motore senza rivestimento è un autocostruzione partendo dalla stella del modello della scatola.
















































Colori GUNZE SANGYO partendo dai riferimenti del libro GAVS, CMPR, GMT colori e schemi mimetici della regia Aeronautica e dalle referenze del manuale di Angelo Falconi Colori e colorazioni nel modellismo aereo (Delta editrice).














Al prossimo e buon modellismo... ciao!


Valter Vaudagna

[Gallery]

14.11.2020





Commento di giampaolo bianchi [14/11/2020]:

uno dei modelli piu belli che abbia mai visto. spettacolari le autocostruzioni... un capolavoro vista la scala.
giampaolo


Commento di Angelo Battistelli [15/11/2020]:

Bravo Valter.
Saluti Angelo Battistelli


Commento di Roberto [15/11/2020]:

Sono stupito dal fatto che riesci sempre a stupirci, un modello normale no? Complimenti, meraviglioso.


Commento di Enrico Bianchi [15/11/2020]:

Sei nell'olimpo del modellismo!

Saluti cari

enrico


Commento di Massimo M De Luca [15/11/2020]:

Che lavoro!!! Io non commento e ammiro!
Massimo "pitchup"


Commento di ezio bottasini [16/11/2020]:

Ciao Valter, non ci sono parole davanti a tale lavoro... si commenta da solo Ciao al prossimo Ezio


Commento di PIETRO [16/11/2020]:

Ciao Walter.
lavoro SUPERLATIVO.
Pensavo che le immagini di apertura fossero foto d'epoca.
Complimentisssimi !!

La basetta piccola e monca non mi piace tanto.

Pietro


Commento di giuseppe [16/11/2020]:

Uno dei modelli più belli che abbia mai visto. Complimenti !!


Commento di Calanchini Enrico [16/11/2020]:

Mastodontico lavoro da ammirare. Senza dubbio un "Pipistrello" realizzato al top.
Complimenti davvero!
Ciao Enrico


Commento di Dino Dall'Asta [17/11/2020]:

Lavoro eccezionale...complimenti!!
Dino


Commento di giovenco giuseppe [17/11/2020]:

complimenti per la pazienza nell'assemblaggio e nelle varianti ristrutturative - se non hai perso la calma, sei un eroe!!! ma, onori a parte, ho fatto fatica a distinguere quello vero dal modello, il che ti fa un certosino dell'arma azzurra!!! - Giuseppe



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No