Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

AS 42 Sahariana & Semovente 75/18 M40

Marco Manzo




Si tratta del primo diorama che abbia mai fatto e risale già a qualche anno fa.
I kit in utilizzati sono dell'Italeri per quanto riguarda la camionetta, mentre il semovente è della Tamiya.
Inizialmente avevo fatto i due modelli separati, e successivamente mi è venuta l'idea di unirli in un unico diorama, realizzando un contesto desertico molto semplice.
Ora sto pensando di unirvi un paio di palme autocostruite, prendendo spunto da alcune opere già presenti nel sito.




L'idea era quella di ambientare la scena in Tunisia nel 1942, in cui l'equipaggio di una camionetta di ritorno da una perlustrazione incontra un ufficiale di quel che resta di una divisione corazzata italiana.
Capisco che la situazione italiana in Nordafrica nel 1942 per quanto riguarda i mezzi fosse più che disperata (probabilmente le camionette in servizio saranno state una ventina e i reparti corazzati annientati) rendendo un incontro di questi mezzi un evento piuttosto raro.




La Sahariana fu, come nella tradizione italiana delle autoblindo, un mezzo riuscito; giunse però (come molti altri mezzi italiani in generale) tardi nel conflitto.




Il semovente M40 fu invece, come nella tradizione italiana dei carri armati, un mezzo sfortunato.
Perdeva il confronto qualitativo contro quasi tutti i colleghi avversari, ma a differenza degli altri carri armati italiani aveva una bocca da fuoco (l'obice da 75) che permetteva di forare le corazze dei carri nemici.
Qualità che lo fece passare da "pezzo di artiglieria mobile" in appoggio alla fanteria, in cacciacarri.




I kit
Il kit della Sahariana dell'Italeri l'ho trovato molto bello e di buona qualità.
L'ho costruito da kit, senza aggiungere nulla in quanto aveva già compreso diverse parti in metallo fotoinciso e particolari in resina, come il motore.
Sono stato indeciso fino alla fine se lasciare il motore in vista o coprirlo...
Molto utile anche il manualetto compreso nella confezione, peccato però solo in inglese (almeno uno rispolvera le lingue straniere).
Le pecche che sono saltate all'occhio ad un modellista distratto e non troppo pignolo come me sono stati il mirino della mitragliera (orribile) e la qualità del figurino in resina con la gamba alzata.
Dato che i soldati erano in resina, mi aspettavo sinceramente qualcosa di più, ma nel complesso è stato un kit che mi ha divertito molto.
Per la colorazione, ho usato come sempre gli Humbrol ad aerografo.
Per il fondo ho usato una tinta sabbia sulla quale a lavoro ultimato ho passato generosamente i pigmenti della Mig (african earth e allied green), riuscendo ad ottenere le diverse tonalità presenti sul mezzo.
La tinta usata per le mitragliere invece è il ferromicaggio Linvea che uso per dipingermi le ringhiere di casa; l'ho provato e l'effetto non mi dispiaceva!
Stessa vernice usata sulla marmitta, che con la sua porosità ha catturato bene il pigmento (rust) per conferire un aspetto arrugginito al pezzo.




Il kit del semovente 75/18 Tamiya (fatto su licenza Italeri) è anch'esso di buona qualità, ma in confronto alla camionetta, ha molti particolari in meno.
Tuttavia ho apprezzato i cingoli, che sono andati alla perfezione.
Inoltre anche i figurini compresi, seppur in plastica, sono superiori come qualità a quelli del kit italeri sopra descritto.
Anche qui ho utilizzato le stesse tecniche di colorazione della Sahariana.
Non ho fatto antenne radio o simili perché le nostre forze spesso e volentieri non ne avevano di installate a bordo.




Le due coppie di figurini sono quelle provenienti dalle due scatole.
Per le divise dei soldati ho usato un color sabbia, sul quale ho fatto diversi lavaggi di china color terra bruciata di Siena.
Per il carrista, ho usato un nero satinato per la giacca di cuoio (veniva usata come protezione dalle fiamme).
I pantaloni ho deciso di farli blu, anch'essi con un bel lavaggio di china nera.




Per quel che riguarda la basetta del diorama, ho cercato di rimanere sull'essenziale, immaginandomi un ambiente tipicamente desertico e pianeggiante.
Il fondo è stato fatto con carta e Vinavil, sul quale ho incollato la sabbia da muratore opportunamente filtrata con una retina.
Il tutto è stato dipinto con diversi tipi di giallo scuro/sabbia...




Sicuramente, guardando l'insieme a qualche anno di distanza, capisco di aver sbagliato alcune cose, ma forse il mio rimpianto più grande è il fatto di non aver osato abbastanza, soprattutto sull'invecchiamento dei mezzi!

Marco Manzo

[Gallery]

09.10.2013




Commento di ezio bottasini [14/10/2013]:
Ciao Marco, sono sempre interessanti i modelli che rappresentano soggetti italiani, sono un aeroplanaro, ma apprezzo i mezzi militari.

Se farai le palme, attento che quelle desertiche sono palme da datteri non da cocco, hanno qualche differenza; quando ho cercato per il WEB lo spunto per le palme del Corsair (anche se poi ho seguito le indicazioni di Roberto), avevo trovato un sito dove spiegavano le differenze tra le due specie.

Complimenti a presto Ezio

Commento di Marco M [14/10/2013]:
Già è vero! non ci avevo pensato alla differenza tra le due varietà di palma. Potresti mica inviarmi il nome del sito, che così mi cimento pure io nell'impresa!

P.S. le piante di palma che avete fatto tu e Roberto sono bellissime, ne sono rimasto veramente incuriosito.

Commento di ezio bottasini [14/10/2013]:
Ciao Marco, le palme di Roberto sono bellissime, le mie sono un brutta copia...

Ho provato a ricercare il sito dove descrivevavo le differenze, putroppo non sono riuscito a ritrovarlo, io avevo digitato su giigle immagini un generico palme per diorami e si era aperto come al solito il mondo, c'è solo l'imbarazzo della scelta, a memoria però ricordo che dicevano che la differenza sostanziale è che la nervatura delle foglie dave essere posizionata sulla superficie superiore e che il tronco alla base deve essere un po' più "globoso" rispetto alle palme da cocco...

Mi spiace non esserti stato più utile, comunque quandfo ho un attimo di tempo in più (all'epoca avevo fatto le mie ricerche ad agosto), provo a riguardare...

Salutoni Ezio

Commento di Marco M [14/10/2013]:
grazie Ezio, sei già stato di grande aiuto con la tua descrizione! Approfondirò sicuramente l'argomento!



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No