Editoriale

Perche' KitShow?


MiG-21 PFV
MiG-21 PFV
Fausto Muto

  Gli assi dell'aviazione

Ugo Drago
Ugo Drago
Pietro Ballarini


I precedenti...

Aldo Buvoli
Vittorio Minguzzi
Giulio Reiner
Mario Visintini

  Quick Articles...

Il bivio (Sd.Kfz. 222)
"Il bivio" (Sd.Kfz. 222)
Paolo Tarantino

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

Macchi MC.202 - Roberto Carena

Visto che i miei precedenti modelli non sono andati male, non poteva mancare il terzo.
Stavolta un grande classico per tutti i modellisti italici: il Macchi MC.202; già visto in tutte le salse.




Un po' di storia di questo soggetto...
Nel periodo che intercorre tra il 25 luglio e l’autunno del 1943 la Regia Aeronautica attraversa il suo periodo più incerto e oscuro. Con la caduta del fascismo e il successivo armistizio con gli alleati, l’arma aerea si spezzerà in due: al sud quella cobelligerante (o aviazione del sud) inquadrata poi nella Balkan Air Force alleata contro i nazisti, al nord quella della RSI operante anche con i tedeschi contro gli alleati e i partigiani. Potrei osare scrivere che fu la fine della RA.
Personalmente trovo sempre interessanti i periodi incerti dove, non sapendo che pesci pigliare, si improvvisa. Ecco perchè farò un Macchi Mc202 operativo nel periodo luglio/agosto del ’43 a cui sono state cancellate le vecchie insegne del regime, ma che non si è ancora trovato una “quadra” per quelle nuove.
E questo è stato un problema per la scarsità di fonti e soprattutto di immagini. Alla fine si trova la classica via di mezzo: un velivolo sicuramente operante in quel periodo e a cui molto probabilmente (azzarderei un “di sicuro”) le insegne erano state modificate; oltretutto doveva avere anche la mimetica ad anelli di fumo per complicare ulteriormente la ricerca.
La scelta è caduta su un “202” della difesa aerea metropolitana della città di Napoli di base a Capodichino facente parte della squadriglia 269, 22° gruppo, 53° stormo caccia terrestri.




Il modello
Per questa realizzazione ho utilizzato il kit Hasegawa in scala 1/48. Il montaggio è proseguito senza intoppi e nella classica mia filosofia: tutto da scatola.














Mi sono anche munito di decal Tauro per gli anelli di fumo e delle insegne modificate, mentre un amico mi ha omaggiato di quelle di reparto da un foglio Aeromaster.




Colorando a bomboletta, gli anelli di fumo "Macchi" sono impossibili da realizzare e non mi fidavo delle mie capacità pittoriche perciò il foglio Tauro era l'ideale.

Fin qua tutto bene, dopo aver colorato l'aeromobile mi sono apprestato ad applicare le decal e... disastro! Gli anelli di fumo erano impossibili da mettere. Il film della decal si raggrinzava al solo guardarlo e aveva una elasticità inappropriata. Le ho provate tutte e alla fine ci ho rinunciato.

Che Fare?!

Potevo cambiare la colorazione, però mi piaceva quella che avevo scelto.

Così ho deciso di autoprodurmi le decal degli anelli di fumo.

Utilizzando Photoshop (noto programma della Adobe) mi sono ricostruito la mimetica su disegni in scala utilizzando lo strumento a spruzzo e controllandone la sfumatura ispirandomi a quelli reali.




Un problema che avevo anche notato sul foglio Tauro era che gli "anelli" andavano messi uno a uno e non c'era nessun schema già pre-ordinato. Utilizzando invece disegni in scala mi sono già potuto realizzare la mimetica a sezioni, dove, addirittura, piani di coda e ali sono andati in un pezzo solo. La stampa del foglio è stata senza problemi utlizzando la laser a colori dell'ufficio.




Complice anche un supporto fantastico, tutti gli anelli sono stati applicati (con l'aiuto di un ammorbidente per decal) in una veramente divertente mezz'oretta e il risultato lo potete vedere nelle foto.












Finita la colorazione, ho messo i pezzi che avevo assemblato e colorato a parte: elica, carrello, tettuccio e il montaggio si è completato.








Alla prossima.


Roberto Carena

[Gallery]

14.06.2024


Condividi questo articolo su WhatsApp





Commento di Ezio Bottasini [14/06/2024]:

Ottimo Roberto, un grande classico ma sempre apprezzato, ottimo risultato, gli "smoking rings" della Tauro sono un po unacrottura da applicare ma danno un'ottima resa e realismo.
Al prossimo.
Ezio


Commento di Enrico [14/06/2024]:

Ciao Roberto Che dire... non c'è ostacolo che ti blocchi! Se il problema delle decal fosse capitato a me sarebbe volato tutto nella pattumiera, tu invece hai aguzzato l'ingegno ed il risultato è notevole.
Saluti cari
Enrico


Commento di Valter [14/06/2024]:

Pur nella semplicità della bomboletta, un risultato più che rimarchevole.
Con riproduzione anelli di fumo superiore per forma e dimensione ai maggiori produttori di decals che si sono cimentati in codesta impresa.
Aspettiamo un 205 cobelligerante


Commento di Giampaolo [14/06/2024]:

Complimenti x la soluzione originale delle decals.
Giampaolo


Commento di Pietro [15/06/2024]:

Ciao Roberto.
Ottima soluzione per gli anelli.
Bravo.


Commento di Giovanni Olivero [17/06/2024]:

Il macchi 202 mi è sempre piaciuto e mi chiedevo come hai trovato il kit Hasegawa, è un buon kit? Perchè prima o poi vorrei acquistarlo.
Non ho capito come ti sei autoprodotto le decal... la realizzazione lo compresa ma poi hai hai stampato su un foglio per decal? esistono?
Complimenti per il tuo lavoro molto bello veramente e anche a me piace l'idea di non comprare aftermarchet ma al massimo nel possibile autocostruire.
Gianni.


Commento di Roberto [20/06/2024]:

Grazie a tutti, veramente troppo buoni con le mie ciofeche.
Rispondo con qualche parola in più a Giovanni Olivero: il kit Hasegawa l'ho trovato piacevole da montare forse non di immediata reperibilità però molto piacevole. Le decal le ho stampate su un foglio trasparente "vergine" per decal di cui se ne trovano in commercio di svariate marche. Trovare quello di buona qualità non è difficile: basta cercarne uno con dei commenti positivi sui vari forum di modellismo. Quello che ho utilizzato io proviene da una partita che mi fu regalata tempo fa da un amico; ne ignoro la marca ma è favoloso.


Commento di Massimo M. De Luca "Pitchup" [21/06/2024]:

Ciao Roberto, per qualche motivo esteticamente io preferisco il '202 al '205, forse per via dell'ogiva più affinata e la presa d'aria sotto il muso più lineare rispetto ai tromboncini del '205.
Interessante la soluzioe autarchica per gli anelli di fumo. Per notizia, eventualmente, contattattando il servizio ricambi Italeri potevi chiedere se avevano il foglio decals del '205 1/48 (item 2765) che contiene anche "anelli di fumo". Con alcuni euri se disponibili te lo spediscono.
Bel modello bravo!



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No