Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Harley-Davidson WLA - Giuseppe Giovenco


Harley-Davidson WLA © Giuseppe Giovenco

Storia [liberamente tratta dal sito wikipedia]
La Harley-Davidson WLA "Liberator", è stata prodotta dall'azienda americana Harley Davidson per essere impiegata dall'esercito degli Stati Uniti durante il secondo conflitto mondiale.
Venne realizzata sotto la diretta supervisione di William Harley con il preciso scopo di vincere la concorrenza della Indian, nelle forniture all'esercito.


Harley-Davidson WLA © Giuseppe Giovenco

Venne utilizzata anche dall'esercito canadese nella versione WLC e dall'Armata Rossa a cui ne furono forniti 30 000 esemplari dei circa 78 000 prodotti nell'ambito del progetto affitti e prestiti.
La versione WL "A" è quella utilizzata dall'esercito americano ("A" sta per Army) e si differenzia in pochi particolari dalla WL "C" canadese, come frizione anche a mano e ruote intercambiabili.
Motocicletta molto versatile e relativa semplicità di manutenzione, sin dalla sua uscita, avendo acquisito sufficienti doti di affidabilità, venne subito impiegata nelle forze armate dei vari paesi vista l'economicità e la praticità d'uso; fu usata come staffetta, mezzo da ricognizione e d'incursione.
Nonostante negli Stati Uniti si producessero sia Harley-Davidson che Indian, la casa di Milwaukeee, col passare del tempo, vincerà la concorrenza della Indian e diverrà la fornitrice privilegiata delle forze armate statunitensi grazie alla WLA.




La WLA deriva da un modello civile del 1937, il primo equipaggiato con il motore Flathead a valvole laterali; chiaramente, essendo prodotta per scopi militari, la WLA si differenziava dalla versione civile per alcuni particolari.
Innanzitutto, per evitare riflessi indesiderati, venne eliminata ogni cromatura e si adottò la tipica verniciatura "olive drab" dell'esercito.
Vennero poi adottati numerosi accessori: paragambe, portapacchi posteriore "heavy duty", borse laterali, cassetta delle munizioni per il mitra Thompson alloggiato in un'apposita custodia.
I parafanghi di serie furono sostituiti per garantire un adeguato scarico di fango in fuoristrada. Sotto al motore era collocata una piastra protettiva di protezione.
Il faro, venne abbassato e collocato subito sopra il parafango anteriore.
Telaio, manubrio e portapacchi vennero adeguatamente rinforzati e cambiò anche la foggia del filtro a bagno d'olio, non più cilindrico ma rettangolare e in posizione rialzata per permettere alla moto di traversare piccoli guadi.
Il serbatoio fu diviso in due: a destra contiene 3,5 kg di olio mentre a sinistra 11 litri di benzina, da qui la presenza di due spie per l’individuazione sul serbatoio.




Particolarità della WLA è il meccanismo del cambio: la frizione è infatti a bilanciere sulla sinistra: premendo il pedale anteriore si innesta la frizione mentre premendo quello posteriore la disinnesta e si può cambiare marcia con la leva posta sulla sinistra del serbatoio.
Il motore era il Flathead da 740 cc (45 pollici cubici) a valvole laterali con teste in lega leggera e cilindri in ghisa.
Semplice da mantenere, affidabile e molto elastico, permetteva infatti di viaggiare ad andature molto basse in presa diretta riprendendo senza strappi fino alla velocità massima consentita (110 km/h).
Nonostante questo motore consumasse pochissimo (circa 1 litro ogni 15 km) era troppo poco potente cosicché sul finire della guerra venne sostituito da un più potente 1.200 cc.




Il kit
L’Harley-Davidson prodotto nel 1990 per il Gi Joe, dalla casa Hasbro, era ben lungi dal rappresentare quanto di realistico c’era nel mezzo dell’US ARMY nel 1942, per cui ho deciso di renderlo modellisticamente accettabile.






Per prima cosa ho collegato con del vecchio filo elettrico (quello formato dal tondino di rame rivestito di plastica – della sezione opportuna), più o meno “pelato“ a seconda dell’esigenza, le varie fanalerie posteriori ed anteriore; diversamente ho collegato i morsetti della sirena, ottenuti con della lamierina di alluminio, ma dividendo il filo della matassa per legare gli arrosti, in carta, a cinque capi, estrapolandone soltanto due.
La sirena, che nel modello Hasbro originale era incassata come un pugile alle corde sul ring, l’ho staccata e resa con la schiena bombata, grazie ad un intruglio di polvere di segatura ed attak, regolarmente modellata con la carta vetrata, per poi applicare la schiena stessa alla barretta di plastica ottenuta smembrando una di quelle confezioni di cacciavitini di serie modello “ottico“ che si comprano sui banchetti dei russi o dei cinesi.
Il contachilometri, originariamente sintetizzato da un adesivo circolare, sovrastante il suo alloggiamento, è stato scavato per permettere la tridimensionalità dell’accessorio, incassandolo all’interno e sovrapponendogli una nuova mascherina con gli inserti per il numero dei chilometri totali e parziali; la lancetta è una scheggia di legno modellata a misura, mentre il vetro di chiusura è il coperchio della scatolina per i cacciavitini già menzionata.




La corona di sigillatura è l’orlo in plastica di quelle ampolle per fioristi che servono a contenere l’acqua del fiore quel tanto che basta per nutrirlo fino a destinazione; non ho risparmiato neppure l’istallazione di un pernetto laterale quale azzeratore del contachilometri parziale, completo della sua mascherina.
Praticamente ogni viteria è data dalle capocchie di spillo regolarmente recise ed incollate con l’attak.
Per la colorazione metallica ho steso una prima mano con la miscela di argento e nero opaco (più o meno l’uno dell’altro a seconda delle parti da evidenziare) passandola, una volta asciutta, con i polpastrelli per pareggiare eventuali bolle od imperfezioni; indi una passata di olive drab, poplpastrellato, a sua volta, e mano finale di ruggine data da marrone opaco diluito q. b..
Le fascette del tubo per il filtro laterale dell’olio sono state realizzate con il solito lamierino di alluminio e sigillate con il famoso spillino inserito alla base, previo un distanziatore interposto tra la coincidenza sottostante delle linguette.
Infine, la parte che più mi ha affascinato: la sporca tura del fango su tutto il veicolo, senza risparmiare neanche il mio MP driver; i blocchi di fango sparsi qua e là nella parte bassa della moto sono stati realizzati con la polvere di segatura e/o sabbia di mare Adriatico.
Il color sabbia opaco è stato prima spennellato con una certa quantità di acqua (rapporto 1 a 3) e poi dato, dove serviva, interamente senza correzione.




Il foulard dell’MP è stato ottenuto da un taglio di fodera in raso, diligentemente annegato in una soluzione di acqua e colla vinilica, per poi essere steso aderente al collo del mio MP.




Giuseppe Giovenco

[Gallery]

04.05.2015




Commento di Enrico Calanchini [09/05/2015]:
Che dire Giuseppe, la prima impressione è stata che fosse reale quello che vedevo, tanto è ben realizzato l'insieme, poi via via la descrizione dei procedimenti adottati mi ha convinto che trattasi di modellismo di grande livello coadiuvato da un'ambientazione e una fotografia d'effetto che coglie bene il momento pur se statico, non una posa insomma.
Complimenti davvero, molto bravo.

Ciao Enrico

Commento di Luca Navoni [09/05/2015]:
Ragazzaccio....!!!

hai fatto un lavoro fenomenale sulla moto o almeno questo è il mio parere, molto d'effetto anche il figurino, sporcato sul davanti da tutta la polvere e il fango che si è dovuto "mangiare".....!!! bello davvero....!!!

Un saluto, Luca

Commento di maurizio ugo [09/05/2015]:
Ciao Giuseppe, ottimo lavoro, modellistico e fotografico..la prima foto, ad una sommaria visione, mi sembrava vera, complimenti davvero....
un salutone maurizio

Commento di Riccardo casati [10/05/2015]:
Ciao Giuseppe ....veramente bello ... l'invecchiamento sulla moto e il fango sia su di essa che sul figurino danno quel tocco di vissuto che rende tutto reale .. complimenti sei bravissimo

Buon modellismo ..Riccardo

Commento di giuseppe giovenco [10/05/2015]:
grazie, anzi GRAZIE!!!
quello che principalmente è importante è l'interscambio sulle tecniche di realizzazione che ognuno di noi usa ed è disposto a condividere con gli altri forumisti - se poi il prodotto finale è riuscito, si sono raggiunti due scopi che danno soddisfazione e allargano le conoscenze.
Luca mi ha centrato egregiamente scoprendo la vena sregolata che alberga in me!!!
ragazzi!!!! buon inizio settimana!!!

Commento di Dino Dall'Asta [10/05/2015]:
Davvero un'ottima esecuzione...complimenti vivissimi!!
Dino

Commento di Francesco Sasso [11/05/2015]:
Ciao Giuseppe!! finalmente posso osservare un'altra tua realizzazione..ci regali sempre ottimi modelli e soprattutto particolari, l'invecchiamento della moto è spettacolare.. complimenti vivissimi!!
Un salutone e alla prossima.

Commento di Vito [11/05/2015]:
Ciao , bel lavoro di ristrutturazione, è una cosa che non ho mai fatto ma credo che dare un anima ad un "giocattolo" come sei riuscito a fare con questa Harley deve essere molto appagante , soprattutto se il risultato finale è ottimo come in questa realizzazione.
Ciao a presto Vito

Commento di ezio bottasini [12/05/2015]:
Ciao Giuseppe, ottimo lavoro davvero, prima o poi ci riusciremo a conoscere, visti i tuoi lavori dal vero in varie mostre ma mai riusciti ad incrociarci; magari a Monza domenica prossima??
Bravissimo, ciao Ezio

Commento di giuseppe giovenco [12/05/2015]:
sarà contento Giacomo che il suo forum prende vita e si ossigena tutti i gironi - questo è molto bello perché vuol dire che anche in Italia c'è fervento modellistico
- per Ezio : sono convinto anch'io che prima o poi ci inconteremo, non solo parleremo anche la stessa lingua - grazie, Ezio
- per Vito : ho visto che sei entarto alla grande in questo Forum - credo ci sia poco da insegnarti, ma una cosa te la possiamo dare tutti - l'amicizia in questo mondo di nicchia
- per Francesco : uhei!! non sono mica una macchinetta con la " e " aperta alla milanese!!! ma se ti fa piacere ( a quanto pare ) sto lavorando ad altri due soggetti che presto inserirò nella mia gallery, con tanto di spiegazioni
a presto per tutti - giuseppe

Commento di Vito [12/05/2015]:
Grazie Giuseppe .... La nostra passione per la storia, il nostro amore per il modellismo rimarrebbero fini a se stessi se non ci fossero gli amici con cui condividerli.
Alla prossima Vito



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No