Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

I Pirati Barbareschi
I Pirati Barbareschi

  New entry...

Marco Fin Gallery
Marco Fin Gallery

Cacciatore Celta - Paolo Solvi


Ciao a tutti oggi volevo parlarvi di un tentativo di autocostruzione di un figurino in 54 mm di alcuni anni fa, esattamente di un cacciatore celta che si difende dall’attacco di un lupo durante la sua giornata di caccia.




L’idea mi è venuta sfogliando un libro sui celti dove vi erano raffigurati dei cacciatori durante la loro battuta di caccia, allora mi sono chiesto come poteva essere una loro battuta di caccia , quali pericoli e difficoltà potevano incontrare durante la stessa.
Era proprio il pericolo quello che mi attraeva, all’epoca gli animali erano i dominatori dei boschi, non purtroppo come ora, ed era facile incontrare qualche fiera, come lupi od orsi od altro, trovandomi in mano i lupi dell’Elisena presi al mondiale di Roma, la scelta della belva era fatta.




Ora non restava altro da fare che abbinare un figurino Celta alla stessa, ma per mia sorpresa la grande produzione di tali soggetti non contemplava un Celta che potesse apparire come un cacciatore.
Allora giocoforza ho preso la mia buona volontà, la mia testardaggine e i miei libri riguardanti l’argomento SCOLPIRE!!!! Mi sono detto: tentar non nuoce.
Per prima cosa mi sono immaginato la scena il cacciatore chino sulla sua preda, un volatile nell’occasione, viene colto di sorpresa da un lupo anch’egli a caccia.
Ho preso i figurini della Preiser in scala 1/32 comprati tempo fa con l’obbiettivo di crearmi da solo migliaia di figurini, rimasti nel cassetto per anni, ma tornati utili per l’occasione.
I manichini per chi non li conosce sono nudi con parti intercambiabili, adattabili a diverse posture, ho quindi preso quello che meglio si adattava alla posizione da me voluta.
Fermata la stessa con dello stucco bicomponente ho scelto la testa anch’essa tra i pezzi Preiser, ed anche questa adattata al movimento del corpo.
Ho quindi cominciato a stendere lo stucco Magic Sculpt aiutandomi con mano, spatoline per scolpire, comperate anch’esse a Roma al Mondiale, e pennello.
Creati i volumi del vestiario sono passato a definire come meglio potevo le pieghe degli stessi, aiutandomi con i medesimi attrezzi.
Il mantello è un pezzo di lamina di piombo rinforzato con dello stucco, mentre la barba ed i capelli sono stati scolpiti con lo stucco direttamente sulla testa tentando di creare il tipico aspetto incolto che caratterizzava i Celti all’epoca.




Finito ciò sono passato alla mano di primer per vedere se qualche cosa non andasse nella scultura, per la verità molte cose, ma cosa pretendete da un dilettante?
Tentato di riparare i difetti più evidenti sono passato all’armamento, preso dalla linea Emi, anche l’anatra fa parte della stessa linea.






L’arco e la faretra non hanno subito modifiche, mentre la lancia è stata ricostruita utilizzando un tondino in metallo e la punta degli stessi accessori Emi.
Ho poi tentato di creare un coltello limando una spada fornita nel set accessori.
La cintura è una lamina in metallo con fibbia costruita in filo di ferro, mentre la spilla che ferma il mantello è fatta con stucco bicomponente.
Le corde che bloccano i pantaloni sono dei pezzi di filo di rame preso dai cavi elettrici.
Terminato il figurino ho tentato di costruire il luogo dove si svolgeva la scena, immaginandomi che il lupo fosse giunto di sorpresa dall’alto saltando da un dirupo.
Ho quindi scelto il lupo che più si adattava a tale gesto, ho però dovuto modificare radicalmente la zampa di appoggio di modo che la posa del lupo desse l’idea del balzo senza avere punti di appoggio.
Ho dovuto rinforzare la zampa stessa con spina in acciaio e ricoperta da stucco bicomponente.
Ora dovevo trovare il modo di posizionare il lupo sulla base stessa, per prima cosa ho creato il volume del dirupo utilizzando dei fogli di legno di balsa ricoprendo il tutto con Das e colla vinilica, ho poi posizionato dei tronchi in resina nella base utilizzando il più grande come punto di appoggio per il salto del lupo.
Mi sono però reso conto che solo quel punto era poco, dato che magari il pezzo avrebbe viaggiato e subito delle vibrazioni, la zampa solamente non avrebbe retto a tali sollecitazioni, ho quindi posizionato sotto il corpo del lupo stesso un’altro tronco con una diramazione dentro la quale ho piazzato un perno in acciaio, e forato anche il corpo del lupo ho incastrato il tutto testando la solidità.




Purtroppo a mio avviso, riguardando la scenetta ora, il tuffo del lupo perde la sua naturalezza, in quanto sembra che appoggi effettivamente sul tronco sotto di lui.
Piazzando il lupo ed il figurino nella propria sede finale mi sono reso conto che la lancia non era posizionata nella giusta linea di incontro con il lupo, ho quindi modificato la posizione della mano sinistra, mentre la destra è rimasta come era posizionata all’origine, l’effetto da me voluto era quello della sorpresa e quindi la reazione nell’impugnare la lancia non poteva essere solida come per chi era già preparato allo scontro.
Terminato il tutto ed approvata la posizione dei figurini sono passato alla definitiva mano di primer per tutti e due, ed ho cominciato a costruire il terreno utilizzando terre ed erbe per modellismo ferroviario, qualche radice secca e muschi.




Ho ricostruito qualche piantina e fungo con stucco epossidico poi è iniziata l’operazione di pittura del tutto, la quale descrizione tralascio dato che abbiamo e avremo modo di parlare di tali operazioni con altri modelli, visto che il mio intento oggi era quello di parlare di un tentativo di autocostruire e come sempre dico tentare è lecito per tutti, rinunciare a priori a tali operazioni secondo il mio punto di vista è sbagliato e non aiuta a crescere nel nostro Hobby.
Si faccia avanti quel modellista che guardando un modello non abbia mai pensato di modificarlo oppure non ha pensato se esistesse quel determinato modello in quella posizione, allora facciamoci forza e proviamo.
Ciao e datemi un Vostro giudizio, io intanto sto provando con altri soggetti prima o poi sarò soddisfatto del mio lavoro.


Paolo Solvi
[Gallery]
[Non solo figurini militari]
Gruppo Modellistico GPF Firenze
10.06.2004

Nota: questo articolo è stato originariamente pubblicato nel sito superEva



Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No