Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

"Mein Gott!"
"Mein Gott!"

  New entry...

Marco Fin Gallery
Marco Fin Gallery

Secutor - Paolo Solvi


Oggi vi parlero’ di un kit veramente bello: è un pezzo in 75 mm, scala che è entrata oramai nel mio cuore (e non solo mio), della ditta Pegaso.




Il pezzo è veramente accattivante sia per la posa fiera e ben congegnata ed anche per il personaggio che rappresenta.
Tutti i pezzi che compongono il kit son ben realizzati punto di forza a mio avviso la muscolatura e volto, gli intarsi delle protezioni, che dire poi dell’elmo, insomma un gran bel pezzo d’altro canto è stato scolpito da Jula bravissimo nella sua arte, e qui lo ha dimostrato nuovamente.




Il kit è stato pulito con semplicità; vista la pulizia e qualità della ditta Senese, non comporta incastri o montaggi difficili.
L’unica cosa da tener conto è l’incollaggio del braccio che sorregge l’elmo che dovrà essere calzato in modo da far assumere alla mano e al braccio una posizione ideale; nulla di difficoltoso comunque.
Poi ho provato la posizione dello scudo, mettendo i perni ai pezzi che lo necessitavano.




Il pezzo è stato dipinto montato ad eccezione dello scudo e dell’elmo come logico.
Per la pittura ho usato gli olii, unico ritocco con acrilici è stato dato alla fascia sotto allo schiniero, troppo lucida per i miei gusti, quindi ho provato una tramatura con acrilici come per il gonnellino del Marcomanno.
Per i metalli ho adoperato le polveri, metodo molto veloce e devo dire efficace; tale tecnica viene usata dai Francesi principalmente, funziona così: si stende una mano di base (i francesi usano smalti, io ho usato acrilici leggermente più lucidi) nel colore nero, poi si stendono le polveri metalliche facendo tipo un DryBrush, insistendo nei punti più in luce.
Queste polveri sono come limatura di ferro o di oro e vengono usate per creare appunto i colori metallici che troviamo nei negozi dei belle arti e ferramenta.
è possibile anche scioglierle con diluenti tipo essenza di petrolio, olio di lino e liquin.
Il liquin è forse il piu’ indicato perchè oltre a mantenere un’effetto leggermente lucido secca molto velocemente, rispetto agli altri materiali da poter utilizzare.
Ho poi eseguito le ombre utilizzando i colori ad olio tipo il terra di Cassel da utilizzare per l’oro stendendolo come per gli altri colori e materiali e grazie alla sua naturale trasparenza non coprirà l’oro sottostante ma lo scurisce.
Poi ho dato dei colpi di luce a pennello asciutto con oro puro.
Per l’argento ho lavorato con le lavature cercando di non eccedere troppo con l’essenza di petrolio, che puo’ portare via la base metallica, cercando di indirizzarlo solo nei punti da trattare.
Poi ho usato lo stesso metodo dell’oro ossia pennello asciutto nei punti precisi da illuminare.




Solo dopo potremmo lavorare il resto del kit, tipo l’incarnato o gli indumenti perchè il metodo descritto in precedenza è veloce ed efficace pero’ comporta uno spolvero di metallici per tutto il kit gravissimo per la buona riuscita del pezzo.




Come al solito quando si lavora gli oli bisogna usare poccole quantità e stendere bene il colore: deve essere anche diliuto in maniera ideale con essenza di petrolio, onde evitare lucidità ad essiccazione avvenuta della pittura.




Per il resto vi lascio alle foto un pezzo che vi consiglio vivamente molto bello da pitturare e da collezionare.





Paolo Solvi
[Gallery]
[Non solo figurini militari]
Gruppo Modellistico GPF Firenze
11.01.2008

Nota: questo articolo è stato originariamente pubblicato nel sito superEva



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No