Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Emanuele Iemma
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marcello d'Andrea
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Incontro Ravvicinato
Incontro Ravvicinato
Johnny Gravina

  Latest arrival...

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

  Latest arrival in the gallery

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

Battaglia di Grandson - Stefano Lana




Cenni storici
Nel XV secolo l’esercito Borgognone si scontrò ripetute volte contro quello Svizzero da cui subì sonore sconfitte.
La prima di esse è da collegare alla Battaglia di Grandson.
Il duca Carlo I di Borgogna nel 1476 invase la Svizzera e pose l'assedio alla fortezza di Grandson, sul Lago di Neuchâtel.
Dopo efficaci bombardamenti, gli assediati, giudicando di essere vicini alla capitolazione, decisero di arrendersi pensando che il resto degli stati confederati non sarebbero arrivati in tempo ad aiutarli.
La guarnigione però non fu risparmiata da Carlo I: vennero tutti impiccati.
Gli svizzeri nel frattempo si stavano organizzando per rompere l'assedio non sapendo delle sorti della fortezza; il loro esercito contava poco più di 20.000 uomini, pochi più di quello borgognone.
Il 2 marzo 1476 l'avanguardia dell'esercito svizzero in avvicinamento a Grandson incontrò i borgognoni.
Scarse ricognizioni lasciarono Carlo disinformato circa l'entità e lo schieramento degli svizzeri, così il duca credette che l'avanguardia fosse in realtà il nemico al completo.



Gli svizzeri, avendo capito che presto sarebbero scesi in battaglia, si inginocchiarono a pregare; i borgognoni, da quel che si dice, fraintesero tale condotta, interpretandola come un segno di sottomissione.
Nella frenesia, si precipitarono contro gli svizzeri insieme ai cavalieri borgognoni e circondarono l'avanguardia svizzera; dopo una breve schermaglia, la cavalleria ricevette l'ordine di ritirarsi in modo da permettere all'artiglieria di decimare le forze nemiche prima di nuovi attacchi.
Nel frattempo, il grosso dell'esercito svizzero emerse dalla foresta attaccando l'esercito borgognone in ripiegamento che si disorientò a tal punto da rompere i ranghi e fuggire.
Con poche perdite gli svizzeri riuscirono ad umiliare uno dei più grandi sovrani europei e catturare un imponente tesoro.





Il diorama
Il mio diorama rappresenta una parte dell’artiglieria utilizzata dai borgognoni in quella battaglia.
Forse lo spazio è limitato ma ho cercato di inserire i protagonisti per dar il senso di enfasi e di confusione che una battaglia in quel periodo poteva avere.
Il set di artiglieria della Zvezda (N.8027) usato per il diorama, è fatto piuttosto bene, i cannoni sono perfetti, i personaggi hanno qualche dettaglio discutibile su cui si può sorvolare essendo gente di secondo rango che poteva ben indossare anche roba obsoleta.
Pezzi e dotazioni sono comunque databili alla seconda metà del '400 e di stile germanico o centro europeo, ma anche in Italia la maggioranza di artiglieri e schioppettieri erano tedeschi.
Quindi avrei potuto sceglierli anche per ambientare una scenetta sulla la Guerra delle rose o come Truppe imperiali o svariate scaramucce nostrane attorno agli anni '70 del '400.



Ho colorato ogni figurino con acrilici cercando di seguire le istruzioni della scatola (anche se avrei potuto scegliere di pura fantasia).
Lavature con colori ad olio e passaggi per lumeggiare con le tinte base schiarite sono il tocco finale della mia pittura.



Il diorama è posizionato su diversi livelli per dar movimento alla scena, su base in sughero e das.
Dopo aver inserito sabbia sassi ed erba finta, ho posizionato gli attori e la scena è iniziata!



Stefano Lana
[Gallery]
23.06.2011



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No