Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Il bivio (Sd.Kfz. 222)
"Il bivio" (Sd.Kfz. 222)
Paolo Tarantino

  Gli assi dell'aviazione

Vittorio Minguzzi
Vittorio Minguzzi
Pietro Ballarini


I precedenti...

Giulio Reiner
Mario Visintini
Lydia Litvyak
Richard Bong

  Amarcord...

Cameron Highlanders 79th Rgt
Cameron Highlanders 79th Rgt
Andrea Negri

  Walkaround

FIAT "Mefistofele"
FIAT "Mefistofele"
Valter Vaudagna

  Un figurino passo passo

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

MDD F4D Phantom II - Massimo De Luca

Revell 1/72




Tra i miei miti modellistici/aeronautici c’è un velivolo in particolare che riscuote sentimenti di riverenza, rispetto, passione, amore (ma non ditelo a mia moglie).
E’ da sempre IL modello che non mi stancherei mai di fare per l’appagamento che mi restituisce ogni volta che ne metto uno in vetrina (a tutt’oggi ne ho tre in vetrina ma negli anni ne avrò modellati almeno una ventina tra 1/48 e 1/72, di tutte le versioni).
A Grosseto nel 1999 sono riuscito a godermi una delle sue ultime esibizioni di volo in Italia. Sto’ parlando, ovviamente, del PHANTOM!

"L’aereo che è un aviazione completa"

Così veniva descritto in una pubblicità dell’epoca a testimonianza della sua duttilità operativa che lo ha portato ad essere tra gli aerei di maggiore successo di tutti i tempi con più di 5.000 esemplari costruiti.
Le uniche critiche, paradossalmente, vennero mosse proprio da uno dei suoi principali utilizzatori, l’USAF, ma questo perché la filosofia di questo aeroplano (nato per la UsNavy) mal si adattava ai desiderata dell’USAF (o meglio dei suoi piloti) che invece richiedevano un monoposto leggero, agile e dotato anche di armamento fisso, tutte cose che ebbero solo con i successivi F15 ed F16 progettati molto diversamente.

Il modello
Come per il velivolo che rappresentano anche i kit della "Hasegawa Phantom family 1/72" sono oramai leggendari per qualità.
L’unica critica che si potrebbe muovere è la spartanità del cockpit e di alcuni altri dettagli (ugelli di scarico in particolare).
Per il resto le incisioni sono stupende.
Credo forse (ma è una mia opinione) che le versioni a "muso corto" del kit siano più fedeli come linee rispetto alle versioni E/G a "muso lungo".
La scatola di partenza è una delle tante proposte dal catalogo e permette di rappresentare una versione "D" post-Vietnam, mimetica SEA (South East Asia), con insegne varie del Bicentenario del 1976.
Ovviamente prendete la scatola come una ottima base di partenza perché il resto potete mettercelo voi tranquillamente (colorazione, migliorie, decals).
Io al solito ho lavorato in scratch anche se per alcuni elementi (cornici tettucci, specchietti) mi sono affidato alle fotoincisioni Eduard.




Un piccolo consiglio d’esperienza: i perni di riscontro dei piloni, dei serbatoi supplementari e degli stabilizzatori, se potete, segateli via e rifateli più robusti controllando l’incastro perché così come sono lasciano passare molta "luce" una volta posizionati e non sono per niente robusti.
A me sono saltati via gli stabilizzatori (tutto già verniciato, velivolo compreso... arghhhh) e sono stato quindi costretto a dover rifare i buchi in fusoliera ed i relativi perni cosa non molto salutare per i miei nervi in quella fase.
Per il resto un po’ di attenzione ci vuole anche per evitare che sparisca, causa carteggiature/stuccature, il bel dettaglio superficiale.

Coloriamo il Phantasma!
Le colorazioni rappresentabili di questa versione "D" possono spaziare davvero molto.
Limitandoci però alla sola USAF possiamo limitarci (si fa per dire) alla già citata colorazione SEA a tre toni e le sue varianti successive "wraparound", la Europe 1, la "HillGray" e la "ADC grey".
Per movimentare un po’ la collezione la mia idea è stata di fare un esemplare dell’Air National Guard in ADC gray anche se però la finitura lucida e pulita di questi velivoli un po’ mi faceva storcere il naso.
Poi per caso sul web è uscita questa foto che vi allego ed è stato amore a prima vista (non ditelo ancora a mia moglie).




Come vedete il velivolo ha una colorazione ADC Grey ma presenta una finitura non riflettente, bande rosse ed i serbatoi provenienti da un esemplare mimetico, nonché un livello, anche se minimo, di usura operativa.
Inoltre sotto le ali è agganciata una bomba Walleye AGM 62.
Questa fusione di colori e configurazione di carico ha attratto subito le mie simpatie!!!
Il colore ADC Gray o meglio "Air Defense CommandGray" è un grigio celestino lucido usato sugli aerei in forza, appunto all’Air Defense Command, in pratica il comando che si occupava della difesa del suolo Nord Americano, un colore che in pratica denotava subito un uso esclusivo aria-aria dei mezzi non contemplando altro utilizzo.




Per rappresentare questo colore mi sono affidato all’ottimo Gunze H57.
Ovviamente ho proceduto con uno schiarimento sul centro dei pannelli per ravvivare un po’ il tono.
Su consiglio dell’ottimo amico Enrico (Enriwar) di Modeling Time ho provato a diluire i colori Gunze con il diluente Nitro al posto del diluente Tamiya.
Sicuramente puzza di più (a casa evitatelo) ma la finitura ottenibile risulta liscia e setosa (in pratica la Nitro agisce da "ritardante" ottenendo un tempo di essiccazione più lento del colore, rispetto alla diluizione con alcool, ma evitando così l’effetto cipria.
Si passa poi all’elemento più caratteristico del velivolo: le bande rosse.
Sulle foto il rosso assume una tonalità molto calda che vira verso l’arancio, quindi ho usato il giallo come colore di "taglio" del rosso.
Ho usato i colori Vallejo perché il miscuglio giallo/rosso risultante mi sembrava più giusto come tonalità rispetto al miscuglio giallo/rosso Tamiya.
Il rosso Tamiya puro risulta un po’ freddo e scuro rispetto al rosso Vallejo.
Ovviamente un buon lavoro di mascheratura sarà fondamentale per la buona riuscita del lavoro.










MDD F4D Phantom II


Una volta ottenuto il nostro schema ho lucidato il tutto e fatto un lavaggio grigio scuro nei pannelli sigillandolo ancora con la Future per la posa decals.
Le decals sono davvero minimali (stars, numeri, scritte varie) e mi è bastato dare fondo al magazzino avanzi.


MDD F4D Phantom II
MDD F4D Phantom II

Fatto questo, ho guardato il modello e mi sono detto "Wow"... e quando dico "Wow" vuol dire che sono soddisfatto! I colori, i numeri, le stars, le scritte Us Air Force: questo Phantom ha davvero un aspetto tipicamente Yankee! In pratica per me c’è tutta la quintessenza della definizione di "Americano"!!!!






Diorama
Forse parlare di diorama è un po’ eccessivo visto che alla fine si tratta di una rappresentazione della pista.
L’elemento di stacco in questo caso è un carrellino compressore proveniente dal Ground equipment set Hasegawa.
All’epoca della foto (1973) questi erano dipinti in giallo (oggi le norme STANAG NATO prevedono l’uso del verde per queste dotazioni) quindi, dopo aver montato i vari pezzi, ho dato una base nera opaca al tutto e dopo il giallo Tamiya.
La base nera in pratica costituirà un ombra artificiale nei recessi se avremo l’accortezza di non coprire tutto con la mano successiva di giallo.
I lavaggi e l’usura completeranno il lavoro.




MDD F4D Phantom II


Conclusione
Eccolo qua terminato il nostro F4D Phantom II, 67-455, in forza all’Us Air Force Test Development Center (ADTC), rappresentato in questa foto nel 1973 durante un dispiegamento a Keflavik (Islanda) impegnato in chissà quali test.
Sono abbastanza soddisfatto del risultato perché sicuramente è una colorazione originale, nel panorama delle livree usate sull’F4D, per la varietà dei colori e la particolarità di alcuni elementi.
Ho tante scatole bellissime nell’armadio ad attendere pazientemente un mio cenno di attenzione modellistica ma, alla fine, mi piace sempre riavere tra le mani la sagoma aggressiva del Phantom (nella versione "D" in particolare), la cui silhouette particolare mi ha sempre affascinato fin da piccolo!
Ringrazio ancora una volta tutti gli amici del forum "Modeling Time" per il supporto e la preziosa collaborazione fornitami durante la costruzione del modello.


MDD F4D Phantom II








MDD F4D Phantom II




Commento di Vito [13/05/2016]:
Ciao Massimo
Complimenti !!!!
Aereo stupendo
E riproduzione modellistica di alta scuola!
Come sempre del resto.
Spero prima o poi di incontrarti a qualche manifestazione.
A presto Vito

Commento di giampaolo bianchi [13/05/2016]:
Caro Massimo rimango sempre stupefatto quando vedo capolavori come questo, con dettagli cosi' precisi che la scala sembra 1:24 !!!!
Bravissimo.
Giampaolo

Commento di ezio bottasini [13/05/2016]:
Carissimo Massimo, l'ennesimo gioiello che si inserisce nella tua pregevole collezione, anche per me il Phantom denota potenza pur mantenendo delle linee piuttosto piacevoli. In gioventù sutto le armi, 1980-81,ricordo che, durante un'esercitazione NATO, me lo sono visto passare sopra la testa a non più di 20-30 metri di quota, un'esperienza "tremorizzante", un senso di potenza veramente incredibile e le contromisure elettroniche all'epoca impenetrabili.
Bellissimo, al prossimo Ezio (il mio in 48 dovrà aspettare ancora un po'...)

Commento di Lauro Bonfà [13/05/2016]:
Gran bel lavoro caro Massimo,costruito, dipinto e ambientato in maniera superba.Concordo con Ezio nel ritenerlo un aereo molto affascinante che, trasmette potenza e forza.Ne costruii uno (Airfix 1/72) nei primi anni 70 in mano agli Israeliani mi pare durante la guerra dello Yom Kippur nell'Ottobre del 73, e da allora mi è rimasto nel cuore.
Complimenti, Lauro.

Commento di maurizio ugo [14/05/2016]:
.....ciao Massimo, MI PIACE!!!! davvero, un bel velivolo, rappresentato benissimo, grande il lavoro di mascheratura per un risultato validissimo, bravo!!!!
un salutone maurizio

Commento di Massimo M. "Pitchup" [15/05/2016]:
Ciao a tutti, ho appena letto i gentilissimi commenti su questo lavoro e voglio davvero ringrazire tutti per gli apprezzamenti.
saluti da Massimo "Pitchup"

Commento di Luca Navoni [15/05/2016]:
Ciao Massimo,
davvero complimenti, un bel pezzo..... .....complimenti per il lavoro di mascheratura.... ....bellissime le ultime due foto il vero e il modello affiancati... ...praticamente identici....
un saluto, Luca

Commento di giovenco giuseppe [15/05/2016]:
Ma ..... fammi capire: il tuo è quello vero, o sei andato fino in Alaska per fotografalo tra i ghiacci?
praticamente è impossibile distinguere uno dall'altro, perché se rapportati con lo stesso sfondo, non si riesce a percepire le differenze - BRAVO, questo è modellismo con la M maiuscola ..... ti concedo anche la prima vocale A, maiuscola!!! - Giuseppe

Commento di Massimo M. "Pitchup" [17/05/2016]:
Ciao a tutti
Ah ah ah ah ..... in effetti le montagne potevo farle meglio!!!
Ancora grazie a tutti!
Massimo "Pitchup"

Commento di Gianni [17/05/2016]:
Veramente tutto molto bello, grande il lavoro di autocostruzione del cockpit e una verniciatura splendida, confermo anche io che i modelli, vero e costruito sono identitici.
Complimenti
Gianni



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No