Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola New
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Come Back
I’ll Come Back
Pietro Ballarini

  New entry...

Rino Rufolo Gallery
Rino Rufolo Gallery

Le Ferrari vittoriose alla 24 ore di Le Mans

Mario Galimberti




Nel 1949, dopo una pausa di dieci anni dovuta al secondo conflitto mondiale, viene nuovamente organizzata la 24 ore di Le Mans.
Quella edizione vide per la prima volta al via due Ferrari.
Queste vetture erano due "166 MM" spinte da un motore 12 cilindri di 1995cc; un modello che la casa di Maranello aveva realizzato per soddisfare le richieste dei suoi primi clienti sportivi.
E fu proprio una di queste due auto, quella acquistata da Lord Selsdon, che la guidò in coppia con Luigi Chinetti a regalare al Cavallino Rampante la prima vittoria nella maratona francese.




La seconda vittoria invece, arrivò cinque anni più tardi quando nel 1954 Froilan Gonzales e Maurice Trintignant portarono al successo la grossa "375 Plus" ufficiale, spinta da un poderoso 12 cilindri di 4954cc.




Nel 1957 arriva la "250 Testa Rossa" spinta dal classico 12 cilindri di 2953cc, ma nell’edizione di quell’anno l’unico esemplare schierato dalla squadra ufficiale sarà costretto al ritiro.
L’edizione del 1958 vide ben dieci Testa Rossa al via, di cui tre ufficiali e sette affidate ai clienti sportivi.
La vittoria andò alla "250 TR 58" ufficiale guidata da Phil Hill e Olivier Gendebien.




Nel 1960, dopo la sfortunata edizione del 1959 nella quale nessuna Testa Rossa al via arrivò al traguardo, i bolidi di Maranello centrarono la prima delle sei vittorie consecutive con Olivier Gendebien e Paul Frere sulla "250 TR 60" ufficiale.




Il 1961 vide la terza vittoria della Testa Rossa grazie a Phil Hill e Olivier Gendebien che con la "250 TRI 61" bissarono il successo del 1958.




Per il 1962 la federazione decise di riservare il Mondiale Marche alle berlinette Gran Turismo, ma a Le Mans le grosse Sport poterono correre nella categoria "Sperimentale" senza poter raccogliere punti per il Mondiale Marche.
La vittoria andò alla coppia formata da Phil Hill (terza vittoria) e Olivier Gendebien (quarta vittoria) che portarono al successo la grossa "330 LM" spinta da un 12 cilindri di 3967cc, mentre al secondo e terzo posto si piazzarono due "250 GTO", ovvero due esemplari della berlinetta realizzata appositamente per disputare il Mondiale Marche.




Nel 1963 venne istituita la categoria "Prototipi" e la squadra ufficiale schierò le nuove "250 P" spinte dal classico 12 cilindri di 2953cc.
Ad imporsi fu la vettura di un equipaggio tutto italiano, quello composta da Ludovico Scarfiotti e Lorenzo Bandini.




Questa vettura, con il nuovo motore di 3299cc e denominata "275 P" si impose anche nell’edizione del 1964 con Jean Guichet e Nino Vaccarella.




Sul finire del 1964 la Ferrari presentò la nuova berlinetta denominata "250 Le Mans" che nell’anno seguente dovrà sostituire la 250 GTO nel Mondiale Marche, ancora riservato alle Gran Turismo.
Ma la Federazione Internazionale decise di omologare la vettura come Prototipo anziché come Gran Turismo suscitando le ire di Enzo Ferrari nei confronti della Federazione Italiana rea di non averlo appoggiato presso la Federazione Internazionale per quanto riguarda l’omologazione.
Ferrari decise di rinunciare alla licenza italiana per il resto della stagione e negli ultime due Gran Premi di Formula Uno schierò le sue vetture dipinte con i colori bianco e azzurro della scuderia americana N.A.R.T. rinunciando così al classico rosso italiano.
E fu proprio questa vettura, iscritta dalla scuderia americana N.A.R.T. e guidata da Jochen Rindt e Masten Gregory che regalò alla casa del Cavallino la nona ed ultima vittoria nella classica gara di durata francese.




I kits sono tutti della Starter in scala 1/43.


Mario Galimberti

01.12.2014

Mediolanum Modelling Club

[Gallery]





Commento di luigi prosperi [22/02/2021]:

molto bello




Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No