Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

"Mein Gott!"
"Mein Gott!"

  New entry...

Marco Fin Gallery
Marco Fin Gallery

Teutoburgo, 9 d.C. - Paolo Solvi




L’argomento di oggi e’ una scenetta in 54 mm prodotta dalla Pegaso: la Battaglia di Teutoburgo scolpita da Konnov ed uscita nel 2000.
L’opera e’ veramente superba per qualità e plasticità dell’insieme; per intenderci, la fusione dei pezzi e’ nella migliore qualità Pegaso.
Un opera superba ma molto impegnativa sia come costo che realizzazione.






Storia
Nel 9 secolo d.C le legioni XVII, XVIII e XIX, si addentrarono nella selva di Teutoburgo, venendo colte di sorpresa dai Cheruschi ed altre tribù germaniche; la disfatta fu totale e tale da far temere un’invasione da parte degli stessi verso i territori Romani.
La disfatta fu sentita in maniera tale che le legioni disfatte non vennero mai sostituite, i tre numeri rimasero per sempre sepolti con i loro legionari, temendo che fossero di cattivo auspicio.
Gran parte del merito della vittoria germanica è attribuita a Arminio, capo della tribù dei Cherusci.
Arminio, era un profondo conoscitore delle tecniche di guerra romane essendo stato comandante ausiliaro dei romani; fu proprio grazie all’addestramento ricevuto che riuscì a portare a termine una tale impresa.
Dopo sei anni una spedizione Romana con quattro legioni vendicò la morte dei compagni e del loro comandante Varo.






Premettendo che parlerò poco della pittura, trattata già in altri interventi, vorrei dire che la scenetta e’ una buona palestra di pittura; troveremo diversi materiali: dai metalli alle stoffe, dal pelo animale ai cuoi e molto altro.
Per prima cosa dobbiamo procurarci un base adatta allo scopo e provare ad appoggiare tutti i pezzi che compongono la scenetta per vedere l’effetto finale.
Avendo trovato una base notevolmente più grande dell’insieme, ho optato per l’allargamento della disposizione del terreno, mantenendo sempre l’effetto ressa da battaglia, ma ottenendo anche una disposizione migliore dei pezzi per quanto riguarda la visione di ogni singolo soggetto.
L’ampliamento del terreno lo si può notare dalle zone di color rosso e bianco dovute al Das terracotta e normale.






Prima dell’essiccamento del tutto ho disposto dei sassi e copie di tronchi in resina per rendere il terreno meno monotono, cercando nello stesso tempo l’effetto selvaggio della scena.
Nel frattempo ho provato i vari kit per vedere cosa imperniare e cosa dover pitturare separatamente.
Fissati i perni ai vari figurini per l’ancoraggio alla base, sono passato alla collocazione dei vari pezzi negli alloggiamenti definitivi, per poter controllare l’effetto finale voluto.
Per il terreno ho usato, come dicevo prima, Das steso su una base vinilica testurizzato con pennello prima della completa essiccazione.
Ad asciugatura avvenuta, ho utilizzato colori marroni, grigi, gialli e rossi, sporcando il tutto con dell’olio nero molto diluito.
Poi sono passato alla vegetazione: ho collocato ciuffi di erba formati da alghe secche, incollati con colla vinilica, lavati poi con passaggi successivi di oli marroni e verdi.
Ho poi steso dell’erba artificiale, anche questa fissata con colla vinilica, e una volta essiccato il tutto, ho fatto un passaggio con un phon togliendo così ciò che non era fissato alla colla.


















Per quanto riguarda la pittura vorrei dare il consiglio di pitturare i pezzi del il diorama non tutti insieme; per completare il lavoro ci vuole molto tempo, e magari vi annoierete a dipingere sempre soggetti simili.
Nel mio caso, ho alternato la pittura con altri kit, tipo busti, oppure soggetti della seconda guerra mondiale, proprio per evitare che la noia potesse contribuire a peggiorare il mio lavoro di composizione della scenetta.
La pittura è stata effettuata rigorosamente ad acrilico Vallejo ed Andrea, con sporcature ad olio marrone e nero.
Per il resto vorrei lasciare la parola alle foto, che spero siano di aiuto nella visione della scena.


















A chi vorrà cimentarsi in tale impresa do il mio augurio di buon lavoro e tanta pazienza.
Alla fine otterremo un’opera di impatto che vi lascerà sicuramente soddisfatti.


Paolo Solvi
[Gallery]
[Non solo figurini militari]
Gruppo Modellistico GPF Firenze
16.08.2005

Nota: questo articolo è stato originariamente pubblicato nel sito superEva



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No