Editoriale

Perche' KitShow?

  Gli assi dell'aviazione

Aldo Buvoli
Aldo Buvoli
Pietro Ballarini


I precedenti...

Vittorio Minguzzi
Giulio Reiner
Mario Visintini
Lydia Litvyak

  Quick Articles...

Il bivio (Sd.Kfz. 222)
"Il bivio" (Sd.Kfz. 222)
Paolo Tarantino

  Amarcord...

Cameron Highlanders 79th Rgt
Cameron Highlanders 79th Rgt
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

MDD RF-4 E "Phantom" – Massimo De Luca

JASDF – 501st Hikotai, 1975 - Kit Hasegawa 1/72




Tra le versioni del Phantom ho sempre ritenuto quelle da ricognizione le più pure ed eleganti dal punto di vista aerodinamico.
Ricordo brevemente che il Phantom "Recce" nasce con la versione RF-4 B per il corpo dei MARINES e manteneva tutte le caratteristiche peculiari della versione F-4 B (ala a spessore ridotto, pneumatici stretti, motorizzazione).
Quando, successivamente, anche l’USAF scelse il Phantom per riequipaggiarsi si fornì anche di RF, incorporando però le soluzioni adottate sulla versione terrestre, cioè la "C", venendo pertanto denominati RF-4C. La differenza visibile principale rispetto alla versione RF 4B stava nella forma del musetto fotografico, più arrotondato in questo caso.
Successivamente la MDD studiò una versione da esportazione, denominata RF-4E, che differiva dalla "C" per i motori ed il musetto fotografico di tipo squadrato.
C’è da dire però che nell’USAF, nel tempo, hanno convissuto pur nella versione RF-4C, esemplari con musetto di tipo sia squadrato che arrotondato.
Questo è solo un piccolo veloce Bignami sulle caratteristiche principali delle versioni recce, quindi, concludendo, se volessimo riprodurre un Phantom fotografico, dovremo porre attenzione principalmente: 1) alla versione che intendiamo realizzare (B, C o E), dopodiché prestare attenzione agli altri particolari, nonché, alle eventuali modifiche richieste dai singoli utilizzatori (come nel mio caso).
Dopo una lunga agonia circa il soggetto da realizzare ho scelto di rappresentare questo RF-4E in particolare:



Fonte: NABE3's Aviation Photo Gallery


Si tratta di un RF-4E, nr. 47-6901 del 501st hikotai presso la Hyakuri AB, consegnato alla JASDF nel 1975.
Il kit che ho usato fa parte della arcistranotaeconosciuta serie "Phantom Family" di Hasegawa 1/72, i quali, malgrado ne abbia già montati una decina in vita mia, continuano sempre a riservarmi tutt’altro che piacevoli sorprese. E’ come un grande amore tormentato quello tra me e questo kit ma destinato a durare per molto tempo ancora visto il numero di scatole nel mio armadio!!!!
La zona critica è sempre la stessa: quella dell’unione tra il troncone anteriore e posteriore delle fusoliere. Per me ogni volta è una sorpresa. Bisogna infatti scegliere sempre tra il trovare un equilibrio tra il corretto allineamento delle parti e l’avere meno buchi da rattoppare, stuccare e sgrattare dopo. Personalmente preferisco allineare il tutto e trovarmi con il gap nella zona inferiore dove è più semplice lavorare. Occhio anche alla giunzione delle prese d’aria altro punto sempre problematico in termini di incastri.
Dico questo perché più dovremo stuccare e grattare e più perderemo le bellissime pannellature del kit (quelle che hanno fatto di Hasegawa una leggenda alla fine degli anni 80) molto (troppo) fini!
Detto questo nel kit troviamo entrambi i tipi di "musetto" e gli scarichi diversi a seconda della versione "C" o "E". Per la versione dei Marines RF-4B dovrete invece usare le scatole apposite!
Ci tengo a far notare, per ricollegarmi a quanto detto precedentemente, di fare caso alle differenze che possono esserci: nel mio caso parliamo di un RF-4E che però ha il musetto arrotondato. Quindi amici sempre mano alla documentazione.




Verniciatura
Ho usato la tecnica del "black basing", cioè si da una base di primer nero e poi si realizza un patchwork di vari toni prima di dare i colori della livrea. Secondo me questa tecnica è valida specie per le monotone colorazioni in grigio. I colori usati sono i classici Gunze H315 (fs 16440) e Tamiya bianco lucido X2.












Ho cercato di ottenere il miglior effetto tridimensionale possibile con passate leggere. Questo perché, come potete vedere dalla foto del velivolo, parliamo di un aereo appena consegnato, nuovo di pacca, quindi, questa volta, invecchiamenti zero ma solo un leggero lavaggio in grigio nei pannelli.






Le decals provengono da scatole Fujimi dedicate al soggetto. In questo caso sono state una vera croce, molte si spezzavano, non reagivano agli "squagliadecals".
Per fortuna ne avevo più fogli dove andare a parare.






Il lavoro è finalmente concluso:


MDD RF-4 E "Phantom"

Alla fin fine ci somiglia abbastanza direi, peccato solo per le decals che mi hanno fatto penare.














Invetriniamo il tutto dopo circa 4 mesi di lavoro (con molte interruzioni e pausa natalizia però). Che dire: il Phantom visivamente è sempre il nr.1 per me!!!




Ora vorrei dedicarmi ad altro per un po’ ma già il pensiero è rivolto a quale sarà il prossimo???

Un ringraziamento agli amici del forum Modeling Time per i consigli e le tirate d’orecchie durante la lavorazione del soggetto fatto in occasione di un Group Build dedicato, appunto, ai velivoli da ricognizione.

Un saluto anche agli amici di Kitshow per un buon 2022 ricco di modelli.





Commento di GIAMPAOLO [02/02/2022]:

capolavoro... veramente bellissimo considerata la scala.
complimenti.
giampaolo


Commento di Enrico Bianchi [02/02/2022]:

È sempre un piacere vedere i tuoi lavori ed anche questo nippo rientra negli standard altissimi a cui ci hai abituato, visto il soggetto ti chiedo: avevi preso in considerazione anche gli RF con mimetica a 3 toni (quelli con il picchio Woody nelle insegne) ?
Saluti cari
Enrico


Commento di EMANUELE IEMMA [02/02/2022]:

Splendida realizzazione... complimentissimi


Commento di Valter [02/02/2022]:

Fantastico japanese phantom 👏👏👏👏👌


Commento di PIETRO [03/02/2022]:

bellissimo lavoro.
complimenti.
Pietro


Commento di Ezio Bottasini [04/02/2022]:

Ciao Massimo, come sempre un'ottima realizzazione ed una verniciatura impeccabile. Certo che il Fantasma malgrado gli anni passino, non perde la sua grinta in qualsiasi versione venga riprodotto. Al prossimo. Ezio


Commento di Massimo M de Luca [06/02/2022]:

Ciao a tutti. Grazie ragazzi! Diciamo che è stato un modello abbastanza tribolato. Pur nella sua semplicità della livrea, in realtà, mi ha creato notevoli difficoltà, specie per quanto riguarda il "vissuto", che, in pratica, non esiste trattandosi di un velivolo nuovo. Poi ci si sono messe le decals a complicare il tutto. Ho usato decals di scatole Fujimi. Malgrado si presentassero bene, in realtà, si spezzavano e non reagivano ai liquidi. Ho dovuto davvero dare fondo alla pazienza, alla delicatezza e all'attenzione. segue...


Commento di Massimo M de Luca [06/02/2022]:

peccato perchè con quelle decals volevo realizzare anche un F4E JASDF "aggressor", ma visti i problemi con le decals, per il momento, è rimandato (anche perchè è uscito un nuovo kit della Zoukei-Mura dedicato). Detto ciò vi ringrazio davvero. Ora la mia idea sarebbe quella di fare almeno un Phantom all'anno (questo però l'ho iniziato nel 2021 e finito nel 2022, come lo si considera???). Massimo


Commento di Roberto [07/02/2022]:

Mi associo ai complimenti, meritatissimi.


Commento di Alby Starkiller [08/02/2022]:

Una realizzazione eccellente! ✌️😉✌️ Complimenti.
Un salutone da Alby.



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No