Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

Esperia – Maggio 1944 - Riccardo Casati




Solitamente traggo ispirazione per i miei lavori dai mezzi che in qualche modo mi colpiscono.
Questa volta è nata da una foto raffigurante due soldati americani in piedi su di un Marder 3 con un cingolo rotto, posizionato su un crinale al fianco di una strada.
  




Tutto intorno tanti detriti, sassi e molto altro che avrebbero reso difficile ma altrettanto affascinante la riproduzione in un diorama.
M'immaginai di essere lì in quel momento e di vedere l'attimo in cui il fotografo immortalava la scena.
Era appena iniziato il mio nuovo lavoro. Una sfida contro me stesso che volevo vincere.
  Cercando in internet le foto riguardanti proprio quel Marder 3, ne trovai un bel po' che ritraevano la scena da vari punti di vista; ciò mi è stato molto utile per ricostruire l'ambientazione.
 




Esperia – Maggio 1944

Mi informai e scoprii molto su cosa successe ad Esperia nel maggio del 44: il Marder faceva parte della 71ª divisione Wehrmacht e i due soldati erano della 13ª artiglieria campale americana. Per questo motivo sul frontale dell'elmetto era dipinto il numero 13 in giallo.
Ora avevo chiaro in mente come avrei dovuto procedere.
 
Costruzione Marder 3




Ho scelto il kit della Dragon, carro molto ben fatto, ma ho avuto parecchie difficoltà con le istruzioni in alcuni punti imprecise.
La sequenza di incollaggio è abbastanza confusionaria e più volte ho rischiato di danneggiare i pezzi dovendo scollare le parti per inserirne altre che sarebbero dovute essere posizionate prima.
 




Dopo aver verniciato e montato motore ed interni, ho iniziato la ricostruzione del carro.




Nella foto i parafanghi erano storti e a destra risultava divelto e molto danneggiato.
Il lamierino era sicuramente più indicato della plastica per ottenere lo stesso risultato, quindi ho optato per questa soluzione.
Per ricreare le nervature in rilievo, ho utilizzato una piccola mascherina di ferro su cui ho praticato dei solchi con una moletta a disco.




Posizionando il lamierino nella mascherina, con dei piccoli colpetti di martello e un cacciavite stando attento a non tagliare la lamiera, ho inciso tutta la nervatura.






A questo punto ho danneggiato i nuovi parafanghi in modo che assomigliassero il più possibile a quelli riprodotti nella foto.














Altra modifica che dovevo apportare al carro erano i cingoli.
Il cingolo in alluminio a maglie snodate della Fruimodel mi avrebbe permesso di ricreare fedelmente ciò che mi serviva.
Quello di destra era rotto e srotolato su per il crinale.




Una volta assemblato il carro, ho cercato informazioni sulla colorazione della livrea.
Ho trovato i colori e il disegno a chiazze della 71ª Wehrmacht, ma essendo molto complesso da realizzare, ho scelto di ricreare la livrea disegnando leggermente le chiazze con una matita, colorando poi il loro interno a più mani facendo attenzione a non far notare le pennellate. Lo stemma della 71ª divisione riportato sul lato sinistro del carro, l'ho dovuto riprodurre a mano in quanto non ho trovato la decal adatta.










Terminata la colorazione, ho proceduto profilando rivetti, portelli e tutte le parti da evidenziare, con del marrone scuro e le scrostature con il nero utilizzando un pennellino con una buona punta.
Ho aggiunto qualche piccolo punto di ruggine e qualche colatura di sporco per dare il giusto invecchiamento.
Con un pennello a setole dure ho simulato del fango secco che si sarebbe potuto accumulare giorni prima sul mezzo in movimento picchiettando sotto il carro e sotto i parafanghi del composto di gesso e pigmenti, mentre sulla parte alta del carro ho utilizzato del pigmento bagnato con White spirit direttamente sul modello.




Una volta asciutto, con l'ausilio di una spugnetta da makeup, ne ho tolto l'eccedenza, lasciandone solo negli angoli e nei recessi del carro per creare depositi di polvere.






Figurini




La ricerca dei figurini è stata abbastanza difficoltosa. Ricreare una foto con i figurini identici risultava quasi impossibile.
Mi servivano sicuramente due figurini da posizionare sul carro e un fotografo. Il resto che avrebbe fatto da contorno l'avrebbe generato la mia fantasia.
Il fotografo è marca Bravo6. Nel kit originale aveva in mano una cinepresa che ho tolto e appoggiato sul sedile anteriore della jeep.
Con della resina bicomponente ho scolpito la macchina fotografica e gli ho cambiato le mani posizionandolo in modo che potesse scattare la foto dalla giusta angolazione. 




La vera sfida si presentava con i due figurini sul carro; in commercio non ho trovato nulla che anche solo si avvicinasse a ciò che cercavo, quindi l'unica soluzione era l'autocostruito.
Con molta insicurezza e qualche dubbio sulla riuscita dell'impresa, ho iniziato scegliendo pezzi di vari figurini, scarpe e vestiti, da unire e rimodellare.
Tagliando e inserendo del filo di ferro nelle gambe e nelle braccia, sono riuscito a sistemare nella giusta posizione i soldati.
Ho rimodellato con della resina i vestiti e creato dal nulla le mani al fine di rispecchiare ciò che era la vera posa nella foto.




Infatti impossibile trovare mani abbastanza verosimili da adattare alla scena, come anche la fibbia e la cintura di uno dei due; le teste sono della Hornet o Alpine.
Gli altri figurini sono marca Alpine tranne l'autista della Willys (Tamiya) e il soldato seduto a terra (Royal Model).




A tutti ho sostituito le teste con altre la cui l'espressione sarebbe stata più adatta alla scena.




Ho curato moltissimo la pittura degli 8 figurini facendo molta attenzione ai particolari e alla scelta dei colori, impiegando circa due mesi di lavoro.




Altri Mezzi 
La Willys e Kubelwagen sono tutte e due marca Tamiya assemblate senza problemi e con facilità.
Per la colorazione ho usato sempre lo stesso metodo.
Dapprima una mano di primer bianco nelle zone di luce e di primer nero in quelle di ombra o più scure.




In seguito colore ad aerografo ben diluito per essere meno coprente dato a più mani insistendo sulle zone scure e sfumando su quelle chiare.
Ho proseguito con le scrostature e i graffi, e le sporcature di fango secco e polvere su entrambe ma appesantendo molto di più l'invecchiamento sulla kubel per ricreare un aspetto più dismesso.










Ho deciso che il suo posto nel diorama sarebbe stato nel crinale sotto la strada dove era posizionato il Marder.
Secondo le informazioni trovate su internet riguardo i fatti accaduti nel maggio del 44, la colonna tedesca risalente la strada che porta ad Esperia sarebbe stata bombardata dalla 13a artiglieria americana e da quella marocchina con pezzi da 105 mm.
Successivamente molti mezzi furono sospinti nel dirupo sottostante da bulldozer americani per liberare la strada.
Nelle foto originali la kubel era a sinistra del Marder ma ho preferito posizionarla sulla destra per non appesantire troppo la scena davanti al carro che avrei voluto fosse libero e ben visibile.






Oltre alla kubel si nota nella foto la presenza di rottami di una moto.




Per questo particolare ho utilizzato una DKW 250 Tamiya a cui ho sostituito e aggiunto particolari fotoincisi, come per esempio i raggi originali rendendoli cosi molto più realistici.
Utilizzando una fresetta ho rimosso gli pneumatici di tutte e due le ruote della moto e schiacciato con una pinza il cerchione posteriore.




Per la colorazione ho scelto il dunkelgelb che mi sembrava il più adatto e ho rifinito con parecchi effetti di invecchiamento rendendo la moto un rottame.




Il Diorama 
La creazione del diorama è sempre un'incognita specialmente questa volta che avrei dovuto rispettare la realtà impressa nella foto.
Dovevo creare la base giusta nelle diverse altezze e sistemare almeno i principali protagonisti esattamente nel posto in cui dovevano stare.
Mi entusiasmava e mi spaventava l'idea di proporre i fatti così come erano accaduti testimoniati da una fotografia.
Ho iniziato dalla basetta composta da 4 livelli, ognuno dei quali aveva uno scopo nel diorama.
Il più alto era la strada su cui dovevano esserci il fotografo e la Willys.
Sul secondo il rottame della kubel e della moto, sul terzo e ripido il carro e sull'ultimo e più basso avrei creato un piano da cui era arrivato il carro per sfuggire al bombardamento.




La mia supposizione era che trovatosi sotto attacco alleato, il carrista avesse cercato scampo tagliando su per il crinale togliendosi dalla strada sottostante e spaccando poi il cingolo.
La basetta è composta da pezzi di polistirene incollati uno sull'altro e modellati con un termocutter facendo attenzione a ricreare il pendio inclinato con la pendenza giusta.
Con l'aiuto di un goniometro ho rilevato l'angolazione corretta da una foto che ritraeva il mezzo tedesco lateralmente.
Operazione molto delicata in quanto se non fosse stata precisa, nel momento in cui avrei posizionato i due fanti al di sopra del carro, sarebbero risultati troppo inclinati in avanti o indietro.






Solitamente per il terreno uso la terra che poi coloro a mio piacimento ad aerografo.
Questa volta desideravo utilizzare una terra già idonea al diorama.
Ci voleva una terra chiara e polverosa che ho trovato scavando tra i sassi di una strada bianca vicino a casa.
Iniziando dal primo livello, il più alto, ho utilizzato in sequenza Vinavil, Das che ho improntato con dei cingoli e delle ruote, altro vinavil, sassi e sassolini, e infine il terriccio fine ben setacciato.






Lasciato asciugare, ho poi eliminato il terriccio in eccesso con un pennello.
Identico procedimento per gli altri livelli, solo che prima di mettere il terriccio ho posizionato nel Das pezzetti di legno e altri oggetti tipo proiettili, casse, elmetti che avevo preparato in precedenza.
Nel terzo livello ho sistemato il carro curando bene la posizione e accumulando sassi e terra ai fianchi dei cingoli per simulare al meglio lo sprofondamento del mezzo nel tentativo di risalire il pendio.
Ho posizionato le piante e i cespugli che ho realizzato unendo dei rametti con colla cianoacrilica, spruzzati con colla spray e cosparsi con origano o prezzemolo secco aerografati con varie tonalità di verde.








Ho aggiunto alcune zone d'erba e sparso qua e là dei fogli di carta come in foto.




I teloni sono realizzati con resina bicomponente spianata con un tubo di plastica e successivamente posizionata modellandola, dipingendola e impolverandola con pigmenti direttamente sul diorama perché si adattasse perfettamente a tutto ciò su cui era appoggiata.




Per un ultimo tocco al terreno ho effettuato lavaggi con colori ad olio marrone scuro nelle zone un po' più in ombra per dare contrasto, e qualche pennellata su alcune pietre con del grigio chiaro per metterle un po' più in risalto.






Infine ho incollato i due figurini sul carro come nella foto e il resto l'ho posizionato in modo da creare il fuori campo secondo quanto mi suggeriva la mia fantasia.






Spero di essere riuscito a fare un buon lavoro e che sia di vostro gradimento.
Io ne sono molto soddisfatto. Sfida accettata... sfida vinta? Credo di si...




Alla prossima 


Riccardo Casati

[Gallery]

03.10.2018



Commento di Dino Dall'Asta [02/10/2018]:
E si, hai ampliamento vinto la sfida...
Hai fatto un lavoro veramente eccezionale in tutti i suoi componenti, estremamente realistico.
In pratica hai colorato le immagini storiche!!
Dino

Commento di Alby Starkiller [03/10/2018]:
...BELLISSIMISSIMOOOOO!!!
Complimenti.
Un salutone.

Alby.

Commento di giampaolo bianchi [03/10/2018]:
ennesimo capolavoro Riccardo.. penso che ormai il modellismo italico abbia trovato un degno rappresentante a livello internazionale.
giampaolo

Commento di Enrico Calanchini [03/10/2018]:
Davvero un lavoro di livello superiore in ogni particolare. Complimenti per la manualità, l'estro e la fedeltà storica da modellista di lignaggio.

Ciao Enrico

Commento di Francesco Sbarile [05/10/2018]:
E' un grandissimo lavoro, non sono un carrarmataro ma ti assicuro che ho apprezzato anche il minimo dettaglio del lavoro che hai fatto. Quando ci si mette in gioco proponendo la riproduzione di una foto o di un quadro e si ottengono simili risultati l'unica cosa è togliersi il cappello.
Francesco

Commento di ezio bottasini [05/10/2018]:
Ciao Riccardo... grandissimo lavoro... meraviglioso... spettacolare come sempre. A prestissimo ci vediamo a Varedo. Ciao Ezio

Commento di LAURO BONFA' [05/10/2018]:
Ennesimo Capolavoro, Grande Riccardo è un Piacere osservarlo sia dal punto di vista Storico che Modellistico. Complimenti.

Commento di Luca Navoni [06/10/2018]:
.......i puntini a inizio frase lasciano già capire..... senza parole......!!!

Diorama eccezionale in tutti i suoi dettagli, estremamente realistico, le immagini storiche riprodotte in un diorama.....eccezionale....!!

Ancora complimenti, chissà forse ci becchiamo in giro e forse riesco a salire a Varedo,

un saluto e un abbraccio,

Luca.

Commento di Antonio Tallillo [06/10/2018]:
Bravissimo... dalla storia al modello il passo non è sempre facile ma il risultato nel tuo caso è eclatante. In più, dopo tante scenette e diorami ambientati su altri fronti, un soggetto del fronte italiano non guasta, anzi !!!!
Un'altra scena ormai fattibile è quella con lo M31 recupero che solleva una di quelle piccole torrette fatte a testa di serpente disseminate sulla Gotica accanto alle pure e semplici torrette di carro armato.
Complimenti !!!

Commento di Gerry [06/10/2018]:
Da dioramista incallito ti faccio i complimenti per il lavoro svolto, è d'impatto e comunica qualcosa. Purtroppo non sei il primo a rappresentarla, ne ho visto in passato un altro paio, ma chi se ne frega, l'importante è fare quello che ci piace e ci diverte...

"ma ho avuto parecchie difficoltà con le istruzioni in alcuni punti imprecise." Beh, stai parlando di Dragon, dove le istruzioni sono difficilmente precise, quindi è normale, anche se non dovrebbe esserlo visto quanto costano i kit. Ancora tanti complimenti :-)

Commento di Vito [06/10/2018]:
Ciao Riccardo
Visto dal vivo....
Che dire ....di un altro pianeta

Commento di giuseppe [07/10/2018]:
Un capolavoro. Un diorama ricchissimo in tutti i sensi. Ho ingrandito le foto e mi sembrava di esserci dentro da quanto è realistico. Complimenti.
un saluto
Giuseppe

Commento di PIETRO [08/10/2018]:
Ciao Riccardo,
complimenti per questa ennesima bellissima opera sui G.I.
ora puoi pensare a come stupirci con soggetti diversi ;-)
un salutone
Pietro

Commento di giovenco giuseppe [08/10/2018]:
beh, ... ormai sei un veterano - si sempre ricco di iniziative lodevoli ed intriganti, per te la realtà si è fatta piccola - non ti manca nulla - scusa il ritardo, ma ci tenevo a farti i complimenti da solo - Giuseppe

Commento di Riccardo Casati [10/10/2018]:
Grazie ragazzi per i bei commenti e apprezzamenti al mio lavoro ...spero di riuscire a fare meglio in futuro ...un abbraccio a tutti e buon modellismo ...ciao ragazzi ..

Riccardo

Commento di Riccardo Casati [10/10/2018]:
A questo link cè un piccolo video di presentazione di esperia ..se a qualcuno va di vederlo https://youtu.be/Wvi5CXEZ46s Ciao a tutti e ancora Grazie



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No