Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo New
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Austin Armoured Car
Austin Armoured Car
Michelangelo Galli

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

The Clone Wars - I parte - Ezio Bottasini


The Clone Wars


Inizia con questo una serie di articoli dedicati ai mezzi apparsi nella serie animata realizzata in computer grafica, creata dalla Lucasfilm Animation (con la sua divisione Lucasfilm Animation Singapore) e da Lucasfilm Ltd.

Le guerre dei cloni possono essere definite un midquel tra l’episodio II "L’attacco dei Cloni" e l’episodio III "la vendetta dei Sith".
Nelle cinque stagioni, composte da un totale di 108 episodi della durata media di 22’ l’uno; più altri dieci episodi bonus che dovrebbero essere messi inonda nel 2014, vengono narrate le avventure e le battaglie sostenute principalmente da Anakin Skywalker e della sua nuova padawan Ahsota Tano.
La serie è di tipo antologico, con diversi episodi autoconclusivi e slegati dalla storia di fondo, focalizzati su personaggi minori, come i Jedi Kit Fisto e Plo Koon, o le truppe dei cloni soldato.
è stato edito anche un film sulla stessa linea e con la medesima grafica, della durata di 94 minuti dove si narra il salvataggio del figlio di Jabba The Hutt, rapito dai separatisti, con l’intento, cercando di dare la colpa agli Jedi, di far intervenire gli Hutt al loro fianco.
La cronologia degli episodi (dall’1 al 108), degli episodi bonus (dal 109 al 121) e del film dovrebbe essere la seguente:
38 - 16 - film - 45 - 47 - 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 39 - 40 - 41 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 42 - 43 - 44 - 49 - 50 - 51 - 46 - 48 - 52 - 22 - 53 (salto nel tempo di un 1-2 anni) 54 - 55 - 37 - 56 - 57 - 58 - 59 - 60 - 6162 - 63 - 64 - 65 - 66 - 67 - 68 - 69 - 70 - 71 - 72 - 73 - 74 - 75 - 76 - 77 - 78 - 79 - 80 - 81 - 82 - 83 - 84 - 85 - 86 - 87 - 88 - 90 - 91 - 92 - 93 - 94 - 95 - 96 - 97 - 98 - 99 - 100 - 101 - 89 - 102 - 103 - 104 - 105 - 106 - 107 - 108 - 109 - 110 - 111 - 112 - 113 - 114 - 115 - 116 - 117 - 118 - 119 - 120 - 121.
Da ciò si capiscono le incongruenze temporali che appaiono, a volte nella visione delle varie stagioni.
La guerra dei cloni dura tre anni e se si considera anche il tempo che fa vedere in Star Wars: L’attacco dei cloni (l’episodio II), si può dire che il volume 1° e i primi 15’ del volume 2° (la prima stagione è divisa in due volumi), raccontano il primo anno di guerra.
La serie animata e il film di Star Wars: The Clone Wars (film) e la seconda parte di Star Wars: Clone Wars volume 2° potrebbe raccontare gli ultimi due anni del conflitto.

Questo articolo lo dedicherò ai mezzi separatisti, peraltro ne ho solo tre, in articoli futuri verranno illustrati mezzi dell’Esercito dei Cloni e un capitolo a parte sarà dedicato agli Jedi Starfighter.



L’Armoured Assault Tank (AAT), è un mezzo capace di attraversare ogni terreno, in quanto dotato di diversi motori che lo tengono in volo a circa bun metra da terra.
Il pesante armamento è costituito da un grosso cannone laser nella torretta rotante principale, più altri quattro blaster di piccolo calibro antiuomo, posizionati a coppie ai lati del corpo principale del carro armato, che possono sparare verso l’alto o il basso e di sei, tre per parte, lanciamissili posizionati alla base dello scafo.
Possono essere trasportati fino a sei droidi da battaglia appesi all’esterno.




Può raggiungere la velocità di 55 km/h; l’equipaggio è costituito oltre che dal capo carro, dal pilota e due artiglieri (tutti droidi da battaglia).




Costruito dalla Baktoid Armor Workshop della Tecno Unione, è stato prima in dotazione alle truppe droidi della Federazione del Commercio durante l’invasione del pianeta Naboo per diventare poi il carro standard della Confederazione dei Sistemi Indipendenti (CSI).




Quello rappresentato in queste foto porta i colori della CSI.

Il Soulless One è un Belbullab-22 modificato; è il caccia personale del Generale Grievous, comandante in capo dell’Esercito droide, un Signore della Guerra del popolo Kaleesh capace di combattere come un Jedi, è un Cyborg "asmatico", risultato questo di uno scontro con un gruppo di cavalieri Jedi.




Questo mezzo costruito dalla Feethan Ottraw Scalable Assemblies, di costruzione molto robusta e dotato di un sistema di supporto vitale.
L’armamento di questo caccia è composto da due cannoncini laser a tiro rapido; capace di eguagliare il Porax P-38 in velocità, in quanto provvisto da una coppia di motori a ioni e di una potente Iperguida di classe 6.




Il Generale Grievous, usa questa nave per spostarsi sulla luna del pianeta Vassek dove ottiene le riparazioni subite in combattimento.
Verrà ucciso da Obi-Wan Kenobi durante l’Episodio III sul pianeta Utapau, Obi-Wan, userà questo mezzo per allontanarsi da questo stesso pianeta.

Porax-38 Starfighter Classe Rogue (P-38), costruito dalla Buuper Torsckil Abbey Devices superiore per velocità alla maggior parte dei caccia di pari categoria, capace di raggiungere velocità atmosferiche vicine ai 62.000 Km/h; è stato utilizzato principalmente dagli Utapauni.




Questo in particolare è uno dei due pilotati dalla guardia personale del Generale Grievous, droidi da combattimento altamente intelligenti: gli IG-100 MagnaGuard.




Le caratteristiche di questo velivolo ne fanno un velivolo ideale per la difesa planetaria; un potente scudo deflettore e sensori a lungo raggio, gli permettono di resistere con efficacia anche ad attacchi di sorpresa, mentre l’iperguida di classe 2 consente di effettuare salti iperspaziali di 3000 anni luce; è armato con due cannoni laser.




Questi kit fanno parte della serie Easy Kit della Revell dedicata a Star Wars (in tutte le sue declinazioni: Trilogia Classica, Trilogia Prequel, The Clone Wars), i kit di base sono a incastro e preverniciati.
Per tutti questi kit, ed anche per quelli delle puntate future, ho attuato un montaggio tradizionale, cioè colla, stucco (tanto stucco), verniciatura di interni, esterni e dei personaggi, nonché invecchiamenti e desaturazioni varie; l’unica cosa non ho fatto modifiche né aggiunte varie, ad eccezione delle antenne poste sulla torretta dell’AAT grossolane e poco realistiche, che ho sostituite con due pezzi metallici ricavate da una corda per chitarra da 0,11; per tutto il resto mi sono limitato a montare i kit da scatola.
Mi sono stampato le decal (fortunatamente ne servono poche), in quanto sui kit originali sono pre-applicate, sopra la pre-verniciatura, quindi riverniciando sono state coperte.
Le ho recuperate dal web, le ho ridimensionate ad hoc e stampate con stampante laser su carta Experts-Choise.
Per il caccia del Generale Grievous, dopo aver mascherato le decorazioni, le ho ridipinte dopo aver verniciato il modello.
Per gli amanti del genere, ciò è già stato dimostrato anche dall’amico Alby, che ha esordito tra noi proprio con questi modelli Easy Kit rivisti e corretti, sono un piacevole divertimento, per lasciare la routine del Federal Standard e della maniacale precisione delle insegne e mimetiche che i mezzi "reali" richiedono, certo è che montandoli con i "sacri crismi" modellistici, ci vogliono diversi giorni per portarli a termine.


Ai prossimi capitoli e... "…Che il modellismo continui a scorrere potente in noi…"

Ezio Bottasini

[Gallery]

01.09.2014

Nota: L’ormai consueto ringraziamento a mia figlia Sara per le foto.
Le notizie relative alla serie "The Clone Wars" sono tratte da Wikipedia, mentre quelle relative ai mezzi sono liberalmente tradotte dai fogli illustrativi contenuti nelle scatole di montaggio e dai dati tecnici riportati sulla copertina delle scatole stesse.
Il titolo l’ho liberamente tratto dal logo ufficiale della serie animata.




Gli altri articoli della saga:
The Clone Wars - Intercettore leggero Delta-7
The Clone Wars - Armamenti dell’Esercito dei Cloni

Commento di Alby Starkiller [11/09/2014]:
Carissimo Ezio, è davvero un immenso piacere per me rivederti alle prese con i modellini della mitica saga di star wars! questi in particolare sono bellissimi, ed anche molto ricercati. Per tanto sono a rinnovarti ancora una volta i miei migliori complimenti per le tue ottime realizzazioni, e questa volta in particolare ci tengo a sottolineare la tua egregia accuratezza descrittiva! resto in attesa di vedere i tuoi prossimi "capitoli" dedicati a STAR WARS, nel frattempo ti invio un forte abbraccio augurandoti buon proseguimento. A PRESTO! ...e che LA FORZA del modellismo sia SEMPRE con te! :)
Alby.



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No