Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Il bivio (Sd.Kfz. 222)
"Il bivio" (Sd.Kfz. 222)
Paolo Tarantino

  Gli assi dell'aviazione

Vittorio Minguzzi
Vittorio Minguzzi
Pietro Ballarini


I precedenti...

Giulio Reiner
Mario Visintini
Lydia Litvyak
Richard Bong

  Amarcord...

Cameron Highlanders 79th Rgt
Cameron Highlanders 79th Rgt
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

Sturmgeschütz IV - Marco Rondinelli




Cenni storici
Lo StuG IV (SdKfz 167) era un veicolo corazzato tedesco della seconda guerra mondiale, la cui adozione venne proposta nel 1935 da Erich von Manstein come supporto per la fanteria.
In seguito si dimostrerà valido anche nel ruolo di cacciacarri e venne adoperato, sul finire della guerra, anche come un vero e proprio carro armato.
Come la maggior parte dei cannoni d'assalto l'armamento principale era in casamatta anzichè in torretta girevole, con una minore efficacia rispetto al carro armato, ma una più economica e facile fabbricazione.




Lo StuG IV era basato sullo scafo del Panzer IV ed era in generale una versione migliorata del valido StuG III, con il cannone 7,5 cm StuK 40 L/48 e l'aggiunta di una MG 34 esterna; con un equipaggio di 4 uomini venne prodotto in circa 1100 esemplari costruiti dalla Krupp a partire dal 1943.






Il modello
Il kit è il Tamiya in scala 1/35, risalente agli anni '70, ma ancora molto valido.
La costruzione è cominciata dallo scafo e dalle ruote e intero treno di rotolamento; successivamente sono passato al montaggio della parte superiore, con il cannone in casamatta che è posizionabile in mobilità di elevazione.
Una volta completate le due parti, superiore ed inferiore, ho provveduto ad unirle ed incollare altri particolari e attrezzi sul carro.






Ho preferito colorare con la mimetica tutto il mezzo (che usciva di fabbrica con un dark yellow di base e sul campo i soldati realizzavano le più disparate mimetiche a seconda del teatro di operazioni, per cui ho scelto di aggiungere il tono dark green) e successivamente dettagliare i vari componenti e particolari.
Non ci sono state particolari difficoltà, se non per i cingoli che nel mio caso risultavano leggermente più corti del necessario, costringendomi ad una piccola modifica nella zona di giunzione dove ho cercato di guadagnare qualche millimetro.
Una volta lucidato tutto il modello ho eseguito dei lavaggi a olio con un terra di siena misto a nero e il weathering del mezzo l'ho effettuato mediante dei pigmenti.
Con questi ho simulato il fango e la polvere sulla parte inferiore, con toni più chiari salendo sul modello per simulare la polvere, inoltre anche qualche piccola zona ossidata, come ad esempio nella zona dello scarico; un pò di drybrush sulle sporgenze ha completato questa fase.
Al termine ho passato l'opaco su tutto il modello, incollato l'MG 34 e realizzato con del filo di rame sottile le due antenne.






Ho voluto donare al modello una basetta, utilizzando un tagliere in legno colorato con apposito mordente sul quale ho realizzato del terreno e un alberello semi-distrutto e qualche cespuglio.
Per questo, ho steso sulla base del das lavorato per simulare il terreno accidentato e le tracce lasciate dai cingoli ed una volta asciutto ho passato un colore di fondo.
Nelle zone incavate ho passato della tempera diluita più scura e sulle sporgenze un pò di drybrush con del colore più chiaro, per dare tridimensionalità al tutto.






Su una parte del terreno, in corrispondenza dell'alberello, ho passato un impasto fatto di acqua, vinavil, colore a tempera, sabbia e terriccio vario per diversificarlo dal resto.
Un paio di cespugli dalla parte opposta e la basetta è così completata, poggiando finalmente il modello.






Il mio StuG IV è così pronto ed in marcia sul fronte occidentale verso la fine del 1944.


Marco Rondinelli

[Gallery]

16.07.2015




Commento di ezio bottasini [20/07/2015]:
Ciao Marco, beh un soggetto meno originale di quello d'esordio ma comunque con un buon grado di realizzazione; l'unica cosa, se mi permetti, l'ossidazione effettuata a livello dello scarico è troppo uniforme, avresti dovuto differenziare maggiormente i colori, è cosa che ho imparato anch'io "bazzicando" questo sito, maggiori contrasti per evitare l'appiattimento del colore e dare profondità, prova e vedrai che il risultato migliora.
Ciao al prossimo, Ezio.

Commento di Luca Navoni [21/07/2015]:
Ciao Marco,

la passione e l'interesse del modellismo si nota tutta; se mi è concesso, avrei azzardato di più sull'usura del mezzo, mi spiego: i pannelli laterali di protezione li avrei sostituiti con del lamierino e costruiti singolarmente, in modo da poterli lavorare uno alla volta e magari danneggiando qualche bordo e associandomi a Ezio più contrasto per evitare l'effetto "appiattimento"; volendo potevi anche abbondare con qualche accessorio come giberne, casse, ecc. come era consono fare dai soldati per trasportare più munizioni e viveri soprattutto in questi mezzi.... per quanto riguarda la basetta avrei usato uno strato più spesso di das in modo da segnare meglio il terreno dove è passato il mezzo; per quanto riguarda arbusti e prati ti consiglio di fare un paio di ricerche nel materiale ferroviario o della "model scene" fanno delle cosine per niente male per noi "carrarmatari".... spero che tu prenda le mie "critiche" come consigli perché come ti ho detto all'inizio si vede la passione che ci metti nel realizzare le cose; se poi mi vuoi contattare dai un'occhiata alla mia galleria e se hai delle domande più che volentieri mi trovi qua.....

Un saluto, Luca

Commento di maurizio ugo [21/07/2015]:
....Ciao Marco, un buon lavoro, forse leggermente poco vissuto, ma sono un aeroplanaro, quindi poca esperienza diretta sui mezzi corazzati... che comunque come questo, mi piacciono molto a vedere!!
un salutone maurizio

Commento di Francesco Sasso [22/07/2015]:
Ciao Marco! molto interessante il carro che hai scelto..bello il fango che hai simulato sui bordi dei pannelli e ben fatta anche la mimetica.. mi associo a quanto scritto da Luca sul fatto che avrei anche io aggiunto equipaggiamenti di vario tipo e insistito maggiormente con l'usura del mezzo, ma comunque un bel lavoro !
Continua così..ai prossimi!
Francesco

Commento di Marco Rondinelli [23/07/2015]:
Vi ringrazio per l'apprezzamento e per i consigli, che condivido.
Per quanto riguarda l'usura non pensavo di averne fatta "poca" :) ma probabilmente provenendo da quasi sempre e soltanto costruzioni di aeroplani mi dovrò abituare.
In fondo è il mio primo carro e grazie ai vostri consigli sicuramente migliorerò.
Al prossimo modello! ;)

Commento di Vito [27/07/2015]:
Ciao Marco ... Mi piace molto il tuo lavoro.
Dopo lo splendido figurino , l'ottimo carro spero di vedere pubblicar un tuo aereo se lo farai

A presto Vito



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No