Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Emanuele Iemma
Enrico Bianchi
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giorgio Perrone
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Johnny Gravina
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marcello d'Andrea
Marco Bracchitta
Marco Fin
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Angonese
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Rino Rufolo
Roberto Colaianni
Roberto Falciola
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sergio Colombo
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Taxi de la Marne
Taxi de la Marne
Sergio Colombo

  Latest arrival...

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

  Latest arrival in the gallery

Marcello d'Andrea Gallery
Marcello d'Andrea Gallery

Lockheed F 104 G - Massimo De Luca

kit Italeri 1/72




Come direbbero le più blasonate riviste modellistiche??? "... Il soggetto è troppo arcinoto per cui sorvoliamo sulla storia e descrizione del mezzo... ", ed in effetti, per chi ci ha volato sopra o se l’è visto (e sentito soprattutto) sfrecciare sulla testa per più di 40 anni potrebbe anche essere così.
In realtà lo "spillone" continua a fornire interessanti spunti di ricerca storica ogni qual volta il modellista si appresti al montaggio di uno Starfighter.

E’ innegabile, per noi italiani il ‘104 è un po’ come la mamma, la sorella o la squadra del cuore... guai a chi ce lo tocca!!!

Per carità poi si sbaglia, ma sarà sempre e comunque fatto in buona fede oppure perché si è convinti di essere nel giusto!!! Se poi ci si accorge dell’errore macroscopico, com’è che si dice???? Quando la moglie ti scopre nel letto con l’amante negare sempre!!!

Detto questo, visto che siete ancora qua a leggere e visto che il soggetto è troppo arcinoto, direi invece di raccontarvi qualcosa sul kit Italeri!




I modellisti che sono sulla 40ina ne riconosceranno sicuramente lo stampo di provenienza della ESCI.
Quando uscì negli anni ’80 era sicuramente il miglior kit di F104 in questa scala, ed anzi, qualcuno (ebbene si lo ammetto sono io!) afferma che, come linee generali, è a tutt’oggi ancora il più fedele.
Il dettaglio generale (pannellature, interni, particolari) è però chiaramente molto più povero rispetto ai concorrenti Revell ed Hasegawa.

Di contro però direi che: la dotazione armi/serbatoi è completa (vengono forniti 4 serbatoi, un pod esercitazioni ventrale, 2 Aim9), il foglio decals Italeri è molto bello come scelte ed inoltre viene fornito un bel pod Orpheus per una possibile configurazione della versione "G" in "recce" (quindi non un RF si badi bene!).

Inoltre nelle stampate sono previsti (oltre a due tipi di seggiolini) anche tutti i piloni di carico subalari, rotaie missili, e strakes ventrali aggiuntivi, cosa che faciliterà la possibilità di trasformare (con le dovute modifiche mi raccomando) il nostro "G" in un bel "S" o "ASA" procurandosi Aim7 (o Aspide) e Aim9 per una bella configurazione "ready in 5’ ".

Il mio soggetto è stato completato per onorare un GB dedicato ai velivoli (e mezzi) che abbiano inalberato le insegne tedesche fino ad oggi (intesi anche come ex DDR, Ex RFT) partito sul Forum di Modeling Time.
Quindi il tema e le possibilità di rappresentazione erano veramente vastissime.




Avendo sotto mano questo kittino mi son chiesto: visto che ho un po’ più di esperienza sulle spalle (da teenager ne ho montati un paio) cosa se ne potrebbe tirare fuori lavorandoci un po’ su?


Lockheed F 104 G © Massimo De Luca

Montaggio
Per prima cosa ho provveduto, con molta cautela, a tagliare il tettuccio (fornito in un unico pezzo) in tre parti distinte come l’originale. Poi un momento di raptus mi ha preso ed ho tagliato via alcuni vani dell’avionica, il vano inferiore di ispezione motore ed i flaps.


Lockheed F 104 G © Massimo De Luca

L’idea era di ricostruire alcuni particolari interni mediante "scratch" e particolari fotoincisi.

Le parti in "scratch" sono il vano e componenti dei circuit breakers, il vano turbinetta RAT in fusoliera, il portello del vano ispezione motore ed il ribaltabile dell’avionic bay.

Avendo aperto il vano ispezione motore stavo dunque per accingermi ad autocostruire un pezzo del motore J79 da inserire in fusoliera quando ecco che mi appare in aiuto l’amico Jacopo, vera colonna portante del forum Modeling Time che mi dice: "fermati… nel sacro nome di Verlinden e della sua resina... ci penso io!!!"
In un paio di giorni ecco arrivare a casa mia un sacchetto pieno di pezzi in resina (tra cui, appunto, un pezzo di motore) e fotoincisioni.
Grazie Jacopo che Dio ti benedica!!!


Lockheed F 104 G © Massimo De Luca

A questo punto ho inserito il motore in resina nella fusoliera, ricostruito il pannello elettrico presente in fusoliera, migliorato il cockpit e le "scatole nere" posteriori mediante l’aggiunta di particolari in fotoincisione.
Ho avuto come l’impressione che un seggiolino aftermaket in resina non sarebbe mai entrato nel cockpit senza essere pesantemente modificato ed adattato, quindi, ho deciso di modificare e migliorare quello del kit (con cinghie e levette varie).

Altro miglioramento auspicabile è quello dei carrelli, specie quello principale, visto che quelli del kit mancano di molti particolari quali aste di rimando, ganci, faretti.


Lockheed F 104 G © Massimo De Luca

Per il resto una volta fatte (se vogliamo) le nostre migliorie (sono andato un po’ a rilento ma il particolare che mi ha fatto perdere molto molto tempo è stato la ricostruzione del vano ribaltabile posto dietro il cockpit) il kit si monta velocemente.

Colorazione
La colorazione è la classica "Norm72" cioè a splinter grigio/verde superiormente ed alluminio per le superfici ventrali.
Dopo un paio di prove e valutazioni ho usato i seguenti colori Tamiya:

  • XF66 grigio FS36132;
  • XF13 verde oliva FS34079;
  • XF19+bianco per simulare l’alluminio (che poi sembra un grigio in effetti).
Tutto ciò è la base di partenza perché poi al solito ho provveduto ad "effettare" le vernici per movimentare po’ il risultato finale (a proposito, se fate un esemplare tedesco con questa colorazione lasciate perdere lo schema proposto dalle istruzioni Italeri in quanto lacunoso ed impreciso).

Quindi ho fatto un robusto preshading in nero (tanto la mimetica è scura) su una base di primer bianco opaco Tamiya.


Lockheed F 104 G © Massimo De Luca

Poi ho dato il grigio XF66 sul quale ho poi effettuato un ulteriore postshading per schiarire i pannelli centrali e lumeggiare le parti più esposte alla luce.


Lockheed F 104 G © Massimo De Luca

Si procede poi alla mascheratura per le macchie verdi (XF13) ed al successivo postshading (uso il giallo per schiarire il verde).


Lockheed F 104 G © Massimo De Luca

L’effetto iniziale è pesante come vedete in foto ma tanto la Future rimetterà tutto in riga successivamente.




Poi si passa alla mascheratura per dare il grigio ventrale.

Detto fatto direte???? Non proprio, sembra facile ma, in realtà, il procedimento diventa lungo specie se qualche mascheratura cede un po’ facendoci perdere la linearità delle macchie di tale schema mimetico così particolare.

Se poi è andato tutto bene si maschera e si procede alla verniciatura del radome che negli esemplari tedeschi è bianco, ma non un bianco latte come quello dei ‘104 italiani, bensì un pò meno brillante, quindi aggiungete una goccia di grigio (in pratica un Off white tipo fs36622). Poi si passa alla verniciatura del pannello antiriflesso (anche qui valutate bene la documentazione perché si passa dal grigio scuro al verde scuro a seconda del velivolo).

Una passata finale di trasparente lucido sigillerà il tutto e attenuerà gli effetti speciali troppo marcati.

Si passa alle decals.
Io ho usato un mix di decals avanzate da vari kit (ESCI, Italeri, Revell) combinandole tra loro ed ottenendo quindi un F104G del JG 74 "Moelders", codice individuale 25+97, basato a Neuburg (ex RFT) alla fine anni ’70.

Ammetto di non essere riuscito a scontornare bene alcune delle decals quindi ho pagato un minimo sindacale di silvering che impietoso appare sulle foto ravvicinate!!!

Ovviamente ho dato un amano di grigio diluitissimo per desaturare e spegnere la brillantezza delle decals.

Incollo gli ultimi pezzi ed il lavoro è concluso!




Lockheed F 104 G © Massimo De Luca

Lockheed F 104 G © Massimo De Luca







Lockheed F 104 G © Massimo De Luca



Basetta
E ora vogliamo lasciare tutto solo il nostro ‘104????? Giammai!!!!

Una basettina minimale si impone, ed anche un figurino (mi piace dare riferimenti dimensionali a chi guarda).
Non mi andava di mettere il solito specialista o pilotino solitario questa volta.
Frugando tra i miei avanzi all’inizio ho trovato un bel …… cane, pastore tedesco ovviamente (provenienza "Airfix NATO Ground crew"), poi però ho trovato anche un fante inglese moderno in tenuta anti NBC.
Inglese appunto che disdetta!!!! Ma no, a pensarci bene la ex RFT a quei tempi era disseminata di basi RAF Germany dunque perché non immaginare il velivolo fermo in una di quelle basi per una sosta tecnica o esercitazioni con a guardia un soldato inglese?????




Come base per la pista uso carta abrasiva 500 incollata su una basetta di legno e verniciata ad aerografo, delimito qualche striscia di colore giallo e simulo un po’ di sporco.




Ringrazio tutti i visitatori di "Kitshow" per la visione nonché gli insostituibili amici del Forum Modeling Time tra tutti, soprattutto, Jacopo!

Saluti


Massimo Maria De Luca - "Pitchup"
[Gallery]
03.07.2013



Commento di Roberto [29/07/2013]:
Sembra in 1/48!!!!!!!

E questa la dice tutta su come hai portato a termine il lavoro.

complimenti, specie per la colorazione, forse un po' pesante secondo alcuni, ma a me piace tantissimo.

Ciao Roberto

Commento di ezio bottasini [06/08/2013]:
Ciao Massimo, non ti smentisci neanche con la scala cadetta, meraviglioso, in effetti come ha detto Roberto sembra in 48!!
Stupendo, poi sai che anche per me lo "Spillo" ha un particolare fascino qualsiasi livrea vesta.

Sinceramente bellissimo

A presto Ezio

Commento di Marco [27/12/2021]:
Carissimo Massimo, dopo decenni ho ricomprato un modello di F 104 (mig) e lo farò come quello di questo splendido articolo. O meglio, cercherò di avvicinarmi a questo capolavoro.
Due domande: la parte sotto la punta della fusoliera è grigio chiaro? (Gunze)
Quando parli di lavaggi in grigio sulla parte bianca intendi colori diluitissimi?
(Facciamo 3) usi colori lifecolor? Faccio fermodellismo e mi ci trovo benissimo.
Di nuovo complimenti!!!
Saluti

Commento di Massimo M De Luca [28/12/2021]:
Ciao Marco. Grazie per il tuo gentilissimo commento.
Allora, per parte bianca intendevo la parte conica del radome. In realtà non è proprio un bianco latte ma un bianco sporco. I lavaggi poi li ho effettuati solo nelle zone superiori ed inferiori. Il passaggio di grigio diluitissimo di cui parlo invece (95% diluente 5% colore) è stato effettuato su tutto il modello per amalgamare le decals alla finitura generale del modello (una desaturazione in pratica... fai prima una prova però 2 o 3 passaggi di aerografo al massimo). Quanto ai colori con l'aerografo uso esclusivamente Gunze e/o Tamiya perchè consentono diluizioni davvero estreme. I Lifecolor ammetto di non averli mai usati ma non ne ho mai sentito parlare troppo bene. Un salutone e se hai dubbi chiedi pure.
Massimo "Pitchup"


Puoi inserire un commento su questo articolo
    Nome
    E-mail
Visualizza la mia e-mail nel commento Si No
Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No