Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Alessandro Magno
Alessandro Magno

YAK 38 Forger A - Vito De Palo

Kit Hobby Boss 1/48

Ciao cari amici di kitshow!
Dopo un lungo stop, come scritto un anno fa in una mia lettera, sono tornato a modellare e spero vi faccia piacere condividere con me la gioia e la soddisfazione di aver finito un progetto iniziato più di due anni fa...
Durante la costruzione di questo modello sono successe tante cose... la morte della mia mamma, la nascita della mia amata bambina, Nicole... ed è a loro che dedico questo mio lavoro.




Il progetto iniziale era nato dopo aver visto alcune foto di questo affascinante velivolo presso l’università della aviazione di Mosca dove fu oggetto di studio per il volo V/STOL nell’anno accademico 2006, ma in seguito per non allungare ancor di più i tempi per costruire la complessa ambientazione dell'Hangar presso l’università, è stato ambientato come da documentazione, in un area esterna del museo di Monino (Mosca) in una sorta di opera di restauro come avviene per decine di velivoli mandati a riposo.
Senza allungarmi in con dati tecnici del velivolo reperibili facilmente, passo direttamente alla costruzione del modello e alle lunghe fasi di auto costruzione per ottenere il risultato finale come da progetto.
L’idea è nata da queste foto...








YAK 38 Forger A

Veniamo al kit.




La prima fase è stata quello di tagliare e asportare i pannelli che rimarranno aperti..








Auto costruzione dei tre motori
Su questa fase mi sono concesse alcune "licenze poetiche" in quanto la documentazione reperta era davvero scarsa.
Dato la loro forma e curvatura, la ricerca del materiale per una base di partenza non è stata facile e dopo aver vagliato alcune soluzioni con esito negativo, mi cade l’occhio sulle tettarelle in silicone dei biberon della mia bambina... Perfette! In scala! Per iniziare la costruzione... Ecco pronti i due motori anteriori per la spinta verticale.










Motore centrale
La costruzione del reattore centrale è stata più semplice.
Sono bastati il tappo di un pennarello dal diametro adeguato, un dosatore per gocce, una ventola di avanzo di un vecchio kit col diametro aumento e la parte terminale di un convogliatore delle prese d’aria anch’esse trovare nella banca dei pezzi, il tutto contornato con cavetti in stagno di vario diametro, profilati in plasticard e avanzi di foto incisioni.










Terminati i tre motori ora arriva il bello, anzi il brutto.
Costruire la struttura che dovrà reggere le autocostruzini in maniera precisa in modo che, alla chiusura delle semi fusoliere, tutto combaci perfettamente e che tutti i dettagli come cavi, tubi ecc. siano ben visibili con i motori.












Ci sono volute numerose prove a secco e vari aggiustamenti ma alla fine tutto ha combaciato.
Diciamo che la parte più complicata del progetto è stata fatta.






Cockpit
Quello del kit.




La palpebra del cruscotto è stata completamente ricostruita.
Quella del kit era di pura fantasia.
Il lavoro di miglioramento.




Anche per il cockpit sono state usate foto incisioni trovate nella banca dei pezzi, profilati evergreen e cavetti in stagno di vario diametro.
Per adeguare al contesto anche questa zona, verrà rappresentato senza seggiolino e con alcuni strumenti smontati.
Il cruscotto e stato completamente ricostruito.










YAK 38 Forger A © Vito De Palo




YAK 38 Forger A © Vito De Palo


Montaggio
Anche il montaggio ha richiesto tempo e pazienza, molta pazienza.
L’adattamento del parabrezza.






La parte più impegnativa di questa fase e’ stato l’adattamento delle prese d’aria in resina.
È stato necessario riempire il gap tra queste e la fusoliera con plasticard e colare sopra per stuccare colla ciano con abbondante bicarbonato per catalizzare bene.
Inevitabilmente dopo decine di passate di carta vetrata di varie grana, tutto il dettaglio delle parti in resina e del kit stesso sono svanite nel nulla e di conseguenza Sono state reincise.
















È stato un lavoro lungo e faticoso però il risultato finale ha ripagato lo sforzo fatto e le ore impiegate.
Il resto del montaggio non ha richiesto grossi interventi.
Guardando le foto del velivolo ho notato che molti pannelli erano in leggero rilievo da qui l’idea di riprodurli con nastro Tamiya rinforzando il potere adesivo con una miscela di vinavil e acqua per non rischiare il distacco durante i lavaggi che subiranno in seguito.




Alcuni piccoli portelli di accesso/controllo sono stati riprodotti con foto incisioni di avanzo di adeguate forme e misure.








Colorazione e invecchiamento
Considerando che la vita operativa del nostro Yak 38 si è svolta sul ponte di una portaerei e in seguito all’esterno del museo di Monino esposto alle intemperie varie il suo aspetto sarà decisamente "vissuto"!
Velivolo operativo




Velivolo in restauro presso il museo




Prima fase: giallo zinco (colore primer del velivolo).




Ad asciugatura avvenuta è stata data una mano di trasparente lucido sul quale poter applicare l’acqua per effettuare la tecnica del sale (la lacca è troppo invasiva) e crea spessore, diversamente l’acqua fa comunque aderire il sale che anche sciogliendosi in minime quantità da un effetto molto realistico e applicato sul lucido e facilmente asportabile a operazione conclusa.
Oltre il sale, adoperato per le scrostature casuali, è stato usato il dentifricio per zone mirate e più ampie dove creare l’usura.
La livrea di questo velivolo era di un blu scuro per le superfici superiori e di un verde medio per quelle inferiori è considerato il grado di usura e le foto reperite i colori usati sono stati schiariti con il rosa che ottimo per attenuare i colori senza alterarne il tono.
Le pannellature sono state riprese con un lavaggio a olio marrone scuro per il blu e marrone chiaro per il verde.
Di seguito, varie fasi di invecchiamento e colorazione.


























... Il grosso del lavoro e fatto...

I carrelli
Quelli del kit erano davvero ben fatti, per quello principale è bastato aggiungere qualche cavo e plasticard.
Il carrello anteriore ha richiesto più lavoro in quanto rappresentato in parte smontato e senza ruota.










Il carro ponte e il cavalletto che sostengono l’aereo sono stati completamente auto costruiti come tutti gli accessori presenti nell’ambizione.




Carichi alari
Come spesso avviene per i velivoli sovietici che riposano nei grandi spazi aperti dei musei in Russia vengono lasciati alcuni carichi sotto le ali come serbatoi, pod o lancia razzi disarmati, che otre a lo scopo figurativo servono a bilanciare i pesi degli aerei.








Prove di ambientazione
Come anticipato il modello è stato ambientato in un area all’aperto del museo dell’aviazione di Monino (Mosca).
In una sorta di officina campestre ricostruita per dare un senso a tutto il lavoro fatto sul modello.










Il modello finalmente terminato.












Conclusioni e ringraziamenti
Come anticipato la costruzione di questo modello è stata segnata da una serie di eventi e l’averlo portato a termine è stata una sfida molto faticosa.
La vita va avanti e finire il mio Yak 38 è stato un modo per cercare di lasciarmi alle spalle un periodo buio della mia vita.
Sono molto soddisfatto del risultato finale e dei riconoscimenti ricevuti a vari concorsi in Italia e all’estero e soprattutto di aver condiviso con tanti amici modellisti il mio lavoro.




Un ringraziamento al maestro Marco Tavecchia per i preziosi consigli.
Un grazie di cuore all’amico fratello Marco Bottoni dell’IPMS Milano per essermi stato sempre vicino nei momenti bui è per avermi spronato a continuare a modellare e partecipare alle varie manifestazioni e non isolarmi.




Ciao a tutti gli amici di kitshow.

Vito De Palo

IPMS Milano

[Gallery]

17.03.2020




Commento di enrico [19/03/2020]:

Paurosamente bello... ed altro non dico.

Con ammirazione assoluta

saluti cari

enrico


Commento di Dino Dall'Asta [19/03/2020]:

Lavoro magnifico!!
Ennesimi complimenti per questa super realizzazione.
Dino


Commento di Gerry [19/03/2020]:

Per quanto non ami gli aerei "aperti", ho sempre la massima ammirazione per chi fa questi lavori, specialmente per quelli fatti bene. I miei complimenti!


Commento di Alby Starkiller [19/03/2020]:

... IMPRESSIONANTE!!!


Commento di giuseppe [19/03/2020]:

Bravura mostruosa. Complimentissimi. Sono contento che tu sia uscito da un periodo triste. un saluto


Commento di ezio bottasini [20/03/2020]:

Caro Vito, ho avuto il privilegio di seguire in diretta il W.I.P. di questo fantastico/superlativo/realistico/...... lavoro.
Non credo che comuni parole possano dire di più.
"Ad maiora"....
Al prossimo (già visto), grande lavoro.

Un caro saluto, #io"non"possorestareacasa a tutti in questo momento di grande crisi.

Ezio


Commento di Massimo M De Luca [20/03/2020]:

Ciao Vito. I velivoli dismessi sono la mia passione solo che non ho mai il coraggio di provarci. Inutile dire che questo lavoro sarà per me di ispirazione assoluta. La cosa che però mi rende più felice è leggere che sia stata per te una rinascita, un nuovo inizio dopo periodi non felici. Capolavoro in ogni senso.
saluti
Massimo "Pitchup"


Commento di Angelo Battistelli [20/03/2020]:

Il migliore di tutti. REALISTICO. Un capolavoro. Vito hai le mani d'oro.
Bravo
Saluti Angelo


Commento di Vito [20/03/2020]:

CIAO AMICI
Grazie mille per gli apprezzamenti e per le belle parole di conforto.
Sono contento che vi piace il mio lavoro
Un abbraccio a tutti in questo momento difficile che ci accomuna


Commento di giampaolo bianchi [22/03/2020]:

penso di aver visto una delle piu berlle realizzazioni della mia vita.. mi hai lasciato senza parole.
giampaolo


Commento di giovenco giuseppe[23/03/2020]:

ahimé!!!! devo ripetermi - a parte il livello di usura che è quasi maniacale e realistico al 200%, ormai ho capito che la tua vita è un intricato sentiero di cavi e cavetti, che ti circondano, ti plagiano e ti annientano spiritualmente - azz!!!! ma ci hai gli occhi di un chirurgo esteta, ci hai?
Questo modello dall'esposizione altamente didattica conferma come il modellismo senza il supporto di una adeguata documentazione sia privo di vita - superlativa realizzazione - Giuseppe


Commento di pietro [24/03/2020]:

Ciao Vito.
un gran LAVORONE.
visto e fotografato dal vivo a Thiene.
Complimentissimi.
Pietro


Commento di Francesco Sasso [24/03/2020]:

Ciao Vito..che dire se non unirmi ai complimenti degli altri amici, una realizzazione superlativa, con un livello di dettaglio davvero elevato. Sinceri complimenti! Un salutone a tutti!
Francesco


Commento di Enrico Calanchini [24/03/2020]:

Lavorone incredibile e stupefacente! Complimenti vivissimi!!!

Ciao Enrico


Commento di Vito [25/03/2020]:

Grazie mille 🙏🏻 Amici


Commento di Roberto [03/04/2020]:

Avendolo visto dal vivo, posso dire che è proprio un gran bel lavoro! Complimenti Vito. Ciao, Roberto.


Commento di Vito [06/04/2020]:

Grazie mille Roberto.
Spero di rincontrarti presto
Vito



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No