Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

North American F.86 F Sabre

Giuseppe Penna

Korean war 1950/53




Chi, come me, ha i cappelli bianchi, ricorderà da ragazzo la Guerra di Corea, primo grande scontro bellico dal dopoguerra di allora.
Fu per noi appassionati di aviazione, un evento storico in un contesto di grande rilevanza, proiettato in una nuova dimensione tecnologica tra aerei a reazione (jet) appartenenti alle Forze del Mondo occidentale, Nazioni Unite da una parte e il blocco Comunista dall’altra.
Ne più ne meno come ai giorni nostri.
Con gli U.S.A. come sempre a farla da padrone con mezzi e tecnologie sempre più sofisticate rispetto all’ultimo conflitto mondiale trascorso.
Nei cieli coreani iniziarono quasi subito i primi duelli tra io caccia USA – Mustang, Corsair prima, con i primi Jet gli F.80, F.84, i Panthers della NAVy sino al caccia F.86 Sabre e i temibili MIG 15 cinesi e anche russi – l’informazione televisiva a quei tempi non esisteva ancora, le notizie e qualche foto, arrivavano solo attraverso i giornali, che davano ampio risalto alla guerra aerea nei cieli della Corea, con foto e resoconti di epici scontri di aerei geograficamente collocati tra il fiume Yalu (Nord Corea), con a nord i MIG e a sud del fiume, i Wing dei caccia F.86 Sabre dall’altra.
Difficilmente sia gli uni che gli altri andavano oltre quella latitudine, suppongo per limitare il teatro del conflitto, o per ragioni politiche, ma ciò, non impediva di darsele di Santa ragione con i piloti Comunisti o Cinesi.
Ora dopo 67 anni, con gli scenari attuali, sarà possibile, forse, firmare un armistizio tra le due Coree... chissà.




Dopo aver raccontato questi scarsi e confusi ricordi, passiamo al modellismo vero e proprio.
Ho iniziato con la ricerca di un kit dell’F.86 Sabre trovandolo nel kit Academy in scala 1/48 dal roboante titolo MIG KILLER.
Ecco quello che cercavo.
Vi posso assicurare che la costruzione di questo modello è stata piacevolissima, le sue linee, ancora oggi, le trovo superbe pur parlando di stampate di 15 o 20 anni fa.




Usando la vernice Alclad 102 e 105, sono bastati solo due toni di questo prodotto per avere un buon risultato complessivo.
La verniciatura merita un discorso più approfondito; come saprete, i Fighter Interceptor Wing di allora usavano per lo più vistose bande gialle sia sulla fusoliera che sui terminali alari allo scopo di non essere impallinati dal fuoco amico.




Applicare le bande gialle trovate sul foglio delle decals del kit e applicarle tout court a me è risultato particolarmente complicato e antiestetico, in sostanza, una volta applicate facevano troppo spessore e poca aderenza - rovinando l’estetica del modello.




Con un po’ di pazienza, ho dato mano al mio aerografo usando la vernice HUMBROL Enemel (sintetica) molto più coprente e di giusto colore.
Assolutamente da usare al posto del giallo acrilico.




Altro da aggiungere? Ho messo molta cura nel fotografarlo questo sì.




Non mi resta che augurare a tutti gli Amici di questa simpatica rubrica: "Buon modellismo a tutti!!"







Commento di Gerry [18/07/2018]:
Bel lavoro Giuseppe, il Sabre fa sempre la sua bella figura. Io in "magazzino" ho quello Hasegawa e prima o poi... ;-)

Commento di Massimo De Luca [19/07/2018]:
Ciao Pino
Spettacolare!!! Dare il metallo su un modello non è mai cosa semplice per la delicatezza del pigmento. Poi se ci metti pure le mascherature per il giallo si può ben comprendere la tecnica straordinaria impiegata nella realizzazione del tuo Sabre.
Ottimo lavoro (con un pizzico di sana invidia pensando ad una scatola di F86 che giace nel mio scaffale sigh!!!).
Massimo "pitchup"

Commento di LAURO BONFA' [19/07/2018]:
Magnifico Report Storico, Fotografico, completato con flash di ricordi personali, e naturalmente ......... Modellistico.
Lavoro molto accurato e di grande impatto visivo,
Complimenti Giuseppe è Spettacolare.

Commento di Enrico Calanchini [19/07/2018]:
Bello il soggetto, bello il modello che è ralizzato molto bene, le finiture metalliche non sono una passeggiata, come non lo è il giallo e le numerose decals, anche le foto sono belle peccato virino un pò al blu. Complimenti
Ciao Enrico

Commento di ezio bottasini [20/07/2018]:
Ciao Giuseppe, ottimo inquadramento storico, ottimo lavoro, conosco gli Alclad e so quanto sono delicati, ottimo risultato; le decal Accademy spesso giocano questo brutto scherzo, ben ovviato dalla verniciatura delle bande da parte tua. L'unica cusriosità che resta dei tuoi splendidi modelli, sono gli interni che ci nascondi sempre....
Sinceri complimentoni
Ezio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No