Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Tornado IDS 154° Gruppo

Operazione Allied Force 1999

Roberto "target" Colaianni

Modello Revell, scala 1/48.




Modello realizzato su commissione per un collega, che ha scelto di avere un soggetto del 154° Gruppo con colorazione monogrigio. Io ho deciso solo l’esemplare e la configurazione dei carichi esterni.
Poche sono le foto che si reperiscono in rete di Tornado Italiani con armamento di caduta live. Per cui mi sono ispirato ad una foto trovata su di una vecchia rivista del 1999 in cui si vedeva il 6-18 con due bombe a guida laser GBU-16 su corpo Mk.83 da 1000lb, e pod CLDP.
Il Modello è il nuovo Revell in scala 1/48. Un deciso passo avanti rispetto al recente Hobby Boss, che avevo già costruito qualche annetto fa, e già pubblicato su queste pagine.
Nonostante abbia una scomposizione un po’ anomala e contorta, si assembla bene, a patto di aggiungere qualche battuta in plasticard nelle giunture dei pezzi che compongono la fusoliera.
L’uso di stucco è stato richiesto in maniera significativa solo nella zona delle prese d’aria e inferiormente dove la sezione di coda si unisce al troncone centrale della fusoliera.
Considerato che non ho fatto alcuna verifica della correttezza delle forme, i principali pregi, a mio modesto parere sono:

  • Pannellature finemente incise, anche se in alcune zone meno marcate. Ma tanto ormai reincidere è una prassi consolidata.
  • Condotti prese d’aria convincenti.
  • Flap, slat e diruttori alari separati e installabili in posizione aperta.
  • incisioni fini (anche se poi la mia sindrome da reincisionite acuta una ripassatina con ago da cucito me l’ha fatta fare lo stesso)
  • Un bel dettaglio dell’interno del tettuccio.
  • La presenza di due pod Boz, praticamente sempre presenti sui velivoli Italiani

Qualche difettuccio è comunque presente.

  • Decal per un solo esemplare Tedesco in livrea commemorativa.
  • Carichi alari per il solo esemplare proposto, limitati quindi ai Sidewinder (bruttini e rimpiazzati dagli Hobby Boss, neanche questi eccelsi), taniconi e pod ECM Tedeschi.
  • Un qualche problema sulle istruzioni/flap che mi ha portato a montarli invertiti (Il destro a Sinistra e viceversa)
  • La presenza di un sistema che consente ai piloni di ruotare quando si modifica la freccia alare, che considero del tutto inutile per un modellista, troppo fragile per un ragazzino che ci gioca. Oltretutto i giochi del sistema sono elevati, per cui non può essere usato per determinare il corretto allineamento dei piloni qual’ora, come ho fatto io, vengano saldamente incollati all’ala. Molto meglio i classici inviti alla foratura, che consentono il fissaggio nelle posizioni di freccia massima o minima.
  • Il dettaglio non esaltante dei vani aerofreni.
  • Stampaggio dei carrelli poco “nitido” che ostacola una colorazione tridimensionale.

Aftermarket.

  • Abitacolo Neomega, dedicato ad alcune versioni Inglesi , e progettato per i kit Airfix/Italeri, rivelatosi troppo lungo di buoni 5 mm se inserito nel Revell.
  • Pitot in ottone della Master.
  • GBU-16 Flight Path, purtroppo il set è dedicato alla versione inglese. Per cui il corpo bomba in resina non riproduce la Mk.83, e l’apertura delle alette anteriori del kit GBU inglese e maggiore di quella per la bomba Americana.
  • Pod CLDP ottenuto copiando in resina il designatore del Rafal Revell, aggiungendogli quella che sembra una presa d’aria laterale.
  • DeCal Mission Mark, dal lugubre titolo “ Tornado sugli Appennini” , dedicato solo a grigioni di vari reparti, a cui è stato aggiunto un piccolo foglietto con le matricole e i codici tattici dei due Tornado scontratisi in volo quest’anno. Belle, centrate, morbide e ottimamente aderenti. Unico accorgimento: meglio sezionare i limiti delle Walk Away in tanti tratti rettilinei. Piuttosto che posarle intere. Peccato che Misson Mark abbia chiuso.
  • Scaletta Flight path.
  • Figurini del kit Hasegawa dedicato ai piloti della US Navy, ormai hanno fatto il loro tempo, e almeno il pilota, è stato modificato per riprodurre qualche cosa che almeno somigliasse al giubbino di salvataggio Secumar.
  • Teca assemblabile della Tedesca Sora Shop www.sora-shop.com
  • Base realizzata da Roberto Cabbai, modellista con l’hobby della falegnameria.

Vediamo ora i vari passaggi della costruzione e colorazione.

Abitacolo.
Inizio classico, con sostituzione dell’abitacolo del kit con set Neomega, dedicato ai modelli Airfix/Italeri del GR1/4. Il lavoro è stato tedioso, in quanto ha subito l’accorciamento di 4-5 mm.




Questo ha comportato il suo sezionamento in svariate parti. Sono state separate le consoles laterali dalla vasca, separandole alla base, dove si congiungono al pavimento e posteriormente dove si attaccano alla paratia alle spalle del pilota. Sono state accorciate di circa 3 mm, sempre dal lato paratia arretrando in maniera significativa, spostando indietro anche il pannello strumenti del pilota, che su di esse poggia. Questo accorciamento non è stato sufficiente, ho dovuto anche sezionare trasversalmente la vasca appena dietro la paratia alle spalle del pilota, accorciare la vasca posteriore di alti 2 mm, prima di riattaccarla. Queste modifiche hanno comportato il dover accorciare anche i monitor e il display di navigazione a disposizione de l navigatore, ma questo lo vedremo più tardi. La scomposizione della parte anteriore, con un pavimento e due parti laterali non ha aiutato l’effettuazione delle innumerevoli prove a secco che si sono rese necessarie, con l’assieme che mi si accartocciava continuamente tra le mani, per cui, alla fine, mi sono costruito un simulacro di pavimento che consentisse un assemblaggio più solidale dell’assieme per le prove.




Finite le modifiche “dimensionali” sono passato a correggere gli strumenti, per renderli, per quanto possibile, compatibili con la configurazione IDS in uso a fine1998.
Si notano appena i particolari modificati in plasticard, perché appena più chiari, tra di essi:
- riproduzione di due strumenti con quadrante tondo al posto dei due mini schermi quadrati ai lati dell’Head Up display.




- Sostituzione di strumenti vari strumenti e monitor sul pannello frontale del navigatore.
Prima delle modifiche.




Dopo le modifiche.




- Ricostruzione dell’apparato cartografico, con protezione e schermo circolare più corti.




- Riproduzione di quelle che credo siano le bocchtette del sistema di condizionamento.




I vari pannellini sulle consoles laterali sono rimasti invariati, fedeli alla versione Inglese, troppo piccoli i dettagli per essere modificati.
Altre aggiunte e modifiche minori possono essere dedotte dalle foto.
A proposito del set Neomega, da segnalare alcune imperfezioni di colata sul poggiatesta dei seggiolini, che si sono persi qualche rivetto.
Consiglio spensierato: se non avete problemi di tempo, prima di intraprendere le modifiche da me descritte, aspettate che qualche altra casa rinomata butti fuori un buon abitacolo fatto su misura per il Tonka Revell !!!
La colorazione è stata eseguita in modo classico, una spruzzata di grigio Acrilico, tutti i dettagli dipinti a pennello con Valleio. Una mano di cera Emulsio facile data a pennello su tutto tranne che sulle parti in tessuto dei seggiolini, lavaggio a olio, altra mano di lucido solo sui pannelli strumenti, applicazione degli strumenti, sotto forma di decals punzonate col Punch and die dal foglio della scatola e da alcuni avanzi di altri modelli. Abbondante Lucido Tamiya a pennello per simulare i vetri degli strumenti, Future sui due monitor del navigatore e sullo schermo tondo del sistema di navigazione.
















Alla fine, dopo tutti i taglia e cuci, e nonostante le innumerevoli prove a secco, la palpebra, tutt’uno con l’Head up display, e che poggia direttamente sul pannello strumenti pilota, risultava troppo alta, facendo si che, il vetrino del collimatore, battesse conto il parabrezza.
Per cui ho dovuto spessorarlo e alzarlo, nella parte posteriore di mezzo Millimetro buono.

Vani carrelli posteriori.
Mentre nel vano anteriore , che rimarrà assolutamente invisibile, non ho fatto assolutamente nulla, su quelli posteriori ho aggiunto abbondante dettaglio, ricostruendo in plasticard i carter sulla parte inferiore e alcune scatole nere.






Tubi e cablaggi sono stati riprodotti con i classici fili elettrici o di stagno, ottone, rame, nulla di particolare che valga la pena di descrivere. Alla fine non è che si veda poi molto, per cui se doveste cimentarvi in un modello di Tornado da imbasettare, se colti da attacco di pigrite acuta, qui potete risparmiare tranquillamente un bel po’ di tempo, senza compromettere il risultato finale.






Vani Aerofreni.
Non ho approfondito l’argomento più di tanto, ma mi pare che il vano aerofreni, nel corso degli anni abbia cambiato aspetto, essendo state modificate le carenature che lo chiudono. Anche qui c’è poco da dire, le foto parlano da sole, ho asportato i particolari riprodotti in rilievo sul fondo, forato le pareti laterali e riprodotto con materiali vari tubazioni rigide e flessibili.




Io ho fatto il lavoro dopo aver incollato il vano al dorso della fusoliera, visto che “dopo” siamo tutti maestri, consiglio di dettagliarlo prima di incollarlo al dorso. Ultima modifica, sostituzione del gli steli dei martinetti con sezioni di ago. Sarebbero anche troppo lucidi rispetto ai reali, ma considerate le dimensioni, a me piacciono, e tanto mi basta. Unica nota di rilievo, asportando dettaglio interno, ho intaccato la sede dove l’aerofreno va incollato. Di conseguenza non assumeva un’inclinazione laterale ben definita, e, per posizionarlo correttamente, ho dovuto far riferimento ad alcune foto di viste frontali.

GBU 16.
Come già scritto, il set proposto da Flight Path riproduce il kit GBU, applicato a bombe di produzione britannica, con corpo sensibilmente diverso dalle Mk.83 in uso nell’AMI.








La modifica non è stata difficile, ma se trovavo il tutto pronto, sarebbe stato meglio. Si parte sezionando in tre, il corpo bomba in resina. Si applicano il codolo e la sezione di guida anteriore al corpo di Mk. 83. U po’ di stucco ci vuole per raccordare il tutto. Comparando la lunghezza ottenuta con quella nominale dell’oggetto vero, non ci sono discrepanze significative. A Bombe fatte, e foto pubblicate sul forum M+, Skyraider, aka Vincenzo, mi segnala che anche le alette andrebbero modificate, riducendo la corda. Mi è risultato più semplice rifarle in plasticard da 1,1mm piuttosto che accorciare quelle fotoincise.

Assemblaggio.
La costruzione è proseguita senza intoppi di rilievo, qualche stuccatura a livello di prese d’aria e sulla giunzione del troncone posteriore. Nonostante la scomposizione un po’ insolita, devo dire che i pezzi combaciano piuttosto bene, in alcuni punti ho preferito costruire dei riscontri, per farli combaciare in modo più solido. Robustissimo lo scatolato assemblato attorno alla presa d’aria.
Attenzione al pod sulla deriva, la scatola per fortuna propone anche quello per i velivoli Italiani. Attenzione anche ad incollare i piloni con il corretto angolo, visto che, come già scritto, il sistema che ne consente la rotazione simultaneamente a quello dell’ala, ha dei giochi significativi. Con un indelebile nero ho colorato le linee di pannellatura per verificarne la corretta esecuzione.






Il carrello è robusto, se ben incollato, ma gli assi delle ruote mi sembrano un po’ fini. Ho rimediato, per sicurezza, inserendo in posizione verticale, due spezzoni di sprue trasparente, sui quali poggia la gamba carrello, scaricando il peso direttamente sulla basetta, e non sull’asse della ruota. Nessun accorgimento particolare per l’anteriore.






Colorazione.
Un aereo monocromatico rischia di risultare piatto, se colorato abbastanza uniformemente, per riprodurre un aereo relativamente nuovo, o riverniciato. Per cui preferisco andare a riprodurre esemplari piuttosto invecchiati.
Quattro i colori usati: Gunze 334 Barley Gray, Tamiya XF-19 Sky Gray, Tamiya XF-2 Flat White, Tamiya X-19 Smoke. è difficile trovare foto da tutti i lati di un aereo che si presta come soggetto. Per cui osservo diversi esemplari e vado a scurire schiarire copiando da uno o dall’altro, riproducendo gli effetti che più mi piacciono su una parte o sull’altra, creando un fantasioso puzzle di effetti reali.
Sembra una contraddizione... ma vi giuro che sono perfettamente sobrio.
Si parte col Gunze abbastanza schiarito col bianco, una mano uniforme su tutto.




Poi basandosi su foto, si vanno a scurire i singoli pannelli mascherandoli. Si creano diverse mescole dei tre colori sopra a meno dello smoke.
Da questo punto in poi si lavora con colori diluitissimi ovvero 1 parte di colore, 6-8 di diluente Tamiya tappo giallo, ago del manometro appena discostato dallo zero.






Terminata la differenziazione dei pannelli, ne vado a lavorare ancora alcuni, randomicamente, qualche volta mascherando solo dal lato a monte del flusso d’aria, e scurendo dal lato anteriore, qualche volta mascherando tutto intorno e scurendo leggermente tutti i lati, altre volte scurendo solo le line dei rivetti, altre volte, come sugli elevatori, creando delle macchiette di sporco.




L’ultimo passaggio è consistito nelle mescole precedenti più tracce di smoke, con il quale si dà l’ultima passata sui pannelli che devono risaltare di più. Nel creare questi effetti ho cercato di andare dal chiaro allo scuro partendo dall’alto verso il basso e dal muso verso la coda, infatti le parti alte sono quelle più sbiadite dal sole, quelle posteriori più sporche causa gas di scarico del reverse.




Da notare che ad ogni passata ho lisciato le superfici con un panno abrasivo del 4000 piuttosto vecchio, esercitando una pressione minimissima.
Devo dire che la finitura liscia che ne è risultata è molto convincente.
Gli scarichi sono stati realizzati con Metallizer Model Master, Mescolando diversi toni, cercando di riprodurre i diversi colori del metallo bruciato. Tra ogni passata davo una leggera mano di cera emulsio a pennello, soffiata via con l’aria dell’aerografo. Inutile dire che con le mascherature bisogna andarci piano, riducendo l’adesività del nastro, attaccandolo ripetutamente sul palmo della mano. Un dry brush con alluminio ha messo in risalto i dettagli più sporgenti.




Da notare nella foto sotto, i flap montati al contrario, col ventre sopra. Non essendo un amante del soggetto, e non avendolo studiato bene, non me ne ero minimamente accorto, per fortuna Lorenzo me l’ha segnalato in tempo, e correggere non è stato difficile, anche se ho dovuto riverniciarli.




Già che c’ero ho ricostruito le guide sporgenti ai lati delle scanalature di scorrimento, poco marcate in origine.




Dopo la posa di cera Emulsio Facile su tutta la superficie del modello, ho posato le decal della Mission Mark, davvero ottime, più fini e delicate di quelle Tauro, utilizzate sul precedente Grigione, perfettamente aderenti. Unico consiglio, meglio tagliare le Walk away sul dorso, nei singoli tratti rettilinei e posarli singolarmente, avevo qualche timore, che alla fine le dimensioni mi avrebbero creato qualche problema, ma alla fine, pur avendole sezionate, si sono chiuse combaciando perfettamente. Seconda mano di Emulsio, leggero lavaggio selettivo nelle linee di pannella tura con nero diluitissimo ad olio. Finitura finale con due mani leggerissime del nuovo opaco Tamiya. Valido, ma a sensazione meglio il Gunze, in maniera impercettibile, credo “sbianchi” meno.






I figurini sono dei vecchi Hasegawa, della marina USA. Forse il modello meritava di meglio, ma non ho trovato molto che rispecchiasse gli equipaggiamenti Italiani. Per cui lo specialista è stato camuffato con la colorazione. Non so se a fine anni 90, gli specialisti usassero i giubbini ad alta visibilità, ma mi piaceva l’idea e l’ho riprodotto.




Mentre il pilota l’ho modificato riproducendo in plasticard il giubbino SECUMAR. Risparmiatevi pure la fatica di ricordarmi che come scultore non sono un gran che...




L’estintore è autocostruito, ruote a parte.






Foto finali, e il caso è archiviato, modello consegnato, committente soddisfatto, cuore spezzato causa traumatica separazione.






















Ringraziamenti.
Lorenzo, che su Modellismo+ mi ha discretamente segnalato che avevo montato i flap al contrario!
Vincenzo, che, sullo stesso forum, mi ha segnalato l’incorretta apertura delle alette anteriori delle GBU.
Gabriele, collega, ing. Aeronautico e modellista che mi ha copiato in resina il CLDP partendo dal Revell.
Mario, altro mio collega modellista, che mi ha ceduto due bombe Mk.83 Hasegawa.
Giorgio, collega e committente, che ha tollerato con pazienza, i gravi ritardi accumulati sulla data di consegna, slittata dalla primavera all’autunno 2015.


Roberto “Target” Colaianni
e-mail roberto.colaianni@alice.it
[Gallery]
GAMS Udine
04.12.2015


Commento di maurizio ugo [04/12/2015]:
....ciao Roby....solo una parola .....GRANDE..... !!!!!!
un salutone!!! maurizio

Commento di giuseppe giovenco [05/12/2015]:
dal momento che con le parole normali non riesco a descrivere la tua perfezione, ci provo con un'alternativa :
il tornado di Roberto, piace a tutti, questo è certo, col diploma di perito e col volo assistito, si diverte a tavolino per creare il dioramino che vedete tutti quanti, nelle foto sul davanti - è di certo un veterano, che con questo aeroplano ha colmato la sua brama nell'oscura sua trama di nascosto dalla moglie che ancora non lo coglie, in quest'animo contrito, che lo spinge ad esser mito, dei modelli già riposti, basta che non glieli sposti - sinceramente con ammirazione - giusepppe

Commento di Lauro Bonfa' [05/12/2015]:
Complimenti Roby un lavoro stupendo.Hai saputo creare un modello molto realistico, accattivante la colorazione che seppur monocromatica e' risultata eccellente Ben riuscito l'insieme del diorama. Interessante il tuo report storico modellistico sul Tornado.Mi e' capitato spesso di costruire modelli per reduci ,musei e collezionisti e condivido con te che il momento del distacco dalle nostre creature crea un dolore difficilmnte spiegabile.Lauro

Commento di Giampaolo Bianchi [05/12/2015]:
Complimenti..un lavoro incredibile, specie la ricostruzione dell'abitacolo.
Un capolavoro.
un abbraccio.
Giampaolo

Commento di Enrico Calanchini [05/12/2015]:
Ho beh..!Giù il cappello ragazzi! Straordinario è solo uno degli appellativi necessari per commentare siffatto capolavoro, un'altra miriade ne occorrerebbero indirizzati ognuno ad un particolare che compone il Tornado e quanto lo attornia sulla basetta.
Complimentoni Ciao Enrico

Commento di Roberto [05/12/2015]:
Adesso che sono stato addirettura oggetto di un poema a versi, da parte di Giuseppe, le cui doti poetiche mi erano ancora ignote, non mi resta che andare in comune e chiedere che, una mia immagine bronzea, sostituisca quella di Garibaldi, nell' omonima piazza qua a Udine. Per non gravare troppo sulle casse comunali, potrei solamente far modificare la dedica da "L'eroe dei due Mondi" a " l'eroe dei due aerografi" :-) :-)

Ciao a tutti e grazie ancora dei commenti.

Commento di Vito [05/12/2015]:
Ciao Roberto
Lavoro eccezionale come sempre del resto .
L'invecchiamento è molto realistico considerando il total gray che non è mai facile renderlo tridimensionale senza esagerare troppo con gli effetti speciali.
Bella anche la scenetta e l'esecuzione dell'equipaggio da collaudato figurinista .
Dopo la delusione hobby boss e in attesa che chi sa quale produttore decida di farne un altro diciamo che possiamo considerare il revell il tornado definitivo in 1/48 ?!
Complimenti ancora a presto Vito

Commento di fabio [06/12/2015]:
la livrea è straordinaria, hai fatto un gran lavoro con le lumeggiature.

Commento di ezio bottasini [09/12/2015]:
Ciao Roberto, come sempre lavoro ineccepibile, ho una sola critica da fare..."E' un soggetto che mi interessa"...quindi non è detto che prima o poi userò questo Tuo lavoro come "manuale" per tentare di farne uno io (naturalmente non sarà certo minimamemte paragonabile a questo).
Un caro saluto e vista l'imminenza del Natale un caro Augurio di Buone Feste a te e famiglia.
Ezio

Commento di Max "Pitchup" [10/12/2015]:
Eccezionali davvero i contrasti di colore/weathering che hai creato in tutto il modello. Il cockpit poi è davvero fenomenale.
Bravissimo!

Commento di Francesco Sasso [10/12/2015]:
Ciao Roberto, una realizzazione stupenda.. mi piace moltissimo! Come sempre, complimenti!
Francesco

Commento di Roberto [10/12/2015]:
Grazie ancora dei commenti positivi, e, anche se un po' in Anticipo, buon Natale e felice anno nuovo, a tutti!

Roberto.

Commento di Vito [11/12/2015]:
Buone feste anche a te e famiglia Roberto e al prossimo capolavoro.
Vito

Commento di Gianni [13/12/2015]:
Che invidia nel vedere tanta bravura...un vero capolavoro, faccio spesso i complimenti che so essere sempre graditi ma questo lavoro e straordinario ...bravissimo Roberto veramente veramente bello.
Gianni



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No