Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello New
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Quick Articles...

Mohawk Warrior 1700
Mohawk Warrior 1700

  Editoriale

Perche' KitShow?

MIG-21J - Marco Manzo

Kit Academy scala 1/48




Il Mig-21 è sicuramente uno degli aerei a reazione tra i più famosi e riconoscibili al mondo, soprattutto se si pensa ad un caccia sovietico.
E' l'aereo da caccia che è stato prodotto in maggior numero di esemplari rispetto a qualunque altro, basti dire che in URSS fu prodotto in 10,000 esemplari più altri 2000 di produzione cinese ed indiana.
Si può effettivamente dire che ha prestato (in alcuni casi presta ancora) servizio nelle aeronautiche di mezzo mondo, nonostante il progetto risalga agli anni '50.
Soffrì la rivalità con il Phantom ed il Mirage in tutti i conflitti in cui dovette confrontarsi con loro.
Si può affermare però che non ci fu una certa parità di addestramento tra i piloti dei Mig ed i rivali: nei conflitti in Medio Oriente, l'addestramento dei piloti israeliani era nettamente migliore di quello dei siriani ed egiziani, che infatti furono surclassati.
Dove combatterono alla pari, e cioè nel conflitto India-Pakistan, diedero invece bella prova di sé.
I Mig-21 sovietici invece non furono mai impiegati in azioni di guerra (meno male, considerato il periodo di Guerra Fredda).
I suoi punti di forza erano il basso costo, la facilità di manutenzione e l'affidabilità, mentre i suoi punti deboli erano la scarsa autonomia e l'elettronica piuttosto primitiva.
L'abitacolo piccolissimo e strettissimo gli valse il nome in codice NATO "Fishbed".
Il modello Bis poteva essere equipaggiato con il cannone a doppia canna montato esternamente Gsh-23L con munizionamento perforante AP o ad alto esplosivo, con missili aria-aria K-13 Atoll (versione scopiazzata del missile Siderwinder americano) e con pod lanciarazzi da 57 o 240mm.
Il propulsore era un turbogetto MNPK Soyuz Tumanskii/Gavrilov R-13-300 da 39,92kN di spinta statica a secco e 63,66kN con postbruciatore.




Il kit
Si tratta di un kit a basso costo, senza grosse pretese; nonostante sulla confezione vi sia scritto che l'abitacolo sia super dettagliato, nella realtà è fatto malissimo.
Se si vuole spendere, sarebbe necessario un nuovo cockpit tipo quelli della Pavla.
L'unica cosa positiva è che si possono montare i freni aerodinamici in posizione aperta o chiusa.
A me non è sembrato il caso di spendere molti soldi per questo genere di kit (a fare i pignoli anche la parte del motore è fatta maluccio) ed allora ho cercato di modificare manualmente il possibile, mantenendo la cabina chiusa in modo da nascondere l'interno.
Ho iniziato col modificare il seggiolino risagomandolo completamente, poi ho aggiunto l'imbottitura, le cinture e con delle decals di recupero ho posizionato sul poggiatesta delle scritte mancanti. Inoltre ho fatto le maniglie per l'espulsione d'emergenza, aggiunto pulsantiere e bottoni vari sulle parti laterali, allungato la base del collimatore, aggiunto un pezzo al collimatore stesso, e steso un paio di cavi sopra la paratia degli strumenti.

Poi sono passato al montaggio della fusoliera e della zona propulsore, dove con della carta ho cercato di simulare i flabelli mobili del motore. Ho anche cambiato il posizionamento dei pezzi del kit in quanto troppo vicini all'esterno.
Il resto è filato via normalmente, tranne il cratere che quelli dell'Academy hanno pensato di fare sul muso dell'aereo e che ho dovuto stuccare, riducendolo di molto.




Per la colorazione questa volta ho fatto dei cambiamenti (per me si tratta quasi di una rivoluzione!).
Su consiglio del mio negoziante di fiducia, mi sono deciso ad abbandonare gli smalti Humbrol per passare agli acrilici Italeri, e la differenza è enorme, anche come filosofia di utilizzo.
Innanzitutto la differenza sostanziale è che prima con gli smalti usavo come fondo un colore scuro, senza primer od aggrappanti vari, invece con gli Italeri si è obbligati a stendere un aggrappante prima, pena lo scrostamento della vernice.
Cambia anche la diluizione per aerografo (prima con gli smalti facevo 50% colore e 50% trementina circa, mentre con gli acrilici vado al 70% di diluente Italeri) ed ho scoperto un problema a me prima sconosciuto: l'intasamento dell'ugello dell'aeropenna.
Tuttavia dopo qualche tentativo piano piano ho iniziato a prendere confidenza con questi colori atossici e, siccome sono a base acquosa-vinilica, se si interviene subito si possono rimuovere gli errori con semplice acqua.




I colori che ho usato sono il RLM65 per la pancia e il flat sand e bruno mimetico per il resto della fusoliera.
Ho poi dato una mano di lucido trasparente e fatto i lavaggi ad olio che ho potuto fare con relativa tranquillità dato che gli acrilici non vengono aggrediti dalla trementina che ho usato per la diluizione.
La nota negativa di questi colori da parte mia riguarda il trasparente opaco che opacizza ben poco, lasciando il modello leggermente satinato; in questo caso trattandosi di un jet ben curato in aeroporto in periodo di pace può anche andare bene, ma nel caso di un aereo con pesante utilizzo in periodo bellico non avrebbe troppo senso.




In fondo si può dire che questo kit è stato la mia cavia per testare e fare esperienza con il nuovo tipo di vernici!




Marco Manzo

[Gallery]

11.01.2017




Commento di ezio bottasini [16/01/2017]:
Ciao Marco, nell'insieme bello, poi i MiG21 russi mimeetici a me piacciono moltissimo (vedi il mio fatto l'anno scorso) giusto il discorso invecchiamento, però avrei desaturato un pochino i colori, giusto per dare un po' più profondità. Se deciderai in futuro di farne in altro, acquista il profipack di Eduard, dove oltre al modello bello hai anche comprese fotoincisioni ed altro compreso nel prezzo.
Al prossimo, ciao Ezio

Commento di Lauro Bonfà [17/01/2017]:
Ciao Marco e complimenti, bel modello, mi piace molto anche la livrea mimetica. Spesso anch'io costruisco modelli Academy (cingolati e ruotati) e trovo che qualità/prezzo sia un binomio vincente per questa azienda. Lauro

Commento di Enrico Calanchini [17/01/2017]:
Bella replica, lavoro preciso e pulito, fa un bell'effetto, complimenti.
Ciao Enrico

Commento di Valter vaudagna [21/01/2017]:
Complimenti per il risultato, sopratutto ottenuto con i colori italeri, in assoluto i peggiori colori che io abbia mai utilizzato, veramente pessimi per questo il tuo lavoro assume maggior valore.

Commento di Marco [23/01/2017]:
Grazie mille per i vostri complimenti...sono una bella motivazione per spronarmi a migliorare il mio livello modellistico!



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No