Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

L'ora dell'attacco, Berlino, aprile 1945

Mario Bentivoglio

Questo piccolo diorama è ambientato durante le fasi della cruenta battaglia che ebbe luogo nella capitale dell’ormai defunto Reich, sostenuta da pochi soldati e milizie cittadine formate da anziani e giovani che rallentarono l’avanzata delle truppe sovietiche nella definitiva conquista della città.




Il diorama rappresenta un momento di relativa calma di un equipaggio di un carro ISU 152 poco prima del successivo attacco rivolto ad una sacca di resistenza delle Volksturm, i volontari civili tedeschi che opposero una strenua e disperata resistenza.


I Mezzi Usati

ISU 152 (Italeri scala 1:72)
Ho usato l’ottimo kit dell’Italeri che riproduce in maniera corretta e minuziosa le forme e le dimensioni del carro sovietico.
Le uniche modifiche che ho apportato riguardano il rifacimento con plasticard e delle sottili striscioline di lamierino dei supporti del fanale e del clacson.
Ho forato la canna della mitragliatrice e ho sostituito le due barre poste sotto la medesima poichè sovradimensionate.








Figurini
Per la scena ho usato figurini in scala 1:72 della Preiser ‘Soviet Tankers at rest’, con la possibilità di assemblare alcune parti del corpo in più pose sulla falsariga della scala in 1:35.
Ottime le pose, la finezza dei particolari e la scultura dei figurini.
Il rapporto tra qualità e prezzo è sicuramente ottimo.
Sono stati tutti dipinti con acrilici Lifecolor e rifiniti con colori ad olio.




Ambientazione
Ho inserito i mezzi su una base in polistirolo duro a più strati, ho incollato la porzione dell’edificio crollato (sempre dell’Italeri) dettagliato con listelli di balsa per riprodurre travi e pavimenti.
Il tutto è stato poi ricoperto di abbondanti dosi di sabbia, lettiera per gatti e pezzetti di gesso sbriciolato per riprodurre le ingenti macerie dovute ai bombardamenti.
Invecchiato con lavaggi ad olio e polveri di gessetti.




Colorazione
Per dipingere il mezzo ho usato sempre la stessa procedura già illustrata nei precedenti articoli presenti su questo sito (per chi volesse leggere qualcosa in merito può dare un’occhiata alla mia gallery).
I colori usati sono della Lifecolor e della Tamiya, seguiti da lavaggi ad olio e a drybrush con tonalità più chiare delle tinte delle mimetiche usate.





Mario Bentivoglio
[Gallery]
A. M. B. Brescia
26.02.2008

Nota: questo articolo è stato originariamente pubblicato nel sito superEva


Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No