Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Compagnia Franca di Marina 1750
Compagnia Franca di Marina 1750

U-Boot tipo XXI - Giampaolo Bianchi




Sono andato a visitare la mostra "Rome Model Show" tenutasi a novembre 2018 (ove ho avuto l’onore ed il piacere di conoscere i ns amici di sito e grandi maestri Luca Navoni e Riccardo Casati che ringrazio pubblicamente per gli incoraggiamenti e i preziosi consigli); in questa sede ho acquistato il sommergibile U-Boot type XXI con interni della Revell scala 1/144.




Storia
Sottomarino avanzatissimo, sviluppato all'inizio del '44, ma entrato in operazione verso la fine della seconda guerra mondiale, si distaccava nettamente dalle dottrine "sommergibiliste" delle precedenti classi degli U-Boot tedeschi, per divenire in pratica quello che sarebbe stato il primo sottomarino della storia.
Avendo una velocità in immersione superiore (17 nodi e mezzo) rispetto a quella di emersione, il vascello era stato progettato per risolvere molti dei problemi che affliggerono gli U-Boot durante tutta la guerra.
Dotato di un avanzatissimo sistema di rilevazione di minacce radar, il fumb-35 athos, con tubo catodico, (quindi non solo rilevazione sonora) poteva imbarcare fino a 23 siluri ed avere un'autonomia di 15.500 miglia nautiche.
Alla fine della guerra sarà il capostipite delle future classi di sottomarini nucleari sovietici ed americani, in particolare la classe Zulu sovietica e diretta discendente di questo vascello.




Il kit
Purtroppo gli interni sono un po grossolani nelle rifiniture, mi sono documentato sulla rete e ho trovato alcuni riferimenti.
Ho iniziato dalla camera di lancio dei siluri, ho cercato di dettagliare le varie cavettature e i tubi.
















Poi ho assemblato la  prima sala dormitorio e successivamente tutte le altre strutture interne fino alla sala macchine con tutte le paratie stagne divisione.




























Grosse problematiche sono state create dalle decals che rappresentano i vari strumenti perché si spezzavano e non aderivano; per tale motivo ho utilizzato il lquid decal film della microscale che ha risolto il problema del posizionamento.
Al termine ho evidenziato tutti i tubi e i cavi nella parte interiore del ponte di poppa e di prora anche se risulteranno scarsamente visibili.




Molto problematico è stato l’assemblaggio dei ponti che al termine del montaggio presentavano un vistoso gap che ho colmato con del plasticard.




Successivamente ho posizionato il "cilindro" degli interni; se posso dare un consiglio converrebbe montare ogni segmento direttamente ad un emiscafo, perché la struttura risultante alla fine è lunga quasi 40 cm, molto pesante e tende ad arcuarsi.










Difficoltosa è stato anche l’incollaggio dei 2 emiscafi che ho dovuto completare in più passaggi proprio per il peso e la lunghezza.








Alla fine il risultato sembra accettabile.
Ho posizionato alcune fotoincisioni della Eduard sui ponti.






Per costruire i piloni di sostegno dei corrimano ho utilizzato del filo metallico da 0,5 mm che ho tagliato in 36 segmenti da 0,7 mm.
Con il microtrapano ho praticato i fori per gli alloggiamenti dei piloni; per il corrimano ho utilizzato filo da sutura in seta 3/0.












Per la colorazione ho utilizzato colori vallejo air grigio chiaro, grigio mare e grigio scuro; per evidenziare le pannellature ho utilizzato il "panel line accent color black" della Tamiya.








Seguono alcune foto del modello ultimato.












Auguri di buone feste e un ottimo 2019 a tutti.


Giampaolo Bianchi

[Gallery]

03.01.2019



Commento di Dino Dall'Asta [07/01/2019]:
Ben arrivato a bordo...
Hai fatto un ottimo lavoro, davvero complimenti per questo tuo primo modello navale!
Dino

Commento di ezio bottasini [08/01/2019]:
Ciao Giampaolo, Buon Anno, grande lavoro, di grande impatto, interni dettagliati, se posso permettermi un piccolo consiglio che è comune a tutti i settori del modellismo (in quanto non essendo navimodellista non posso che ammirare il vascello nel suo insieme), nel futuro, per i cablaggi, usa i cavetti precolorati che si trovano in commercio, generalmente per le auto, ma vanno bene per tutto, io ultimamente li ho usati per rifare tutti i cavetti presenti nella pancia di C-3PO.....sicuramente l'effetto aumenterà in maniera incredibile.
Complimentoni, al prossimo Ezio

Commento di LAURO BONFA' [08/01/2019]:
Complimenti Caro Giampaolo, bello, interessante e dettagliatissimo questo tuo nuovo lavoro. Certo non facile, ma sei riuscito a creare un modello molto realistico. Bravo.

Commento di giampaolo bianchi [09/01/2019]:
grazie a tutti e grazie ad Ezio per i suoi sempre preziosi consigli. caro Dino sto cercando di fare un diorama con l'Arizona mentre esplode a Pearl harbour.. in 17350.. vediamo che viene fuori.

Commento di Alby Starkiller [27/01/2019]:
Una sola parola... STUPENDO!

Un caro saluto da
Alby.

Commento di giampaolo bianchi [15/02/2019]:
GRAZIE ALBY.. TROPPO BUONO

Commento di maurizio Ugo [19/06/2019]:
.... ciao Giampaolo... come nell'usanza a bordo di navi e battelli, si chiede il permesso, al personale di guardia alla passerella, prima di salire a bordo, e una volta salito chiedo subito che mi venga assegnata una cabina con vista oceano vicino all'oblo... scherzi a parte, interessante il modello nella sua possibilità di scoprire come era disposto il tutto a bordo...
..un abbraccione maurizio


Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No