Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

JEEP RAT ROD I Parte - Pietro Ballarini

Trasformazione della Jeep Willys




Da circa vent’anni avevo nel cassetto il modello ITALERI della Willys JEEP.
Non riuscivo a trovare un’idea originale per stimolarmi alla sua costruzione.
Ultimamente stavo per realizzarne la versione color rosso della POLIZIA del dopoguerra con tanto di figurino autocostruito in divisa d’epoca; per rilanciare il modello, l’Italeri ha avuto poi la stessa pensata...
A soppiantare tale proposito è stata l’immagine molto affascinante di una Jeep RAT ROD scovata sul web mentre ricercavo questo tipo di auto.



Il soggetto in questione appariva con molte foto di particolari e anche nei diversi momenti della sua storia.

Le RAT ROD sono un misto tra le famose HOT ROD e le RAT CAR.
Mentre le prime hanno il fascino della personalizzazione e valorizzazione di un vecchia auto di serie, le altre nascono come assemblaggio di pezzi di recupero (anche arrugginiti) di varie auto e sono caratterizzate dal basso profilo dell’insieme.

Finalmente avevo trovato il mio modello ‘inconsueto’ da realizzare.






Costruzione
Comincio questo lavoro disassemblando la carrozzeria della Jeep.
Il retro va accorciato e di conseguenza taglio il pianale.






Le fiancate invece le rifaccio in plasticard da 1mm e le incollo con striscioline per compensare il minor spessore.






nei fianchi posteriori non c’è più il passaruota in quanto queste saranno arretrate fuori dalla carrozzeria.








Nel retro compare un portello ribaltabile del quale riproduco le nervature dello stampo in rilievo.






L’idea più simpatica di questo progetto è il la riproduzione della stella di riconoscimento americana forata. Col compasso taglierino foro il cofano e incollo lo stencil di plasticard della Stella rinforzandone i punti di contatto all’interno.










Il lavoro più difficile riguarda la modifica delle barre delle ruote e relative sospensioni.
In quella anteriore bisogna rialzare i lati e spostare in centro il differenziale.




Per fare ciò creo una barra con tubo in plasticard e anima in tondino di rame robusto ma malleabile.




Taglio ulteriormente questa barra per inserire i pezzi in plastica del kit...






Col milliput raccordo le curve della barra.




Sulle barre sporgenti del telaio anteriore incollo le balestre lamellari.






Nel frattempo creo la sede per accoglierle sulla barra con ‘farfalle’ e tondi di plasticard (purtroppo non conosco il loro termine tecnico).








Su queste ultime vanno inserite le balestre che verranno ancorate meglio sul telaio con piastre e bulloni.










Ripeto lo stesso procedimento anche per le sospensioni posteriori basandomi sulle foto In mio possesso.












A questo punto incollo il motore sul telaio completo di sospensioni.




Con una mano di smalto Humbrol 64 do il fondo a tutti i pezzi.




Dopo aver colorato di rosso lucido il motore lo incollo sul telaio nero lucido.




Ad esso adatto gli scarichi in filo di stagno da 2mm.






Con plasticard e sprue riproduco ed incollo candele, fili, tubi e quant’altro serve al motore che rimarrà parzialmente in bella vista.










Con filo di stagno riproduco i cavi dei freni che corrono lungo il telaio fino alle ruote; costruisco anche le leve del meccanismo dello sterzo.






alla leva del cambio viene sostituito il pomello con un ‘pugnale’.




il volante è invece soppiantato da una cloche aeronautica assembrata con forex, plasticard e milliput.




lo specchietto a ‘croce tedesca’ è ritagliato da pezzettino di alluminio adesivo su plasticard.




I fari sono stati assottigliati, dipinti d’argento e ricoperti con una lente di acetato ‘termoforata’ sul manico di un pennello.






Le luci di direzione sono piccole lampadine al led tagliate e rivestite con un anello di filo di stagno.






alla tanica ho rifatto la sede d’appoggio la cinghia ed il tubo della benzina.






ho allargato le ruote posteriori con spessore in plasticard e chiuso i solchi laterali del vecchio battistrada col milliput.












Ho inciso il nuovo battistrada in una striscia di plasticard e l’ho incollata alle ruote raccordandola infine col milliput.








Un’altra idea molto carina di questo progetto è il sellino posteriore del ‘mitragliere’ che è quello dei trattori. Io l’ho riprodotto utilizzando un pezzo del Panzer IV allungato con plasticard e raccordato con milliput.










il tutto andrà poi forato col minitrapano.






Il supporto del sellino è il solito tondo di stagno da 2mm piegato e verniciato in nero lucido.








Per la mitragliatrice CAL.30 tutta cromata ho rivestito i vari volumi con alluminio adesivo o carta cromata incollata. Un tondo di stagno lucidato, segnato col punteruolo e forato col minitrapano; simula il manicotto forato dell’arma.














Il supporto è ricavato da un blocchetto di resina lavorato ed un tubo in plasticard con anima in metallo.










Infine, il modello completato!


























Pietro Ballarini
05.10.2019

[Gallery]


Commento di Navoni Luca [07/10/2019]:

Mi è capitato di vedere la foto su internet....bello mi piace, dettaglio perfetto....!!! Davvero complimenti.


Commento di ezio bottasini [09/10/2019]:

GRANDE PIETRO, la tua fantasia e capacità costruttiva non hanno limiti, bello mi piace è perfetto all'originale
Sinceri complimenti-

Ezio


Commento di Enrico Calanchini [09/10/2019]:

Soggetto insolito che hai perfettamente riprodotto come sempre fin nei particolari con grande bravura.
Complimenti.
Ciao Enrico


Commento di Pietro [10/10/2019]:

Ciao a tutti,
grazie per gli apprezzamenti.
Eseguendo questo soggetto mi è sembrato proprio di essere un vero HOT ROADer ...in miniatura
Pietro


Commento di Gianni [10/10/2019]:

Mamma mia quanta pazienza e quanta maestria nel realizzare tutte queste modifiche.
Complimenti veramente un modellino originalissimo.
Gianni


Commento di Manfredi Augusto daniele [13/10/2019]:

Ciao grazie, complimenti per la tua opera di auto costruzione, capisco il lavoro, ogni tanto mi cimento pure io e capisco cosa hai realizzato da zero con Evergreen o altri materiali, Bravo ti seguo.



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No