Gli assi dell'aviazione

Giulio Reiner
Giulio Reiner New
Pietro Ballarini


I precedenti...

Mario Visintini
Lydia Litvyak
Richard Bong
Marcel Albert

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

T34 76 Versione ChTZ
T34/76 Versione ChTZ
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cavaliere Templare XIII Sec.
Cavaliere Templare XIII Sec.
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

Queens’ Own Rifles – Giuseppe Giovenco




Al seguito della terza divisione canadese, sbarcata il 6 giugno ’44 sulla spiaggia di Juno, c’erano anche gli uomini del reggimento Queen’s Own Rilfles.


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

La particolarità delle unità Rifles è quella di portare i distintivi di grado con colorazione diversa da quella degli altri corpi dell’esercito di Sua Maestà – in particolare il colore tipico delle unità Rifles è il verde scuro, sia per i gradi dei sottufficiali che per quelli degli ufficiali.


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

Il presente soggetto ha il fondo rosso perché in alcuni reparti veniva dato tale colore distintivo in alternativa al verde scuro; ciò non di meno queste unità erano Rifles a tutti gli effetti.


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

Il bollino rosso con il corno, all’interno del quale vi è il numero 2, era prerogativa unica di tale reggimento.


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

Da notare che mentre la corona del British Army era quella a cuspide di Giorgio VI, i Queen’s Own, essendo il reggimento della regina, si fregiavano con la corona concava della regina, appunto.


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

Credo di potervi ragguagliare sulla corona che sormonta ogni stemma dei reparti del Regno unito : durante il secondo conflitto mondiale e fino all’ascesa al trono di Elisabetta, avvenuta il 2 giugno 1953, il British Army portava la seguente corona tipica dei regnanti di sesso maschile, ovvero la corona cuspidata (nel riquadro lo stemma del Devonshire).


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

mentre con l’avvento di Elisabetta, la corona è mutata con quella delle regnanti di sesso femminile, ovvero quella concava (lo stesso stemma del riquadro superiore).


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

Vi è, infine, il distintivo di tiratore scelto (portato sulla parte alta dell’avambraccio sinistro) che, si noti bene, non necessariamente equivaleva a cecchino, perché questi ultimi avevano/hanno la S di sniper, sopra alle due canne incrociate.


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

Detto questo, il presente figurino Dragon è stato opportunamente sporcato con il solito metodo usato negli altri miei fantaccini (visibili nella gallery), aggiungendo lo stemma, sul basco della Banjoman, fornito dal real forgiatore Tony Barton.


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

Unico vezzo, la canna dell’Enfield, altri non è che un segmento di tubicino in ottone ricavato dai profili usati dai modellisti delle car, opportunamente brunito per l’occorrenza, al posto della prominenza in plastica, recisa.


Queens’ Own Rifles © Giuseppe Giovenco

Giuseppe Giovenco

[Gallery]

Gruppo Herring Mantova

19.02.2016




Commento di ezio bottasini [24/02/2016]:
Grande Giuseppe ciao, mi stavo giusto chiedendo, modellisticamente parlando, che fine avessi fatto, visto che, a parte i sagaci commenti inseriti nei vari lavori esposti, non comparivano più i tuoi "grandi uomini".
Come sempre sembra vero (anche senza ambientazione). Ottimo. toglimi una curiosità che da tempo ho da chiedere, ma....il taglio e cucito delle divise lo fai tu....giusto per sapere quando ne avremo bisogno dove andare a farci confezionare un abito su misura.....a parte gli (eventuali) scherzi, veramente bello, preciso come sempre.
Un caro salutone Ezio
P.S.: la prossima volta che ci incontriamo dovremo scambiare qualche parola in più che non l'ultima volta a Varedo (ci sarai a Giussano??)

Commento di Vito [24/02/2016]:
Ciao Giuseppe
Che dire ?!
Davanti a un lavoro del genere non posso altro che rimanere stupiti !
E di un realismo inquietante però questa volta amico mio un appunto te lo faccio io ....
Non si vede la targhetta riportante taglia e materiale con cui è fatta la giacca !
Spero di vedervi a giussano A presto Vito

Commento di giuseppe giovenco [24/02/2016]:
amici!!!!
le uniformi base si trovano già confezionate, il resto è arrangiato, applicato o creato su misura - c'è una grande profusione di divise DRAGON, le quali vanno accuratamente rifinite - MONKEY DEPOT ha diversi distintivi dei principali eserciti della 2^ guerra mondiale - nei miei post cerco principalmente di spiegare come riconoscere i vari corpi di Sua Maestà, poi se riesco anche ad avere un gradevole aspetto dei miei figurini, provo ancora più piacere - alle prossime mostre - Giuseppe -
per Ezio : mi farà piacere scambiare anche otto parole, così ce ne racconteremo delle belle - per Giussano sarà molto difficile, ma prima o poi ci rincontreremo anche con Vito!!!!

Commento di Dino Dall'Asta [24/02/2016]:
Un perfetto lavoro sartoriale.
Bravo !!
Ti ricordo che a Milano è in corso la settimana della moda...
Dino

Commento di Giampaolo Bianchi [24/02/2016]:
Caro Giuseppe i complimenti sono obbligatori. Bellissimo lavoro anche per l'usura . perché non inserisci questi tuoi splendidi figurini in un piccolo ambiente? Sarebbe da esposizione! !
A presto.
Giampaolo.

Commento di Francesco Sasso [24/02/2016]:
Caro Giuseppe, ecco un altro tuo capolavoro, molto interessante la spiegazione dei vari dettagli di questi reparti..spero di vedere presto dal vivo le tue splendide opere, tanti tanti complimenti!
Francesco

Commento di giuseppe giovenco [25/02/2016]:
devo molto a tutti perché mi fate piacere nel visitare la mia gallery - detto questo, vi rassicuro per la realizzazione dei diorami - prima creo il figurino, lo metto sul sito per divulgare l'identificazione della sua appartenenza al Regio esercito, cosa abbastanza intricata, vista la vastità degli stemmi, dei distintivi, dei gradi e di quant'altro ogni reparto o reggimento voleva identificarsi, poi penso ad un diorama con altri figurini e partorisco la scena finale, di cui ne avete prova nei miei lavori precedenti.
l'importante, lo sosterrò sempre, è che nel nostro mondo ci sia la condivisione degli elaborati per crescere assieme - Giuseppe

Commento di maurizio ugo [27/02/2016]:
....eccoci qui a visionare un alto bel lavoro del nostro Giuseppe.... bella la figura del viso, molto espressiva, sia per la qualità che per la realizzazione, e valido anche il resto, un modo a se che merita di essere conosciuto a fondo, cosa che te riesci a passarci, vedendo i tuoi lavori e le tue dettagliate descrizioni...
un salutone maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No