Galleries

Alby Starkiller
Alessandro Gennari
Alessandro Tulli
Alvise Scatto
Angelo Battistelli
Antonio Caramia
Antonino Mazzù
Bruno Lucchini
Cristiano Montagnani
Dino Dall'Asta
Enrico Bianchi New
Enrico Calanchini
Enrico Macchi
Ezio Bottasini
Fabio Bonatti
Federico Toselli
Francesco Sasso
Francesco Sbarile
Franco Corti
Gerardo Quarello
Giampaolo Bianchi
Giorgio Brigà
Giorgio Sassi
Giovanni Olivero
Gianluca Giora
Giuseppe Giovenco
Giuseppe Mazza
Giuseppe Pino Penna
Junio de Angelis
Lauro Bonfà
Lorenzo Evangelista
Luca Navoni
Luigi Cuccaro
Luigi Gandini
Marco Bracchitta
Marco Giuli
Marco Manzo
Marco Vergani
Marco Rondinelli
Mario Bentivoglio
Mario Galimberti
Mario Capuano
Massimo Cerrato
Massimo M. De Luca
Matteo Nespoli
Mauritius Pictor
Mauro Zanchi
Maurizio Ugo
Mauro Rota
Michelangelo Galli
Michele Morelli
Michele Pelizzola
Natale Lapedota
Paolo Solvi
Pier Giuseppe Sopegno
Riccardo Casati
Robeto Colaianni
Roberto Gallo
Pietro Ballarini
Sierra Charlie
Stefano Deliperi
Stefano Lana
Valter Vaudagna
Vito De Palo

Adriano Costa
Alessandro Carlino
Andrea Negri
Andrea Muzzu
Andrea Tallillo
Antonio De Carlo
Bruno Carruolo
Carlo Canducci
Cakic Dragan
Claudio Bocchini
Cristian Sartori
Daniele Pace
Davide DI Benedetto
Enrico Chiavacci
Fabio Lega
Fabrizio Cheli
Franco Fransesini
Federico Zanetti
Fernando Volpe
German Elizalde
Giampiero Scartezzini
Gianni Negri
Ginetto Savi
Giorgio Casale
Giovanni Bernardini
Giuseppe Brocchini
Giuseppe Di Marco
Giuseppe Virgitto
Italo Feregotto
Ivano Franco
Lino Filippini
Luca Piccini
Luigi Sani
Marco Berettoni
Mario Galimberti
Massimo Icardi
Massimo Marchi
Massimo Montini
Massimo Stinco
Marco Smeriglio
Mauro Bellato
Mauro Panin
Mauro Toresi
Orazio Pappalardo
Pier Paolo Marcis
Renzo Cabras
Riccardo Barillari
Ugo Giberti

  Distrazioni Modellistiche

Unimog U 1300
Mercedes Unimog U 1300
Luca Navoni


I precedenti...

24 Hours Race Car
Ecto 1 - Ghostbusters

  Un figurino passo passo ...

Enrico V


Enrico V

  Primi Passi ...

Sherman


Realizzare uno Sherman

  Newsletter

Inserisci la tua e-mail, sarai aggiornato sulle novità del sito!





Informativa sulla Privacy
  Editoriale

Perche' KitShow?

  Quick Articles...

Fort Arcot 1751
Fort Arcot 1751

Verso la "Tana del lupo" - Luca Navoni




Introduzione
Berlino; capitale del Reich, quando inizia "l’ultima battaglia" ciò che stupisce non è tanto la debolezza dell’esercito tedesco, quanto il fatto che, dopo tanti disastri, esso possa ancora disporre di truppe, carri, artiglieria e volontà per continuare, paradossalmente, a resistere.
Berlino era protetto da tre anelli di difesa: quello esterno, che correva lungo i laghi, i fiumi e i canali; quello centrale, il principale, che seguiva i confini dei sobborghi, ed era il meglio fortificato ed infine quello interno, che si estendeva lungo l’anello ferroviario e comprendeva tutti gli uffici amministrativi tra cui il Reichstag e la Cancelleria.
E così, lasciandomi trasportare un pò dall’immaginazione, con carta e penna alla mano, ho iniziato la realizzazione di questo diorama prima su carta, per avere un’idea di ciò che volevo realizzare, poi mi sono messo all’opera e ho cercato così di riprodurre l’avanzamento delle truppe sovietiche verso Berlino mentre le truppe tedesche abbandonavano la postazione di difesa di una stazione ferroviaria.
Devo ammettere che un po’ la voglia di cimentarmi in questo diorama mi è venuta anche riguardando un bellissimo film, penso ben noto a buona parte di tutti voi, "Il nemico alle porte" anche se il contesto del film è al contrario.




Il diorama
Tutta la scena appoggia su di un unica base di legno che misura 30cm x 45cm, l’ambientazione è composta da diverse tipologie di materiale: da tappetini già predisposti, a ciuffi singoli d’erba, ghiaia e sabbia di diversa granatura e altri materiali che andrò ad elencarvi a mano a mano con la descrizione che segue.


Edificio
I resti del capannone sono in gesso; si tratta di un vecchio kit Verlinden.
Con del lamierino ho riprodotto le gurne, i due lampioncini a muro sono autocostruiti con del tondino di metallo per i supporti e la parte terminale di vecchie penne da scrivere per le plafoniere.
Il tetto è stato realizzato utilizzando dei profilati di plastica per la struttura interna e pezzetti di cartoncino per le tegole, colorati poi con colori acrilici.


Per il tetto ho ritagliato dei pezzetti di cartoncino di misura 1 x 0.5 cm per riprodurre le tegole, che ho incollato una ad una su un unico pezzo di cartoncino, poi successivamente sono passato alla colorazione e incollaggio alla struttura del tetto stesso.


I portoni li ho costruiti con dei listelli di legno che ho successivamente colorato per renderli più vissuti e con l’aiuto di un punteruolo e il taglierino ho praticato i fori dei proiettili e inciso delle spaccature nelle assi.
All’interno della struttura si può notare un side-car abbandonato e altri accessori, come fusti di metallo e casse di legno, avanzati da vari kit di montaggio; le macerie sono di diverso materiale da mattoncini in cotto a sassolini di varie misure etc.


I manifesti che si vedono attaccati al muro, sono stati ricavati da immagini trovate in rete e di questo devo ringraziare il mio Socio Danilo, il quale ogni tanto mi da qualche parere o, come in questo caso, qualche aiuto.


Opel Blitz
L’Opel Blitz abbandonato sulle rotaie è un kit Italeri; il cassone l’ho ricostruito con listelli di legno, poi ho costruito il telaio per il telone con profilati di alluminio mentre per riprodurre il telone ho imbevuto un pezzo di carta per mani con colla vinilica, acqua e colori acrilici per poi stenderlo sulla struttura di metallo cercando di riprodurre le grinze della stoffa; dopo l'aciugatura, sono stati effettuati gli ultimi ritocchi.


Serbatoio dell’acqua
La cisterna dell’acqua l’ho ottenuto da un barattolo di metallo capovolto e ricoperto da pezzi di cartone tagliati di ugual misura per riprodurre le pannellature; la struttura del tetto è sempre ricavata con del cartone e per la parte sottostante ho utilizzato profilati di plastica di varie misure il tutto dipinto con colori acrilici.
Per la balaustra ho utilizzato gli scarti degli stampati dei kit di montaggio e due striscioline di metallo per parapetto.


Vagone ferroviario
Spostiamoci ora sul vagone ferroviario: il kit è di produzione Dragon, all’interno della confezione si presenta diviso in due parti ben strutturate e realistiche ma ho voluto sostituire il piano di carico, che da kit si presenta in plastica, con listelli di legno tagliati in maniera irregolare poi una volta fissati alla struttura li ho rovinati con un punteruolo poi sono passato alla colorazione e invecchiamento con l’utilizzo di colori acrilici e ad olio.


Le rotaie fanno parte di un kit Dragon; sono state fissate insieme alla massicciata e poi colorate con colori acrilici.




Il fermo di fine corsa del binario l’ho autocostruito con dei listelli di legno e colorato con gli acrilici.




A lato del binario principale possiamo notare un semaforo ferroviario ottenuto con del lamierino e tondini di ottone di vario diametro.




I figurini
Danno il senso delle proporzioni e rendono più viva la scena.
I soldati sovietici provengono da una scatola Tamiya molto bella, che fornisce dodici figure in pose piuttosto dinamiche ed interessanti; il loro equipaggiamento viene sempre dalla stessa scatola d’origine; per la colorazione della divisa mi sono aiutato tramite foto che ho trovato in internet e alcuni volumi che trattano dei vari eserciti; le spalline che si intravedono sono di colore rosso, colore della fanteria, mentre ad uno ho cercato di riprodurre un fucile da cecchino.


All’interno della struttura abbandonata si può notare un paio di soldati tedeschi, uno dei quali ferito al riparo dietro ad un tavolo rovesciato.


Conclusioni
Innanzitutto ringrazio il mio socio Danilo che mi sopporta e mi suggerisce qualche consiglio a riguardo dei cenni storici e, in questo caso, un supporto tecnico con foto per la ricerca di materiale e divise; un grazie lo devo dire a tutti voi che mi sostenete con i vostri consigli e commenti... e scusate se ricado in questo discorso, ma un grazie particolare lo devo a mio nonno che sicuramente dall’alto mi consiglia in questa passione che mi ha trasmesso.

Grazie e buon modellismo a tutti!!!!


Luca Navoni

[Gallery]

Gruppo Modellisti Ravenna

23.10.2014




Commento di Dino Dall'Asta [29/10/2014]:
Un diorama perfettamente eseguito: dalla progettazione alla ricchezza dei particolari.
Un ottimo lavoro, complimenti...anche per le realizzazioni auto costruite.

Commento di ezio bottasini [30/10/2014]:
Ciao Luca, che dire SPETTACOLARE, particolareggiato e rifinito veramente da maestro, l'unica cosa (che oltretutto sto imparando anch'io), dare un po' più di profondità alle divise.
Comunque sinceri complimenti; al prossimo.
Ciao Ezio

Commento di riccardo casati [30/10/2014]:
Grande Luca bellissimo diorama come al solito curato e ricchissimo di particolari ..bello il treno ..le rotaie ... la bandiera con la svastica magistralmente posizionata .. un gran bel lavoro complimenti Riccardo

Commento di Luca Navoni [31/10/2014]:
Ciao ragazzi,
vedo con molto piacere che anche quest'opera vi ha colpito e questo per me è già una grande vittoria.... grazie per i vostri complimenti che mi lasciate sempre e per l'incoraggiamento a continuare questa mia passione cercando di migliorarmi ogni volta....

Un saluto a tutti, Luca

Commento di Mario Bentivoglio [31/10/2014]:
Mamma mia...che lavoro!!!! Splendido!!! complimenti! un saluto
mario

Commento di Gianni [01/11/2014]:
Spettacolare, veramente molto bello tutto molto curato , non ho idea cosa significhi pitturare dei figurini ma anche per me sembra manchi profondità...ombre e così via ma per il resto si rimane a bocca spalancata.
Bravissimo
Gianni

Commento di Luca Navoni [03/11/2014]:
Non posso che ringraziare nuovamente per i complimenti che mi state lasciando, per quanto riguarda i figurini grazie per le vostre impressioni e nel prossimo diorama che sto realizzando, sto cercando di migliorarmi e provare nuove tecniche di pittura..... e aspetterò più che volentieri vostri pareri e consigli.....

Grazie ancora, un saluto e buon modellismo a tutti....

Luca



Puoi inserire un commento su questo articolo

    Nome

    E-mail

Visualizza la mia e-mail nel commento Si No


Avvertimi su eventuali aggiornamentiSi No