Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

"Mein Gott!"
"Mein Gott!"

  New entry...

Marco Fin Gallery
Marco Fin Gallery

Spilloni sull'Ellade - Alessandro Gennari




La Grecia e la Turchia hanno da sempre rappresentato un punto strategico chiave per l’Alleanza Atantica.
Per questo motivo gli Stati uniti hanno sempre dato una grossa mano militare a questi due paesi, tramite robusta fornitura di caccia per equippagiare le loro forze aeree.
Nel pieno degli anni ’60, la Helleniki Polemiki Aeroporia (Forza Aerea Greca) si trovò nella situazione di dover sostituire i propri F-86D con caccia che fossero in grado di garantire la velocità supersonica.
Motivo per cui venne formulato un primo ordine di 51 F-104, di cui 45 nella versione monoposto e 6 in versione biposto da addestramento.
In anni successivi la Forza Aerea Greca ha ottenuto altri F-104 di seconda mano, provenienti da Olanda, Spagna, Canada e Germania.
Gli" Spilloni" greci sono rimasti in servizio attivo fino al 1993, alcuni dei quali con funzione di bersaglio per le esercitazioni.




Il kit Italeri
C’era grande attesa attorno all’uscita del kittone Italeri in 1/32 e, finalmente, lo scorso dicembre la casa italiana ha fatto il grande passo, buttando fuori la scatola.
Un kit che ha fatto discutere, soprattutto i puristi dello Starfgihter.
All’interno troviamo delle belle stampate di plastica grigia, un foglietto di fotoincisioni e un sontuoso foglio decals per ben dieci esemplari, di cui la metà italiani.
Dura scegliere, visto che sono uno più interessante dell’altro.
Fra di essi c’è l’esemplare greco che ho scelto di rappresentare io, ma su questo tornerò poi.






Montaggio
Fedele al mio motto "Si può fare un bel mondello anche senza set di dettaglio", ho montato il kit assolutamente da scatola.
Ci sono alcune opzioni interessanti, come il vano avionico dietro al pilota che si può lasciare aperto così come il cannone e il motore.
Ho preferito chiudere il tutto, per non guastare le belle linee del 104.
Gli incastri aiutano, anche se la giunzione fra coda e troncone principale è un pochino problematica per via di un leggero scalino che si forma.
Completamente da scatola anche l’aitacolo: una mano di H317 per la base, consolles in nero opaco, un po’ di dry brush in grigio ed il gioco è fatto.
Il pannello strumenti non presenta il dettaglio delle lancette all’interno dei quadranti: io non son stato a diventare matto, ho dato una mano di nero lucido, chi non fosse soddisfatto può provare ad adattare uno dei set pensati per il kit Hasegawa o aspettare che le ditte dell’aftermarket si mettano in moto.
Il montaggio del kit scorre complessivamente bene, pochi i punti dove è necessario intervenire con lo stucco, fra queste sicuramente la zona delle prese d’aria e la giunzione fra i due tronchi di fusoliera.
Per chi volesse evitare imprecazioni in tutte le lingue del mondo, Italiari ha fornito un pratico carrellino dove appoggiare il troncone di coda staccato per mostrare il motore in bella vista.
Le istruzioni consigliano di montare da subito i carrelli, ma considerato che possono essere d’ostacolo alla verniciatura e c’è il rischio rotture (del pezzo, oltre che di scatole al momento di mascherare) ho preferito rimandare il tutto a fine montaggio.




Verniciatura
La mia intenzione originaria era quello di fare un esemplare tedesco con livrea lizard in tre toni di verde, ma quando ho visto il prezzo del foglio decals Astra, il mio personalissimo Grillo Parlante mi ha fatto pat pat sulla spalla e mi ha gentilmente consigliato di soprassedere.
Anche perché la stessa Italeri ti mette già in discreto imbarazzo con il sontuoso foglio decals.
E così ho comincaito a sfogliare la mrgherita: italiano? Mi piace solo del 6° e l’ho già fatto in 48. Canadese? Stupendo, ma... io e il metallo naturale non andiamo molto d’accordo. Olandese? Banale, monogrigio. Alla fine la mia scelta è caduta sul greco e sulla mimetica SEA: il radome nero, così inconsueto, ha fatto il resto.




Per la mimetica ho usato i colori Gunze: H311 per il grigio, H310 per il marrone, H303 verde choaro e H309 il verde scuro.
Volevo far un aereo veramente rovinato, cotto dal sole, soprattutto anche per provare a fuggire dall’effetto giocattolone in cui è facile incappare quando si lavora in scala grossa.
E così ho voluto sperimentare una tecnica per me nuova: sono partito con il dare su tutto il modello più mani di primer bianco Tamiya, quindi con i colori molto diluiti e molto schiariti ho passato varie velature.
Da ultimo, ho preso il colore da boccetta – sempre molto diluito – e ho passato i bordi dei pannelli; una sorta di post-shading al rovescio.
Il risultato è stato un aereo veramente mal ridotto, anche se le successive mani di trasparenti hanno attenuato.
Difficile che un pilota sano di mente accettassi di buon grado di salire su un aereo così conciato, ma l’effetto è garantito, almeno per me… Come prima volta sono contento, ora vedrò di affinare la tecnica dai prossimi modelli.
La posa delle decals e l’accentuazione delle pannellature con l’apposito liquido della Tamiya ha completato la fase di pittura.




Ultimi ritocchi
Tolte le mascherature e finiti gli effetti speciali, non resta altro che montare tutti quei particolari che danno l’aspetto definitivo all’aereo: carrelli (dipinti in alluminio XF-16, ruote in H77), tubo di pitot (bianco lucido), portelli dei carrelli, scarico del motore e tettuccio.
In poco più di due mesi di lavoro, compatibilmente con i miei impegni lavorativi e non solo, il mio "Spillone" ellenico è pronto per fare la sua, si spera, bella figura, in bacheca.










Commento di ezio bottasini [08/04/2014]:
Ciao Alessandro e soprattutto benvenuto tra noi.
Lo Spillone è sempre bello qualsiasi livrea porti e te lo dice uno che di Spilloni ne ha per il momento collezionati 51 (48 in 72, 2 in 48 e 1 in 32) e ne ha ancora 2 in 48 da fare, non manca molto alla loro ora. Putroppo il 32 dell'Italeri non l'ho preso perche avevo recentemente fatto, elaborato e in parte autocostruito il 32 dell'Hasegawa (sob, sob, sob), se ti interessa è comparso su queste pagine all'inizio dell'anno scorso, mentre l'articolo di tutti gli altri è stato il mio articolo di esordio.
Il tuo Spillone è sontuoso, l'unica cosa è, come hai detto tu, affinare la tecnica di desaturazione dei pannelli, ma con un po' di prove ed un discreto aerografo non è impossibile.
Complimenti e avanti così; alla prossima Ezio

Commento di Dino Dall'Asta [14/04/2014]:
Ben atterrato tra noi con questo modellino, preciso e ottimamente eseguito.
Sinceri complimenti.
Dino

Commento di Alby Starkiller [26/04/2014]:
Ciao Alessandro, ben approdato anche tu su kitshow! :)
da amante che sono dei modellini di aerei appartenenti alla modern-era, sono ad inviarti i miei più sinceri complimenti per questa tua bellissima realizzazione! attendo di vederne presto molti altri! ;)

Un salutone.
Alby.

Commento di Alessandro Gennari [27/04/2014]:
Grazie a tutti ragazzi. Mi fa piacere che il mio modello sia stato apprezzato. Spero di poter pubblicare al più presto altri miei lavori.
ciao
Alessandro



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No