Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

"L'agguato", Ardenne 1944 - Mario Bentivoglio

La notte tra il 13 e il 14 dicembre 1944 i tedeschi si preparano alla controffensiva che scoppiò il 16 dicembre quando la 6ª armata, comandata da Sepp Dietrich, sfondò le linee nemiche.
Il diorama rappresenta un avamposto esplorante statunitense, formato da un M8 Greyhound e da una Willys jeep, colto di sorpresa dai tedeschi e catturato quasi intatto dopo un breve scontro dalle truppe al comando del comandante Peiper.
Ho simulato alcuni colpi andati a segno sulla fiancata destra dell’autoblindo.


"L'agguato", Ardenne 1944 © Mario Bentivoglio

I KIT USATI

M8 Greyhound
Ho usato l’ottimo kit della Tamiya che riproduce in maniera corretta le forme e le dimensioni del blindato americano.
Per dettagliare il modello ho usato due kit specifici, uno in resina della Verlinden Che riproduce il motore e il sistema di raffreddamento e un set di fotoincisioni della Eduard per completare e sostituire tutti i particolari più minuti o mancanti (in alcuni casi) dovuti agli ovvii limiti della plastica.
Per quanto riguarda le tecniche usate non mi dilungo in noiose ripetizioni in quanto sono state già evidenziate nel precedente articolo a commento del diorama dal titolo ‘Lo scherzo’.


"L'agguato", Ardenne 1944 © Mario Bentivoglio
"L'agguato", Ardenne 1944 © Mario Bentivoglio

Wills Jeep e rimorchio
Anche in questo caso la jeep usata è della Tamiya e la qualità del kit nipponico lo pongono come uno dei migliori prodotti della casa del Sol levante.
Per dettagliare il mezzo ho usato lo specifico set di fotoincisioni della Eduard più la radio in resina della Verlinden.
Ho poi aggiunto dei carichi provenienti da set dell’Italeri e della Verlinden, quali zaini, scatole per razioni dei viveri e alcune armi, tra cui un bazooka.
Il rimorchio è di provenienza Italeri, dettagliato con i ganci per il fissaggio del telo e con l’aggiunta di numerosi carichi esterni quali taniche di benzina (della Italeri e Tamiya) teloni e fucili.


"L'agguato", Ardenne 1944 © Mario Bentivoglio

Kubelwagen
Il vecchio kit della casa emiliana, pur sempre valido ma leggermente inferiore come dettaglio al più recente kit della Tamiya, è stato oggetto di un radicale lavoro di dettaglio e miglioria, quali l’autocostruzione delle marmitte e dei relativi tubi di scarico, della completa sostituzione della capote e dei tubi di metallo che ne compongono lo scheletro di supporto, dell’estesa miglioria riguardante i sedili, il loro supporto tubolare che lo fissa al pavimento della jeep e della loro parte posteriore.
Il cruscotto è stato sostituito con quello in fotoincisione, stesso discorso per il parabrezza, completamente rifatto con quello fornito dalla casa ceca.
Ho sostituito la pedaliera con elementi in plasticar, tutte le maniglie interne ed esterne sostituite con quelle in fotoincisione.
L’aggiunta di altri piccoli particolari esterni in plasticar e in fotoincisioni ha completato l’opera.
Alla fine il risultato è stato gratificante.

Figurini
Per la scena ho usato figurini di due scatole della Dragon raffiguranti dei granatieri in marcia proprio nel teatro delle Ardenne.
Ottime le pose, la finezza dei particolari e la scultura dei figurini, il rapporto tra qualità e prezzo è sicuramente ottimo.
Ad alcuni figurini ho sostituito le teste con altre della Verliden, per la migliore espressione dei visi.
Sono stati tutti dipinti con acrilici Lifecolor e rifiniti con colori ad olio.


"L'agguato", Ardenne 1944 © Mario Bentivoglio

Ambientazione
Ho inserito i mezzi su una base in polistirolo duro a più strati per dare forma e volumi alla scena che avevo in mente ricoprendo il tutto con una miscela di fondi di caffè, sabbia e colla vinilica.
Alla fine il tutto aveva un vago sapore di caffè... poteva essere scambiata per una rudimentale torta!
Ho aerografo il tutto con vari toni di marrone e sabbia, ho steso l’erba sintetica di provenienza ferroviaria e ho poi inserito ciuffi di stoppa (quella usata dagli idraulici) per simulare l’erba più alta.
Tronchi abbattuti, rametti e foglie hanno completato il tutto.
Per le siepi ho usato dei rametti ai quali ho incollato del prezzemolo secco tritato per simulare le foglie.


"L'agguato", Ardenne 1944 © Mario Bentivoglio

Colorazione
Per dipingere i mezzi ho usato sempre la stessa procedura già illustrata nell’articolo del diorama ‘Lo scherzo’, (per chi volesse dare un’occhiata può cliccare sopra il link).
I colori usati sono della Lifecolor e della Tamiya, seguiti da lavaggi ad olio e a drybrush con tonalità più chiare delle tinte delle mimetiche usate.
Le foto sono state scattate da Mauro Carnevali, socio (dello stesso club al quale appartengo) nonché mio amico.


Mario Bentivoglio
[Gallery]
A. M. B. Brescia
25.02.2005

Nota: questo articolo è stato originariamente pubblicato nel sito superEva


Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No