Gli assi dell'aviazione

Giulio Reiner
Giulio Reiner New
Pietro Ballarini


I precedenti...

Mario Visintini
Lydia Litvyak
Richard Bong
Marcel Albert

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

T34 76 Versione ChTZ
T34/76 Versione ChTZ
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cavaliere Templare XIII Sec.
Cavaliere Templare XIII Sec.
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

Abissinia fine '800 - Pietro Ballarini




Nel 1882 il giovane Regno d’Italia cominciò la sua sfortunata avventura coloniale in Africa.
L’Abissinia (l’odierna Etiopia) si rivelò infatti un osso duro per l’esiguo esercito europeo sconfitto definitivamente ad Auda.
La scena rappresenta due militari in visita ad un accampamento degli Habab, pastori nomadi che stanziavano al confine settentrionale col Sudan allora dominato dai seguaci del Mahdi che tanto filo da torcere dettero agli inglesi in Egitto.


Habab
Habab

I comandi italiani trattavano bene gli Habab poichè venivano usati come sentinelle e informatori.




I tre figurini utilizzati nella scenetta sono prodotti dalla MMA di Perencin: il soldato semplice è un simpatico pezzo in metallo, l’ufficiale è in resina ed il guerriero è un’elaborazione.










Per il pastore Habab, sono partito dal gladiatore della MMA sfruttandone l’anatomia dopo avergli fresato gli schinieri.




Per il braccio sinistro ho usato dei pezzi in stirene.




Ho aggiunto una testa che avevo in magazzino che ha dei tratti confacenti (volto magro, zigomi alti ecc.), i panneggi sono stati ottenuti in Milliput bianco steso in due fasi: prima la sagoma e poi la finitura.
Anche la particolare acconciatura è stata realizzata in Milliput.






La zagaglia dalla grande lama è costituita da un tondino d’ottone e dalla lama in plasticard con la nervatura centrale in sprue.




Lo scudo in pelle indurita è una sfoglia di Milliput stesa su un cerchio di carta con L’umbone al centro ricavato dalla testata di un serbatoio di aereo 1/72.




Avendo perso spade e spadini degli italiani li ho ricostruiti in plasticard e rame.




La capanna era costruita con materiale trovato in loco: pietre, pali, rami e coperte.






Il bellissimo ghepardo è un animale addomesticato che mi son divertito a pitturare, ha lo sguardo rivolto alla scimmietta perché pensa alla merenda .








il fante invece è alle prese con una curiosa scimmietta.








Un dioramino semplice in cui spero di aver catturato uno spicchio dell’epopea Coloniale italiana in un momento di relax.













Pietro Ballarini
06.02.2016

[Gallery]


Commento di Francesco Sasso [08/02/2016]:
Ciao Pietro, bellissimo davvero.. ottime le autocostruzioni!
Un salutone e alla prossima.
Francesco

Commento di ezio bottasini [08/02/2016]:
Ciao Pietro, che dire, anche nella sua "semplicità" è come sempre una grande opera, fine e delicata nella sua quasi perfezione (il quasi è dovuto al fatto che nulla di umano è perfetto)...........
Davvero bellissimo, complimenti al prossimo Ezio

Commento di Dino Dall'Asta [08/02/2016]:
Una magnifica rappresentazione!!
Complimenti.
Dino

Commento di giampaolo bianchi [08/02/2016]:
sara' anche "semplice " come scenetta..ma bellissima!!!..autocostruzioni-pittura-ambientazione praticamente perfetti..grazie per questi piccoli capolavori tanto utili come " testi sacri".
complimenti.
Giampaaolo

Commento di Lauro Bonfa' [08/02/2016]:
Caro Pietro che magnifica scena hai saputo ricostruire, belli e molto dettagliati i figurini, nonch'è l'ambientazione. Stupendo il ghepardo e anche la scimmietta di cui però prevedo che avra' vita breve.Complimenti. Lauro

Commento di Roberto [10/02/2016]:
Sempre realizzazioni spettacolari e originali, ogni volta che vedo un tuo lavoromi stupisco.

Complimenti ancora,

Roberto.

Commento di Enrico Calanchini [12/02/2016]:
Stupendo!!!!

Ciao Enrico

Commento di Gianni [13/02/2016]:
Che lavorone, complimenti, quando vedo delle autocostruzioni rimango sempre a bocca aperta.
Mai nulla di scontato.
Bravissimo Pietro
Gianni

Commento di Stefano Deliperi [19/02/2016]:
Bello! Mi é piaciuto molto l'accostamento fra la cura dei particolari dei "soldatini" e l'atmosfera di quotidianità della scenetta. Chissà quante volte saranno accadute "visite" analoghe di soldati italiani a guerrieri e villaggi locali.. Hai reso davvero "vivo" il diorama, bravissimo Pietro.

Commento di Maurizio Ugo [05/03/2016]:
....ciao Pietro, ottima realizzazione, devo pure io decidermi e tirar fuori un figurino....lo spunto me lo hai dato, complimenti...
un salutone maurizio



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No