Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Emanuele Iemma
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marcello d'Andrea
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Taxi de la Marne
Taxi de la Marne
Sergio Colombo

  Latest arrival...

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

  Latest arrival in the gallery

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

Il BTR-60 e la bandiera col buco - Luigi Cuccaro




Un’altra icona dei mezzi sovietici della guerra fredda e’ indubbiamente l’APC BTR-60 il quale e’ stato successivamente adottato anche dagli altri paesi del patto di Varsavia (e non) tra cui la Romania, soggetto del presente articolo.


BTR-60

Riguardo alla scheda tecnica, anche su questo mezzo in internet si trova tanto e di più ergo preferisco passare alle specifiche del modellino.
Trattasi di un vetusto Verlinden... che dire, la solita saponetta strapagata cioè il modello è completamente pieno di imprecisioni tuttavia ho speso dei soldi (e tanti in proporzione alla qualità) dunque “s’adda fare”!


BTR-60

Ho cercato di renderlo più “accettabile” con qualche miglioria ma senza stravolgerlo perché, appunto, è un “caso incurabile” nel senso che si impiega meno tempo ad autocostruirlo completamente che correggerlo in tutti i suoi errori sia dimensionali che di forma.
Comunque gli elementi migliorati sono:

  • fari,
  • ruote,
  • cannoncino e mitragliatrice,
  • fine corsa dello scudo frangiflutti e relativa trama,
  • griglia motore con telaino e bullonatura di fissaggio,
  • supporti laterali porta attrezzi,
  • stop supplementari posteriori (solo per versione romena),
  • parafanghi (stretti) lungo i bordi laterali,
  • riadattamento dei due sportelli anteriori allo scafo i quali non erano coerenti dimensionalmente alle relative botole.

Inoltre, seppur il modello fosse fornito di filo di rame di adeguato diametro, le istruzioni indicano al modellista di ricrearsi i seguenti componenti:

  • Maniglioni appiglio,
  • gancetti,
  • pretellini,
  • gabbiette proteggi fari,
  • leve per scudo frangiflutti e relativi sostegni,
  • cablaggi
  • fari,
  • struttura portapacchi su griglia motore.

Tutti particolari che ovviamente ho dovuto riprodurli (n.b.: mancano i disegni di riferimento per le dimensioni).










Considerazioni sul modello
Ha addirittura vinto il Trophy Cup Models come indicato dalla box art!
Mah?, penso che il modello sia sopravalutato nel senso che al tempo (negli anni ’90) lo pagai circa 100.000 delle vecchie lire ma data la qualità appena descritta, per me non vale più di 10 degli attuali euro!
Pertanto consiglio a chi vuole acquistare questo modello a stare attento ai costi oppure di attendere la imminente uscita degli analoghi in plastica della Trumpeter i quali pare che siano più precisi e meno costosi.
Da parte mia continuo a non capire perché si continua a demonizzare modelli in plastica e tacere sugli orrori stracostosi degli analoghi in resina... Boh ?









Verniciatura e diorama
Come anticipato, stavolta mi sono ispirato ad un momento importante della nostra storia contemporanea ovvero alla rivoluzione romena nel dicembre 1989 la quale ha portato significativi cambiamenti alla nostra società e nell’insieme positivi per la mia persona.
Rivoluzione Romena © Luigi Cuccaro Pertanto ho inizialmente proceduto alla colorazione del modello il quale è realizzato in una delle varie mimetiche dell’epoca molto simile a quelle occidentali attuali cioè a 4 toni (verde chiaro, verde scuro, marrone e nero) acrilici ed aerografati con conseguenti trattamenti di ombreggiatura, lumeggiatura ed invecchiamenti vari.
I figurini dell’esercito sono di origine 2° GM di vari marche, adeguatamente trasformati alle divise romene di quei anni facendo riferimento ai libri Osprey ed immagini scaricate da internet mentre le teste sono della Hornet.
Il carrista e’ un ICM trasformato nella postura e la donna invece e’ della Preiser, tutti colorati in acrilico Vallejo.
Infine, la scenetta riproduce una situazione in cui la donna sventola ai militari il giornale in cui notifica la sospirata libertà dalla dittatura di Nicolae Ceausescu; esso è riproposto in una ridicolarizzazione grafica su di un cartellone appeso ad una maniglia posteriore del mezzo.
A completamento, non poteva mancare, la bandierina romena ovviamente col buco, significativo messaggio della libertà appena conquistata (hanno tagliato il simbolo di regime posto nella banda centrale della bandiera nazionale).





Conclusione finale: per fortuna la realizzazione particolare di questo “memento storico” ha reso molto piacevole il lavoro facendo così superare tutte le frustrazioni sulle carenze qualitative del modello in oggetto.



Last but not least: dedico questo modello alla mia cara moglie Olimpia la quale con tanto amore ed affetto rende felice il percorso della mia vita.


Buon Modellismo a tutti
Luigi Cuccaro
[Gallery]
20.07.2011




Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No