Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola New
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Come Back
I’ll Come Back
Pietro Ballarini

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Ferrari F1 Campioni del Mondo - Mario Galimberti

I Parte: 1952 - 1964




Il 1950 vede la nascita del Campionato Mondiale Piloti di Formula Uno, e nel biennio 1952-1953 Alberto Ascari si aggiudica l’alloro iridato al volante della Ferrari 500, così denominata per essere spinta da un motore a quattro cilindri di 500cc.
La vettura del 1952 era caratterizzata dallo scarico libero, mentre l’anno successivo venne dotata di un tubo di scarico lungo.



Ferrari 500 - Gran Bretagna 1952



Ferrari 500 - Gran Bretagna 1953



Per queste due vetture ho optato per il kit Starter, il quale è composto da una scocca in resina con un foglio di fotoincisioni per realizzare i quattro triangoli delle sospensioni.
Questo kit permette di realizzare la versione del 1953 che ho realizzato da scatola.
La vettura del 1952 aveva quattro piccoli tubi di scarico paralleli che arrivavano a filo della carrozzeria; questi sono stati realizzati con dei pezzi di sprue in metallo bianco adeguatamente sagomato mentre la parte in eccesso dell’apertura dello scarico è stata chiusa tramite un pezzettino di plasticard adeguatamente sagomato.
Su entrambe le vetture poi ho utilizzato il supporto del parabrezza fotoinciso acquistato a parte in quanto nel kit originario è presente solo un piccolo pezzetto di acetato per il parabrezza.

Alla fine del 1955 Enzo Ferrari ricevette in dono dalla Lancia le monoposto D50 perché la casa di Chiasso aveva deciso di ritirarsi dalle competizioni.
E l’anno seguente questa vettura nelle mani di Juan Manuel Fangio regalò alla casa modenese il terzo alloro iridato.



Ferrari D50 - Gran Bretagna 1956


Per questo modello ho utilizzato il kit in metallo bianco della Classic Cars.
Il modello si presenta ben fatto nello stampo, con l’unico difetto di avere le ruote a raggi in metallo bianco che ho prontamente sostituito con un set a raggi fotoincisi.
Anche il supporto del parabrezza è in metallo bianco ma è totalmente diverso da quello reale per cui anche in questo caso ho optato per uno fotoinciso acquistato a parte.
Come ultima cosa ho aggiunto i due ganci fermacofano in fotoincisione.
Nel 1958 fu Mike Hawthorn al volante della 246, spinta da un motore a 6 cilindri di 2400cc, a regalare alla squadra di Maranello il quarto titolo iridato.
Questa vettura sarà anche l’ultima monoposto con il motore anteriore a fregiarsi del titolo iridato.



Ferrari 246 - Francia 1958


Il kit è della Starter, in resina con le sospensioni in fotoincisione.
Il modello è assemblato praticamente da scatola.

Il 1961 vide l’affermazione di Phil Hill con la 156 (motore a 6 cilindri di 1500cc).
Questa vettura, inoltre, permise alla scuderia italiana di imporsi per la prima volta nella Coppa Costruttori, un vero e proprio Campionato Mondiale Marche istituito nel 1958.



Ferrari 156 - Belgio 1961


Il kit di partenza è quello in resina della Starter, con le sospensioni in fotoincisione.
La scocca è in un unico pezzo con la parte inferiore del motore in vista.
La versione che ho scelto di riprodurre è quella schierata nel vittorioso GP del Belgio che presenta una parziale copertura su entrambi i lati del motore.
La prima operazione effettuata sul modello è stata quella di rimuovere la parte verticale del motore compresa tra gli scarichi ed il cofano posteriore.
Ho poi realizzato le due coperture con un rettangolo di plasticard.
L’ultima operazione, decisamente la più complessa, è stata l’autocostruzione delle due prese d’aria da applicare sopra la copertura.
Come prima cosa ho realizzato la presa d’aria sagomando opportunamente un pezzo di resina di recupero.
Poi con la tecnica del vacuform ho ottenuto le due prese d’aria utilizzando un foglio di acetato trasparente.

Nel 1964 fu la volta del “Figlio del Vento” John Surtees al volante della 158 (motore a 8 cilindri di 1500cc), e la particolarità di questa vettura fu che nelle ultime due gare della stagione fu schierata con la livrea bianco-azzurra del team NART perché Enzo Ferrari rinunciò alla licenza italiana per protesta nei confronti della Federazione Italiana rea di non averlo appoggiato presso la Federazione Internazionale per l’omologazione della nuova berlinetta 250 GT (questa vettura fu omologata come prototipo e non come berlinetta, così Ferrari non poté utilizzarla per disputare il Campionato Mondiale Marche che in quegli anni era riservato alle berlinette Gran Turismo).



Ferrari 158 - Germania 1968



Ferrari 158 - Messico 1968


Il kit prescelto è stato quello della Scale Racing Cars in metallo bianco.
Il modello presenta il parabrezza e la copertura del motore come due parti separate e questo permette di realizzare un modello apribile.
Il foglio decal consente di realizzare sia la classica vettura rossa, sia quella della NART.
Il modello si assembla abbastanza facilmente ed il fatto di avere le due parti separate facilita notevolmente la colorazione per la versione NART, in quanto la vasca dell’abitacolo andrà verniciata in blu mentre il parabrezza è bianco (per la banda blu è fornita una decal) mentre la copertura motore è bianca tranne i due lembi inferiori che sono dello stesso colore della vasca abitacolo.


Mario Galimberti

28.12.2014

Mediolanum Modelling Club

[Gallery]

    Seconda parte: 1975 - 1983     < - >     Terza parte: 1999 - 2008





Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No